Videocitofono e privacy in condominio

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche01 Agosto 2018 ore 10:22
Quali sono gli effetti della normativa sulla privacy in condominio. Quali sono le questioni che richiedono il rispetto delle disposizioni di legge in materia.

La normativa sulla Privacy


Nel ultimi mesi si è parlato tanto di privacy. Risale, infatti, al 25 maggio 2018 l’entrata in vigore del GDPR, il nuovo Regolamento europeo che disciplina la protezione dei dati personali. Vediamo di cosa si tratta e qual è la sua sfera di applicazione nell’ambito condominiale.

Il GDPR, ovvero General Data Protection Regolation, più comunemente conosciuto come Regolamento UE 2016/679, consiste in un insieme di norme che hanno un certo impatto sulla gestione condominiale, in particolare sul ruolo dell’amministratore. Tante le regole che dovranno essere rispettate da tutti i professinisti e dalle imprese che trattano i dati personali delle persone fisiche.

A far data dal 25 maggio scorso, chiunque effettui operazioni sui dati personali dovrà rispettare le suddette norme. Il diritto alla protezione dei dati personali viene riconosciuto a ciascuno nell'ambito della propria vita privata e professionale in forza dell'articolo 8 della Carta fondamentale dei diritti della UE. Alle norme del Regolamento europeo dovranno attenersi l’amministratore e gli abitanti del condominio.
I soggetti interessati dovranno prestare particolare attenzione alla parte relativa a responsabilità, risarcimento danni e sanzioni applicate.

Condominio e privacy
Partiamo col dire che l’amministratore normalmente utilizza i dati personali dei condomini e quotidianamente compie operazioni sugli stessi, al fine di gestire il bene comune.
Per comprendere meglio la situazione è bene soffermarsi sul concetto di trattamento dei dati.

Per trattamento dei dati personali si intende qualsiasi operazione di raccolta, archiviazione, utilizzo, consultazione, aggiornamento e cancellazione effettuata utilizzando dati personali.
Nell’ambito della gestione del condominio il Regolamento sulla privacy è rivolto all’amministratore, poiché a lui spetta il compito di svolgere tutte le attività sopra menzionate.

Il titolare del trattamento dei dati è il Condominio che demanda all’amministratore, professionista esterno, i trattamenti necessari, in qualità del ruolo da lui assunto di responsabile del trattamento che verrà assegnato in fase di conferimento del mandato.
L’amministratore dovrà pertanto far predisporre un’informativa adeguata relativa al GDPR, da rivolgere a tutti i condomini, invitando questi ultimi al rispetto della normativa contenuta nel regolamento.

L'amministratore è tenuto a predisporre tutte le misure di sicurezza che consentano il rispetto della privacy in caso di trattamento di dati personali nell’ambito del condominio, come ad esempio le registrazioni di immagini, lo smistamento della corrispondenza, la consegna di pacchi.

L’amministratore, dunque, quando viene nominato per assolvere ai compiti di cui all’articolo 1130 del Codice civile dovrà fornire al condominio sufficienti garanzie di essere in grado di mettere in atto le misure tecniche e organizzative necessarie al rispetto dei requisiti contenuti nel regolamento, nell’interesse di tutti i condòmini.

Quali sono i dati cui si fa riferimento parlando di privacy?

Un aspetto importante da evidenziare è che i dati che possono essere trattati sono quelli che non eccedono le finalità di gestione e amministrazione del complesso condominiale, come dati anagrafici, indirizzi, dati catastali, tabelle millesimali ecc.
Si possono trattare anche dati sensibili, qualora siano indispensabili per la gestione del condominio. Qualora vengano trattati dati riferiti a terze persone, queste devono essere informate in merito alle finalità e alle modalità del trattamento.

L'amministratore ha infine l'obbligo di conservare la documentazione cartacea e telematica relativa ai condomini e predisporre misure di sicurezza per proteggere i dati.

Di seguito offriamo un breve panorama delle principali questioni che il condominio e il suo amministratore devono tener conto in materia di privacy.
La privacy è un tema affrontato da tempo dal Garante Privacy e molteplici sono gli aspetti della vita di condominio ad aver un impatto sulla normativa in questione. Si pensi all’assemblea, all’accesso agli archivi e alle comunicazioni ai condomini da parte dell’amministratore.


