Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Bonus acqua: fornitura acqua a condizioni economiche agevolate

NEWS Leggi e Normative Tecniche20 Settembre 2019 ore 17:20
Il bonus idrico è un?agevolazione sulla bolletta dell?acqua prevista dalla legge per le famiglie che si trovano in condizioni di disagio economico e sociale.
bonus idrico , bonus sociale idrico , bonus acqua , bonus h2o

Bonus idrico


Il bonus idrico, anche detto bonus sociale idrico, bonus acqua, o ancora bonus H2O, è un’agevolazione nella bolletta dell’acqua prevista dalla legge per le famiglie che versano in condizioni economiche e sociali disagiate.

Utenza idrica
Le norme di riferimento sono il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 ottobre 2016, emanato ai sensi dell’art. 60 del L. n. 221/2015, e alcuni provvedimenti dell’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (competente da qualche anno, oltre che per energia elettrica e gas, anche per la regolazione dei settori di acqua e rifiuti), i quali hanno poi introdotto ulteriori norme di dettaglio.

In questo articolo ne vedremo le principali caratteristiche, rinviando per ogni altra informazione al sito dell’ARERA.


Cos’è il bonus idrico


Sostanzialmente si tratta di uno sconto: il beneficiario può fruire di un quantitativo minimo di fornitura di acqua a condizioni economiche agevolate.

Detto quantitativo ammonta a cinquanta litri per persona al giorno, individuati come corrispondenti ai bisogni essenziali ed era richiedibile dal 1 luglio 2018.


Beneficiari del bonus acqua


Chi può beneficiare del bonus acqua?

Possono beneficiare della misura i nuclei familiari che hanno un indicatore ISEE non superiore a 8107,5 euro o le famiglie numerose (cioè con almeno quattro figli) con un indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro.

Condizioni agevolate in bolletta acqua
Le norme distinguono tra utenti diretti, cioè direttamente titolari dell’utenza per il servizio di acquedotto ad uso domestico residente, e utenti indiretti, ovvero quegli utenti beneficiari dell’agevolazione in relazione a una fornitura intestata a un condominio.

Anche chi usufruisce del Reddito di Cittadinanza o della Pensione di Cittadinanza può avere il bonus idrico.


Come e dove si richiede il bonus


Il beneficio può essere richiesto direttamente al proprio Comune o altri uffici autorizzati (come i CAF), compilando con autocertificazione il modulo predisposto; al modulo si dovranno allegare una serie di documenti e cioè: un documento di identità, un'eventuale delega (è possibile delegare altri ad effettuare la richiesta), un'attestazione ISEE in corso di validità; un'attestazione indicante i dati di tutti i componenti del nucleo ISEE (nome-cognome e codice fiscale); un'attestazione per il riconoscimento di famiglia numerosa (come detto, con almeno quattro figli a carico), se l'ISEE è tra 8.107,5 euro e 20.000 euro.

Al fine di individuare la fornitura, nella domanda bisogna indicare il codice fornitura ed il Gestore idrico (cioè il soggetto che gestisce il servizio di acquedotto e che emette la fattura).


Bonus acqua, energia elettrica e gas


Il bonus acqua è usufruibile anche se si è già beneficiari degli altri bonus similari, e cioè quelli previsti per la fornitura di energia elettrica e gas; la domanda deve essere fatta congiuntamente alle altre due.

Fornitura idrica in utenza residenziale
Sono anche previste le modalità per allineare le scadenze dei diversi bonus nel caso si fruisca già degli altri due.

Se cioè al momento in cui si fa domanda per il bonus acqua sono state già depositate le domande per bonus luce e gas in maniera congiunta, il bonus acqua viene riconosciuto in automatico dalla data di decorrenza dei due bonus; se invece le domande per bonus luce e gas sono state depositate in maniera disgiunta (dunque hanno decorrenza differente), la decorrenza riconosciuta per il bonus acqua sarà quella più recente tra le altre due utenze.

Solo per l’anno 2018 è stata prevista una quota compensativa una tantum comprensiva del periodo che va dal 1 gennaio al momento di decorrenza del bonus.


