Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Vendere una casa ricevuta in donazione: quali sono i rischi

La vendita di una casa ricevuta in donazione è un'operazione difficile che presenta dei limiti e dei rischi per chi acquista l'immobile. Vediamo come si può fare
05 Maggio 2018 ore 10:03 - NEWS Comprare casa

Si può vendere un immobile donato?


La vendita di un immobile ricevuto in donazione è un'operazione piuttosto complicata.
Molteplici sono le limitazioni da tener presente poiché l'affare nasconde diverse insidie, in particolar modo per l'acquirente.

È bene dunque che chi si appresta a vendere o acquistare un immobile oggetto di donazione, sia a conoscenza di tutti gli aspetti legali connessi alla procedura, sappia quali sono i rischi cui si può andare incontro, e quali le possibili tutele previste a garanzia della buona riuscita dell'affare.

Approfondire le principali questioni giuridiche in merito alla vendita immobile donato consente di affrontare con consapevolezza i rischi che si possono correre, evitando spiacevoli sorprese.

Andiamo per gradi inquanto si tratta di una fattispecie piuttosto complessa.
Partiamo col dire che un acquisto immobile donato è valido e non costituisce alcuna violazione di legge. Con la donazione il bene è entrato a far parte del patrimonio del donatario e questi può disporne come meglio crede.

Si dovrà tuttavia tenere in considerazione alcuni aspetti connessi alla successione ereditaria, in caso di decesso del donante, che potrebbero far tornare l'immobile nelle mani degli eredi di chi ha stipulato l'atto di donazione.

A parte i casi di revoca della donazione, i rischi legati alla provenienza da donazione dell'immobile compravenduto sono dovuti alla presenza di eredi legittimari.
Quali sono le azioni a tutela dei legittimari che possono pregiudicare l'acquisto dell'immobile?

Partiamo col dire che la donazione effettuata in vita dal defunto può ledere la quota di legittima (cioè la quota minima di eredità) spettante al coniuge, ai figli e agli ascendenti.
Nel calcolare tali quote riservate ai legittimari (delle quali costoro non possono essere privati per mera volontà del defunto) si devono considerare anche le donazioni effettuate dal defunto prima del decesso.

Cosa succede se con l'atto di donazione si sono lesi i diritti degli eredi legittimari?
A questi ultimi gli articoli 536 e seguenti del codice civile riconoscono una situazione di particolare privilegio, in caso di decesso dei loro stretti familiari.

Quali sono le azioni legali riconosciute dalla legge ai legittimari?

Quali sono gli effetti delle predette azioni, in caso di alienazione del bene donato nei confronti dei successivi acquirenti?

Immobile ricevuto in donazione
Si pensi all'ipotesi in cui Tizio doni un immobile al figlio Caio e questi successivamente venda la casa a Sempronio. In caso di morte di Tizio, qualora i fratelli di Caio ritengano lese le loro quote di legittima, potranno impugnare la donazione e pretendere la restituzione dell'immobile anche a Sempronio, il cui acquisto viene così messo in pericolo.

I legittimari che non ricevono quanto loro riservato in base al calcolo della legittima, possono agire in riduzione per ottenere l'inefficacia delle donazioni lesive.
Con l'azione di riduzione il legittimario potrà, in primo luogo, escutere gli altri beni facenti parte del patrimonio del donatario, ove egli abbia venduto l'immobile ricevuto in donazione.

Qualora l'escussione risulti infruttuosa, per mancanza di beni sufficienti a soddisfare le ragioni dell'istante, il legittimario potrà esperire l'azione di restituzione nei confronti dei successivi acquirenti, per recuperare l'immobile donato e reintegrare la propria quota.
Facendo un esempio, l'acquirente del figlio Caio, donatario del genitore deceduto, dovrà restituire alla massa ereditaria, la casa acquistata dal donatario. La compravendita perderà la propria efficacia.


L'azione di riduzione da parte dei legittimari lesi si può esperire entro 10 anni dall'apertura della successione e la restituzione dell'immobile donato potrà essere chiesta al donatario e ai successivi aventi causa entro massimo 20 anni dalla trascrizione della donazione.
Decorsi i suddetti termini la casa è salva. L'immobile non potrà essere più aggredito dai legittimari e i successivi acquirenti non correranno più alcun rischio.
Si ricorda che i legittimari possono trascrivere un atto di opposizione alla donazione, mediante il quale si sospende il termine prescrizionale.

Chi ha comprato e pagato un immobile ricevuto in donazione non ha la garanzia totale di divenire il proprietario indiscusso, fin quando non sia trascorso un determinato lasso di tempo, trascorso il quale non potranno più essere esperite azioni a lui pregiudizievoli.

