Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Vendita di immobili da costruire e consegna successiva della fideiussione

Nel caso di vendita di immobili in costruzione la nullità di protezione per tardiva consegna della fideiussione non può essere invocata se vi è abuso del diritto
16 Dicembre 2020 ore 15:21 - NEWS Comprare casa

Immobili in costruzione e fideiussione consegnata tardivamente


In caso di acquisto di immobili in costruzione la posizione dell promissario acquirente ha una tutela rafforzata. In particolare, è tra l’altro prevista, a pena di nullità del contratto preliminare, la consegna di una fideiussione al momento della firma del preliminare.

Ma cosa succede se la fideiussione è consegnata dopo?

Nullità di protezione per vendita immobili in costruzione
L’acquirente può contestarlo in ogni caso?

No, se vi è abuso del diritto. Di recente sull’argomento si è espressa la sentenza n. 19510 del 2020 della Corte di Cassazione.

Entriamo nel dettaglio accennando prima di tutto a cosa prevedono le norme e ad alcuni dei precedenti richiamati dalla stessa stentenza n.19510 per poi occuparci nello specifico della detta sentenza.


Immobili in costruzione, fideiussione e nullità del contratto


La norma di riferimento è quella contenuta nell’art. 2, co.1 D.Lgs. n. 122/2005, secondo cui:

1. All'atto della stipula di un contratto che abbia come finalità il trasferimento non immediato della proprietà o di altro diritto reale di godimento su un immobile da costruire o di un atto avente le medesime finalità, ovvero in un momento precedente, il costruttore è obbligato, a pena di nullità del contratto che può essere fatta valere unicamente dall'acquirente, a procurare il rilascio ed a consegnare all'acquirente una fideiussione, anche secondo quanto previsto dall'articolo 1938 del codice civile, di importo corrispondente alle somme e al valore di ogni altro eventuale corrispettivo che il costruttore ha riscosso e, secondo i termini e le modalità stabilite nel contratto, deve ancora riscuotere dall'acquirente prima del trasferimento della proprietà o di altro diritto reale di godimento. Restano comunque esclusi le somme per le quali è pattuito che debbano essere erogate da un soggetto mutuante, nonché i contributi pubblici già assistiti da autonoma garanzia. art. 2 D.Lgs. 122/2005



Contratto preliminare immobili in costruzione

L’art. 1938 c.c. prevede che:

I. La fideiussione può essere prestata anche per un'obbligazione condizionale o futura con la previsione, in questo ultimo caso, dell'importo massimo garantito art. 1938 c.c.


Per semplificare, pensando a un esempio diffuso nella pratica: all’atto della stipula di un preliminare di acquisto di una casa in costruzione, oppure prima, il venditore deve, a pena di nullità, procurare il rilascio e consegnare all'acquirente la fideiussione di importo corrispondente alle somme (e al valore di ogni altro eventuale corrispettivo) che il venditore ha riscosso o deve ancora riscuotere.

Si tratta di un’ipotesi di nullità di protezione con carattere relativo, che cioè può essere proposta o eccepita dall’acquirente, nel suo esclusivo interesse, poiché soggetto debole nell’operazione contrattuale.

La questione in particolare riguarda il caso in cui la fideiussione sia rilasciata dopo la firma del preliminare.


Immobili in costruzione, fideiussione e abuso del diritto


Prima di decidere il caso concreto, la Corte, nella sentenza in commento richiama una serie di precedenti. Dunque, rammenta che già in precedenza si è stabilito quanto segue:

una volta che sia stata rilasciata la garanzia prescritta per legge in data successiva alla stipula del preliminare, e senza che nelle more si sia manifestata l'insolvenza del promittente venditore, ovvero che risulti altrimenti pregiudicato l'interesse del promissario acquirente, la proposizione della domanda di nullità di protezione prevista dal D.Lgs. n. 122 del 2005, art. 2 costituisce abuso del diritto (Cassazione civile sez. II, 22/11/2019, n. 30555) Cass. n. 19510/2020



Immobile in costruzione
In quell’ipotesi, si osserva, l'indagine riguarda la meritevolezza dell'interesse del promissario acquirente a far valere la nullità se la fideiussione sia stata comunque rilasciata e non si sia manifestata l'insolvenza del venditore.

E infatti la tutela del soggetto debole, l’acquirente in questo caso, deve convivere con i principi di buona fede nell’esecuzione del contratto, onde evitare che venga strumentalizzata dall’acquirente per liberarsi dal vincolo contrattuale utilizzando il mancato rilascio della fideiussione come pretesto.

La Corte, ricorda ancora, condividendolo, un altro precedente: quello di Cass. n. 30555/2019, secondo cui, laddove la fideiussione sia rilasciata successivamente alla conclusione del contratto, va verificato se l'immobile sia stato finito di costruire e sia agibile, perché in tal caso verrebbe meno la necessità della tutela del soggetto debole che non è più in pericolo.

Vendita edifici in costruzione
E invero, si prosegue, invocare la nullità di protezione quando l’interesse protetto dalla norma non è più esposto a pregiudizio risulta:

funzionale non ad attuare il fine di protezione perseguito dalla legge, ma il diverso fine di sciogliere il contraente da un contratto che non reputa più conveniente o di aggirare surrettiziamente gli strumenti di reazione che l'ordinamento specificamente appronta avverso le condotte di inadempimento della controparte (da ult. Cass. n. 19510/2020).


Si ricorda poi come le Sezioni Unite hanno evidenziato che laddove le norme prevedano una nullità relativa, cioè una nullità prevista in via diretta e immediata nell’interesse di un soggetto particolare e non della generalità:

l'interprete deve essere attento a circoscrivere l'ambito della tutela privilegiata nei limiti in cui viene davvero coinvolto l'interesse protetto dalla nullità, determinandosi altrimenti conseguenze distorte o anche opportunistiche (Cass. Sez. Un. n. 898/2018).


