Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Migliorie eseguite dall’usufruttuario: è possibile chiedere un’indennità?

L'usufruttuario ha diritto ad un'indennità per gli interventi di miglioramento che sussistono al momento della restituzione dell'immobile. Come viene calcolata?
- NEWS Proprietà
Barra Progettazione Online

Lavori di miglioramento eseguiti dall'usufruttuario


Non è raro che l’usufruttuario esegua dei lavori nella casa oggetto di usufrutto, finalizzati a rendere più funzionale e moderno l’immobile.

In caso di usufrutto vitalizio anche gli eredi potranno chiedere al proprietario un compenso per il miglioramento conseguito dall’immobile al momento della restituzione?

Prima di entrare nel merito di quello che è l’oggetto del nostro articolo occorre fare un breve cenno a quelle che sono le caratteristiche del diritto di usufrutto.


Che cos'è l'usufrutto


Il diritto di usufrutto consiste in un diritto reale di godimento con il quale l’usufruttuario acquisisce la facoltà di utilizzare e godere del bene facendone propri i frutti, sia civili che naturali.

Il bene resta di proprietà del concedente che diventa nudo proprietario.
Questo sta a significare che la proprietà a lui spettante non sarà più piena poiché limitata dalla coesistenza sulla medesima cosa di un diritto reale altrui.


L’usufrutto implica una serie di diritti e doveri a carico dell’usufruttuario. Tra questi vi è l’obbligo di mantenere inalterata la destinazione economica del bene, ovvero le sue caratteristiche e la natura dello stesso, che devono restare invariate durante la vigenza dell’usufrutto.


Durata dell'usufrutto


Sulla base di quanto stabilito dall'articolo 979 codice civile, la durata dell’usufrutto non può eccedere la vita dell’usufruttuario. In tal caso si parla di usufrutto vitalizio.

Può sempre essere prevista una scadenza differente mediante accordo tra le parti.

Nel caso in cui l’usufrutto venga costituito in favore di persona giuridica, questo non può durare più di 30 anni.


L'usufruttuario ha diritto ad un compenso per i miglioramenti?


Pur nel rispetto della destinazione economica del bene, l’usufruttuario può apportare dei miglioramenti all'immobile di usufrutto. Egli infatti, a proprie spese, può eseguire delle opere che ne aumentino la redditività.

L’usufruttuario, per esempio, potrà decidere di effettuare dei lavori di rinnovamento degli impianti senza dover chiedere l'autorizzazione al nudo proprietario, sempreché ciò non sia escluso dall'atto costitutivo.

Migliorie usufruttuario
Quali sono le conseguenze del suo operato al termine dell’usufrutto?
Qualora venissero eseguiti dei lavori implicanti un miglioramento per l’immobile oggetto di usufrutto l'usufruttuario stesso o i suoi eredi in caso di decesso, avranno diritto a ricevere un’indennità nel momento in cui il bene viene restituito.


Come viene calcolata l’indennità


In base a quanto stabilito dal codice civile per il calcolo dell’indennità si deve tener conto della minor somma tra la spesa sostenuta e l’aumento di valore conseguito dal bene a seguito delle migliorie.

L’autorità giudiziaria interpellata potrebbe stabilire che l’indennità venga corrisposta ratealmente, previa idonea garanzia.

Indennità per migliorie usufruttuario
L’indennità può essere esclusa in caso di usufrutto costituito volontariamente, ad esempio mediante contratto, allorquando le parti stabiliscono che per eventuali migliorie non sarà dovuto alcunché.


Cosa sono le migliorie?


Ma che cosa si intende per migliorie? Sono quegli interventi dai quali consegue il miglioramento qualitativo delle parti originarie del bene senza che venga effettuata alcuna addizione. La miglioria implica un aumento di valore del bene che non può essere separata o rimossa dalla struttura originaria.


Cosa succede in caso di addizioni


Qualora gli interventi eseguiti sull’immobile dato in usufrutto comportino delle addizioni non trova applicazione la disciplina sulle migliorie precedentemente descritta.
Tuttavia, come in caso di migliorie, l’intervento costituente addizione può essere realizzato solo nel rispetto della destinazione economica del bene.

Qualora al termine dell’usufrutto l’usufruttuario o i suoi eredi possano togliere le addizioni senza alcun danno per la cosa, procederanno con l'eliminazione delle addizioni effettuate, a meno che il proprietario preferisca mantenerle.