Bacheca condominiale e accesso alle informazioni


La bacheca condominiale è un mezzo a disposizione dell’amministratore per far sì che i condomini vengano messi a conoscenza delle informazioni riguardanti la gestione del condominio.È necessario che l’amministratore prenda delle precauzioni a tutela della riservatezza dei condomini.

È bene sapere che non possono essere inserite informazioni che riguardino i dati personali di ciascun abitante del condomino. Non possono essere affissi i verbali dell’assemblea, per informare i condòmini che non vi hanno partecipato delle decisioni prese.
Infine, è fatto divieto di riportare in bacheca i dati relativi alle morosità dei condomini che non hanno provveduto a effettuare nei termini il pagamento delle spese di condominio.

Insomma, le informazioni rese note tramite la bacheca condominiale devono essere di carattere generale.

Trattamento dati in condominio
Nel rispetto della privacy di ciascuno, l'amministratore deve comunque garantire una gestione trasparente del condominio.

Ciascun condòmino deve essere messo a conoscenza delle informazioni che lo riguardano.
Si tratta di un vero e proprio diritto di accesso alle informazioni, in quanto ciascun condòmino ha diritto di venire a conoscenza dei propri dati, chiedendone verifica, integrazione ed eventuale rettifica. Non può invece chiedere informazioni in merito a situazioni e dati relativi ad altri abitanti del condominio.

L'amministratore deve aprire un conto corrente postale o bancario intestato al condominio, dove dovranno transitare le somme percepite a qualsiasi titolo per conto del condominio.
L’amministratore, su richiesta del condomino interessato, deve far prendere in visione, facendone una copia se necessario, gli estratti conti bancari e/o postali, relativi alle spese del condominio.


Le assemblee condominiali e la privacy


L’assemblea condominiale è un altro momento nel quale una serie di dati e di informazioni possono essere rese disponibili anche a terzi e quindi occorre prendere qualche precauzione. L’assemblea può essere videoregistrata ma è necessario il preventivo consenso informato di tutti i partecipanti. Inoltre, le registrazioni devono essere opportunamente custodite dall’amministratore.

Per quanto riguarda le spese deliberate dall’assemblea, eventuali morosità possono essere rese note in assemblea e l’amministratore è obbligato a comunicare ai creditori, non ancora soddisfatti, i dati relativi ai condomini inadempienti, qualora ne venga fatta esplicita richiesta.
L’eventuale partecipazione di persone estranee al condominio è consentita durante l’assemblea, limitatamente al tempo in cui si discute di questioni che li riguardino.


Videosorveglianza in condominio


Veniamo ora d una questione che spesso è oggetto di dibattito e conflitto nell’ambito della vita condominiale e cioè la presenza dei sistemi di videosorveglianza; vediamo entro quali limiti la loro presenza è ammessa e a quali regole sono soggetti.

Videosorveglianza in condominio
In questo ambito sono necessarie delle attente valutazioni da parte dell'amministratore e del singolo.In primo luogo si deve tenere distinta la salvaguardia delle singole unità immobiliari dall'esigenza di controllo delle aree comuni ai fini di sicurezza.

Si deve dunque distinguere il caso in cui i sistemi di videosorveglianza siano installati dal singolo condòmino per un uso esclusivo e personale, dal caso in cui siano situati su parti comuni dell’edificio.

Nella prima ipotesi (si pensi al videocitofono o altro apparecchio che visualizzi immagini) non si applicano le norme sulla privacy e non è richiesto alcun cartello di avviso o di segnalazione, in quanto le immagini non sono destinate a una comunicazione sistematica.

Nella seconda ipotesi occorre rispettare gli obblighi imposti dalla normativa sulla privacy.

La presenza delle telecamere deve essere segnalata con apposito cartello.
Le registrazioni devono essere conservate per un periodo che non deve eccedere le 24-48 ore.
Le telecamere devono riprendere solo le aree comuni.
I dati personali che vengono registrati devono essere protetti mediante apposite misure di sicurezza. Per poter installare tali apparecchiature si deve chiedere il consenso dell’assemblea che deve darne approvazione con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei condòmini intervenuti e almeno la metà del valore dell’immobile in condominio.

riproduzione riservata
Articolo: Videocitofoni e normativa sulla privacy
Valutazione: 5.13 / 6 basato su 15 voti.

