Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.
- Affittare casa

Abuso edilizio: che succede se il Comune non si attiva?


In ambito di abusi edilizi il decorso del tempo non comporta in automatico la sanatoria dell'abuso. La costruzione abusiva non può ritenersi legittima qualora l'amministrazione non provveda a esercitare i propri poteri nell'interesse pubblico, mediante l'applicazione delle sanzioni connesse alla commissione dell'illecito.

Veranda abusiva
È quanto affermato dal Consiglio di Stato che, con la recente sentenza n. 1893 del 26 marzo 2018, ritiene inammissibile collegare l'inerzia dell'amministrazione e il decorso del tempo alla rinuncia a contrastare il fenomeno dell'abusivismo e al riconoscimento di una sanatoria automatica.
È altresì inammissibile legittimare l'edificazione avvenuta senza titolo abilitativo, in assenza di un ordine di demolizione.

Nel caso esaminato dai giudici, i ricorrenti erano proprietari di un appartamento costituito da una veranda adibita a lavanderia e da un'altra veranda adibita a ripostiglio. Entrambe erano state realizzate dai precedenti proprietari in assenza di titolo abilitativo.

Il Consiglio di Stato si trovava così ad affermare quanto segue: è irrilevante che le opere siano risalenti nel tempo, in quanto eseguite negli anni '70, e che la struttura sia di minima estensione.

I giudici, inoltre, rilevano che non si era in presenza di una pertinenza dell'appartamento dal punto di vista urbanistico. La veranda costituisce un nuovo locale che viene ad aggiungersi alla costruzione preesistente, trasformandola per quanto concerne la superficie e il volume.

Sulla base del art. 10 comma 1 lett c) del Testo unico edilizia, le opere d ristrutturazione edilizia necessitano del permesso di costruire qualora comportino una modifica di volume, mutamenti della destinazione d'uso oppure diano luogo ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente.

Nella fattispecie considerata la realizzazione della veranda sul balcone dell'appartamento comportava una variazione planovolumetrica e architettonica dell'immobile; di conseguenza, il preventivo rilascio del permesso di costruire era manifestamente necessario.

La realizzazione di strutture fissate in maniera stabile al pavimento, con chiusura di una parte del balcone, implicava aumento della volumetria e modifica del prospetto.

Non si ritengono inoltre rilevanti le caratteristiche dei materiali impiegati, poiché anche i pannelli in alluminio determinano un aumento del volume.

Anche qualora l'attuale proprietario non sia responsabile in prima persona dell'abuso effettuato e non risulti che l'atto di vendita sia stato concluso in mala fede, le conclusioni dei giudici vengono confermate. La costruzione rimane abusiva e il nuovo proprietario non può dirsi al sicuro.
Anche in ritardo il Comune può sempre emettere l'ordine di demolizione.

riproduzione riservata
Articolo: Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso che potrebbero interessarti

Veranda abusiva: spetta il Superbonus 110?

Leggi e Normative Tecniche - La presenza di logge o verande abusive, trattandosi di opere irregolari e difformi non consentono di poter usufruire della misura agevolativa del Superbonus 110%

In caso di abusi edilizi e falsi permessi paga il committente

Leggi e Normative Tecniche - A parere del Consiglio di Stato il cliente che viene frodato e che richiede il permesso di costruire in sanatoria non è esonerato dal pagamento delle sanzioni.

Occorre il permesso di costruire per una tamponatura portico?

Leggi e Normative Tecniche - Quale titolo abilitativo occorre per la tamponatura di un portico per il Consiglio di Stato con la sentenza numero 686/2021 in caso di ingiunzione di demolizione?


Superbonus 110%: abusi edilizi e possibili sanzioni penali!

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'abuso edilizio ha da sempre rappresentato un ostacolo per chi volesse fruire di una qualsiasi detrazione fiscale. Vale lo stesso anche per il Superbonus 110%?

Il nudo proprietario non risponde degli abusi edilizi: cosa dice la Cassazione

Proprietà - La Cassazione afferma che il nudo proprietario non è penalmente responsabile per abuso edilizio se non era consapevole del fatto e non aveva dato il consenso.

Qual è il titolo abilitativo corretto per abusi edilizi o pertinenze?

Leggi e Normative Tecniche - Presentato ricorso per richiedere se un'opera edilizia è da ritenersi come una nuova costruzione oppure una pertinenza e che titolo abilitativo bisogna scegliere

Abusi edilizi, doppia conformità e ordine di demolizione

Leggi e Normative Tecniche - In tema di abuso edilizio, cosa accade se con riferimento a una opera è stato emesso un provvedimento di demolizione e presentata istanza di accertamento conformità?

La legittimità edilizia degli edifici confinanti per le nuove costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - Controllo da parte delle Pubblica Amministrazione della legittimità e della regolarità urbanistica degli edifici confinanti nelle ipotesi di nuove costruzioni

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img marco atzeni
Buonasera, il problema riguarda una abitazione costruita nel 1974, facente parte di un condominio di sei appartamenti, costrtruito in modo difforme dal progetto ma per la quale il...
marco atzeni 05 Agosto 2022 ore 14:44 3
Img luciano73
Salve a tutti, sto vivendo un'odissea con la ristrutturazione di casa mia. L'ultima perla è il geometra che mi ha fatto perdere 5 mesi di tempo per redigere un computo...
luciano73 09 Luglio 2022 ore 13:13 13
Img susanna84
Salve,Ho acquistato una villetta semindipendete piano terra.L'attico di questa villetta (quasi 170mq) ha affaccio sulla mia corte privata e su parte di corte comune di cui siamo 3...
susanna84 30 Giugno 2022 ore 11:01 6
Img olimpia maffeo
L'inquilino del mio appartamento (per fortuna andato via) ha fatto degli abusi edilizi non sanabili. Sto facendo una sanatoria con sia. Posso avere la detrazione del 50% sul costo...
olimpia maffeo 18 Maggio 2022 ore 12:40 7
Img massimo rossi
Buongiorno, ho ereditato un appartamento in un piccolo condominio di 6 appartmaneti. il mio appartemento presenta una veranda con termocopertura e su un terrazino laterale è...
massimo rossi 09 Settembre 2021 ore 16:42 6