In questa evenienza dovrà versare all’usufruttuario o agli eredi una indennità pari alla minor somma tra l’ammontare della spesa sostenuta e il valore delle addizioni al momento della consegna del bene in usufrutto.

Nel caso in cui le addizioni non possono separarsi senza alcun pregiudizio per la cosa, e costituiscano un miglioramento della stessa, si applicheranno invece le disposizioni precedentemente descritte in tema di migliorie.


Costruzione su terreno in usufrutto: accessioni


Sulla base di quanto stabilito dall’articolo 983 codice civile l’usufrutto si estende anche alle accessioni della cosa.

Per accessione si intende un modo di acquisto della proprietà che si verifica quando la proprietà di una cosa (ad esempio una costruzione) si estende a ciò a cui si unisce (il terreno) per effetto di incorporazione materiale. La costruzione con l’unione al suo terreno passa al proprietario del fondo.

Costruzione su terreno in usufrutto
Ipotizziamo che nel corso della durata dell’usufrutto il proprietario decida di costruire sul terreno dato in usufrutto.

Si profilano due situazioni: che vi sia il consenso (espresso o tacito che sia) dell’usufruttuario o che invece manchi la volontà di quest’ultimo.

Nel primo caso l’usufruttuario sarà tenuto a corrispondere gli interessi sulle somme impiegate dal proprietario. È irrilevante che ciò comporti o meno un incremento di reddito.

Nel secondo caso l’usufruttuario potrà obbligare il nudo proprietario a demolire l’opera. La rimozione non sarà possibile nel caso in cui il nudo proprietario abbia agito in buona fede o qualora egli preferisca comunque tenerla.

Cosa succede se la costruzione sul fondo è stata realizzata da un terzo e non dal nudo proprietario? L’usufruttuario in questi casi potrà opporre il suo diritto a richiedere sempre la rimozione dell’immobile.


riproduzione riservata
Usufrutto in caso di migliorie e addizioni
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Usufrutto in caso di migliorie e addizioni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
341.151 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Usufrutto in caso di migliorie e addizioni che potrebbero interessarti

Divisione ereditaria: cosa spetta al coerede che apporta migliorie all'immobile

Proprietà - La Corte di Cassazione ribadisce con che criterio vanno rimborsate le spese sostenute da uno dei coeredi per le migliorie apportate all'immobile da lui posseduto

Migliorie all'immobile comune da parte di un comproprietario

Proprietà - Il comproprietario ha apportato migliorie al bene effettuando dei lavori di ristrutturazione. Gli spetta il rimborso delle spese sostenute in sede di divisione?

Locazione e innovazioni, trasformazioni, migliorie e riparto delle spese

Affittare casa - Le spese per innovazioni, trasformazioni e migliorie alle strutture e agli impianti per norme entrate in vigore dopo la consegna del bene sono a carico del conduttore.

Come avviene la tassazione del canone di locazione ridotto per migliorie?

Affittare casa - Se il proprietario dà uno sconto sull'affitto in cambio di lavori di miglioria sull'immobile, deve dichiarare al Fisco l'intero canone o solo quanto percepito?

Iva agevolata per lavori extracapitolato

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con la Risoluzione n. 22/E del 22 febbraio 2011 l'Agenzia delle Entrate risponde ad un quesito in merito all'applicazione dell'Iva agevolata per la commissione di lavori extracapitolato.

Spese per la casa familiare di proprietà esclusiva e scioglimento della comunione

Proprietà - Le somme spese durante il matrimonio per le migliorie della casa di proprietà esclusiva dell'altro coniuge, vanno restituite in sede di scioglimento della comunione?

I problemi del decreto antifrode spiegati dall'ANACI

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Associazione Nazionale degli Amministratori Condominiali e immobiliari fornisce il proprio parere sui problemi dovuti dall'entrata in vigore del decreto antifrode

Ecosistema Urbano 2010

Progettazione - Presentata a Settembre la nuova edizione della ricerca sullo stato ambientale delle citta' capoluogo in Italia.

Ristrutturazione casa coniugale: possibile il rimborso dopo la separazione?

Leggi e Normative Tecniche - Cosa succede se dopo i lavori di ristrutturazione nella casa coniugale i coniugi si separano? È previsto il rimborso dei costi sostenuti da un solo coniuge?