Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Usufrutto congiuntivo: nozione e durata

L'usufrutto congiuntivo consente ai vari usufruttuari di accrescere le proprie quote, fino all'esitinzione del diritto dopo il decesso dell'ultimo usufruttuario.
19 Gennaio 2018 ore 14:40 - NEWS Proprietà

UsufruttoIl codice civile disciplina una serie determinata di diritti reali, vale a dire di diritti che si esercitano su di una cosa; tra questi v'è l'usufrutto.

La legge si limita a specificare le modalità di costituzione di tale diritto specificando, all'art. 978 c.c., che:

L' usufrutto è stabilito dalla legge o dalla volontà dell'uomo. Può anche acquistarsi per usucapione.

Con usufrutto stabilito dalla legge si fa riferimento, ad esempio, a quello dei genitori sui beni del figlio minore (cd. usufrutto legale).


Usufrutto testamentario e usufrutto per usucapione


Quello stabilito per volontà dell'uomo è il così detto usufrutto contrattuale o testamentario.

L'usufrutto per usucapione, infine, si costituisce a seguito dell'esercizio protratto nel tempo in modo pacifico ed indisturbato per almeno vent'anni (o dieci se v'è un titolo inidoneo ma l'usufruttuario è in buona fede).

Ciò che la legge non ci fornisce è la definizione di questo diritto reale.


Nozione e durata dell'usufrutto


A sopperire a questa lacuna ci hanno pensato la dottrina e la giurisprudenza.


Ad oggi, il riferimento è a quella che può dirsi la definizione comunemente accolta, si dice che l'usufrutto è il diritto reale minore che conferisce al titolare la possibilità di trarre ogni utilità possibile dal bene, fermo rimanendo il limite consistente nel rispetto della destinazione economica (D.Minussi, Proprietà – Possesso - Diritti Reali, Ed. Giuridiche Simone, 2009).

Il proprietario diviene nudo proprietario e così facendo si spoglia di molti dei suoi poteri e quindi diritti sul proprio bene a favore di un'altra persona che prende il nome di usufruttuario.

Mentre la proprietà non ha limiti di durata, la durata del diritto di usufrutto è ben circostanziata dalla legge.

In tal senso l'art. 979 c.c. recita:

Usufrutto La durata dell'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario.

L'usufrutto costituito a favore di una persona giuridica non può durare più di trenta anni.

È fondamentale quindi la distinzione tra persona fisica e giuridica.

La prima, è banale dirlo, vive una vita limitata al numero degli anni che resta vivo; se l'usufrutto è costituito a suo favore, quindi, la sua durata massima può coincidere con la vita della persona che ne beneficia.

Ciò naturalmente non toglie che le parti possano concordarlo per un numero minore di anni.

Per quanto riguarda le persone giuridiche (società di capitali, ecc.) la ratio della norma è chiara: posto che una società può vivere anche centinaia di anni, far coincidere la durata dell'usufrutto con la vita della società potrebbe voler dire svuotare d'ogni significato il diritto di proprietà sottostante.

L'art. 1014 c.c. specifica altre cause d'estinzione del diritto.


Usufrutto verso più persone o usufrutto congiuntivo


Per ora da quello che s'è detto pare che se Tizio vuole costituire un usufrutto possa farlo solamente verso un'altra persona.

Giusto?
Sbagliato!

Infatti, sebbene la legge ne parli solamente nell'ambito delle disposizioni riguardanti l'eredità, è ben possibile che Tizio conceda in usufrutto a più persone la sua proprietà.

È questo il caso dell'usufrutto congiuntivo che, se non determinato nella durata, ha una peculiarità: esso si estingue con il decesso dell'ultimo usufruttuario.

In tal senso, nel silenzio della legge, la Corte di Cassazione ha avuto modo di affermare che occorre premettere che anche per contratto può stabilirsi che le quote di usufrutto, inizialmente spettanti ai vari compratori, si accrescano man mano, in seguito alla morte dei loro titolari o ad altre cause di estinzione che li riguardino, alle quote dei contitolari superstiti fino a riunirsi, tutte, in capo al superstite ultimo.


Usufrutto congiuntivoInvero, sebbene la figura dell' usufrutto congiuntivo - caratterizzata, appunto, dal diritto di accrescimento tra i contitolari, tale da impedire la consolidazione di qualsiasi quota dell'usufrutto con la nuda proprietà finchè rimane in vita almeno uno dei contitolari originari - sia disciplinata in relazione al legato (art. 678 cod. civ.), nulla vieta (in tal senso dovendosi ritenere superato il remoto precedente contrario di questa Corte sez. 1, 5 maggio 1937, n. 1411) - dato che la figura non contrasta con il carattere essenziale, e di ordine pubblico, della temporaneità dell'usufrutto - che anche l'atto inter vivos a titolo oneroso possa costituire la fonte del diritto di accrescimento tra cousufruttuari, ossia del permanere del diritto di usufrutto sull'intera cosa fino al limite massimo della morte dell'ultimo usufruttuario e, entro questi limiti, della possibilità che il diritto in questione resti fermo, senza la corrispondente espansione della proprietà, pur quando nei confronti di uno o più titolari siano divenute operanti le cause di estinzione previste dalla legge (Cass. 17 novembre 2011 n. 24108).

