Atti emulativi, piccolo vademecum

NEWS Liti tra condomini22 Novembre 2018 ore 09:29
Gli atti emulativi rappresentano un'azione deliberatamente lesiva da parte del proprietario di un fondo verso un'altra persona. Come fare a riconoscerli e come opporsi?
atti emulativi , proprietà , atti d'emulazione , danni

Se ne parla spesso quando si leggono le sentenze o comunque quando si dà conto di comportamenti di persone che, pur non espressamente vietati, sono da considerarsi comunque illeciti.

Il riferimento come dice il titolo dell'articolo è agli atti emulativi.

Atti emulativi in condominio

Essi sono definiti dell'art. 833 del codice civile, rubricato per l'appunto Atti d'emulazione, che recita:
Il proprietario non può fare atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri.

La stringata formulazione legislativa assume maggior senso pratico alla luce delle pronunce giurisprudenziali in materia.

Qui di seguito, pertanto, provvederemo a dar conto delle principali caratteristiche del così detto atto emulativo partendo dagli elementi distintivi in sè e per sé considerati per passare, poi, ad una serie di esempi che aiuteranno a comprendere quale condotta possa integrare gli estremi dell'atto emulativo ex art. 833 c.c.


Caratteri dell'atto emulativo


Secondo il consolidato parere della Suprema Corte di Cassazione per aversi atto emulativo vietato dall'art. 833 c.c. occorre il concorso di due elementi:
a) che l'atto di esercizio del diritto non arrechi utilità al proprietario;
b) che tale atto abbia il solo scopo di nuocere o arrecare molestia ad altri.
(Cass. 9 ottobre 1998 n. 9998).

La dottrina ha classificato questi due elementi, rispettivamente, nel seguente modo:

a) assenza di utilità;

b) animus nocendi (cfr. Cesare Ruperto, La giurisprudenza sul codice civile. Coordinata con la dottrina. Libro III: Della proprietà. Artt. 810-951 Giurisprudenza sul Codice civile, Giuffrè Editore, 2011).

Si badi: ai fini della configurazione dell'atto emulativo ex art. 833 c.c. è sempre necessario il concordo di entrambi gli elementi.


In tal senso è stato più volte specificato che non può parlarsi d'atto emulativo quando concorra un apprezzabile vantaggio del proprietario da cui l'atto è stato compiuto (Cfr. Cass. 18 agosto 1969 n. 2941) (Cass. 25marzo 1995 n. 3558).


Onere della prova


Tizio sostiene che Caio abbia compiuto sulla sua proprietà un atto avente come unico scopo quello di danneggiarlo.

Per portare in Tribunale la vicenda e quindi sostanzialmente per ottenere una sentenza che accerti tale situazione, Tizio dev'essere in grado di provare le sue affermazioni.

Detto chiaramente: l'onere di provare l'atto emulativo è posto in carico a chi se ne lamenta.

Insomma vale quanto stabilito dal primo comma dell'art. 2697 c.c. a mente del quale:
Chi vuol far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento.

Sempre gli ermellini, in una sentenza del 2001, forniscono utili indicazioni in materia di analisi della situazione e quindi di onere della prova.

Si legge nella pronuncia n. 5421/01 che l'atto emulativo, così come disciplinato dall'art. 833 c.c., si inscrive nell'ambito dei limiti alle facoltà di godimento da parte del proprietario e dunque al contenuto del diritto di proprietà, sanzionando come comportamenti illeciti atti che pure astrattamente sono configurabili conformi al diritto in quanto esplicazioni delle suddette facoltà.

Si pone quindi il problema di individuare nell'ottica legislativa la linea di discrimine che consenta di enucleare un criterio oggettivo per valutare o meno come atti emulativi quelli commessi dal proprietario nell'esercizio del suo diritto.

Orbene l'elemento decisivo al riguardo è costituito dalla mancanza di un apprezzabile vantaggio dell'atto per colui che lo compie, posto che l'assenza di qualsiasi giustificazione di natura utilitaristica dal punto di vista economico e sociale rivela la mera ed esclusiva intenzione di nuocere o recare molestia ad altri e dunque lo scopo emulativo dell'atto stesso; a diverse conclusioni deve invece giungersi allorché l'atto determini comunque una utilità per il suo autore, come nell'ipotesi della proposizione di una domanda avente ad oggetto l'eliminazione di una veduta aperta dal vicino a distanza illegale, che tende al riconoscimento della libertà del fondo ed alla rimozione di una situazione illegale e pregiudizievole (Cass. 26.11.1997 n. 11852), o di una domanda volta ad ottenere il rispetto delle distanze tra fondi o fabbricati vicini (Cass. 8.1.1981 n. 164):
in questi casi è prevalente sulla eventuale intenzione di nuocere o di recare molestia ad altri il perseguimento di un interesse concreto e di una utilità effettiva ricollegabili alle facoltà di godimento del diritto, cosicché il suo esercizio è meritevole di tutela
(Cass. 11 aprile 2001 n. 5421).