Si afferma, infatti, che l'obbligo di buona fede oggettiva o correttezza è un autonomo dovere giuridico, espressione di un generale principio di solidarietà sociale, ormai ritenuto di rango costituzionale.

È ormai pacifico che la buona fede sia un canone generale al quale deve essere ancorata la condotta delle parti di un rapporto privatistico, così come l'interpretazione degli atti giuridici di autonomia privata. Dunque, laddove le parti perseguano una finalità non permessa dall'ordinamento, si avrà abuso (il concetto è stato già espresso in precedenza, ad es. da Cass. n. 30555/2019).


Cass. n. 19510/2020: la domanda di nullità è fondata


Fatte queste premesse, nel caso concreto, tuttavia, la Corte non ravvisa abuso del diritto: la domanda di nullità del contratto è quindi fondata.

Primo, la garanzia fideiussoria venne rilasciata per un importo inferiore rispetto alle somme versate dal promittente acquirente. In una scrittura privata successiva, il promittente acquirente versò un’ulteriore somma e la promittente venditrice rilasciò con ritardo una polizza fideiussoria di importo inferiore a quello complessivamente versato dal promittente acquirente.

Inoltre, la polizza venne rilasciata ben oltre il termine previsto per la conclusione del contratto definitivo e dopo le ripetute richieste del promissario acquirente.


Ulteriore elemento è il fatto che l’immobile non fosse stato ultimato – o non ve n’era prova - al momento della firma della seconda scrittura privata.

I due elementi - il rilascio della garanzia in data successiva alla scrittura integrativa per un importo inferiore alle somme versate dal promittente acquirente e il fatto che i lavori non fossero stati ultimati - integrano per la Corte l’ipotesi prevista dall’art. 2 D.Lgs. n. 122/2005 e quindi:

la insanabile e integrale nullità del contratto preliminare e dell'accordo integrativo, non ravvisandosi alcuna forma di abuso del diritto nell'azione Cass. n. 19510/2020


È legale l'azione intrapresa dall’acquirente e ciò indipendentemente dalle ragioni che avevano determinato il rinvio del termine per la conclusione del definitivo.

riproduzione riservata
Articolo: Vendita immobili da costruire, abuso diritto e nullità protezione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Vendita immobili da costruire, abuso diritto e nullità protezione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.159 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Vendita immobili da costruire, abuso diritto e nullità protezione che potrebbero interessarti


Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Acquistare casa in sicurezza: al via il portale dei notai

Comprare casa - Online il nuovo portale con avvisi di vendita relativi a immobili certificati dal notaio. Compravendite immobiliari garantite da controlli preventivi e verifiche

Detrazioni immobili: le novità nel modello 730/2015

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il 730/2015 recepisce le ultime novità fiscali per quanto riguarda gli immobili, come la deduzione per l'acquisto e affitto e la detrazione per gli alloggi sociali.

Accessione: la casa costruita dal singolo è di tutti i comproprietari del suolo

Proprietà - Nel caso in cui solo uno dei comproprietari di un terreno decida di edificare, la costruzione diventa di proprietà di tutti i titolari del suolo per accessione

Guida all'acquisto certificato degli immobili

Normative - Una interessantissima iniziativa del Consiglio Nazionale del Notariato e di dodici tra le principali Associazioni dei Consumatori al servizio dei diritti degli acquirenti di immobili.

Vendita case degli Enti

Normative - La prossima estate alcuni Enti pensionistici e casse previdenziali metteranno in vendita immobili di loro proprietà.

Quando è nullo l'acquisto di un immobile abusivo?

Comprare casa - Quali sono i rischi per chi compra casa se nell'atto di compravendita non viene fatta menzione dei titoli abilitativi? Cosa succede in caso di immobile abusivo?

Plusvalenza sui beni immobiliari

Normative - Prima di procedere alla vendita di un bene immobiliare, è opportuno valutare una ulteriore tassazione rispetto al regime ordinario.

Acquisto casa: possibile con l'anticipo del Tfr

Mutui e assicurazioni casa - Nei casi in cui non è possibile ottenere un mutuo dalla banca una soluzione alternativa per poter acquistare la prima casa è chiedere l'anticipo del Tfr all'azienda
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img miriamsparneri schinello
Buongiorno avrei bisogno di un consiglio, mia mamma è mancata ed io e mio fratello abbiamo in eredità una campagna con casone. Il problema è che la stessa era...
miriamsparneri schinello 20 Gennaio 2021 ore 17:40 6
Img lucialuca
Buon giorno, nella ricerca di una casa da ristrutturare ho scoperto che un edificio dismesso e inagibile vicino a dove abito ora, e che vorrei acquistare, è di...
lucialuca 16 Gennaio 2021 ore 10:53 1
Img ale986
Ciao, alla ricerca di una casa in costruzione da acquistare ho trovato un costruttore che ha in corso la realizzazione di 3 villette unifamiliari, che mi piacciono come...
ale986 10 Gennaio 2021 ore 18:33 3
Img massy70
Ho, da acquirente, l'obbligo di ottenere dal venditore questo certficato su una abitazione del 1962, costruita nel centro urbano?E posso far annullare la proposta di acquisto (che...
massy70 18 Novembre 2020 ore 19:29 3
Img ale_jandro
Ciao a tutti. Sto vendendo degli immobili e per assurdo in base ai prezzi stabiliti per ogni singolo immobile, verrà a crearsi una plusvalenza, anche se nel complesso...
ale_jandro 21 Ottobre 2020 ore 12:28 1