Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Violazione di domicilio e legittima difesa, nuove norme

NEWS Proprietà30 Settembre 2019 ore 09:50
Come opera la legittima difesa in caso di violazione di domicilio? Lo vediamo qui anche alla luce delle nuove norme della Legge del 2019 sulla legittima difesa.

Nuova legge sulla legittima difesa


Violazione di domicilio e legittima difesa, un argomento di forte attualità negli ultimi anni.

Episodi di cronaca di furti in abitazioni o in luoghi di lavoro culminati in episodi di violenza e anche di omicidi hanno attratto l’attenzione dell’opinione pubblica sull’argomento.

Legge legittima difesa
La sensazione di insicurezza unita al sentimento di ingiustizia di alcune parti della popolazione sono state recepite da alcuni partiti politici e hanno portato (tra l’altro) alla creazione delle nuove norme che stiamo per vedere.

Ma, andiamo per ordine e chiariamo innanzitutto cosa si intende in termini giuridici per legittima difesa e violazione di domicilio e poi vediamo come le nuove norme modificano quelle esistenti.


Violazione di domicilio e legittima difesa


La violazione di domicilio, a volte detta anche in gergo violazione di proprietà privata, secondo il codice penale è quella compiuta da chi:

s'introduce nell'abitazione altrui, o in altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s'introduce clandestinamente o con l'inganno (v. art. 614 co.1 c.p.).

Le stesse sanzioni sono previste per:

chi si trattiene nei detti luoghi contro l'espressa volontà di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi si trattiene clandestinamente o con inganno (v. art. 614 co.2 c.p.).


La legittima difesa, invece, è uno dei casi di giustificazione: in sua presenza, cioè, è esclusa la punibilità. La legittima difesa è così descritta dalla legge penale:

Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di un'offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa (art. 52 co.1).



Violazione di domicilio e legittima difesa: le nuove norme


La legittima difesa, come detto, è prevista nel codice penale dall’art 52 cp, il quale, fino al 2006, era composto solo dal comma 1 (v. il paragrafo precedente): quel comma descriveva il caso di legittima difesa e poi sarebbe spettato al giudice valutare se nel caso concreto essa vi fosse stata effettivamente.

Violazione di domicilio
Con la Legge n. 59/2006 è stato specificato che la difesa è proporzionata nei casi di violazione di domicilio

se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un'arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità; i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione (art. 52 co.2 c.p.).


La stessa Legge n. 59/2006 ha statuito che detto rapporto di proporzione sussiste anche nel caso in cui la violazione di domicilio avvenga, oltre che nei luoghi indicati dall’art 614 co.1 e 2 c.p. - e cioè abitazioni o comunque dimore private e loro appartenenze, all’interno di ogni altro luogo dove sia esercitata un'attività commerciale, professionale o imprenditoriale.

Le norme del 2019 hanno invece specificato che la proporzione di cui al co. 2 sussiste sempre e hanno aggiunto il co. 4, secondo cui violazione di domicilio o anche dei luoghi in cui si svolge un’attività:

agisce sempre in stato di legittima difesa colui che compie un atto per respingere l'intrusione posta in essere, con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica, da parte di una o più persone (v. art. 52 co. 4 c.p.).


La parola sempre ha la funzione in sostanza di ridurre ulteriormente la discrezionalità del giudice nel valutare la proporzionalità della reazione, mentre il nuovo co. 4 stabilisce che la difesa è sempre legittima in caso di intrusione attuata con violenza o minaccia di uso di armi o altri mezzi.


Eccesso colposo: tutte le novità


Uno dei rischi che corre chi reagisce a un’offesa è di incorrere nell’eccesso colposo, in sostanza consistente nella reazione colposa sproporzionata all’offesa, con cui viene meno la proporzione prevista dall’art. 52 c.p.

Violazione domicilio
L’eccesso colposo è previsto dall’art 55 cp, il quale è stato modificato dalla legge sulla legittima difesa con l’aggiunta della previsione per cui nei casi di autodifesa per violazione di domicilio o anche di luogo dove si lavora (ex art. 52, co.2, 3 e 4 c.p.) la punibilità è esclusa se colui che ha commesso il fatto per la salvaguardia della propria o altrui incolumità ha agito in condizioni di minorata difesa (cioè nelle condizioni di cui all'art. 61, co.1 n. 5 c.p.) oppure in stato di grave turbamento causato dalla situazione di pericolo in atto (v. art. 55 co.2 c.p.).


Sospensione condizionale della pena, le modifiche


Un’altra modifica apportata dalla legge sulla legittima difesa riguarda la sospensione condizionale della pena.


La sospensione condizionale della pena è la sospensione dell’esecuzione della pena che il giudice può disporre in determinate ipotesi (v. art. 163 e ss. c.p.).

