Gas casa e aumento della bolletta: ecco come contenere i consumi

NEWS DI Impianti di riscaldamento17 Settembre 2018 ore 09:52
Rincarano le bollette per la fornitura di gas casa. Dalla cura dell'impianto di riscaldamento al montaggio delle valvole termostatiche, ecco come consumare meno

Costi gas casa: spazio a bonus e agevolazioni fiscali


Il mese di luglio ha visto il rincaro delle bollette di casa per la fornitura di gas naturale del +8,2%. In pratica, la spesa (al lordo tasse) per una famiglia tipo nel periodo compreso tra il 1°ottobre 2017 e il 30 settembre 2018 sarà di circa 1.050 euro, con un incremento del +2% rispetto ai 12 mesi dell’anno precedente, corrispondente a un aumento di circa 21 euro all’anno.


Ecco gli accorgimenti per tagliare i costi del gas casa

Ecco gli accorgimenti per tagliare i costi del gas casa

Ecco gli accorgimenti per tagliare i costi del gas casa
Regolare la temperatura dei termosifoni

Regolare la temperatura dei termosifoni

Regolare la temperatura dei termosifoni
Oltre 100 metri cubi di gas all'anno sono usati per cucinare i cibi

Oltre 100 metri cubi di gas all'anno sono usati per cucinare i cibi

Oltre 100 metri cubi di gas all'anno sono usati per cucinare i cibi
Tenere le serrande abbassate per non disperdere il calore all'esterno

Tenere le serrande abbassate per non disperdere il calore all'esterno

Tenere le serrande abbassate per non disperdere il calore all'esterno
Usare i coperchi per ridurre i tempi di cottura

Usare i coperchi per ridurre i tempi di cottura

Usare i coperchi per ridurre i tempi di cottura

Anche quest’anno, però, alcune categorie di persone hanno diritto al bonus gas, valido esclusivamente per il metano distribuito a rete, non per quello in bombola o per il GPL, e riservato alle famiglie a basso reddito, con ISEE non superiore a 8.107,5 euro, e a quelle numerose con più di tre figli a carico e con ISEE non superiore a 20mila euro.

Chi non rientra in questi casi, cosa può fare per ridurre i consumi di gas casa ?


Come risparmiare gas per casa


Il consumo di gas per casa è determinato soprattutto dall’impianto di riscaldamento e dalla produzione di acqua calda sanitaria. In particolare, il gas usato per alimentare i termosifoni arriva a poco meno di 2.000 m3 l’anno, mentre una caldaia per il riscaldamento dell’acqua, così come uno scaldabagno a gas, possono consumare fino a 250 m3 di gas all’anno.

Il consumo di gas casa è legato anche alle abitudini in cucina
In misura ridotta, il consumo di gas casa è legato anche alle abitudini che si adottano in cucina. Per la sola cottura dei cibi, ad esempio, è possibile stimare un impiego annuo di oltre 100 m3 di gas.

Ecco alcuni stratagemmi per intervenire in maniera proficua su questi aspetti.


La manutenzione dell’impianto di riscaldamento aiuta a contenere i consumi


Il consumo di gas casa è dovuto principalmente all’impianto di riscaldamento.
Eseguire i controlli di manutenzione della caldaia, come previsto dalla legge, risulta importante sia per motivi di sicurezza, che per tagliare i costi.

A tal proposito, è bene regolare la caldaia a una temperatura adeguata, non superiore ai 18-20°C; è sufficiente abbassarla di un solo grado per ottenere un risparmio in bolletta del 6% circa.

È possibile attivare solo i termosifoni posizionati negli ambienti più utilizzati della casa, assicurandosi che non siano coperti da tende, pannelli, rivestimenti o copri-termosifoni, diminuire la loro temperatura quando si sta fuori casa per qualche ora e spegnerli del tutto quando ci si assenta per più giorni; del resto, grazie ai moderni dispositivi elettronici, è possibile regolare sia la temperatura che l’ora di accensione, preferendo le ore serali, dalle 18 alle 22, e la mattina, dalle 7 alle 8, ovvero i momenti più freddi della giornata.

Regolare la temperatura dei termosifoni
I termosifoni, invece, andrebbero spenti di notte. Durante il sonno, infatti, il nostro corpo abbassa progressivamente la propria temperatura; di conseguenza, dormire in un ambiente meno caldo risulta economico, ma anche salutare. Meglio evitare di farlo, però, quando fuori ci sono temperature sotto lo zero che, a impianto spento, rischierebbero di far ghiacciare l’acqua nei tubi.

È consigliato tenere spenti i termosifoni pure quando si fa prendere aria alle stanze.
In particolare, per effettuare il ricambio dell’aria, bastano al massimo dieci minuti; il periodo ideale è la mattina presto, appena ci si sveglia. È preferibile non cambiare l’aria molte volte al giorno perché, man mano che l’ambiente si raffredda, i consumi diventano più alti.

Installare le valvole termostatiche su ogni termosifone
Su ogni termosifone, poi, bisogna installare le valvole termostatiche; obbligatorie in Italia ormai da qualche anno, regolano la quantità di acqua calda in entrata nel calorifero, mantenendo costante la temperatura della stanza.

