Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Appartamenti allo stato rustico e spese condominiali

Il proprietario di un appartamento allo stato rustico deve partecipare alle spese condominiali, ma, a seconda dei casi, potrebbe ottenere una riduzione delle sue quote.
14 Luglio 2014 ore 17:54 - NEWS Ripartizione spese

Stato rustico


Che cosa vuol dire che un appartamento è allo stato rustico?

Stato rusticoIn edilizia quando si fa riferimento ad un immobile allo stato rustico si indica un edificio non ancora rifinito.

Solitamente allo stato rustico non sono presenti gli impianti, il massetto ed alcune volte nemmeno i tramezzi.

Un appartamento allo stato rustico, quindi, può essere definito nel modo che l'acquirente (per il caso di vendita di immobili da costruire) ritenga più confacente alle proprie esigenze, fermi restando i vincoli di natura urbanistico-edilizia derivanti delle norme vigenti e comunque discendenti dal progetto approvato.

L'immobile allo stato rustico dev'essere accatastato come immobile in costruzione, salvo variazioni al termine dei lavori; la categoria di riferimento è la così detta categoria F-3.

È in quest'ultimo momento, chiaramente, che il costruttore (o comunque il proprietario dell'immobile nei casi d'appalto) dovrà provvedere a presentare tutte le necessarie istanze amministrative (si pensi all'agibilità).


Immobili allo stato rustico e condominio


Accade alle volte, soprattutto nei condomini orizzontali, che i costruttori lascino alcuni appartamenti, ancora invenduti, allo stato rustico. Ciò viene fatto soprattutto per far sì che il futuro acquirente possa avere maggior voce in capitolo nella scelta delle finiture e della disposizione dei vani.

Questi appartamenti devono partecipare alle spese condominiali?

Se sì, in che misura?

Una premessa è indispensabile: per quanto incompleto possa essere l'immobile, esso esiste, è di qualcuno e come tale fa parte della compagine condominiale .

In questo senso, pertanto, il proprietario dell'unità immobiliare allo stato rustico, in quanto condomino, è titolare dell'obbligazione (propter rem) di pagamento degli oneri condominiali.

Immobile in stato rusticoÈ utile ricordare, infatti, che l'obbligazione propter rem sussiste ogni qual volta ad un diritto reale, esclusivo o frazionario, si accompagna una obbligazione, la cui origine si riconduce alla titolarità del diritto sul bene: contestuale titolarità in capo allo stesso soggetto del diritto e dell'obbligo. La connessione tra il diritto e l'obbligo consiste in ciò che, a certe condizioni, l'obbligazione segue le vicende del diritto, trovando la propria ragione d'essere nella titolarità, o nella contitolarità, del diritto reale, in virtù del principio per cui ai vantaggi si accompagnano taluni eventuali riflessi negativi (cuius comoda eius et incomoda). Le obbligazioni dei condomini di concorrere nelle spese per la conservazione delle parti comuni si considerano obbligazioni propter rem, perché nascono come conseguenza della contitolarità del diritto sulle cose, sugli impianti e sui servizi comuni. Alle spese per la conservazione per le parti comuni i condomini sono obbligati in virtù del diritto (di comproprietà) sulle parti comuni accessorie ai piani o alle porzioni di piano in proprietà esclusiva. Pertanto, queste obbligazioni seguono il diritto e si trasferiscono per effetto della sua trasmissione (Cass. 18 aprile 2003 n. 6323).

Per rispondere ai quesiti di cui sopra, in maniera sbrigativa sarebbe sufficiente dire: sì, questi immobili e quindi il costruttore, finché è lui il proprietario, debbono partecipare alle spese condominiali.

La situazione non è poi così scontata quanto meno con riferimento alle spese d'uso ed alla misura dei millesimi di riferimento: vediamo perché.


Immobile allo stato rustico e tabelle millesimali


Le tabelle millesimali, ce lo ricordano dottrina e giurisprudenza, altro non sono che un documento contenente l'espressione di un rapporto di valore tra proprietà esclusiva e parti comuni al fine di consentire la ripartizione delle spese ed il funzionamento dell'assemblea.

Alla redazione delle tabelle, pur non essendovi alcun obbligo di legge, solitamente provvede un tecnico (geometra, ingegnere, architetto) in due modi:

a) effettuando un sopralluogo sull'immobile e quindi nelle singole unità immobiliari;

b) sulla base delle risultanze documentali ufficiali (planimetrie catastali, ecc.).

È evidente che per l'unità immobiliare allo stato rustico (nel caso di totale mancanza di predisposizione d'impianti, tramezzature, ecc.) lo stato dei fatti è differente da quello documentale. Spetterà al tecnico, sulla base del proprio prudente apprezzamento, decidere come agire in relazione alla specifica fattispecie di cui s'andrà ad occupare.

In ogni caso, un immobile allo stato rustico potrebbe esprimere un valore millesimale differente da quello ultimato: ciò vuol dire che terminata la sua costruzione, potrebbe essere altresì necessario revisionare le tabelle millesimali.


