Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Cessione dell'alloggio del portiere e problematiche condominiali connesse

NEWS Parti comuni07 Febbraio 2020 ore 11:35
La vendita della casa del portiere, indipendentemente dalla cessazione del servizio di portierato, è operazione che necessita sempre del consenso di tutti i condòmini

Parti comuni condominio


La casa del portiere è un bene comune ai condòmini, se altro non è stabilito dal titolo.
Si tratta di una parte comune sui generis, che può anche essere oggetto di utilizzazione differenti da quella originariamente datale.

Essa, chiaramente, serve quale alloggio nel caso di presenza del servizio di portierato.

Qui di seguito vedremo se ed in che modo l'alloggio del portiere possa essere oggetto di cessione; per farlo è bene fornire, brevemente, la definizione di condominio .

Il condominio negli edifici non trova una propria chiara e precisa definizione nel codice civile, ovvero in altre disposizioni di legge.

Servizio di portierato
Ciò tanto se si osserva il condominio dal punto di vista dell'organizzazione delle persone, tanto se lo si guarda concentrandosi sul diritto.

La servitù è definita dalla legge (art. 1027 c.c.), il condominio no.

Gli studiosi e la giurisprudenza si sono cimentati nel fornirne una definizione e sono concordi nell'affermare che il condominio negli edifici è quella particolare forma di comunione nella quale coesistono beni in proprietà esclusiva e parti dell'edificio comuni, in condominio per l'appunto.

Qual è la caratteristica delle parti comuni?
La loro destinazione funzionale e strumentale all'uso delle unità immobiliari in proprietà esclusiva. Tra queste, s'è detto e si approfondirà da qui a breve, rientra la casa del portiere.

Le parti comuni, quali le scale, l'ascensore, la facciata, non sono oggetto di autonomo godimento: esse servono a godere dell'unità immobiliare. Da qui la destinazione funzionale o strumentale.

L'art. 1117 c.c. individua quelle che sono le parti comuni dell'edificio in condominio: si tratta di un'elencazione esemplificativa. Altri beni, aventi le caratteristiche fin qui citate, possono essere considerati comuni pur senza essere menzionati. L'atto costitutivo del condominio (io così detto titolo, cioè primo atto di cessione da parte dell'originario unico proprietario dell'edificio ovvero il regolamento condominiale contrattuale) può prevedere eccezioni in relazione alla proprietà condominiale dei beni di cui all'art. 1117 c.c. o di quelli ad esso assimilabili.


Casa del portiere, parte comune


Il più volte menzionato art. 1117 c.c. specifica che sono oggetto di proprietà comune i locali per i servizi in comune, tra i quali rientra (in quanto specificamente menzionato) l'alloggio del portiere connesso al così detto servizio di portierato.

La casa del portiere può anche non essere in proprietà condominiale: è raro, ma non impossibile, che essa sia di proprietà di una o più persone, ma che su di essa sia impresso un vincolo di destinazione.

Può anche accadere che esistano i locali di svolgimento del servizio di portierato e non l'alloggio del portiere: in tal caso se non escluso dal titolo i primi saranno comunque di proprietà comune.

La condominialità dell'alloggio del portiere fa sì che questo sia soggetto alle regole specifiche dettate per le cose comuni e quindi per i diritti sulle stesse vantati dai condòmini.

Ciò vuol dire che:

  • il condomino non può rinunziare al suo diritto sulle parti comuni (art. 1118, secondo comma, c.c.);

  • le parti comuni non sono divisibili se non con il consenso di tutti i condòmini e sempre che ciò non renda più incomodo l'uso della cosa a ciascun condomino. Qui il riferimento alla divisione è al materiale frazionamento fisico del bene, non all'oggetto del nostro approfondimento, cioè alla vendita dell'alloggio del portiere.


Casa del portiere
La casa del portiere è di tutti e di tutti resterà. Per sempre? Non proprio, ma andiamo per gradi.