In sostanza la prova della mancanza di utilità dovrebbe portare con sé, automaticamente, alla prova del così detto animus nocendi (o aemulandi).


Alcuni esempi sugli atti emulativi


In questo contesto è utile comprendere, sia pur per sommi capi, come la Cassazione ha applicato questi principi di carattere generale.

Atti emulativi sulla proprietà
In una pronuncia del marzo 2012, la Corte regolatrice ha specificato che è da escludere la natura meramente emulativa nella condotta del vicino che, sul proprio fondo, sostituisce una siepe con un muro di cemento, opposto alla cancellata della villa prospiciente, se, anche alla luce dei pregressi rapporti di vicinato, sussistente una volontà - legittima - di precludere ai vicini l'inspectio nel proprio fondo (Cass. 7 marzo 2012 n. 3598 in Diritto & Giustizia 2012, 7 marzo).

Nella stessa sentenza n. 5421 i giudici di piazza Cavour sono arrivati a concludere che è riconducibile alla categoria dell'atto emulativo ex art. 833 c.c. l'azione del proprietario di un fondo che installi sul muro di recinzione di un corpo di fabbrica comune un contenitore somigliante ad una telecamera nascosta tra gli alberi e posto in direzione del balcone del vicino.

Insomma mancanza di utilità e animus nocendi sono elementi che devono essere valutati caso per caso sulla base degli elementi che emergono in corso di causa.

riproduzione riservata
Articolo: Atti d'emulazione, riconoscerli ed opporsi
Valutazione: 5.11 / 6 basato su 9 voti.

Atti d'emulazione, riconoscerli ed opporsi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Atti d'emulazione, riconoscerli ed opporsi che potrebbero interessarti
Cosa sono gli atti emulativi in condominio?

Cosa sono gli atti emulativi in condominio?

Liti tra condomini - Gli atti emulativi sono quegli atti compiuti dal proprietario al solo fine di nuocere o molestare altri; tali atti sono vietati, anche in ambito condominiale.
Chiusura del fondo e servitù

Chiusura del fondo e servitù

Proprietà - L'esercizio del diritto di proprietà trova esplicazione nella facoltà di recintare il bene immobile di riferimento. Limiti e connessioni con la servitù di passaggio.
Effetti trascrizione atti di trasferimento della proprietà

Effetti trascrizione atti di trasferimento della proprietà

Proprietà - Tutti gli atti di trasferimento della proprietà, di costituzione di diritti reali di godimento, accettazione e rinunzia alla proprietà, sono soggetti alla trascrizione.

La trascrizione degli atti d'acquisto

Proprietà - La trascrizione è un mezzo con il quale si attua la pubblicità dell'acquisto o della costituzione del diritto, assicurando a chi l'ha compiuta la preferenza.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Condominio - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà escluisva secondo legge o per contratto

Divieto di sopraelevare su lastrico solare

Assemblea di condominio - Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio può elevare nuovi piani, salvo che risulti altrimenti dal titolo, stessa facoltà spetta al proprietario esclusivo del lastrico solare.

Tutela della proprietà

Parti comuni - Il condominio nel cui ambito coesistono piani, o porzioni di essi, può accadere che si presenti la necessità di dover agire per la salvaguardia di entrambe le proprietà.

Guida all'imposta di registro

Fisco casa - Dagli atti soggetti a registrazione obbligatoria alla base imponibile e al calcolo fino alle modalità di versamento: ecco una mini guida sull'imposta di registro.

Condizionatore e seminterrato

Liti tra condomini - Il condizionatore nel seminterrato non viola il decoro, perché non si vede, e non viola il diritto altrui all'uso della cosa comune, essendo i due usi compatibili.
REGISTRATI COME UTENTE
304.654 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pannelli sughero naturale
    Pannelli sughero naturale...
    12.24
  • Cartongesso milano, antonio liso
    Cartongesso milano, antonio liso...
    45.00
  • Finestra pvc isol 70c
    Finestra pvc isol 70c...
    200.00
  • Montascale a pedana Ascendor
    Montascale a pedana ascendor...
    1.00
  • Wall stickers per interruttore removibili
    Wall stickers per interruttore...
    9.59
  • Rasaerba a benzina Briggs & Stratton
    Rasaerba a benzina briggs &...
    599.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Rockwool
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Claber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.