Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

È possibile l'usucapione tra parenti?

Tra genitori e figli non si applicano le regole sull’usucapione di beni mobili o immobili. Vediamo quali sono le motivazioni e cosa dice la legge sull'argomento
28 Settembre 2020 ore 11:56 - NEWS Proprietà

Si può acquistare una casa per usucapione tra parenti?


Le normali regole in materia di usucapione, di beni mobili o beni immobili, non trovano applicazione nel caso in cui vi sia un rapporto di parentela. Ne consegue che, una volta trascorsi 20 anni di utilizzo continuo del bene, ad esempio, i figli non potranno acquistare la proprietà dell’abitazione dei genitori. La motivazione risiede nel fatto che in tale fattispecie vengono a mancare alcuni dei requisiti tipici dell’istituto dell’ usucapione .

Di questo avviso è la giurisprudenza che, all’unanimità, ha escluso in tali circostanze, la configurazione dell’usucapione. Citiamo a tal proposito la pronuncia del Tribunale di Tivoli n. 326 del 22/02/2017 confermata dalla sentenza del Tribunale di Milano 4273/2018.
Prima di entrare nel merito delle decisioni dei giudici esaminiamo quelli che sono gli elementi tipici dell’usucapione.


Che cos’è l’usucapione immobili?


L’usucapione beni immobili è un modo di acquisto della proprietà o di un diritto reale di godimento a titolo originario che si realizza attraverso il possesso protratto per un determinato periodo di tempo.
Affinché si possa acquistare la proprietà del bene è necessaria la presenza di determinati requisiti:

  • il possesso deve essere continuo e ininterrotto nel tempo (cioè esercitato non in via occasionale) nonché pacifico, ovvero non deve essere conseguito in modo segreto e con l’uso della violenza;

  • il possesso deve essere esercitato per un periodo di 20 (ai fini dell’acquisto della proprietà di beni immobili) o 10 anni (ai fini dell’acquisto della proprietà di beni mobili);

  • il possesso deve essere esercitato con l’animo del proprietario ovvero con l’intento di utilizzare il bene come fosse proprio. È necessario assumere un comportamento che renda palese l’intenzione di porre in essere degli atti come se si fosse gli effettivi titolari. Per fare degli esempi si pensi al cambio della serratura di un appartamento, alla recinzione di un terreno, a interventi di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione.


Usucapione immobile
Il legittimo proprietario deve essere a conoscenza dell’uso del bene da parte di altri e deve essersi disinteressato alla rivendicazione del bene. Il disinteresse del titolare del diritto di proprietà si rende evidente qualora per 20 o 10 anni non vengano da lui compiuti atti di contestazione verso il possessore.


Usucapione casa tra parenti: le conclusioni del Tribunale di Tivoli


Tenuto conto degli elementi essenziali dell’usucapione che abbiamo sopra evidenziato, possiamo affermare che tra parenti non è possibile tale forma di acquisto della proprietà in quanto in primo luogo il proprietario non ha manifestato il proprio disinteresse nei confronti della casa o del terreno ceduti. Il bene viene infatti concesso in prestito e il proprietario ne tollera la presenza altrui nonché il godimento dello stesso da parte di terze persone.

Il figlio, il fratello o il cugino non possono diventare proprietari qualora abbiano in uso un bene del proprio parente.

Usucapione tra parenti
Secondo quanto affermato dal Tribunale di Tivoli con sentenza n 326 del 22/02/2017, tra parenti viene a mancare dunque l’elemento del disinteresse da parte del proprietario.
Quest’ultimo concede in comodato d’uso la casa o altro bene e il prestito implica la tolleranza del godimento altrui. Inoltre, il parente al quale il bene viene ceduto per il suo utilizzo non ne è possessore bensì mero detentore che riconosce dunque il carattere altrui della cosa.

Possesso e detenzione sono due concetti giuridicamente differenti e solo il primo è considerato presupposto dell’usucapione.

In conclusione, anche se sono in molti i figli che vorrebbero avviare una procedura di usucapione dopo aver vissuto per più di 20 anni nella casa dei genitori, questo non è possibile.

Il padre e la madre continueranno a essere i legittimi proprietari dell’immobile utilizzato dai figli per un lungo periodo. Alle stesse conclusioni circa limpossibilità dell’usucapione si deve arrivare in caso di rapporto di amicizia o mero spirito di tolleranza.


