Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Caparra nella compravendita: aspetti IVA e reddituali

NEWS Comprare casa09 Marzo 2020 ore 17:19
La caparra confirmatoria nel compromesso può avere finalità risarcitoria per mancata conclusione di compravendita o acconto sul prezzo in caso di rogito definitivo

La finalità della caparra nella vendita casa


Spesso nella stipula di un compromesso di compravendita di un immobile, che sia terreno o fabbricato, il venditore riceve dall’acquirente una somma di denaro a titolo di caparra.
Tale somma, a seconda dei casi, potrà essere oggetto di ritenzione da parte del venditore stesso o di successiva restituzione.

Altre volte può acquisire la funzione di acconto sul prezzo di acquisto.
Stiamo parlando della c.d. caparra confirmatoria disciplinata dall’art. 1385 del codice civile ai sensi del quale espressamente si prevede che se al momento della conclusione del contratto una parte dà all'altra, a titolo di caparra, una somma di danaro o una quantità di altre cose fungibili, la caparra, in caso di adempimento, deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta.

Se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra.

Caparra confirmatoria
Se però la parte che non è inadempiente preferisce domandare l'esecuzione o la risoluzione del contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali.

La sua funzione, dunque, è quella di tutelare le parti della compravendita e maggiormente il veditore e va tenuta distinta dalla caparra c.d. penitenziale prevista dal successivo art. 1386 del medesimo c.c. a norma del quale se nel contratto è stipulato il diritto di recesso per una o per entrambe le parti, la caparra ha la sola funzione di corrispettivo del recesso.

In questo caso, il recedente perde la caparra data o deve restituire il doppio di quella che ha ricevuta.


Vendita casa, caparra e aspetto IVA


Nell’ambito della compravendita, dunque, la caparra confirmatoria ha una finalità risarcitoria del danno che emerge dalla mancata conclusione del contratto dopo il c.d. compromesso.

Come tale essa non costituisce un corrispettivo per il venditore che la trattiene e, quindi, non rientra nel campo di applicazione dell’IVA ai sensi degli art. 2 e 3 del DPR n. 633 del 1972 (c.d. decreto IVA).

Nell'ipotesi, invece, di regolare adempimento del contratto preliminare di acquisto, la caparra è imputata sul prezzo del bene oggetto del contratto definitivo, assoggettabile a Iva, andando a incidere sulla relativa base imponibile e, prima ancora, a integrare il presupposto impositivo dell'imposta medesima.

Dello stesso avviso è stata anche la Corte di Cassazione nell’Ordinanza n. 10306 del 20 maggio 2015, dove i giudici hanno osservato che le pattuizioni di caparre, difatti, sono contratti autonomi, in tal maniera distinguendosi dai versamenti di acconti, che costituiscono soltanto anticipazioni del prezzo e, quindi, adempimenti parziali anticipati delle future cessioni, rilevanti ai fini del suddetto presupposto d'imposizione.

L'inadempimento dell’acquirente alla conclusione del contratto definitivo propizia il trattenimento della caparra in seno al venditore, che serve, si è visto, a risarcire il promittente venditore stesso.

L'aspetto IVA
Per la Suprema Corte, un tale risarcimento non costituisce il corrispettivo di una prestazione e, per conseguenza, non fa parte della base imponibile dell'IVA.
D’altronde, si specifica che il pagamento di somme di denaro (o la dazione di cose fungibili), eseguito a titolo di caparra confirmatoria di un contratto di compravendita di bene immobile, è oggetto di fatturazione solo nella misura in cui tali somme (o cose fungibili) siano destinate ad anticipazione del prezzo per l'acquisto del bene, per volontà delle parti.

Anche i giudici, dunque, hanno affermato in tale sede il principio generale in base al quale il versamento di caparre confirmatorie a corredo di contratti preliminari di compravendite di immobili , rimasti poi inadempiuti, non determina l'insorgenza del presupposto impositivo dell'imposta sul valore aggiunto.


L'aspetto reddituale



Sotto l’aspetto reddituale, la giurisprudenza se ne è occupata nella sentenza n. 11307 del 31 maggio 2016 della Corte di Cassazione, sezione tributaria in cui giudici hanno ritenuto che l'inquadramento della clausola penale rientra pienamente nel disposto dell'art. 6, comma 2, del TUIR.

Secondo quest'ultimo sono considerati redditi della stessa categoria di quelli perduti le indennità conseguite a titolo di risarcimento di danni consistenti nella perdita di diritti, concordando la dottrina nell'affermare che, in caso di inadempimento dell'obbligazione principale, la rilevanza dell'imposizione diretta della corresponsione della penale ha per base la visione civilistica della fattispecie come essenzialmente risarcitoria.

In questa prospettiva – hanno proseguito i giudici - in seno all'incremento patrimoniale che si verifica a vantaggio della parte non inadempiente, con l'introito della penale, sono state individuate, ai fini tributari, una componente risarcitoria della perdita subita e una componente risarcitoria del mancato guadagno; quest'ultima è assimilata a reddito, e quindi assoggettata ad imposizione diretta, in quanto surrogatoria del mancato reddito a causa dell'inadempimento dell'altro contraente.