Seguito quanto finora esposto, è indiscutibile che vendere una casa ricevuta in donazione risulta un'operazione alquanto difficile essendo fonte di possibili controversie.

Oltre a minacciare la sicurezza della compravendita, un bene ricevuto in donazione rende più difficile ottenere un finanziamento da parte delle banche, restie a concedere l'erogazione del denaro a fronte di un bene che potrebbe uscire dal patrimonio del debitore.
Un'eventuale azione di riduzione o restituzione dell'immobile nei confronti dell'acquirente comporterebbe il venir meno della garanzia del mutuo concesso.

Dunque, si può vendere una casa donata? Vediamo di seguito se e in quali modi si possono superare i limiti riscontrati.


Quali sono le tutele per l'acquirente


Tenuto conto di quanto sopra esposto si consiglia molta prudenza quando ci si appresta a comprare un immobile ricevuto in donazione.
Dopo aver analizzato i problemi concreti che spaventano i potenziali acquirenti, limitando le possibilità di vendere o costringendo a svendere un immobile, soffermiamoci su quelle che sono le possibili soluzioni.

Innanzitutto è fondamentale, per entrambe le parti interessate, affidarsi a dei seri professionisti che siano in grado di prospettare i possibili rischi, individuare le verifiche da effettuare e proporre le soluzioni per limitare al massimo eventuali situazioni pregiudizievoli.

Se si pensa alle difficoltà che incontra l'acquirente ad accendere un mutuo, un appartamento ricevuto in donazione risulta pressoché invendibile. Si può allora effettuare un acquisto immobile proveniente da donazione in tutta sicurezza?

La prima forma di tutela, a garanzia di chi compra casa, è la rinuncia da parte dei eredi legittimari pretermessi o lesi, all'azione di riduzione loro riconosciuta dalla legge, da effettuarsi tramite dichiarazione scritta. Si ricorda che detto atto di rinuncia può essere effettuato solo dopo la morte del donante.
Seguito rinuncia ad agire da parte degli eredi si potrà vendere e acquistare tranquillamente un immobile ricevuto in donazione, senza che siano necessariamente trascorsi 20 anni dalla trascrizione della donazione.

Casa ricevuta in donazione
Risulta di fondamentale importanza appurare quanto tempo sia trascorso dall'atto di donazione e dall' eventuale decesso del donante. Ribadiamo che qualora il donante sia deceduto da più di 10 anni, il diritto di agire dei legittimari deve considerarsi prescritto. L'acquirente non correrà più alcun rischio in quanto le azioni di riduzione e restituzione non potranno più essere esperite.

Qualora siano decorsi più di 20 anni dalla data della donazione, sempre che i legittimari non abbiano fatto opposizione alla donazione, a prescindere dal fatto che il donante sia o meno in vita, l'azione di restituzione non potrà più essere esercitata e la compravendita si potrà considerare definitiva.

Altra soluzione che il compratore può prendere in considerazione è di pagare l'equivalente in denaro della casa, quale prezzo per poterla trattenere. Resta salvo il diritto dell'acquirente al rimborso da parte del venditore.

Soluzione da prendere in esame che costituisce rimedio tra l'altro piuttosto utilizzato, è il mutuo consenso allo scioglimento della donazione. Siamo in presenza di un contratto vero e proprio tra il donante (se ancora in vita) e chi ha ricevuto la donazione, da stipulare prima di mettere in vendita la casa. Con tale atto si risolve il contratto di donazione, eliminandone i suoi effetti. Lo scioglimento avrà effetto retroattivo e la donazione non si considererà mai avvenuta. In sostanza, il bene tornerà in possesso del donante che ne riacquisterà la proprietà.
A questo punto la vendita si potrà stipulare con l'ex donante e non vi saranno più rischi.

Per dare carattere definitivo al proprio acquisto si può pensare di stipulare una copertura assicurativa.

Polizza di assicurazione


Dopo aver delineato le complicazioni connesse alla vendita e all'acquisto di una casa proveniente da una donazione, ricordiamo che l'affare più divenire più sicuro grazie ad un'assicurazione che garantisca l'acquirente per l'evizione da parte di eredi legittimari che si ritengano lesi.
Non tutte le Compagnia assicuratrici offrono tale copertura pertanto bisognerà adoperarsi per trovare un prodotto adeguato alle esigenze.

Vendita del Bene donato
Il vantaggio della polizza assicurativa è dato anche dal fatto che, con ogni probabilità, anche le banche, in presenza di copertura, concederanno di buon grado il mutuo per l'acquisto.