Valore del bonus


Il valore del bonus non è unico a livello nazionale; la tariffa agevolata da applicare alla quota procapite giornaliera (18,25 metri cubi) è variamente prevista nel territorio nazionale; per conoscere la propria bisogna consultare il sito del proprio Gestore di riferimento.


Corresponsione del bonus


La corresponsione del bonus varia tra utenti diretti e utenti indiretti: i primi ricevono il bonus in bolletta, i secondi con unico accredito (sul proprio conto corrente, con assegno etc.).

Dalla presentazione della domanda le tempistiche per ottenere il bonus sono così cadenzate: il Comune ha a disposizione massimo 30 giorni per verificare e ammettere la domanda e caricarla nel sistema informatico (SGAte) per trasmetterla al Gestore.

Dopo il caricamento da parte del Comune della domanda ammessa, l’utente viene informato dei risultati delle prime valutazioni sui requisiti di ammissibilità (ISEE e residenza) operate dal Comune.

Bonus idrico, detto anche Bonus H2O
Il Gestore ha poi a disposizione massimo 60 giorni per effettuare le valutazioni di sua competenza e comunicare al sistema informatico l’ammissione definitiva della domanda o il suo rigetto.

Trascorsi i 60 giorni, se la domanda è stata verificata positivamente dal Gestore, gli utenti diretti riceveranno il bonus in bolletta nella prima fattura utile.

Le tempistiche di erogazione del bonus in bolletta dipenderanno anche dalla periodicità di fatturazione prevista dal contratto di fornitura; invece, gli utenti indiretti riceveranno il bonus entro un periodo massimo di ulteriori 60 giorni.

Gli utenti la cui domanda sarà respinta riceveranno una comunicazione con l’indicazione del motivo per cui il Gestore non ha potuto confermare l’ammissione.


Durata del bonus


Il bonus dura 12 mesi; se alla scadenza si vuole continuare a fruire del bonus, bisogna fare domanda di rinnovo; ogni variazione del numero dei componenti va comunicata secondo i tempi indicati dall’ARERA.


Bonus integrativo locale


Al bonus idrico può aggiungersi il bonus idrico integrativo previsto dalle autorità locali, che può variare da zona a zona; per maggiori informazioni bisogna quindi contattare il proprio Gestore.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus idrico
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 4 voti.

Bonus idrico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.100 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Marazzi
  • Faidatebook
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Impianto idrico adduzione e scarico Roma
    Impianto idrico adduzione e...
    1300.00
  • Impianto idrico Monza e Brianza
    Impianto idrico monza e brianza...
    250.00
  • Cassetta di scarico TECEbox
    Cassetta di scarico tecebox...
    120.00
  • Bollitore acqua in vetro
    Bollitore acqua in vetro...
    35.99
  • Lavastoviglie Samsung
    Lavastoviglie samsung...
    481.85
Notizie che trattano Bonus idrico che potrebbero interessarti


Arriva il bonus facciate nell'abito della Manovra di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La manovra di bilancio 2020 ha introdotto il Bonus Facciate con un credito fiscale che arriva al 90% utile per rimettere a nuovo numerosi condomini fatiscenti.

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Bonus casa: possibile modificare il 730 precompilato 2019

Fisco casa - Disponibile online la dichiarazione dei redditi precompilata 2019: possibile modificare tutti dati presenti e integrare gli importi relativi ai bonus sulla casa.

Agevolazioni prima casa anche se si possiede altro immobile in affitto

Leggi e Normative Tecniche - Si può beneficiare del bonus prima casa nel caso in cui si è proprietari di altro immobile dato in locazione. Vediamo i chiarimenti della Corte di Cassazione.

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Appena pubblicato il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2018 con le novità economiche e fiscali più importanti anche per chi effettuerà dei lavori in casa

Aumenti tariffe energia

Normative - L'inizio del nuovo anno si presenta piuttosto difficile per le famiglie italiane, visto che dal primo gennaio sono scattati gli aumenti delle tariffe di luce e gas.