Per l'individuazione di tali componenti all'interno della prestazione risarcitoria si è fatto ricorso al criterio riferito all'attitudine a produrre reddito della prestazione principale rimasta ineseguita.
In caso affermativo, l'introito della penale viene a sua volta considerato reddito per la parte afferente a tale mancato reddito.
L'aspetti IVA
Ne consegue che la penale è assoggettabile a imposizione diretta, in quanto la prestazione principale rimasta ineseguita (cessione dell'immobile) avrebbe costituito reddito ai sensi dell'art. 67, comma 1, TUIR. La Corte ha, quindi, condiviso le asserzioni dell'Ufficio dell’Agenzia delle Entrate circa la caparra incamerata dal venditore costituendo la stessa il risarcimento della perdita di proventi che, per loro natura e in base a quanto sopra considerato avrebbero generato redditi tassabili per un soggetto privato, con il conseguimento di una plusvalenza ai sensi del menzionato art. 67 del TUIR.

Tuttavia nel lontano 1982, l’Amministrazione finanziaria (nella Risoluzione n. 8/1854) aveva osservato diversamente, ritenendo che la ritenzione della caparra non configurasse, ai fini fiscali, come un incremento di ricchezza, derivante dall'impiego di capitale, dal godimento di un bene o, più genericamente, dall'attività umana, che costituisce - secondo la più accreditata dottrina - l'elemento essenziale del reddito inteso in senso tecnico, passibile d'imposta.

riproduzione riservata
Articolo: Vendita casa: caparra risarcitoria non fa reddito
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Vendita casa: caparra risarcitoria non fa reddito: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.168 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Finestra pvc-alluminio KF410
    Finestra pvc-alluminio kf410...
    1.00
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.40
  • Divano letto in ecopelle
    Divano letto in ecopelle...
    199.00
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    18.00
Notizie che trattano Vendita casa: caparra risarcitoria non fa reddito che potrebbero interessarti


Compromesso obblighi dell'acquirente in presenza di abuso

Comprare casa - Il compromesso: Obblighi del promissario acquirente in presenza di un abuso di modesta entità, è tenuto ad onorare la promessa di acquisto?

Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Normative - Se l'immobile oggetto del preliminare di compravendita è difforme rispetto a quanto pattuito, il compratore può chiedere la restituzione del doppio della caparra.

Compravendita: acconto, caparra e mediatore

Comprare casa - È uso non obbligatorio, firmare un assegno per bloccare la proposta di acquisto di un immobile che può essere di due tipi: caparra confirmatoria oppure acconto.

Proposta acquisto casa e caparra confirmatoria

Comprare casa - Cosa sono la proposta d'acquisto di una casa, il contratto preliminare e la caparra confirmatoria; quali sono le informazioni da acquisire prima di concludere l'acquisto.

Preliminare di vendita: che fare se il venditore cambia idea?

Comprare casa - Quali sono gli strumenti giuridici a disposizione dell'acquirente qualora, dopo il contratto preliminare il venditore si rifiuti di vendere l'immobile promesso.

Rogito differito

Comprare casa - L'acquisto di una casa a rogito differito è una modalità che può essere utile per chi non dispone di una somma iniziale sufficiente per stipulare un mutuo.

Contratto preliminare e condizione sospensiva: di cosa si tratta

Comprare casa - In caso di stipula di un preliminare di compravendita le parti possono accordarsi per l'inserimento di una condizione sospensiva. Vediamo cos'è e come funziona

Vendita immobile: il contenuto del preliminare e le verifiche da fare

Proprietà - Contratto con cui le parti si impegnano a stipulare una futura compravendita, nel preliminare devono esserci elementi essenziali ed è necessario fare delle verifiche.

Acquisto prima casa e calcolo delle imposte

Comprare casa - Vediamo le principali regole da seguire quando si compra una casa, in modo da calcolare i costi e le imposte e poter usufruire al meglio dei benefici previsti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img dantino
Ho la piena proprietà di una palazzina costituita da 5 piccoli appartamenti di cui uno da me abitato; circonda lo stabile una piccola striscia di terreno adibita a giardino...
dantino 07 Febbraio 2015 ore 17:38 1
Img roykatia
Qualcuno mi aiuti!!!Devo vendere casa tramite mediatore, dai controlli fatti il garage non è accatastato.Ora il mediatore mi chiede per l'accatastamento 1500 euro e...
roykatia 23 Aprile 2015 ore 22:03 4
Img ale_jandro
Buon pomeriggio a tutti. Nel luglio 2017 abbiamo acquistato un terreno ed un rudere (ex chiesa) da un ente ecclesiastico in zona vincolata paesaggisticamente. Per l'ex chiesa non...
ale_jandro 06 Marzo 2020 ore 17:16 7
Img chris2464
Buonasera Spero che qualcuno mi possa aiutare.Ho firmato un contratto per vendere un immobile con un agenzie immobiliare.Si tratta di una mansarda ed è quindi accatastata...
chris2464 10 Gennaio 2015 ore 18:47 1
Img francescoscarpati
A seguito della nuova legge e della riforma dell'artiolo 1117 cc, quali sono le procedure da eseguire per la compravendita delle parti comuni di un condominio? Qual è la...
francescoscarpati 07 Agosto 2017 ore 10:58 9