Arresti domiciliari e scale condominiali

NEWS DI Parti comuni07 Dicembre 2014 ore 12:12
Chi oltrepassa la soglia dell'abitazione e, anche solo resta sulle scale condominiali, commette evasione. Lo ha ribadito la Cassazione con la sentenza n. 47897/2014.

Arresti domiciliari


CondominioGli arresti domiciliari rientrano tra le misure cautelari personali coercitive e sono in particolare previsti dall'art. 284 c.p.p.; in sostanza, si tratta di provvedimenti di limitazione della libertà personale.

Gli arresti domiciliari rientrano nell'ambito delle misure cautelari, in quanto sono provvedimenti adottati dal giudice durante la fase delle indagini preliminari o del processo, quindi prima dell'emissione della sentenza. I casi in cui le misure cautelari sono adotttate sono previsti dall'art. 274 c.p.p. (cui si rinvia), e sono in sintesi: pericolo, concreto ed attuale per l'acquisizione o la genuinità della prova; quando l'imputato si è dato alla fuga o sussiste concreto pericolo che egli si dia alla fuga, sempre che il giudice ritenga che possa essere irrogata una pena superiore a due anni di reclusione; quando vi è il concreto pericolo di reiterazione del reato, cioè che il soggetto indagato o l'imputato commetta gravi delitti con uso di armi o di altri mezzi di violenza personale o diretti contro l'ordine costituzionale ovvero delitti di criminalità organizzata o della stessa specie di quello per cui si procede.

Tali misure possono essere previste solo se esistono gravi indizi di colpevolezza (art. 273 c.p.c.).

In particolare, con il provvedimento di arresti domiciliari è prescritto all'imputato di non allontanarsi dalla propria abitazione o da altro luogo di privata dimora ovvero da un luogo pubblico di cura o di assistenza ovvero, ove istituita, da una casa famiglia protetta; inoltre, per quanto qui interessa, quando è necessario, il giudice impone limiti o divieti alla facoltà dell'imputato di comunicare con persone diverse da quelle che con lui coabitano o che lo assistono e il pubblico ministero o la polizia giudiziaria, anche di propria iniziativa, possono controllare in ogni momento l'osservanza delle prescrizioni imposte all'imputato. (art. 284 c.p.p.)


Reato di evasione


Ai sensi dell'art. 385 c.p.c. commette il reato di evasione colui che, legalmente arrestato o detenuto per un reato, evade dal carcere. Compie lo stesso reato anche chi sottoposto in stato di arresto nella propria abitazione o in altro luogo designato, se ne allontani (385, c.p.p., co. 3).

Dunque, commette l'evasione anche chi viola gli arresti domiciliari. Ma, quando si violano gli arresti domiciliari? Cioè, qual è il confine dell'abitazione da non oltrepassare?

Già in passato, la Corte di Legittimità ha ritenuto costantemente di rinvenire il reato di evasione dai domiciliari il trovarsi al momento del controllo delle forze dell'ordine, in uno spazio condominiale motivando che per abitazione dalla quale la persona in stato di arresti domiciliari non può allontanarsi, deve intendersi unicamente il luogo in cui il soggetto svolge la propria vita domestica e privata, con esclusione di ogni altra appartenenza (aree condominiali, dipendenze, giardini, cortili e spazi simili) che non sia di stretta pertinenza dell'abitazione e non ne costituisca parte integrante; e ciò anche al fine di agevolare i controlli di polizia sulla reperibilità dell'imputato, che devono avere il carattere della prontezza e della non aleatorietà (Cass. n. 3212/2007, ma vedi anche Cass. n. 4143/2007; Cass. n. 15741/2003; Cass. n. 5770/1995).

L'orientamento è oggi confermato dalla sentenza in commento, la quale spiega che nel concetto di domicilio, si devono comprendere i terrazzi ed i giardini di pertinenza esclusiva dell'abitazione, ma non gli ambienti condominiali, quali i pianerottoli, le scale ed i cortili interni, in quanto di libero accesso ed in uso da parte di altri, come i condomini e coloro i quali siano legittimati da essi ad accedervi.

Edificio in condominioL'allontanamento dal luogo di restrizione (in regime di arresti domiciliari così come di detenzione domiciliare) può dunque essere legittimamente sanzionato solo ed in quanto il soggetto si allontani dall'abitazione propriamente detta, ovvero dai luoghi che, in quanto in uso esclusivo delle persone che dispongano dell'alloggio, debbano considerarsi a tutti gli effetti parti di essa, in quanto - giusta il delineato carattere di esclusività - precluse all'accesso dei terzi estranei (salvo, ovviamente, il consenso dell'avente diritto).

E ciò a prescindere da considerazioni - all'evidenza extragiuridiche - sulle possibili, e talvolta sensibili, disparità di superficie a disposizione dei diversi soggetti in regime domiciliare, in considerazione della differente metratura dell'alloggio e delle relative pertinenze a disposizione.