Non scatta dunque l’usucapione ogni qualvolta il proprietario sia a conoscenza del fatto che un parente o un amico stia godendo del proprio bene e continui per lungo tempo a tollerare tale situazione. In questi casi sussiste il contratto di comodato e l’esistenza di tale rapporto contrattuale comporta l’esclusione a monte dell’istituto dell’usucapione.

Tra parenti l’unico modo affinché possa avvenire un trasferimento della proprietà di una casa è procedere con un atto di donazione davanti a un notaio oppure con un testamento che disponga il passaggio dopo la morte.

Usucapione genitori figli
Inoltre, non scatta l’usucapione ogni qualvolta il proprietario sia a conoscenza del fatto che un parente o un amico stia godendo del proprio bene e continui per lungo tempo a tollerare tale situazione.

Infine, non è configurabile l’istituto dell’usucapione nemmeno qualora si possieda un bene in comproprietà nell’ipotesi che uno dei comproprietari non utilizzi il bene.
L’altro comproprietario che ne faccia uso a proprio piacimento non potrà accampare ulteriori diritti anche sulla quota spettante all’altro solo perché quest’ultimo abbia consentito godimento pieno del bene.

Anche in questa fattispecie il rapporto materiale con il bene è conseguenza della tolleranza altrui.
L’utilizzo del bene da parte del comproprietario non è idoneo a provarne il possesso ai fini dell’usucapione e dunque a dimostrarne l’acquisto della proprietà per l’intero.

riproduzione riservata
Articolo: Usucapione tra parenti è possibile oppure no
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Usucapione tra parenti è possibile oppure no: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.138 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Usucapione tra parenti è possibile oppure no che potrebbero interessarti


Non c'è usucapione in caso di comodato dell'immobile

Proprietà - Il comodato ultra ventennale di un immobile comprato con contratto nullo non vale ai fini dell'usucapione. I chiarimenti della sentenza della Corte di Cassazione

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.

Si possono usucapire i beni condominiali?

Condominio - I condomini hanno diritto di usare i beni comuni nel modo che ritengono più consono alle proprie necessità

Usucapione, parti comuni e processo

Parti comuni - Si può chiedere l'accertamento dell'usucapione o la si può eccepire. La differenza è notevole in relazione alle parti che processuali.

Acquisto di un bene mediante usucapione: come funziona?

Comprare casa - Quali sono le regole per poter acquistare la proprietà o altro diritto reale su un bene attraverso l'usucapione. Come deve essere il possesso e quali sono i tempi

Usucapione di beni da parte del condominio

Amministratore di condominio - In tema di usucapione, ossia di acquisto della proprietà di un bene in ragione del suo possesso nel tempo, anche l'amministratore di condominio può agire in giudizio.

Pubblicità immobiliare: i registri immobiliari

Comprare casa - Il sistema della pubblicità dei beni immobili è rappresentato dai registri immobiliari, sui quali si effettuano la trascrizioni, le iscrizioni e le annotazioni.

Usucapione e atti di tolleranza

Normative - L'usucapione della proprietà, o di un altro diritto reale di godimento, non opera se le attività sul bene sono svolte con la tolleranza del suo proprietario.

Gli acquisti della proprietà a titolo orginario

Proprietà - La proprietà si acquista a titolo originario tramite occupazione, invenzione, accessione, specificazione, unione o commistione, incrementi fluviali e usucapione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lisetta09
Ho acquistato un appartamento con un terrazzo aggettante. Questo terrazzo necessita di una manutenzione perché avendo più di 40 anni deve essere ristrutturato in...
lisetta09 05 Novembre 2018 ore 12:39 2
Img marcomax64
Salve a tutti, ho una domanda da porvi.... vivo in una corte di un castello palazzo De Rossi all'interno delle mura c'è la porzione della mia casa, 2 entrate e la terza...
marcomax64 03 Aprile 2017 ore 17:02 1
Img kikkino
Salve,ho fatto un preliminare di acquisto per un appartamento sito in una palazzina composta da un totale di cinque appartamenti e la stessa non è da considerarsi...
kikkino 09 Giugno 2016 ore 18:49 1
Img rojam
Buongiorno,Mia suocera abita in una casa indipendente posta a chiudere una strada privata di cui ha il diritto di passaggio.Sono 40 anni che io ed i figli parcheggiamo l'auto di...
rojam 22 Gennaio 2016 ore 14:13 2
Img giulius77
Ciao a tutti,scrivo perché non riesco a dare risposta ad una domanda..La spiego in breve:Mio padre è il possessore da ormai moltissimi anni di un bilocale...
giulius77 30 Novembre 2015 ore 08:36 1