Usufrutto congiuntivo: nozione e durata

NEWS DI Proprietà19 Gennaio 2018 ore 14:40
L'usufrutto congiuntivo consente ai vari usufruttuari di accrescere le proprie quote, fino all'esitinzione del diritto dopo il decesso dell'ultimo usufruttuario.

UsufruttoIl codice civile disciplina una serie determinata di diritti reali, vale a dire di diritti che si esercitano su di una cosa; tra questi v'è l'usufrutto.

La legge si limita a specificare le modalità di costituzione di tale diritto specificando, all'art. 978 c.c., che:

L'usufrutto è stabilito dalla legge o dalla volontà dell'uomo. Può anche acquistarsi per usucapione .

Con usufrutto stabilito dalla legge si fa riferimento, ad esempio, a quello dei genitori sui beni del figlio minore (cd. usufrutto legale).


Usufrutto testamentario e usufrutto per usucapione


Quello stabilito per volontà dell'uomo è il così detto usufrutto contrattuale o testamentario.

L'usufrutto per usucapione, infine, si costituisce a seguito dell'esercizio protratto nel tempo in modo pacifico ed indisturbato per almeno vent'anni (o dieci se v'è un titolo inidoneo ma l' usufruttuario è in buona fede).

Ciò che la legge non ci fornisce è la definizione di questo diritto reale.


Nozione e durata dell'usufrutto


A sopperire a questa lacuna ci hanno pensato la dottrina e la giurisprudenza.

Ad oggi, il riferimento è a quella che può dirsi la definizione comunemente accolta, si dice che l'usufrutto è il diritto reale minore che conferisce al titolare la possibilità di trarre ogni utilità possibile dal bene, fermo rimanendo il limite consistente nel rispetto della destinazione economica (D.Minussi, Proprietà – Possesso - Diritti Reali, Ed. Giuridiche Simone, 2009).

Il proprietario diviene nudo proprietario e così facendo si spoglia di molti dei suoi poteri e quindi diritti sul proprio bene a favore di un'altra persona che prende il nome di usufruttuario.

Mentre la proprietà non ha limiti di durata, la durata del diritto di usufrutto è ben circostanziata dalla legge.

In tal senso l'art. 979 c.c. recita:

Usufrutto La durata dell'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario.

L'usufrutto costituito a favore di una persona giuridica non può durare più di trenta anni.

È fondamentale quindi la distinzione tra persona fisica e giuridica.

La prima, è banale dirlo, vive una vita limitata al numero degli anni che resta vivo; se l'usufrutto è costituito a suo favore, quindi, la sua durata massima può coincidere con la vita della persona che ne beneficia.

Ciò naturalmente non toglie che le parti possano concordarlo per un numero minore di anni.

Per quanto riguarda le persone giuridiche (società di capitali, ecc.) la ratio della norma è chiara: posto che una società può vivere anche centinaia di anni, far coincidere la durata dell'usufrutto con la vita della società potrebbe voler dire svuotare d'ogni significato il diritto di proprietà sottostante.

L'art. 1014 c.c. specifica altre cause d'estinzione del diritto.


Usufrutto verso più persone o usufrutto congiuntivo


Per ora da quello che s'è detto pare che se Tizio vuole costituire un usufrutto possa farlo solamente verso un'altra persona.

Giusto?
Sbagliato!

Infatti, sebbene la legge ne parli solamente nell'ambito delle disposizioni riguardanti l'eredità, è ben possibile che Tizio conceda in usufrutto a più persone la sua proprietà.

È questo il caso dell'usufrutto congiuntivo che, se non determinato nella durata, ha una peculiarità: esso si estingue con il decesso dell'ultimo usufruttuario.

In tal senso, nel silenzio della legge, la Corte di Cassazione ha avuto modo di affermare che occorre premettere che anche per contratto può stabilirsi che le quote di usufrutto, inizialmente spettanti ai vari compratori, si accrescano man mano, in seguito alla morte dei loro titolari o ad altre cause di estinzione che li riguardino, alle quote dei contitolari superstiti fino a riunirsi, tutte, in capo al superstite ultimo.


