• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.
Pubblicato il
Indice dei Contenuti

Calendario assemblea condominialeLa durata delle assemblee rappresenta un vero e proprio incubo per tantissimi condomini ed amministratori.

Si sa quando iniziano ma non quando finiscono, si suole dire.
Aggiornare la riunione ad altra data, vuol dire dover convocare nuovamente tutti gli assenti con un preavviso di almeno cinque giorni.

In buona sostanza, allo stato attuale l'aggiornamento dell'assemblea corrisponde ad una nuova riunione, con tutto ciò che ne discende ai fini del computo dei quorum in relazione alla prima e seconda convocazione.

Lo stesso dicasi per quei casi in cui l'amministratore, ben conoscendo la situazione, decida fin dall'origine di fissare più date per l'eventuale prosecuzione.
Insomma ogni riunione fa storia a sé e per quanto possa esserci un filo conduttore diretto rispetto alle precedenti, esse dev'essere considerata isolatamente.
A partire dal 18 giugno, data di entrata in vigore della così detta riforma del condominio, ossia la legge n. 220/2012, la situazione sarà differente. Il legislatore, infatti, modificando diverse norme relative alla disciplina del condominio negli edifici, ha inteso intervenire anche sulla particolare fattispecie delle assemblee fiume.


Risultato?
L'inserimento nell'art. 66 delle disposizioni di attuazione del codice civile di un nuovo comma, il quarto, che recita:
L'amministratore ha facoltà di fissare più riunioni consecutive in modo da assicurare lo svolgimento dell'assemblea in termini brevi, convocando gli aventi diritto con un unico avviso nel quale sono indicate le ulteriori date ed ore di eventuale prosecuzione dell'assemblea validamente costituitasi.


Un esempio.
Assemblea condominialeTizio, amministratore del condominio Alfa, convoca l'assemblea per la deliberazione inerente l'esecuzione di lavori di straordinaria manutenzione dell'edificio.
La riunione, considerata l'importanza economica degli interventi da deliberare, si preannuncia lunga.
Tizio, per evitare di andare incontro ad un'unica, estenuante, seduta, nel convocare l'assise specifica che la stessa si terrà in prima convocazione nel giorno X, in seconda nel giorno Y e qualora non fosse possibile esaurire la discussione in tale lasso di tempo, in prosecuzione anche nei giorni K e Z.
Così facendo, la riunione convocata in prima e seconda convocazione avrà una naturale prosecuzione nei giorni indicati nell'avviso.
Una conseguenza immediata e diretta, al di là dell'inutilità di un'ulteriore avviso come succede oggi, e come abbiamo detto accadrà fino al 18 giugno 2013, è data dal fatto che la prosecuzione dell'assemblea sarà, ad esempio, direttamente in seconda convocazione se essa ha iniziato a svolgersi in tale forma.
Il che vuol dire che la verifica della permanenza dei quorum costitutivi e la possibilità di deliberare dovranno essere fatte verificando ciò che è prescritto per la seconda convocazione.

riproduzione riservata
Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Grettura
    Grettura
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 11:05
    Buongiorno, le chiedo un parere: abito in un appartamento costituito da tre unità compresa la mia. Le altre due sono abitate dai genitori e gli zii di mio marito. Non abbiamo mai costituito un condominio. Ora però si sta evidenziando al necessità di intraprendere lavori di manutenzione in primis della rete fognaria che sta cominciando a causare problemi sopratutto a me che sono al piano terra. Sono lavori non derogabili, ma credo ai quali debbano partecipare tutti. Che posso fare se una famiglia si rifiutasse di pagare la sua quota? Esistono strumenti legali che consentano una rapida sistemazione di eventuali cause o ci troveremmo nostro malgrado impelagati in una vicenda giudiziaria annosa?La ringrazio e la saluto cordialmenteGabriella Rettura
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.937 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buona sera,con riferimento ai nuovi DPCM, le assemblee serali che si prolungano oltre le ore 22,00 si possono fare?Grazie.
64brunica 07 Dicembre 2023 ore 16:33 3
Img rosa borgia
Buongiorno a tutti,sul tetto del mio condominio soggiornano spesso dei piccioni, creando numerosi problemi sul tetto per via del guano e delle tegole che vengono spostate.Durante...
rosa borgia 13 Luglio 2023 ore 00:36 9
Img albe45
Ritengo che per rendere obbligatorio il pagamento delle spese condominiali l'assemblea debba approvare non solo l'importo della spesa, ma anche la scadenza delle varie rate,...
albe45 12 Maggio 2023 ore 12:57 2
Img serenabosco
Salve,nel mio condominio vengono spesso date deleghe ai condomini che partecipano all'assemblea per assicurare il numero sufficiente di presenze, affinchè l'assemblea possa...
serenabosco 06 Settembre 2022 ore 11:30 6
Img jeks
Salve, abito in un condominio di 4 livelli costituito da 2 scale. Ho chiesto l'autorizzazione all'assemblea per poter coibentare a mie spese attraverso dei pannelli calpestabili...
jeks 30 Giugno 2022 ore 07:43 3