Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Flash News DI Affittare casa12 Aprile 2018 ore 09:47
In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.

Abuso edilizio: che succede se il Comune non si attiva?


In ambito di abusi edilizi il decorso del tempo non comporta in automatico la sanatoria dell’abuso. La costruzione abusiva non può ritenersi legittima qualora l’amministrazione non provveda a esercitare i propri poteri nell’interesse pubblico, mediante l’applicazione delle sanzioni connesse alla commissione dell'illecito.

Veranda abusiva
È quanto affermato dal Consiglio di Stato che, con la recente sentenza n. 1893 del 26 marzo 2018, ritiene inammissibile collegare l’inerzia dell’amministrazione e il decorso del tempo alla rinuncia a contrastare il fenomeno dell’abusivismo e al riconoscimento di una sanatoria automatica.
È altresì inammissibile legittimare l’edificazione avvenuta senza titolo abilitativo, in assenza di un ordine di demolizione.

Nel caso esaminato dai giudici, i ricorrenti erano proprietari di un appartamento costituito da una veranda adibita a lavanderia e da un'altra veranda adibita a ripostiglio. Entrambe erano state realizzate dai precedenti proprietari in assenza di titolo abilitativo.

Il Consiglio di Stato si trovava così ad affermare quanto segue: è irrilevante che le opere siano risalenti nel tempo, in quanto eseguite negli anni '70, e che la struttura sia di minima estensione.

I giudici, inoltre, rilevano che non si era in presenza di una pertinenza dell’appartamento dal punto di vista urbanistico. La veranda costituisce un nuovo locale che viene ad aggiungersi alla costruzione preesistente, trasformandola per quanto concerne la superficie e il volume.

Sulla base del art. 10 comma 1 lett c) del Testo unico edilizia, le opere d ristrutturazione edilizia necessitano del permesso di costruire qualora comportino una modifica di volume, mutamenti della destinazione d’uso oppure diano luogo ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente.

Nella fattispecie considerata la realizzazione della veranda sul balcone dell’appartamento comportava una variazione planovolumetrica e architettonica dell’immobile; di conseguenza, il preventivo rilascio del permesso di costruire era manifestamente necessario.

La realizzazione di strutture fissate in maniera stabile al pavimento, con chiusura di una parte del balcone, implicava aumento della volumetria e modifica del prospetto.

Non si ritengono inoltre rilevanti le caratteristiche dei materiali impiegati, poiché anche i pannelli in alluminio determinano un aumento del volume.

Anche qualora l’attuale proprietario non sia responsabile in prima persona dell’abuso effettuato e non risulti che l’atto di vendita sia stato concluso in mala fede, le conclusioni dei giudici vengono confermate. La costruzione rimane abusiva e il nuovo proprietario non può dirsi al sicuro.
Anche in ritardo il Comune può sempre emettere l’ordine di demolizione.

riproduzione riservata
Articolo: Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso che potrebbero interessarti
Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.
La tettoia, quando è abusiva e quali sono le conseguenze

La tettoia, quando è abusiva e quali sono le conseguenze

Leggi e Normative Tecniche - La tettoia costruita in aderenza a un edificio necessita del permesso di costruire e senza di esso dev'essere considerata abusiva. Cosa fare per sanare l'abuso?

Abusi edilizi: ecco quando è valida la comprevendita

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione con sentenza n. 24852/2015 prevede la validità del preliminare anche in caso di abusi edilizi che non modificano la volumetria dell'immobile

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.

Come denunciare un abuso edilizio

Leggi e Normative Tecniche - Rispondiamo a molti utenti che ci hanno chiesto, a commento di vari articoli, come comportarsi per denunciare presunti abusi edilizi commessi dai propri vicini.

Opere edilizie abusive, conseguenze e rimedi

Leggi e Normative Tecniche - Costruire senza il necessario permesso, o comunque farlo senza attenersi al suo contenuto, può portare all'irrogazione di gravi sanzioni come quella della confisca.

Dpr 380-01: opere abusive, demolizioni e sanatorie

Leggi e Normative Tecniche - Immobili abusivi realizzati senza permesso di costruire ai sensi dell'art 31-380: quando si possono sanare? Che succede se non si rispetta l'ordine di demolizione?

Permesso di costruire anche per chi non è in regola con le tasse

Leggi e Normative Tecniche - Secondo una sentenza del TAR della Campania, sezione di Salerno, il permesso di costruire deve essere rilasciato anche a chi non è in regola col pagamento tributi
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.