Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Flash News DI Leggi e Normative Tecniche17 Maggio 2018 ore 09:36
Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche

Eliminazione barriere architettoniche: ecco le novità


Con il decreto interministeriale n. 67 del 27 febbraio 2018 arrivano alle Regioni i fondi per poter sostenere i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche. Dal 2003 il fondo per concedere i contributi ai cittadini che ne facevano richiesta, era privo di risorse.
Il decreto Delrio, approvato lo scorso 15 febbraio dalla Conferenza Stato Regioni a sostegno delle Regioni, è stato pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
La somma, che ammonta a 180 milioni di euro per gli anni dal 2017 al 2020, consentirà alle Regioni di coprire il fabbisogno necessario a finanziare le spese relative alla eliminazione delle barriere architettoniche. Lo scopo è quello di agevolare coloro che per disabilità necessitano dell'esecuzione di opere che consentano la deambulazione.

Barriere architettoniche
Viene così finanziato il Fondo speciale per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.
Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo 30 maggio. Le risorse del fondo sono ripartite sulla base dei criteri indicati dall'articolo 10 della legge 9 gennaio 1989, n. 13.

Le risorse complessive di 180 milioni verranno suddivise in 20 milioni per l’anno 2017, in 60 milioni per gli anni 2018 e 2020 e in 40 milioni per il 2019.
Si tratta di fondi che, a fronte delle esigenze dei cittadini, erano stati richiesti dalle Regioni per coprire i fabbisogni non soddisfatti fino al 2017 e resi noti ultimamente al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

I finanziamenti, una volta ottenuti dalle Regioni, verranno successivamente conferiti ai Comuni che dovranno contribuire alle spese sostenute dalle famiglie con soggetti portatori di handicap.
La ripartizione fra le Regioni del fondo avverrà secondo il seguente criterio: Abruzzo 4,4 milioni; Basilicata 15,2; Campania 13,5; Emilia-Romagna 29,3; Lazio 19,2; Liguria 275 mila euro; Lombardia 25,3 milioni; Marche 11,3; Molise 1,1; Piemonte 25,7; Puglia 4,0; Sardegna 3,2; Sicilia 4,4; Toscana 2,9; Umbria 11; Veneto 8,4.

Ricordiamo che la legge n. 13 del 1989 è il più importante strumento legislativo contro le barriere architettoniche. La normativa concede contributi ai cittadini che devono effettuare interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche di immobili privati anche se questi fanno parte di un condominio, all’interno dei quali hanno residenza soggetti portatori di disabilità.

riproduzione riservata
Articolo: Approvato decreto di riparto sul fondo per eliminazione barriere architettoniche
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Approvato decreto di riparto sul fondo per eliminazione barriere architettoniche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Giovedì 17 Maggio 2018, alle ore 19:11
    Ciao Jovis speriamo che effettivamente vengano erogati dei contributi alle persone che ne hanno necessità 
    rispondi al commento
  • Jovis
    Jovis
    Giovedì 17 Maggio 2018, alle ore 10:39
    Ottima notizia, finalmente un ulteriore passo avanti nel civile, sull'abbattimento delle barriere architettoniche.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Approvato decreto di riparto sul fondo per eliminazione barriere architettoniche che potrebbero interessarti
Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche
L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico
Adattabilità di un edificio all'abbattimento delle barriere architettoniche

Adattabilità di un edificio all'abbattimento delle barriere architettoniche

Soluzioni progettuali - L'adattabilità degli edifici prevede la possibilità, attraverso modesti interventi, di rendere accessibili gli spazi interni anche ai diversamente abili.

Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Condominio - Le barriere architettoniche in condominio rappresentano il più pernicioso ostacolo per la fruizione dell'immobile ma possono essere eliminate velocemente

Barriere architettoniche

Normative - La normativa volta all'eliminazione delle barriere.

Contributi per eliminazione barriere architettoniche

Detrazioni e agevolazioni fiscali - E' prevista l'erogazione di contributi a fondo perduto a copertura di tutta o parte della spesa necessaria ad eliminare le barriere architettoniche in edifici privati.

Abbattimento barriere architettoniche: buon gusto e civiltà

Pavimenti e rivestimenti - Il grado di civiltà di una società si misura anche in base alla quantità di barriere architettoniche che impediscono alle persone disabili di muoversi

Eliminazione barriere architettoniche

Normative - La sentenza n. 38360/2013 della Corte di Cassazione ha chiarito che non è necessario ricorrere al permesso di costruire per eliminare barriere architettoniche.

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Condominio - Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.