Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Flash News DI Affittare casa12 Aprile 2018 ore 09:47
In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.

Abuso edilizio: che succede se il Comune non si attiva?


In ambito di abusi edilizi il decorso del tempo non comporta in automatico la sanatoria dell’abuso. La costruzione abusiva non può ritenersi legittima qualora l’amministrazione non provveda a esercitare i propri poteri nell’interesse pubblico, mediante l’applicazione delle sanzioni connesse alla commissione dell'illecito.

Veranda abusiva
È quanto affermato dal Consiglio di Stato che, con la recente sentenza n. 1893 del 26 marzo 2018, ritiene inammissibile collegare l’inerzia dell’amministrazione e il decorso del tempo alla rinuncia a contrastare il fenomeno dell’abusivismo e al riconoscimento di una sanatoria automatica.
È altresì inammissibile legittimare l’edificazione avvenuta senza titolo abilitativo, in assenza di un ordine di demolizione.

Nel caso esaminato dai giudici, i ricorrenti erano proprietari di un appartamento costituito da una veranda adibita a lavanderia e da un'altra veranda adibita a ripostiglio. Entrambe erano state realizzate dai precedenti proprietari in assenza di titolo abilitativo.

Il Consiglio di Stato si trovava così ad affermare quanto segue: è irrilevante che le opere siano risalenti nel tempo, in quanto eseguite negli anni '70, e che la struttura sia di minima estensione.

I giudici, inoltre, rilevano che non si era in presenza di una pertinenza dell’appartamento dal punto di vista urbanistico. La veranda costituisce un nuovo locale che viene ad aggiungersi alla costruzione preesistente, trasformandola per quanto concerne la superficie e il volume.

Sulla base del art. 10 comma 1 lett c) del Testo unico edilizia, le opere d ristrutturazione edilizia necessitano del permesso di costruire qualora comportino una modifica di volume, mutamenti della destinazione d’uso oppure diano luogo ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente.

Nella fattispecie considerata la realizzazione della veranda sul balcone dell’appartamento comportava una variazione planovolumetrica e architettonica dell’immobile; di conseguenza, il preventivo rilascio del permesso di costruire era manifestamente necessario.

La realizzazione di strutture fissate in maniera stabile al pavimento, con chiusura di una parte del balcone, implicava aumento della volumetria e modifica del prospetto.

Non si ritengono inoltre rilevanti le caratteristiche dei materiali impiegati, poiché anche i pannelli in alluminio determinano un aumento del volume.

Anche qualora l’attuale proprietario non sia responsabile in prima persona dell’abuso effettuato e non risulti che l’atto di vendita sia stato concluso in mala fede, le conclusioni dei giudici vengono confermate. La costruzione rimane abusiva e il nuovo proprietario non può dirsi al sicuro.
Anche in ritardo il Comune può sempre emettere l’ordine di demolizione.

riproduzione riservata
Articolo: Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Veranda abusiva: l'inerzia del comune non è idonea a sanare l'abuso che potrebbero interessarti
Consiglio di Stato: spettano al responsabile le spese per la demolizione di un manufatto abusivo

Consiglio di Stato: spettano al responsabile le spese per la demolizione di un manufatto abusivo

Secondo il Consiglio di Stato vanno addebitate al responsabile non solo le spese di demolizione, ma anche eventuali tentativi di demolizione non andati a buon fine.
Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
Demolizione degli abusi edilizi in zone vincolate

Demolizione degli abusi edilizi in zone vincolate

Il T.A.R. di Napoli contro il Consiglio di Stato: impossibile la sanatoria e l'autorizzazione postuma.
Difformità e demolizione parziale, tempi della verifica di fattibilità

Difformità e demolizione parziale, tempi della verifica di fattibilità

Secondo alcune sentenze la fattibilità della demolizione parziale degli abusi edilizi va verificata già al momento in cui è ingiunto l'ordine al privato e non dopo.
Condono per mini abusi

Condono per mini abusi

Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.