Inoltre, possiamo sistemare dei pannelli termoriflettenti alle spalle di ogni singolo radiatore , per massimizzarne l’efficienza. Di norma, il calore diffuso posteriormente da questo viene sprecato, soprattutto se il calorifero è posizionato lungo muri perimetrali o in prossimità di finestre. In questo modo, invece, si tenderà a rendere più efficiente il calorifero in questione, sfruttando tutto il calore prodotto.

Tra i vari pannelli termoriflettenti presenti in commercio, quelli Radflek sono facili da installare e togliere e adempiono bene alla loro funzione.

CONSIGLIATO
Pannelli termoriflettenti Radflek...
Il pannello riflettente per radiatori più efficace consigliato dalla Energy Saving Trust.
prezzo € 26,51
COMPRA


Nel caso si decida di cambiare la propria caldaia, invece, è opportuno optare per un modello di nuova generazione che, nel lungo periodo, garantisce ribassi considerevoli in bolletta.
Le caldaie a condensazione, ad esempio, già dal primo anno, assicurano un risparmio energetico di almeno il 15-20%; si arriva al 30% se si possiede un riscaldamento autonomo.

In caso di ristrutturazione di un’intera stanza, è suggerito montare pannelli di sughero, di cartongesso o polistirolo alle pareti; la coibentazione è l’alleato numero uno quando si vuole economizzare sul riscaldamento a gas.


Cambiare gli infissi per risparmiare energia


Cambiare gli infissi permette di risparmiare sulla bolletta del gas, aumentando il comfort domestico. I vantaggi si avranno tutto l’anno, persino nel periodo estivo, quando è necessario tenere fresca la propria abitazione, andando a contenere i costi di energia elettrica per la climatizzazione.

Il consiglio è quello di puntare su infissi in PVC dotati di doppi vetri che, a differenza di quelli in legno, non richiedono una particolare manutenzione.

Cambiare gli infissi per risparmiare sulla bolletta del gas
Anche senza sostituire gli infissi si possono adottare alcuni semplici ma utili accorgimenti che consentono di eliminare gli spifferi e qualsiasi altra fonte di dispersione termica.

È possibile, ad esempio, usare dei paraspifferi o applicare su porte e finestre delle strisce adesive in gomma, acquistabili presso un ferramenta o in un negozio di bricolage, e sigillare le fessure con del comune silicone. Inoltre, tenere abbassate tapparelle e serrande fa sì che il calore non si disperda verso l’esterno.


Non sprecare acqua calda in casa


Lasciare il rubinetto aperto più del necessario, fare docce infinite: sono queste alcune delle pratiche quotidiane che determinano lo spreco di acqua calda in casa.

Come ovviare al problema? Innanzitutto, è indicato utilizzare dei riduttori di flusso nei rubinetti che limitano il consumo di acqua calda.

CONSIGLIATO
Riduttori di flusso rubinetti...
Materiale: ottone cromato...
prezzo € 9,49
COMPRA


Un’altra abitudine da adottare è quella di chiudere il rubinetto quando ci si lava i denti o ci si insapona sotto la doccia. Per lavare i piatti, ci sono detersivi che sgrassano anche a freddo, mentre per il bucato, basta smacchiare prima i capi e poi metterli in lavatrice a basse temperature.


Come risparmiare gas in cucina


Rispetto al servizio elettrico, dove ci sono fasce orarie che fanno risparmiare sulla bolletta della luce, con i consumi di gas per casa non esistono orari più vantaggiosi di altri; possiamo contenerne i costi, però, adottando degli accorgimenti, già a partire dalla cucina.

Prima di cucinare un alimento, ad esempio, è bene attendere qualche minuto affinché questo possa raggiungere la temperatura ambiente, soprattutto se è stato appena tolto dal frigo o dal freezer. Cibi freddi o congelati, infatti, richiedono quantitativi più alti di gas per raggiungere la temperatura di cottura.

I cibi congelati richiedono alti quantitativi di gas per cucinarli
Quando cuciniamo, è opportuno scegliere pentole e padelle con il fondo adeguato alle dimensioni dei fornelli, così che il calore possa distribuirsi in maniera uniforme su tutta la superficie.
È importante pure la scelta del materiale. Pentole e padelle con fondi in acciaio, alti oltre un centimetro, in ceramica o in ghisa smaltata sono ideali per trasmettere e conservare più a lungo il calore, con tutto quello che ne consegue in termini di consumi.

Le padelle di ghisa sono ideali per conservare a lungo il calore
Durante la cottura, poi, è utile coprirle con il coperchio, in modo da usare la metà del gas. Adottando tale pratica, la temperatura all’interno della pentola aumenta e così diminuiscono sia i tempi di ebollizione dei liquidi che di cottura dei cibi.

Quando occorre portare a bollore l’acqua, è suggerito evitare di riempire le pentole più del necessario, ricorrendo ad acqua eccessivamente fredda; più è ridotta la temperatura iniziale, maggiore sarà il consumo per raggiungere i 100°C. E ancora, salare l’acqua quando questa bolle, permette di accorciare ulteriormente i tempi.