Immobile allo stato rustico e spese d'uso


Chiarito che l'unità immobiliare allo stato rustico deve partecipare alle spese condominiali e che deve farlo sulla base dei millesimi ad essa riferibili, è utile soffermarsi su un altro aspetto.

Non tutte le spese sono uguali: un conto è pagare la manutenzione del cancello automatico, dell'ascensore, ecc. altro partecipare alle spese dell'acqua, del riscaldamento (se centralizzato, ecc.).


Molto dipenderà dallo stato rustico e quindi dall'esistenza di predisposizione per gli impianti, ecc.

Ciò che è certo è che in alcune raccolte di usi delle camere di commercio è prevista una esenzione o comunque una parziale riduzione della misura di partecipazione a particolari tipologie di spese: rimandiamo all'art. 24 della raccolta degli usi della camera di commercio di Biella per quanto riguarda la misura dell'esonero dalla contribuzione alle spese previste per il riscaldamento.

In definitiva: il proprietario dell'immobile allo stato rustico deve partecipare alle spese condominiali secondo i millesimi espressi dalla sua unità immobiliare, salvo per le spese d'uso, esenzioni parziali o totali previste dalle raccolte degli usi e consuetudini della provincia di riferimento.

riproduzione riservata
Articolo: Appartamenti allo stato rustico e spese condominiali
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 8 voti.

Appartamenti allo stato rustico e spese condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Marta
    Marta
    Domenica 1 Aprile 2018, alle ore 19:13
    Ho acquistato una porzione Bivilla al grezzo inserita in un contesto di altre due Biville.
    I lavori di completamento sono quasi giunti al termine e il precedente proprietario, nonché vecchio costruttore di tutte le unità e delle parti comuni (strada di accesso, cancello, contatori ecc) ci chiede ora di pagare la quota di costruzione di queste parti comuni.
    Ci spetta oppure no?
    MARTA Cogo
    rispondi al commento
    • Luig_albino
      Luig_albino Marta
      Venerdì 6 Aprile 2018, alle ore 17:27
      Io non credo proprio, specie se queste parti erano previste nell'originario progetto. Comunque andrebbero letti i contratti per capire a che cosa vi siete impegnati.
      rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Marta
      Venerdì 6 Aprile 2018, alle ore 17:34
      Dipende da cosa era previsto nei contratti. Per legge non dorvebbe essere così, ma un contratto può prevedere accordi differenti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.734 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Appartamenti allo stato rustico e spese condominiali che potrebbero interessarti


Spese condominiali per la casa coniugale

Ripartizione spese - Marito e moglie sono proprietari (in comunione dei beni) di un'unità immobiliare ubicata in condominio...

Tabelle millesimali

Condominio - Le tabelle millesimali servono a ripartire le spese condominiali in modo proporzionale alla superficie e alle caratteristiche delle singole unità immobiliari.

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Ripartizione spese - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario.

Approvazione delle spese condominiali e importanza del piano di riparto

Ripartizione spese - Le spese condominiali, dovute dai titolari dei diritti reali su un'unità immobiliare, devono essere suddivise tra i condòmini. E se manca il piano di riparto?

Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Ripartizione spese - Il nuovo condomino non ha altra possbilità se non quella di pagare le spese condominiali del venditore, per poi rivalersi sullo stesso delle somme sborsate

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

Perché chi acquista paga le spese arretrate?

Ripartizione spese - In tema di condominio uno dei problemi più frequenti, e motivo di litigio al momento della compravendita d'una unità immobiliare, riguarda le spese condominiali.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img sandro1965-
Buongiorno, siamo 5 fratelli e sorelle e siamo proprietari di una piccola palazzina (familiare) con 10 appartamenti (termoautonomi e senza ascensore) dislocati su 3 piani e...
sandro1965- 04 Dicembre 2020 ore 16:32 1
Img elisabettafelicetti
Buongiorno, ho acquistato a giugno 2020 l'appartamento nel quale abitavo, in affitto, da 5 anni. Un paio di settimane fa il vecchio proprietario mi manda un prospetto con il quale...
elisabettafelicetti 01 Dicembre 2020 ore 19:56 2
Img igor-lupo
Buongiorno, abito in un condominio dove tutti hanno il riscaldamento autonomo con caldaia a tiraggio naturale. 13 anni fa, abitando all'ultimo piano, ho deciso di staccarmi dalla...
igor-lupo 31 Luglio 2020 ore 14:58 5
Img 083144
Recentemente è stata sostituita la saracinesca che permette l'accesso ai posti auto. La saracinesca sostituita serve per far accedere dall'esterno alla zona dove sono...
083144 31 Ottobre 2019 ore 16:20 5
Img orefassam
Buongiorno! Mi chiedo se le spese effettuate e versate al condominio (cioè in verità agli altri condomini) per l'acquisto della quota di ascensore al quale il mio...
orefassam 29 Aprile 2019 ore 18:21 1