Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

NEWS DI Condominio31 Ottobre 2012 ore 13:46
Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.
condominio , assemblea , innovazioni , antenne
BarriereLa legge che disciplina l'eliminazione delle barriere architettoniche in condominio non ha come necessario presupposto la presenza di soggetti disabili nella compagine che delibera gli interventi. Il concetto, espresso più volte dalla giurisprudenza, è stato recentemente ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 18334 dello scorso 25 ottobre. In sostanza, quindi, per l'installazione di ascensori e simili – in quanto evidentemente finalizzati, tra le altre cose, a rendere fruibili gli edifici a soggetti disabili o con lievi problematiche motorie – l'assemblea può decidere con le maggioranze indicate dalla legge n. 13/89, ossia con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno 500 millesimi, in prima convocazione, oppure con il voto favorevole di un terzo degli intervenuti e almeno un terzo del millesimi, in seconda convocazione. Ciò, naturalmente, non toglie che le innovazioni debbano comunque non essere vietate ai sensi degli artt. 1120 c.c. Si tratta di un'agevolazione utilissima e che semplifica e non di poco determinate decisioni assembleari. Delineato il quadro generale in cui s'inserisce la sentenza citata all'inizio dell'articolo, vale la pena leggere il passaggio della sentenza che spiega perchà l'installazione di un ascensore in condominio debba essere considerata intervento atto all'eliminazione delle barriere architettoniche indipendentemente dalla presenza nella compagine di persone disabili. Le disposizioni della legge di cui si tratta (la legge n. 13/89 n.d.A.) sono volte a consentire ai disabili di accedere senza difficoltà in tutti gli edifici, e non solo presso la propria abitazione. In proposito, la Corte costituzionale, nella sentenza n. 167 del 1999 - con la quale fu dichiarata la illegittimità costituzionale dell'art. 1052, secondo comma, cod.civ. nella parte in cui non prevedeva che il passaggio coattivo a favore di fondo non intercluso potesse essere concesso dall'autorità giudiziaria quando questa riconoscesse la rispondenza della relativa domanda alle esigenze di Barriere2accessibilità degli edifici destinati ad uso abitativo -, osservò che la legislazione in tema di eliminazione delle barriere architettoniche aveva configurato la possibilità di agevole accesso agli immobili anche da parte di persone con ridotta capacità motoria, come requisito oggettivo quanto essenziale degli edifici privati di nuova costruzione a prescindere dalla concreta appartenenza degli stessi a soggetti portatori di handicap. E, nel solco di tale orientamento, più di recente questa Corte, con la sent. n. 14786 del 2009, ha chiarito che l'art. 2, comma 1, della legge n. 13 del 1989 prevede un abbassamento del quorum richiesto per l'innovazione, indipendentemente dalla presenza di disabili, in relazione ai quali è invece dettata la disposizione del comma 2, che consente loro, in caso di rifiuto del condominio di assumere le deliberazioni aventi ad oggetto le innovazioni atte ad eliminare negli edifici privati le barriere architettoniche, di installare a proprie spese servo scala o strutture mobili e modificare l'ampiezza delle porte d'accesso al fine di rendere più agevole l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages (Cass. 25 ottobre 2012, n. 18334). Ogni tanto una buona notizia.
avv. Alessandro Gallucci
riproduzione riservata
Articolo: Barriere architettoniche in condominio e innovazioni
Valutazione: 2.00 / 6 basato su 2 voti.