Non riempire troppo le pentole per far bollire l'acqua
Inoltre, è consigliato spegnere il fuoco prima della fine della cottura per sfruttare il calore residuo. Ridurre i tempi di cottura è possibile optando per la vaporiera o la pentola a pressione, che abbatte del 50% i tempi necessari, o le soluzioni a castello che consentono di condividere il calore accumulato fra più pentole.

In alternativa, per abbattere i costi, soprattutto nel lungo periodo, possiamo puntare sulla piastra a induzione che elimina l’uso del gas casa, rendendo ogni preparazione più veloce.
Il motivo? Una piastra a induzione rende al 90%, il gas, invece, intorno al 40%, in quanto il calore della fiamma si disperde nell’aria, impiegando più tempo a cuocere ciò che si trova sul fuoco.


Offerte gas: quale scegliere?


Per trovare l’offerta giusta, occorre analizzare le tariffe gas proposte dai vari operatori del libero mercato, il cui processo di liberalizzazione dovrebbe concludersi nel 2020, e confrontarle con le condizioni previste dal proprio piano tariffario.

Tra gli aspetti da considerare:

- il prezzo del gas casa al metro cubo, espresso in Smc (metro cubo standard);

- i servizi di vendita, ovvero i costi sostenuti dal fornitore per le attività di acquisto e rivendita della materia prima;

- la tipologia del piano tariffario che può essere a prezzo bloccato per un periodo limitato, in genere 12/24 mesi, o a prezzo indicizzato che può adeguarsi ai prezzi stabiliti dall’Autorità o seguire le formule di indicizzazione dei vari fornitori gas.

Infine, nella valutazione e scelta finale, bisogna includere pure i servizi offerti dalle compagnie gas metano come, ad esempio, la modalità di pagamento delle bollette (bollettino postale o domiciliazione bancaria), l’assistenza alla clientela, la presenza di eventuali offerte e vantaggi, riservati in esclusiva ai clienti.

riproduzione riservata
Articolo: Bolletta del gas: come contenere i consumi
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 4 voti.

Bolletta del gas: come contenere i consumi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Bolletta del gas: come contenere i consumi che potrebbero interessarti
Bollette luce: ecco le città con maggiori consumi di energia elettrica

Bollette luce: ecco le città con maggiori consumi di energia elettrica

Impianti elettrici - Ecco la classifica con le città italiane che registrano i consumi di energia più alti. I consigli per consumare meno evitando salassi nelle bollette della luce
Bolletta della luce: i consigli per risparmiare

Bolletta della luce: i consigli per risparmiare

Impianti elettrici - Dalla scelta tra mercato libero o a maggior tutela, alla tariffa bioraria ad un uso consapevole degli elettrodomestici: ecco come tagliare i costi della bolletta.
Risparmiare energia con forno e lavastoviglie

Risparmiare energia con forno e lavastoviglie

Forni e piani cottura - Qualche consiglio utile per evitare sprechi di energia elettrica quando utilizziamo gli elettrodomestici in cucina e alcuni suggerimenti per i nuovi acquisti.

In che modo risparmiare energia e soldi in bolletta nell'utilizzo degli elettrodomestici

Piccoli elettrodomestici - Dove disporre, come utilizzare e quando far partire gli elettrodomestici, ottenendo significativi risparmi sulla bolletta elettrica, applicando facili consigli!

Come leggere le bollette

Normative - La lettura delle bollette di luce e gas appare ardua, perchè alcune voci non sono di semplice comprensione. Eppure è importante capirle, per ottimizzare i consumi.

Microchip contro lo stand by

Impianti - E' in arrivo dai laboratori giapponesi un nuovo microchip che permettera' di lasciare gli elettrodomestici in stand by, senza che questo comporti consumo di corrente.

Uso intelligente dell'energia in casa

Impianti - Oggi l'uso intelligente dell'energia in casa può permetterci di avere un notevole risparmio sulla bolletta. Ecco alcuni semplici accorgimenti da poter adottare.

Risparmiare l'energia di casa

Impianti - Quello del risparmio energetico è un tema molto diffuso e sentito, anche se solo in pochi lo attuano in concreto. Per risparmiare energia, basta seguire alcune semplici regole nella gestione della propria casa.

Lampadine a led

Lampade a sospensione - Per sostituire le vecchie lampadine alogene si stanno rapidamente diffondendo le lampadine a led, apprezzate per le grandi qualità di efficienza e durata.
REGISTRATI COME UTENTE
294.249 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Scaldabagno elettrico Ariston ad accumulo
    Scaldabagno elettrico ariston ad...
    169.01
  • Pannello depron
    Pannello depron...
    7.84
  • Olimpia splendid climatizzatore monoblocco pompa calore unico
    Olimpia splendid climatizzatore...
    1210.00
  • Linea Isocoppo - Isocoppo Piano, Reggio Emilia
    Linea isocoppo - isocoppo piano,...
    50.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.