Vendita casa del portiere, nessuna competenza dell'assemblea


La cosa certa è che l'assemblea condominiale non ha mai la competenza a decidere sulla vendita della casa del portiere: ciò in quanto all'assemblea non è riconosciuta la prerogativa di disporre dei diritti dei condòmini (il diritto di proprietà sull'alloggio è dei singoli, non collettivo), ma quello di gestire i beni comuni nel rispetto di tali diritti. L'alienazione, evidentemente, non è tale.

In buona sostanza l'assemblea può sopprimere il servizio di portierato, ma non cedere l'alloggio del portiere.

È chiaro che l'assemblea, intesa in tal caso quale mera riunione, non quale organismo collettivo, può essere l'occasione per concordare sull'opportunità di cedere l'alloggio del portiere o addirittura per esprimere il consenso alla vendita. È necessario, però, che siano presenti tutti i condòmini, perché tutti sono contitolari della proprietà su quell'alloggio; ma non solo.


Vendita casa del portiere, necessario il consenso di tutti i condòmini


È difficile, anzi è impossibile, che le scale di un edificio in condominio siano oggetto di cessione a un estraneo. Le scale non hanno un'utilità inscindibile dall'uso a favore delle unità immobiliari.

Per la casa del portiere il discorso è diverso: l'alloggio può essere abitato anche per scopi estranei alla sua destinazione a servizio del dipendente del condominio. Da qui, svincolatolo dalla sua originaria finalità, la possibilità di cederlo.

Serve, come si diceva innanzi, il consenso di tutti i condòmini.

Che sia così, lo desumiamo altresì chiaramente dal quarto comma dell'art. 1108 c.c. (dettato in materia di comunione, ma applicabile al condominio in ragione di quanto disposto dall'art. 1139 c.c.) a mente del quale serve il consenso di tutti i partecipanti per gli atti di alienazione della proprietà comune.


Tale consenso può anche essere espresso in sede assembleare, demandando se del caso l'amministratore a esprimerlo alla controparte acquirente.

È fondamentale, ai sensi dell'art. 1350 c.c., che il contratto di compravendita sia formulato per iscritto. Si tratta di una prescrizione prevista a pena di nullità.

Si badi: è ben possibile mantenere il servizio di portierato e contestualmente decidere la cessione dell'alloggio del portiere.

riproduzione riservata
Articolo: Vendita casa del portiere, come fare
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Vendita casa del portiere, come fare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.540 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Vendita casa del portiere, come fare che potrebbero interessarti


Di chi è l'alloggio del portiere del condominio?

Parti comuni - In tema di individuazione delle parti comuni di un condominio, l'alloggio del portiere può essere considerato di proprietà privata solo se così è espressamente previsto.

Portierato e ripartizione delle spese

Ripartizione spese - Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.

Servizio di portineria, nozione e ripartizione spese

Condominio - Tra i servizi condominiali, quello di portierato rappresenta una fattispecie particolare trattandosi di un dipendente dei condomini. Che cosa fa e chi lo paga?

Portiere condominiale

Assemblea di condominio - Il servizio di portierato può essere istituito e soppresso dall'assemblea condominiale e il rapporto di lavoro con il portiere dev'essere curato dall'amministratore.

Come licenziare il portiere del condominio

Amministratore di condominio - In quali casi il condominio può decidere di licenziare il portiere: licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo, vediamo quali sono le differenze.

Contratto nazionale dei portieri di edifici

Amministratore di condominio - Il dipendente del proprietario di fabbricati ed il contratto collettivo nazionale di lavoro. La disciplina contrattuale e l'applicabilità ai portieri dei condomini.

Alloggio portiere condominio, cosa fare per affittarlo?

Parti comuni - Alloggio del portiere in condominio, quali sono gli adempimenti che si devono porre in essere per la sua locazione? Quali le maggioranze per deliberare l'affitto?

Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera

Ripartizione spese - Il compenso del portiere di un condominio deve essere ripartito in base ai millesimi di proprietà. Una soluzione diversa è invalida ma non sempre nulla, perché?

Notifica degli atti giudiziari al portiere dello stabile

Burocrazia e utenze - La notifica degli atti giudiziari al portiere che si dichiari persona addetta è valida per presunzione. L'assenza di incarico va provata da chi contesta la notifica.