Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Attribuzione del numero civico: obblighi e caratteristiche

NEWS Leggi e Normative Tecniche17 Novembre 2012 ore 11:27
In occasione della realizzazione di un nuovo edificio, e quindi di un nuovo ingresso, bisogna fare richiesta al Comune per l'apposizione di un nuovo numero civico.

Attribuzione del numero civicoLa normativa in materia di anagrafe prevede che le porte e gli altri accessi ai fabbricati di qualsiasi genere debbano essere provvisti di appositi numeri da indicarsi su targhe di materiale resistente.

Quando si costruisce un nuovo edificio è quindi obbligatoria l'assegnazione del numero civico, che è importante non solo per questioni di natura anagrafica (ogni nucleo familiare deve risultare residente presso un indirizzo ben definito), ma anche per facilitare l'arrivo dei mezzi di soccorso.

Quali sono gli obblighi del Comune e quali invece quelli del proprietario in materia di numeri civici?


Numeri civici e obblighi del Comune


Attribuzione del numero civico: strada con abitazioniLa numerazione degli accessi spetta per legge al Comune e deve essere effettuata in conformità alle norme stabilite dall'Istituto centrale di statistica in occasione dell'ultimo censimento generale della popolazione.

Come noto, le aree di circolazione (strade, piazze, larghi, ecc.) vanno numerate secondo la successione naturale dei numeri, in genere a partire dal centro città verso la periferia.

Per le strade si mantengono sulla sinistra i numeri dispari e sulla destra quelli pari, per le piazze la numerazione è invece progressiva.

Esistono poi sistemi di numerazione differenti, che ormai appartengono alla tradizione di alcune città o di alcune strade in particolare e che sono stati mantenuti nel rispetto della tradizione.

Ad esempio esiste la numerazione secondo sistema metrico, per la quale il numero civico indica la distanza da un punto di riferimento prestabilito.

È il caso di via Trionfale a Roma, in cui sulla targa è riportata la distanza metrica dal Campidoglio. Oppure, in altre città come Genova, si adottano numeri neri per gli ingressi principali dei fabbricati e numeri rossi per quelli secondari.

Attribuzione del numero civico: chiesaL'attribuzione del numero civico non è invece obbligatoria per fabbricati rurali abitati solo per brevi periodi all'anno, per le chiese, per i monumenti pubblici se al loro interno non hanno uffici o abitazioni, per i fienili, le stalle e simili.

La numerazione civica va continuamente aggiornata dal Comune in base alle variazioni dei piani regolatori, all'apertura di nuovi accessi, alla costruzione di nuovi immobili e alla demolizione di altri, cercando di mantenere inalterata la numerazione già presente dei fabbricati che non subiscono trasformazioni.

Pertanto, quando capita di avere un nuovo accesso tra due ingressi già numerati in maniera progressiva, il nuovo accesso riporterà il numero di quello appena precedente e sarà corredato anche di una lettera dell'alfabeto o dalla dicitura bis, ter, quater e via di seguito.

Le spese per la numerazione civica esterna possono essere poste a discrezione del Comune a carico dei proprietari del fabbricato.


Numeri civici e obblighi del proprietario


Compilazione modulo per l'attribuzione del numero civicoQuando si costruisce un nuovo edificio, il proprietario è tenuto a presentare al Sindaco apposita domanda per ottenere l'indicazione del numero civico.

La domanda va redatta secondo apposito modello Istat e dovrà indicare la specifica degli accessi da contrassegnare.

Si riporteranno ad esempio l'area di circolazione su cui insiste l'accesso e la destinazione d'uso dei locali a cui si accede.

La domanda di attribuzione del numero civico deve essere fatta a costruzione ultimata, ma prima che il fabbricato venga occupato.

Generalmente va presentata contestualmente alla domanda per ottenere l'agibilità dell'edificio, ossia quel certificato in cui si attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene e salubrità per poterci abitare o lavorare.

In occasione della presentazione della domanda, in base alla conformazione del nuovo fabbricato, potranno essere forniti al proprietario anche i criteri per la numerazione interna.

Quest'ultima, a differenza della numerazione esterna che è stabilita dal Comune, è considerata compito del proprietario, che la effettuerà accollandosi tutte le spese.

I criteri per la numerazione interna prevedono che le unità immobiliari ad uso abitazione, ufficio o negozio siano contrassegnate da numeri arabi ordinati progressivamente da sinistra verso destra per chi entra dall'ingresso principale, e dal piano più basso a quello più alto.

Se più di uno, vanno numerati anche i cortili con numeri romani ed anche le scale con lettere maiuscole dell'alfabeto.


Caratteristiche delle targhe dei numeri civici


Talvolta le targhette di numerazione civica esterna sono fornite dall'amministrazione comunale per cercare di uniformare tutti gli ingressi.