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Manfredi Rampolla
    Manfredi Rampolla
    Sabato 8 Giugno 2013, alle ore 07:39
    Desideravo sapere un vostro commento quanto circa succede nel nostro, condominio e precisamente questo e stato montata una pedana per permettere ad un proprietario di salire 5 gradini nel nostro androne.Purtroppo questo prooprietarrio è deceduto circa tre anni fa e l'appartamento e rimasto vuoto chiedo a voi possiamo richiedere la rimozione di quespedana elettrica .grazie per la risposta.
    rispondi al commento
  • MARIO DATO
    MARIO DATO
    Sabato 23 Febbraio 2013, alle ore 11:49
    Oggetto: Barriere architettoniche in condominio.Abito in un condominio di Ostia con circa 85 tra condomini ed affittuari. Il palazzo é composto da sei portoni e di conseguenza con6 scale, tre delle quali per accedere all'ascensore, un disabiledeve salire ben 5 gradini. Come purtroppo accade, fatta la legge etrovato l'inganno. Non é assolutamente accettabile come indicato dalla legge che "in caso che l'assemblea condominiale non dovessedeliberare, l'inquilino e/o condomino può sobbarcarsi a proprie spesel'installazione di montascale e/o quant'altro. C'é un detto che recita "quello che é successo oggi a me, può accadere un domanianche a te ". CI VORREBBE UN PO' PIU' DI RISPETTO PER LE PERSONEDISABILI ! Grazie e cordiali saluti. Mario Dato
    rispondi al commento
  • Adinolfi Attilio
    Adinolfi Attilio
    Venerdì 22 Febbraio 2013, alle ore 01:18
    Ho 69 anni, invalido civile al 100% + indennità di accompagnamento + legge 104. tra i problemi c'è anche quello relat5ivo alla deambulazione.Sono un inquilino che abita al 2° piano di un palazzo fornito di ascensore, le porte sono quelle originali (penso) e molto spesso vengono lasciate aperte.In particolare la "dimenticanza" si verifica al 4° ed ultimo piano.Una notte, dopo una breve passeggiatina con la cagnolina, al rientro ho dovuto chiamare il 113 perchè mi aiutassero a utilizzare l'ascensore. Domani ho appuntamento in questura per fare un esposto, ma no prevedo grossi risultati.Utilizzando la legge sull'abbattimento delle barriere architettonichesi potrebbero sostituire le vecchie porte con quelle a chiusura automatica.Ma vivo da solo e le poche energie che mi rimangono mi sono indispensabili per andare avanti.C'è qualche soluzione?Grazie
    rispondi al commento
  • Gaudenzio Ginevri
    Gaudenzio Ginevri
    Giovedì 21 Febbraio 2013, alle ore 18:06
    Sono interessato agli articoli e arredi per bambini.Come si accede nel vostro sito?Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Barriere architettoniche in condominio e innovazioni che potrebbero interessarti
Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Condominio - Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione
Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Barriere architettoniche in condominio

Barriere architettoniche in condominio

Ascensori e montacarichi - Eliminare le barriere architettoniche vuol dire rendere un edificio liberamente fruibile anche a persone portatrici di handicap. Che cosa fare nel caso di condominio?

Scioglimento giudiziale del condominio

Assemblea di condominio - Da un condominio ne posso sorgere due. I casi che portano alla scissione, la quale avviene su impulso dell'assemblea o tramite ricorso all'Autorità Giudiziaria.

Divisione del condominio

Condominio - La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.

Innovazioni e impugnazione delle delibere

Condominio - La Cassazione, con la sentenza 17 dicembre 2010 n. 25554, affronta il tema della deliberazione delle innovazioni e dell?impugnazione della relativa delibera

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Assemblea del condominio parziale

Assemblea di condominio - L'assemblea è organo deliberante del condominio, composto da tutti i comproprietari dello stabile, essa non può deliberare, se non consta che tutti i condomini...

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.
REGISTRATI COME UTENTE
295.489 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Installazione di antenne
    Installazione di antenne...
    54.00
  • Porta alzante scorrevole in legno alluminio HS330
    Porta alzante scorrevole in legno...
    1.00
  • Finestra per uscita tetto VELUX
    Finestra per uscita tetto velux...
    218.38
  • Elettricista Roma e provincia
    Elettricista roma e provincia...
    80.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.