Videocitofoni e normativa sulla privacy: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Dorella
    Dorella
    Giovedì 5 Settembre 2013, alle ore 07:16
    Ho ricontattato l'amministratore, il quale è un avvocato, mi ha detto che la cosa è normale dato che si tratta di un videocitofono che non registra.
    Per me non è così, in quanto qualsiasi persona facente parte dello stabile dall'interno può osservare in tutta tranquillita i movimenti della famiglia di mia sorella senza essere visto.
    rispondi al commento
  • Dorella
    Dorella
    Martedì 3 Settembre 2013, alle ore 18:38
    E' stato installato un impianto citofonico al condominio dove vivo (11 famiglie) bene, accendendo il video dall interno della propria abitazione come immagine appare la casa di mia sorella, portone d entrata, balcone della cucina ecc.
    Mi chiedo se è normale che la telecamerina possa riprendere l'abitazione di un'altra persona.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Dorella
      Mercoledì 4 Settembre 2013, alle ore 11:53
      Per Dorella: sembrerebbe una situazione anomala che varrebbe la pena segnalare, con racc. a.r. all'amministratore, per ottenere l'immediata soluzione.
      rispondi al commento
  • Sabrina
    Sabrina
    Martedì 4 Settembre 2012, alle ore 11:58
    Buongiorno, abito in un piccolo condominio dotato di citofono.
    Il mio si è rotto ed ho sostituito il mio citofono con un videocitofono.
    L'entrata del condominio è su un piazzale consortile (quindi oltre alla persona che mi suona si vede un piccolo pezzo di cortile).
    Il videocitofono non registra. Sono in regola?? Devo fare qualche comunicazione ??
    Non abbiamo amministratore ma solo un capocasa (che è stato informato verbalmente).
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Videocitofoni e normativa sulla privacy che potrebbero interessarti
Condominio e Privacy

Condominio e Privacy

Condominio - Al fine di dissipare alcuni dubbi e incertezze, il Garante della Privacy ha pubblicato un utile Vademecum per agevolare la tutela della privacy in condominio.
Videosorveglianza e privacy

Videosorveglianza e privacy

Normative - La disponibilità di tecnologie economiche ha provocato la rapida diffusione dei sistemi di videosorveglianza, finiti sotto osservazione del Garante della Privacy.
Riforma del condominio e videosorveglianza

Riforma del condominio e videosorveglianza

Condominio - La riforma del condominio favorirà le procedure d'installazione degli impianti di videosorveglianza delle parti comuni mettendo alcuni punti fermi, vediamo quali.

Videosorveglianza in condominio e interessi in gioco

Parti comuni - L'installazione di videocamere in parti comuni del condominio è soggetta a specifiche norme, sia per la deliberazione che per la installazione. Ecco quali sono.

Tecnologia per la sicurezza in casa

Impianti - Gli impianti di sicurezza per la casa si dividono in due grandi gruppi: quelli per difendere la casa da intrusioni esterne e quelli per l'incolumità degli occupanti.

Gravi difetti dell'immobile e impianto di videocitofono

Leggi e Normative Tecniche - In tema di azioni di garanzia da farsi valere a seguito di contratto di appalto, non rientra nella nozione di grave difetto il malfunzionamento del videocitofono.

Videocitofono senza fili: consigli sulla scelta

Impianti domotici - Facile e veloce da installare grazie alla tecnologia wireless, il videocitofono senza fili permette di rispondere anche da un altro luogo sfruttando la rete IP.

Svolgimento dell'assemblea condominiale e privacy

Condominio - La partecipazione all'assemblea condominiale è riservata solamente ai condomini mentre gli estranei possono partecipare solamente per i motivi di loro interesse.

La videosorveglianza degli spazi condominiali a norma di legge

Impianti domotici - Come procedere con criterio nella scelta dei sistemi di videosorveglianza all'interno degli spazi condominiali nel rispetto delle legge che tutela la privacy.
REGISTRATI COME UTENTE
295.563 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Videosorveglianza cctv impianti a Roma
    Videosorveglianza cctv impianti a...
    800.00
  • Impianti elettronici
    Impianti elettronici...
    54.00
  • Tavolino europeo rustico a due ripiani
    Tavolino europeo rustico a due...
    120.00
  • Tavolo di design europeo in palissandro
    Tavolo di design europeo in...
    880.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.