È stato spiegato che l'esigenza sottostante e tutelata in questi casi è quella di consentire alle forze dell'ordine di effettuare agevolmente e velocemente i controlli cui esse sono deputate, nonchè di impedire al soggetto di intrattenersi e comunicare con esterni (sebbene quest'ultima, come si evince dal testo dell'art. 284 c.p.p., sia una prescrizione e non l'essenza del provvedimento di arresti domiciliari).

L'allontanamento dal luogo degli arresti domiciliari infatti non è considerato quale violazione di una prescrizione inerente agli obblighi imposti di cui all'art. 276 c.p.p.), in quanto la permanenza nel domicilio costituisce l'obbligo essenziale dell'arrestato, e non una delle prescrizioni ad esso inerenti, dunque la sua violazione integra il reato di evasione (v. Cass. n. 1554/1997).


Proprietà esclusiva e parti comuni


Lo spostamento di chi è soggetto alle misure degli arresti domiciliari deve avvenire nell'ambito degli spazi dove egli conduce la sua vita domestica e delle pertinenze esclusive degli stessi spazi.

L'esclusività è quella che distingue, in condominio, la parte della proprietà del singolo dalle parti comuni, parti queste ultime, per definizione di legge, aperte a tutti i condomini e normalmente percorse anche da terzi estranei al condominio; in particolare, ai sensi dell' art. 1102 c.c., ciascun partecipante alla comunione può servirsi delle parti comuni .

L'articolo 1102, valevole per la comunione, trova applicazione anche ai condomini negli edifici, in virtù del richiamo operato dall'art. 1139 c.c. alle norme in materia di comunione, per quanto non espressamente previsto dalle norme civilistiche sul condominio.

Nel caso di specie, si legge nella sentenza in commento che il soggetto sottoposto agli arresti domiciliari veniva colto dalle forze dell'ordine deputate ai controlli fuori dall'uscio di casa, intento a conversare con altre persone sulle scale condominiali , dunque in uno spazio certamente posto al di fuori delle mura domestiche, non qualificabile come pertinenza esclusiva dell'abitazione.

Nella fattispecie, la Corte ravvede la sussistenza del reato di evasione, sia per quanto registrato nella relazione di servizio, dalla quale emerge che il soggetto era stato colto a parlare davanti all'ingresso dell'abitazione, che dalle spontanee dichiarazioni dell'imputato, il quale ha ammesso di essere stato trovato dalle forze dell'ordine nelle scale dove si trovava per fare le pulizie e dove si era messo a parlare con altri che di là si trovavano a passare.

riproduzione riservata
Articolo: Scale condominiali e arresti domiciliari
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Scale condominiali e arresti domiciliari: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Scale condominiali e arresti domiciliari che potrebbero interessarti
Manutenzione scale condominiali, ripartizione costi e agevolazioni fiscali per tinteggiatura

Manutenzione scale condominiali, ripartizione costi e agevolazioni fiscali per tinteggiatura

Manutenzione condominiale - Il costo per la tinteggiatura delle scale condominiali deve essere ripartito secondo quanto stabilito dall'art. 1124 c.c. e può essere detratto ai fini fiscali.
Stop all'attività edilizia se non si attesta il pagamento dei progettisti

Stop all'attività edilizia se non si attesta il pagamento dei progettisti

Leggi e Normative Tecniche - La Rete delle Professioni Tecniche propone di introdurre con la Manovra 2019 l'obbligo di provare il pagamento del lavoro dei professionisti in ambito edilizio.
Le scale in condominio sono di tutti se l'atto d'acquisto non è contrario

Le scale in condominio sono di tutti se l'atto d'acquisto non è contrario

Parti comuni - Le scale in un edificio in condominio devono essere sempre considerate parti comuni a tutti i condomini, se non è diversamente stabilito negli atti d'acquisto.

Scale condominiali: proprietà, pulizia, manutenzione, spese

Parti comuni - Le scale condominiali appartengono a tutti i condòmini o a quelli che se ne servono: con quali maggioranze si decidono interventi di manutenzione e pulizia?

Finestre condominiali e spese di manutenzione

Manutenzione condominiale - Le finestre poste sulla facciata dell'edificio sono beni in condominio ed i costi di manutenzione si suddividono tra i condomini secondo i millesimi di proprietà.

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

Scale in legno condominiali

Condominio - L'impiego del legno lamellare per la realizzazione di un sistema industrializzato per la costruzione di scale prefabbricate condominiali di facile esecuzione.

Affitti meno cari per chi denuncia irregolarita'

Normative - Dal prossimo 6 giugno l'inquilino che denuncera'  il proprietario che percepisce affitti in nero, avra'  diritto a un regolare contratto, a prezzo fortemente scontato.
REGISTRATI COME UTENTE
295.739 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rivestimento scale in marmo
    Rivestimento scale in marmo...
    150.00
  • Scale in muratura
    Scale in muratura...
    1650.00
  • Scale ferro battuto
    Scale ferro battuto...
    2400.00
  • Box doccia sfera
    Box doccia sfera...
    332.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.