Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Cosa sono gli atti emulativi in condominio?

Gli atti emulativi sono quegli atti compiuti dal proprietario al solo fine di nuocere o molestare altri; tali atti sono vietati, anche in ambito condominiale.
19 Marzo 2019 ore 13:28 - NEWS Liti tra condomini

Atti emulativi condominio


La legge vieta quegli atti compiuti dal proprietario al solo fine di danneggiare o molestare qualcun altro, senza dunque ricavarne alcun apprezzabile vantaggio.
Si tratta degli atti emulativi.

Atti emulativi in condominio
Il divieto normativo di atti emulativi è contenuto nell'art. 833 c.c.:

Il proprietario non può fare atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri art. 833 c.c.


Come già detto, quindi, destinatario della norma è il proprietario, cioè il titolare del diritto storicamente centrale nel nostro ordinamento.

L'ampio contenuto del diritto di proprietà è definito dall'art. 832 c.c., secondo cui:

Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico art. 832 c.c.


Uno dei limiti entro cui può muoversi il proprietario è proprio quello previsto all'articolo immediatamente successivo, l'art. 833 c.c., su citato.

Dal punto di vista di coloro che si devono relazionare con il proprietario, il divieto di atti emulativi può sembrare un limite di poco conto, nel senso che evidentemente l'azione del proprietario all'interno di detto paletto è molto libera; ma tale libertà di azione, alla luce del limite posto dall'art. 833 c.c., ha una ragione ed è dunque ammessa solo fino a che sia volta a tutelare il diritto medesimo.


Atti emulativi e condomini: cosa dice la giurisprudenza


In condominio, come è facile immaginare, le occasioni di compiere atti emulativi per i vari soggetti coinvolti, si sprecano, diciamo così.

Infatti, il condominio è il luogo per antonomasia dove convivono, non proprio gomito a gomito, ma potremmo dire parete a parete più proprietari. Il condominio è anche, lo sappiamo, uno dei luoghi dove meglio attecchiscono attriti, insofferenze, liti; dunque, è facile immaginare che l'unione dei due elementi, la litigiosità e il titolo di proprietà possa portare (anche) al proliferare di atti emulativi.

Condominio
Al tempo stesso però, vi è da dire che molte volte ciò che viene accusato essere un atto emulativo, nell'ambito di contrasti tra condòmini, non è riconosciuto come tale dai giudici, essendo in ogni caso visto come esercizio legittimo di un diritto, dal momento che il titolare ne tra effettiva utilità.

In ogni caso, la tentazione di farsi dispettucci, anche di un certo peso, è ahimé troppo grande.
E infatti il contenzioso è numeroso e la giurisprudenza anche.

Vediamo qui alcuni dei casi decisi in materia.

È stata esclusa la qualificazione di atto emulativo in relazione alla richiesta di una condòmina di ripristino dell'impianto di riscaldamento centralizzato soppresso in seguito a un'assemblea poi dichiarata illegittima, essendo irrilevanti sia l'onerosità del ripristino per gli altri condòmini (nel frattempo dotatisi di impianto centralizzato) sia la possibilità per la donna di dotarsi di impianto proprio e chiedere il risarcimento del danno (v. Cass. n. 1209/2016).

In un altro caso è stata esclusa la qualificazione di atto emulativo della delibera condominale che aveva statuito la reinstallazione di una rete divisoria tra la proprietà condominale e quella esclusiva, essendo tale opera volta (anche) a impedire il compiersi dell'usucapione, per delimitare il confine e per garantire sulla parte comune la possibilità di accesso da parte di tutti i condomini (v. Cass. n. 13732/2005).

È stato invece ritenuto atto emulativo lo stendere il bucato e i tappeti in modo da oscurare la finestra dell'appartamento sottostante (v. Trib. Genova 3 gennaio 2006).

Ancora, è stato riconosciuto l'atto emulativo in un caso riguardante una villetta a due piani, nell'installazione da parte dei proprietari del piano di sopra, di una telecamera nascosta tra le foglie e diretta a riprendere l'interno dell'abitazione del piano terra, non avente alcuna utilità per il proprietario del piano soprastante e procurando molestia al proprietario sottostante (v. Cass. n. 5421/2001).


Atti di emulazione in condominio e mediazione civile


Infine, alcune osservazioni a proposito di liti, atti di emulazione in condominio e mediazione civile.