Usufrutto congiuntivoInvero, sebbene la figura dell'usufrutto congiuntivo - caratterizzata, appunto, dal diritto di accrescimento tra i contitolari, tale da impedire la consolidazione di qualsiasi quota dell'usufrutto con la nuda proprietà finchè rimane in vita almeno uno dei contitolari originari - sia disciplinata in relazione al legato (art. 678 cod. civ.), nulla vieta (in tal senso dovendosi ritenere superato il remoto precedente contrario di questa Corte sez. 1, 5 maggio 1937, n. 1411) - dato che la figura non contrasta con il carattere essenziale, e di ordine pubblico, della temporaneità dell'usufrutto - che anche l'atto inter vivos a titolo oneroso possa costituire la fonte del diritto di accrescimento tra cousufruttuari, ossia del permanere del diritto di usufrutto sull'intera cosa fino al limite massimo della morte dell'ultimo usufruttuario e, entro questi limiti, della possibilità che il diritto in questione resti fermo, senza la corrispondente espansione della proprietà, pur quando nei confronti di uno o più titolari siano divenute operanti le cause di estinzione previste dalla legge (Cass. 17 novembre 2011 n. 24108).

La forma più ricorrente di usufrutto congiuntivo è quella che veda il diritto concesso a due coniugi con accrescimento della quota del deceduto a favore del superstite.

riproduzione riservata
Articolo: Usufrutto congiuntivo
Valutazione: 4.48 / 6 basato su 27 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Usufrutto congiuntivo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gianluca
    Gianluca
    Mercoledì 26 Aprile 2017, alle ore 14:00
    Volevo sapere se una persona a l'usufrutto insieme al proprietario dell'immobile, alla morte di quest'ultimo( il proprietario) , gli eredi possono pretendere la parte del defunto?
    Oppure rimane tutto all'altro usufruttiario anche non essendo proprietario?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Gianluca
      Mercoledì 26 Aprile 2017, alle ore 15:28
      Il proprietario non può essere anche usufruttuario. Quindi non mi è chiara la domanda
      rispondi al commento
  • Sergio Turchi
    Sergio Turchi
    Martedì 7 Febbraio 2017, alle ore 11:00
    Avere la nuda proprietà ed anche l'usufrutto unitamente ad altra persona giuridica che ha l'usufrutto è possibile ?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Sergio Turchi
      Venerdì 10 Febbraio 2017, alle ore 10:44
      Chi è usufruttuario non può anche essere nudo proprietario.
      rispondi al commento
  • Gianni
    Gianni
    Domenica 10 Febbraio 2013, alle ore 00:11
    Madre vedova con 3 figli.
    DIVISIONE di un fabbricato:
    a 2 figli la nuda proprietà, al terzo figlio e alla madre l'usufrutto.
    Come si possono calcolare le 2 quote di usufrutto?
    Trattasi di usufrutto congiuntivo?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Usufrutto congiuntivo che potrebbero interessarti
Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

L'usufruttuario e il nudo proprietario sono responsabili verso il condominio per i propri debiti e non ne rispondono in solido...
L'usufrutto

L'usufrutto

Che cos'è l'usufrutto? Quanto dura, ma soprattutto quando conviene e quando no: regole ed obblighi dell'usufruttuario e del nudo proprietario di una abitazione.
L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti

L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti

Se il pagamento riguarda le spese di un appartamento concesso in usufrutto o in locazione, il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale al pagamento delle spese condominiali.
Usufrutto e condominio

Usufrutto e condominio

L?usufrutto è un diritto reale di godimento su cosa altrui.Per diritto reale s?intende il diritto di un soggetto su di una cosa (mobile o immobile)...
Nuda proprietà: vantaggi e svantaggi

Nuda proprietà: vantaggi e svantaggi

La nuda proprietà di un immobile o bene, rappresenta il suo valore venale decurtato dell'usufrutto, cioè del diritto di utilizzare il bene vita natural durante.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.433 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Pavimentazione a betonella, Marino di Roma
    Pavimentazione a betonella, marino...
    30.00
  • Gocciolatore da 0 6 l-h pz 40
    Gocciolatore da 0 6 l-h pz 40...
    13.42
  • Pompa di calore ibrida Magis Combo 8
    Pompa di calore ibrida magis combo...
    6400.00
  • Ombrellone palladio 400x400
    Ombrellone palladio 400x400...
    620.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 400.00
foto 5 geo Bari
Scade il 01 Giugno 2019
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.