Altre volte, invece, l'amministrazione consegna al proprietario un documento contenente un disegno fac-simile su cui sono riportate le dimensioni (altezza e larghezza della targa, altezza del numero) ed altre caratteristiche, come materiale, colori ecc. secondo cui far realizzare la targa.

Ci sono poi amministrazioni comunali che stabiliscono solamente dei parametri minimi, come ad esempio le dimensioni della targa e del numero, lasciando poi libera scelta ai proprietari su materiali e colori.

In questi casi sta al proprietario trovare una soluzione di suo gradimento e che sia in armonia col resto della casa . In questo caso avrà a disposizione molteplici alternative.

Andrea Roggi: ceramiche dipinte a manoCi si può rivolgere ad esempio a un artigiano e farsi realizzare un pezzo unico e personalizzato, magari in ceramica dipinta a mano conferendo all'ingresso un aspetto rustico e accogliente, come l'esempio che qui vediamo delle ceramiche artistiche Andrea Roggi.

Oppure vi sono soluzioni che consentono effetti più sobri ed eleganti, come il ferro battuto, il marmo, la pietra lavica e di tutti quei materiali tipici reperibili vicino al luogo in cui viviamo, forgiabili o comunque lavorabili indicando all'artigiano i requisiti richiesti dal Comune.

Per edifici con forme e materiali all'avanguardia utilizzerei invece numeri civici dal design più attuale, come ad esempio quelli in acciaio inox, che spesso presentano caratteri un po' squadrati.

Zanino Temaluce: applique per numero civicoDa ultimo segnalo l'esistenza di applique studiate appositamente per applicarvi sopra il numero civico e vederlo illuminato bene anche quando c'è buio.

Nell'immagine vediamo un esempio di Zanino Temaluce, che utilizza luce a basso consumo ed è studiato appositamente per l'esterno, quindi con un'elevata protezione contro l'umidità.

riproduzione riservata
Articolo: Attribuzione del numero civico
Valutazione: 4.57 / 6 basato su 14 voti.

Attribuzione del numero civico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Aldebaran23
    Aldebaran23
    Lunedì 24 Settembre 2018, all or 11:23
    Ho acquistato una casa su cui compare il numero civico dell'abitazione al cancelletto e un altro numero civico applicato al cancello di ingresso al cortile.
    Come è possibile?
    Cosa comporta questa doppia numerazione per un unico edificio abitativo?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.421 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Attribuzione del numero civico che potrebbero interessarti


Il ferro battuto in casa

Arredamento - Sa di tempi antichi, di tradizioni, di nostalgie del passato. È il ferro battuto, un materiale attualissimo che recupera i canoni di classicità in termini di design e lavorazione.

Ferro battuto

Arredamento - Il ferro battuto può essere realizzato a mano o industrialmente. In entrambi i casi la lavorazione si ispira alla tradizione artigiana.

Piastrelle decorate

Decorazioni - Le comuni piastrelle in ceramica bianca in monocottura satinate, possono essere decorate usando diverse tecniche di lavorazione, anche in modalità fai da te.

Complementi in ferro battuto

Giardino - Tavoli, sedie e lettini: al pari del legno, il ferro è un classico per l'arredo da giardino, capace di evocare emozioni.

Restauro di ringhiere in ferro battuto

Ristrutturazione - Anche per il Restauro delle ringhiere storiche in ferro battuto, sono necessari determinati accorgimenti pratici al fine di evitare ulteriori danneggiamenti.

Cancelli in ferro battuto: idee per un outdoor raffinato e funzionale

Spazio esterno - Idee per cancelli in ferro battuto: cancelletto pedonale con sinuose curvature e cancello carrabile scorrevole a simmetria semiraggiata, per esterni di gran stile

Una terrazza circolare con arredi in ferro battuto

Arredo giardino - Arredi esterni in ferro battuto: un angolo sulla terrazza rotonda è reso funzionale dal tavolo ovale con sedie dal design incrociato, per un raffinato outdoor.

Arredi in ferro battuto da giardino: design dal sapore retro

Arredo giardino - Arredi in ferro battuto per esterni: divani, poltroncine, accessori, sedie e tavoli in stile classico per donare un sapore antico e ricercato al proprio giardino

Ferro battuto e non solo

Infissi - Marocchi nasce nel 1821 a Casalfiumanese, tra la città di Imola e la Vallata del Santerno, quando il suo fondatore avvia l'attività di fabbro ferraio
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giuseppeporretti
Salve,abito in una palazzina bifamiliare con due entrate separate.La mia vicina del piano di sopra quando ero nel fine settimana con la famiglia al mare, mi sposta il mio numero...
giuseppeporretti 11 Ottobre 2014 ore 15:03 1