Il condominio, è uno degli ambiti dove il contenzioso è spesso originato da antichi dissapori, vecchie e mai sopite ostilità e la lite giudiziale è spesso strumentalizzata per sfogare tali sentimenti. In tutto ciò, quello degli atti emulativi è uno degli ambiti dove tale astio trova maggiore espressione.

Conflitto in condominio
Nei processi che ne verranno, salvo che le parti non si concilino, si arriverà a un provvedimento che, decidendo chi ha torto e chi ha ragione, porterà a un'ulteriore esasperazione del conflitto stesso.

Viceversa, un accordo tra le parti, dove intercetti i veri motivi di astio – come detto, non sempre solo giuridici - può prospettarsi come la migliore soluzione; certo, se le parti vogliono conciliare.

Insomma, siamo nel classico caso in cui un accordo fatto per bene eviterebbe un giudizio (costoso e dagli esiti imprevedibili e sfavorevoli, per almeno alcune delle parti, e che difficilmente eliminerà davvero il conflitto) risolvendo il problema alla radice e riportando i rapporti a livelli di serenità.


Da questo punto di vista è indifferente che l'accordo sia raggiunto o no nell'ambito della procedura di mediazione civile (di cui al D. Lgs. n. 28/2010), anche se, lo vogliamo segnalare, per far mediare e conciliare gli italiani ci vuole formazione e i mediatori civili sono appunto formati in tal senso; e in ogni caso un accordo raggiunto con un procedimento di mediazione offre vantaggi in più rispetto a un semplice accordo stragiudiziale.

In proposito ci si dovrà consultare con il proprio avvocato sulle scelte migliori per il proprio caso.

Peraltro segnaliamo che, dove si tratti di rapporti in materia di condominio o di diritti reali, come sarebbe probabilmente nel caso di cui parliamo, il tentativo di mediazione prima di esperire la causa civile è obbligatorio (v. art. 5 D. Lgs. n. 28/2010).

riproduzione riservata
Articolo: Atti emulativi in condominio
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Atti emulativi in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.201 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Atti emulativi in condominio che potrebbero interessarti


Atti emulativi, piccolo vademecum

Liti tra condomini - Gli atti emulativi rappresentano un'azione deliberatamente lesiva da parte del proprietario di un fondo verso un'altra persona. Come fare a riconoscerli e come opporsi?

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Il condominio minimo è un condominio a tutti gli effetti

Condominio - Esiste un numero minimo di persone superato il quale si applicano le norme sul condominio? Cosa accade per i condomini minimi, cioè con due soli partecipanti?

Condizionatore e seminterrato

Liti tra condomini - Il condizionatore nel seminterrato non viola il decoro, perché non si vede, e non viola il diritto altrui all'uso della cosa comune, essendo i due usi compatibili.

Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Condominio - Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

L'amministratore della comunione

Condominio - Nella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche

Nomina giudiziaria dell'amministratore di condominio

Condominio - La nomina dell?amministratore è un atto di competenza dell?assemblea dei condomini.Quando in un condominio ci sono più di quattro comproprietari
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img orefassam
In che forma e con quali maggioranze possono essere richiesti e decisi interventi condominiali che rientrino nel'ecobonus in modo tale da poter poi aggiungere dei lavori dei...
orefassam 15 Novembre 2020 ore 12:47 3
Img bruno cima
Qualcuno sa se si possa accedere al bonus facciate in caso di violazioni non sanate nel condominio?...
bruno cima 01 Novembre 2020 ore 16:11 3
Img tommaso_82
Buon giorno, scrivo per avere maggiori delucidazioni riguardo alla possibilità di effettuare lavori usufruendo del super bonus 110% in un piccolo condominio composto da 7...
tommaso_82 31 Ottobre 2020 ore 10:07 1
Img masmoo
Per i lavori di rifacimento di guaina bituminosa del cordolo di scarico delle acque piovane del tetto, in un piccolo condominio di tre unità abitative, si applica...
masmoo 29 Ottobre 2020 ore 18:21 2
Img masfo
Sono proprietario di un appartamento non abitato in una palazzina costituita da 4 unità, priva di amministratore. Gli altri proprietari vorrebbero procedere a una...
masfo 29 Ottobre 2020 ore 18:20 5