La forma più ricorrente di usufrutto congiuntivo è quella che veda il diritto concesso a due coniugi con accrescimento della quota del deceduto a favore del superstite.

riproduzione riservata
Articolo: Usufrutto congiuntivo
Valutazione: 4.54 / 6 basato su 28 voti.

Usufrutto congiuntivo: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gianluca
    Gianluca
    Mercoledì 26 Aprile 2017, alle ore 14:00
    Volevo sapere se una persona a l'usufrutto insieme al proprietario dell'immobile, alla morte di quest'ultimo( il proprietario) , gli eredi possono pretendere la parte del defunto?
    Oppure rimane tutto all'altro usufruttiario anche non essendo proprietario?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Gianluca
      Mercoledì 26 Aprile 2017, alle ore 15:28
      Il proprietario non può essere anche usufruttuario. Quindi non mi è chiara la domanda
      rispondi al commento
  • Sergio Turchi
    Sergio Turchi
    Martedì 7 Febbraio 2017, alle ore 11:00
    Avere la nuda proprietà ed anche l'usufrutto unitamente ad altra persona giuridica che ha l'usufrutto è possibile ?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Sergio Turchi
      Venerdì 10 Febbraio 2017, alle ore 10:44
      Chi è usufruttuario non può anche essere nudo proprietario.
      rispondi al commento
  • Gianni
    Gianni
    Domenica 10 Febbraio 2013, alle ore 00:11
    Madre vedova con 3 figli.
    DIVISIONE di un fabbricato:
    a 2 figli la nuda proprietà, al terzo figlio e alla madre l'usufrutto.
    Come si possono calcolare le 2 quote di usufrutto?
    Trattasi di usufrutto congiuntivo?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.080 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Usufrutto congiuntivo che potrebbero interessarti


Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

Condominio - L'usufruttuario e il nudo proprietario sono responsabili verso il condominio per i propri debiti e non ne rispondono in solido

L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti

Condominio - Se il pagamento riguarda le spese di un appartamento concesso in usufrutto o in locazione, il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale al pagamento delle spese condominiali.

Quando un condomino è usufruttuario, cosa succede?

Assemblea di condominio - Se in un'unità immobiliare vi sia un altro diritto reale, ad esempio l'usufrutto, qual è la sua posizione nei confronti del condominio? Chi pagherà le spese e la manutenzione?

Usufrutto nuda proprietà: chi paga tasse e spese condominiali?

Proprietà - Diritto di usufrutto: una breve guida pratica per capire a chi spetta il pagamento delle spese e delle tasse sull'immobile. Usufruttuario o nudo proprietario?

Quando l'usufruttuario ha diritto di partecipare all'assemblea di condominio?

Assemblea di condominio - L'usufruttuario è titolare di un diritto reale di godimento e come tale soggetto titolato a partecipare all'assemblea. Quando deve essere convocato e quando no?

Usufrutto e condomino apparente

Ripartizione spese - Il condomino, nell'accezione tecnico giuridica del termine, è il proprietario dell'unità immobiliare ubicata in un edificio in condomino.A dire il

Nuda proprietà: vantaggi e svantaggi

Proprietà - La nuda proprietà di un immobile o bene, rappresenta il suo valore venale decurtato dell'usufrutto, cioè del diritto di utilizzare il bene vita natural durante.

Richiedere un mutuo per la nuda proprietà: si può?

Mutui e assicurazioni casa - È possibile fare richiesta di mutuo per acquistare la nuda proprietà. Vediamo in quali casi e con quali modalità gli istituti di credito erogano il finanziamento

Usufrutto: atto di donazione e sua revoca

Proprietà - Mediante donazione si può cedere l'usufrutto o donare la nuda proprietà con riserva di usufrutto per sè o per altri. Tale atto, a certe condizioni è revocabile.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gabriella pobiati
Buongiorno, ho una donazione con atto notarile fatto nel 2005 con diritto di usufrutto da parte di mia madre, di una casa in cui io vivo dal 2005. Nel 2020, in vista della vendita...
gabriella pobiati 18 Gennaio 2021 ore 16:55 1
Img giovannisala
Buongiorno, avrei un quesito al quale non riesco a trovare una risposta certa. Mio figlio abita in un appartamento con i nonni.L'appartamento è totalmente diviso in due...
giovannisala 18 Agosto 2020 ore 10:49 1
Img andreadamasco
Salve sono nuovo del forum,Mia moglie è proprietaria di un appartamento e come usufruttuaria c'è sua madre.Il problema è questo la madre non paga la sua...
andreadamasco 26 Febbraio 2018 ore 16:22 8
Img uriko91
In un palazzo stanno rimuovendo l'amianto dal tetto, le spese di detta ristrutturazione da considerare straordinaria, sono a carico di chi?Usufruttuario o nudo proprietario?A...
uriko91 10 Maggio 2016 ore 12:34 5
Img diante
Salve,in quale modo un amico può dare in prestito un'immobile a un'altro, in modo che l'altro possa affittare tutto l'immobile e ricadano su di lui compensi e spese?Grazie...
diante 12 Settembre 2015 ore 09:14 4