Il nuovo comma dell’art. 165 c.p., introdotto dalla legge sulla legittima difesa, prevede che la sospensione condizionale della pena in caso di condanna per il reato di furto in abitazione (o con strappo) è comunque subordinata al pagamento dell'intero importo dovuto per il risarcimento del danno alla persona offesa dal reato.


Legge legittima difesa, inasprimento sanzioni


Ulteriori novità riguardano l’inasprimento di sanzioni per i reati di violazione di domicilio, di furto in abitazione e di rapina.


Responsabilità civile e legittima difesa, quali modifiche?


La legittima difesa trova applicazione anche in sede civile; prevede infatti che:

non è responsabile chi cagiona il danno per legittima difesa di sé o di altri (v. art. 2044 co.1 c.c.).


Ora, a seguito della legge sulla legittima difesa, la responsabilità è esclusa espressamente in sede civile ove l’autodifesa è stata esercitata nei casi cui all’art. 52, co.2, 3 e 4 c.p.

Inoltre, è anche prevista un’indennità al danneggiato nei casi di cui all’art. 55 co.2 c.p.: in tali casi, cioè, colui che procura il danno non è punibile, e colui che viene danneggiato può vedersi riconoscere un’indennità secondo l’equa valutazione del giudice il quale terrà altresì conto:

della gravità, delle modalità realizzative e del contributo causale della condotta posta in essere dal danneggiato (v. art. 2044 co.3 c.c.).


Ulteriore modifica riguarda la liquidazione dell'onorario spettante al difensore, all'ausiliario del magistrato e al consulente tecnico di colui nei cui confronti viene emesso provvedimento di archiviazione o sentenza di non luogo a procedere o di proscioglimento nel caso di legittima difesa: in tali casi la liquidazione è effettuata con il patrocinio a spese dello Stato (v. nuovo art. 115-bis del sulle spese di giustizia, il DPR n. 115/2002).

Infine, i processi riguardanti gli omicidi colposi e le lesioni personali colpose verificatisi nelle circostanze di cui agli artt. 52, co.2, 3 e 4 e 55, co.2 c.p. vengono inseriti tra quelli cui dev’essere data priorità assoluta nella formazione dei ruoli di udienza e nella trattazione (con la modifica dell’art. 132-bis Disp. Att. C.p.P.).

Trattandosi di norme più favorevoli al reo, vanno applicate anche ai casi avvenuti prima dell’entrata in vigore della Legge, secondo quanto disposto dall’art. 2 c.p. (così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza n. 28782/2019).

riproduzione riservata
Articolo: Violazione di domicilio e legittima difesa
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 5 voti.

Violazione di domicilio e legittima difesa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.476 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Portoncini ingresso
    Portoncini ingresso...
    200.00
  • Serramenti risparmio energetico
    Serramenti risparmio energetico...
    220.00
  • Posa autobloccante
    Posa autobloccante...
    29.00
  • Fornitura e posa parquet
    Fornitura e posa parquet...
    48.00
Notizie che trattano Violazione di domicilio e legittima difesa che potrebbero interessarti


La legittima difesa in casa è legge dopo l'approvazione del Senato

Leggi e Normative Tecniche - Via libera definitivo alla legittima difesa che ha avuto l'approvazione anche del Senato. La nuova formulazione dell'articolo 52 del codice penale. Ecco le novità

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Furti in casa: cosa dice la legge in merito alla legittima difesa

Proprietà - Per evitare furti in abitazione è opportuno adottare una serie di accorgimenti. Vediamo quali. È bene sapere cosa dice la legge in merito alla legittima difesa.

Colonnine ricarica elettrica in condominio: detrazione del 50% in caso di installazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sono possibili detrazioni fiscali pari al 50% per chi a partire da marzo 2019 acquista e installa colonnine ricarica elettrica. La misura riguarda anche condomini

Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti

Decreto Crescita: contributi ai Comuni per efficientamento energetico e sviluppo sostenibile

Leggi e Normative Tecniche - Con il decreto crescita vengono assegnati ai Comuni dei fondi per investimenti in ambito di efficientamento energetico e per lo sviluppo territoriale sostenibile.

Stop all'attività edilizia se non si attesta il pagamento dei progettisti

Leggi e Normative Tecniche - La Rete delle Professioni Tecniche propone di introdurre con la Manovra 2019 l'obbligo di provare il pagamento del lavoro dei professionisti in ambito edilizio.

A Pordenone Fiere parte l'edizione 2019 del Sicam

Materiali edili - Undicesima edizione di Sicam: a Pordenone, 10 padiglioni e tanti professionisti per quattro giorni dedicati all'esposizione di componenti e accessori per il mobile

A Torino l'edizione 2019 di Restructura, il salone dell'edilizia

Materiali edili - È in arrivo la 32esima edizione di Restructura, il salone nazionale dell'edilizia che si terrà a Torino dal 14 al 17 novembre, negli spazi dell'Oval Lingotto.