Con il versamento di un premio, che verrà calcolato in ragione delle caratteristiche e valore dell'immobile, oltre ad altri elementi come età del donante, somma assicurata o numero degli eredi, si potrà essere garantiti dal rischio di restituzione, solitamente fino allo scadere del termine di 20 anni dalla stipula della donazione.

La polizza permetterà infatti al terzo acquirente, di recuperare la somma di denaro necessaria per versare al legittimario l'equivalente in denaro, evitando così l'obbligo di restituire l'immobile.
La polizza può essere sottoscritta contestualmente all'atto di donazione ma anche successivamente per garantire la collocazione futura della casa sul mercato immobiliare .


riproduzione riservata
Articolo: Vendere una casa ricevuta in donazione
Valutazione: 3.57 / 6 basato su 7 voti.

Vendere una casa ricevuta in donazione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Angelo14
    Angelo14
    Domenica 24 Febbraio 2019, alle ore 19:16
    Un padre fa una donazione indiretta alla figlia che poi vende l'immobile in una eventuale collazione quale prezzo viene inserito ?
    rispondi al commento
  • Leo camillo
    Leo camillo
    Lunedì 10 Settembre 2018, alle ore 21:57
    Interessante.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.342 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Vendere una casa ricevuta in donazione che potrebbero interessarti


Cessione con obbligo di mantenimento

Comprare casa - Un'alternativa alla donazione indiretta che tutela maggiormente il donatore in caso di necessità future di assistenza è la cessione con obbligo di mantenimento.

In quali casi è possibile revocare la donazione della casa al figlio?

Proprietà - Quando e come è possibile richiedere la revoca della donazione fatta dal padre al figlio. Quali sono i termini da rispettare e le regole previste dalla legge.

Preliminare di donazione: è valido?

Proprietà - Il contratto preliminare può essere utilizzato per vincolare una parte alla stipula di una donazione futura? Per la giurisprudenza la promessa di donazione è nulla

Come impugnare una donazione per lesione della quota legittima

Proprietà - Come l'erede tutela i propri diritti se il defunto ha effettuato donazioni in vita che riducono il patrimonio? Come impugnare la donazione con azione di riduzione

Documenti per la donazione di immobili

Normative - Quali sono i documenti che il proprietario deve preparare o richiedere ai pubblici uffici quando intende firmare un atto di donazione per un fabbricato o terreno?

Donazione, successione e diritti del secondo coniuge

Proprietà - Per la Cassazione i diritti ereditari del secondo coniuge valgono anche nei confronti delle donazioni disposte dal defunto in periodo antecedente al matrimonio.

Acquistare immobili provenienti da donazioni

Comprare casa - Quali sono i casi che si possono verificare e quali rischi può correre il promissario acquirente di un immobile se quest'ultimo deriva da una precedente donazione?

Quali sono le tipologie di donazione immobili?

Proprietà - Indiretta, modale, remuneratoria, a nascituro: ecco una guida sulle tipologie di donazione immobili esistenti nel nostro ordinamento e quando sono annullabili.

Usufrutto: atto di donazione e sua revoca

Proprietà - Mediante donazione si può cedere l'usufrutto o donare la nuda proprietà con riserva di usufrutto per sè o per altri. Tale atto, a certe condizioni è revocabile.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img catiaamadio ciccantelli
Buongiorno. Possiedo un appartamento all'interno di una palazzina costruita su area PEEP. Negli anni sono stati venduti diversi appartamenti a prezzi di mercato pur non essendo...
catiaamadio ciccantelli 02 Settembre 2020 ore 17:26 2
Img elisalivorno
Ho trovato il compratore per la casa, lui deve prendere il mutuo, adesso ho tutti i documenti, certificato agibilità, relazione, ACE, dichiarazioni, atto acquisto casa ecc.
elisalivorno 24 Gennaio 2020 ore 17:10 2
Img numbor
Ciao a tutti, vi sottopongo una questione, premetto che la casa è a San Marino. La mia compagna nel 2002 ha acquistato un piccolo appartamento senza garage o posto auto...
numbor 21 Ottobre 2019 ore 12:42 3
Img anonimo
Sottopongo la mia particolare situazione,tempo fa ho incaricato un'agenzia in esclusiva di vendere la mia prima casa, dopo 6 mesi ho firmato da loro l'accettazione del compromesso...
anonimo 31 Dicembre 2015 ore 09:12 1
Img valedebe17
Buona sera,mio marito ed io abbiamo deciso di vendere la ns casa e ci siamo appoggiata ad una nota agenzia immobiliare, ci hanno messo in contatto con gli acquirenti e ci hanno...
valedebe17 09 Novembre 2015 ore 18:08 1