Verbale di condominio e valore del suo contenuto

NEWS DI Condominio27 Novembre 2009 ore 16:52
Verbale di condominio e valore del suo contenutoLe dichiarazioni contenute nel verbale dell?assemblea di condominio possono essere di due tipi:a)dichiarazioni
assemblea , deliberazioni
Verbale di condominio e valore del suo contenuto
Le dichiarazioni contenute nel verbale dell'assemblea di condominio possono essere di due tipi:
a)dichiarazioni di volontà o d'intenti (es. si delibera di voler eseguire un determinato intervento)
b)dichiarazioni di volontà o di scienza (si riconosce il debito verso il condominio, si ammette una responsabilità, in sostanza tutte quelle dichiarazioni tese ad affermare un determinato fatto storico).
Molto spesso ci si chiede quale valore si debba attribuire a quest'ultimo tipo di dichiarazioni.
Un recente pronuncia della Corte di Cassazione, la sent. 9 novembre 2009 n. 23687, si occupa delle dichiarazioni confessorie contenute nel verbale dell'assemblea di condominio e della loro validità.
Risultato: se il verbale non è approvato da tutti i partecipanti al condominio la dichiarazione non può avere valore confessorio poichà l'ammissione di responsabilità è questione che non è di competenza dell'assemblea ma rimane nella sfera dei diritti dei singoli condomini.
Cerchiamo di specificare che significa tutto ciò e perchà si è giunti a tale decisione.
Che cos'è una confessione?
L'art. 2730, prima comma, c.c. definisce la confessione come “la dichiarazione che una parte fa della verità di fatti ad essa sfavorevoli e favorevoli all'altra parte”.
L'articolo è chiuso dal secondo comma che definisce le modalità con cui può essere resa questa dichiarazione affermando che:
“La confessione è giudiziale o stragiudiziale”.
Per la confessione giudiziale si pensi alla parte che, interrogata dal giudice, ammetta le proprie responsabilità.
Per la confessione stragiudiziale si pensi alla dichiarazione resa in uno scritto (sia esso una comunicazione alla controparte o un altro tipo di documento) o anche alla confidenza fatta ad una persona terza (anche se in questo caso sussistono dei limiti alla prova della confessione art. 2735, secondo comma, c.c.).
Il verbale dell'assemblea di condominio può essere considerato un documento nel quale sia contenuta una confessione?
Se si, quando?
Sono queste, in sostanza, le domande cui è stato chiesto di rispondere alla Corte di Cassazione nel caso sotteso alla sentenza succitata.
Il ricorrente, un condomino che aveva subito un danno causato da infiltrazioni provenienti dalle parti comuni dello stabile, riteneva che il condominio (globalmente considerato) avesse confessato le proprie responsabilità in quanto una dichiarazione in tal senso era contenuta in un verbale d'assemblea.
In pratica, sosteneva il ricorrente, nel verbale v'era una dichiarazione incontrovertibile dalla quale si desumeva che i condomini avessero ammesso e riconosciuto il nesso di causalità tra il danno da lui subito (l'infiltrazione) e la causa dello stesso (nel caso di specie la falda freatica del sottosuolo condominiale).
La Corte di Cassazione, intervenendo sul punto ha negato, nel caso di specie, che il verbale avesse valore confessorio in quanto lo stesso era stato adottato senza il consenso unanime di tutti i condomini (consenso dal quale, naturalmente, deve essere escluso il voto del condomino parte in causa).
In sostanza, i giudici di legittimità hanno affermato che il riconoscimento del nesso eziologico contenuto nel verbale dell'assemblea, “rientrante nell'ambito delle dichiarazioni di scienza”, non può assumere “l'efficacia di una confessione stragiudiziale attribuibile a tutti i condomini (presenti all'assemblea, assenti e dissenzienti) in quanto comportando essa l'obbligo di tutti i condomini di risarcire pro quota i danni provocati […] e, quindi, l'imposizione di un peso a carico di tutti, è necessario che essa sia condivisa da tutti i condomini, non rientrando nei poteri dell'assemblea quello di imporre oneri al di là delle specifiche previsioni di legge” (così Cass. 9 novembre 2009 n. 23687).
Verbale d'assembleaLe dichiarazioni contenute nel verbale dell'assemblea di condominio possono essere di due tipi:a)dichiarazioni di volontà o d'intenti (es. si delibera di voler eseguire un determinato intervento)b)dichiarazioni di scienza (si riconosce il debito verso il condominio, si ammette una responsabilità, in sostanza tutte quelle dichiarazioni tese ad affermare un determinato fatto storico).Molto spesso ci si chiede quale valore si debba attribuire a quest'ultimo tipo di dichiarazioni.Un recente pronuncia della Corte di Cassazione, la sent. 9 novembre 2009 n. 23687, si occupa delle dichiarazioni confessorie contenute nel verbale dell'assemblea di condominio e della loro validità.Verbale d'assembleaRisultato: se il verbale non è approvato da tutti i partecipanti al condominio la dichiarazione non può avere valore confessorio poichà l'ammissione di responsabilità è questione che non è di competenza dell'assemblea ma rimane nella sfera dei diritti dei singoli condomini.Cerchiamo di specificare che significa tutto ciò e perchà si è giunti a tale decisione.Che cos'è una confessione?L'art. 2730, prima comma, c.c. definisce la confessione come la dichiarazione che una parte fa della verità di fatti ad essa sfavorevoli e favorevoli all'altra parte.L'articolo è chiuso dal secondo comma che definisce le modalità con cui può essere resa questa dichiarazione affermando che:La confessione è giudiziale o stragiudiziale.Per la confessione giudiziale si pensi alla parte che, interrogata dal giudice, ammetta le proprie responsabilità.Per la confessione stragiudiziale si pensi alla dichiarazione resa in uno scritto (sia esso una comunicazione alla controparte o un altro tipo di documento) o anche alla confidenza fatta ad una persona terza (anche se in questo caso sussistono dei limiti alla prova della confessione art. 2735, secondo comma, c.c.).Il verbale dell'assemblea di condominio può essere considerato un documento nel quale sia contenuta una confessione?Se si, quando?Sono queste, in sostanza, le domande cui è stato chiesto di rispondere alla Corte di Cassazione nel caso sotteso alla sentenza succitata.Il ricorrente, un condomino che aveva subito un danno causato da infiltrazioni provenienti dalle parti comuni dello stabile, riteneva che il condominio (globalmente considerato) avesse confessato le proprie responsabilità in quanto una dichiarazione in tal senso era contenuta in un verbale d'assemblea.In pratica, sosteneva il ricorrente, nel verbale v'era una dichiarazione incontrovertibile dalla quale si desumeva che i condomini avessero ammesso e riconosciuto il nesso di causalità tra il danno da lui subito (l'infiltrazione) e la causa dello stesso (nel caso di specie la falda freatica del sottosuolo condominiale).La Corte di Cassazione, intervenendo sul punto ha negato, nel caso di specie, che il verbale avesse valore confessorio in quanto lo stesso era stato adottato senza il consenso unanime di tutti i condomini (consenso dal quale, naturalmente, deve essere escluso il voto del condomino parte in causa).In sostanza, i Giudici di legittimità hanno affermato che il riconoscimento del nesso eziologico contenuto nel verbale dell'assemblea, rientrante nell'ambito delle dichiarazioni di scienza, non può assumere l'efficacia di una confessione stragiudiziale attribuibile a tutti i condomini (presenti all'assemblea, assenti e dissenzienti) in quanto comportando essa l'obbligo di tutti i condomini di risarcire pro quota i danni provocati […] e, quindi, l'imposizione di un peso a carico di tutti, è necessario che essa sia condivisa da tutti i condomini, non rientrando nei poteri dell'assemblea quello di imporre oneri al di là delle specifiche previsioni di legge (così Cass. 9 novembre 2009 n. 23687).
riproduzione riservata
Articolo: Verbale di condominio e valore del suo contenuto
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Verbale di condominio e valore del suo contenuto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Verbale di condominio e valore del suo contenuto che potrebbero interessarti
Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Condominio - L?assemblea è l?organo del condominio avente la funzione di gestione e conservazione delle cose comuni.In sostanza spetta all?assemblea, anche per
Quorum costitutivi e deliberativi in assemblea di condominio

Quorum costitutivi e deliberativi in assemblea di condominio

Assemblea di condominio - I quorum costitutivo e deliberativo rappresentano il numero di persone e millesimi che si devono contare per poter iniziare a discutere e decidere in assemblea.
Assemblea e delibera condominiale con contenuto negativo

Assemblea e delibera condominiale con contenuto negativo

Assemblea di condominio - In caso di contestazione di una deliberazione a contenuto negativo, ossia di delibera che boccia una proposta, l'autorità giudiziaria non può entrare nel merito.

Amministratore di condominio, cause, poteri e limiti

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio ha il potere di agire e resistere in giudizio senza necessità di autorizzazione assembleare nelle materie di sua stretta competenza.

Voto in assemblea

Assemblea di condominio - In assemblea di condominio, alla fine della discussione deve prendere una decisione. Anche per decidere di non decidere è necessario esprimere un voto.

Regole minime di compilazione del verbale condominiale

Condominio - Il verbale condominiale è documento imprescindibile per comprendere chi ha deciso che cosa. Per questo va redatto seguendo almeno alcune regole minime.

Comunicazione del verbale d'assemblea e la tutela della privacy

Condominio - Il verbale di assemblea condominiale rappresenta la prova di ciò che è stato deliberato, delle dichiarazioni dei condomini e più in generale dello svolgimento dell'assemblea.

Convocare un'assemblea di condominio

Condominio - Il procedimento di convocazione dell'assemblea di condominio non è vincolato a particolari forme, l'intera materia condominiale è informata ad un modello di gestione snello e privo di significative formalità.

Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Condominio - L?assemblea, per quella che è la definizione comunemente accolta da dottrina e giurisprudenza, è il luogo in cui i condomini assumono le decisioni
REGISTRATI COME UTENTE
295.561 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
  • Trasforma vasca in doccia firenze e toscana
    Trasforma vasca in doccia firenze...
    2300.00
  • Imbiancatura pareti al mq milano
    Imbiancatura pareti al mq milano...
    5.00
  • Porta in noce tanganica
    Porta in noce tanganica...
    180.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.