Uso della cosa comune, innovazioni e delibere

NEWS DI Condominio05 Ottobre 2012 ore 12:00
Che differenza corre tra uso della cosa comune, uso delle parti individuali e innovazioni? La risposta della Corte d'appello d'Ancona.
UsoIn materia di condominio, è notorio che ogni condomino ha diritto ad usare le parti comuni dell'edificio purchà©: a) da ciò non derivi una loro modificazione; b) resti inalterato il pari diritto degli altri condomini di fare lo stesso. La norma di riferimento è l'art. 1102, primo comma, c.c.; si tratta di una disposizione dettata in materia di comunione applicabile al condominio in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 c.c. Sovente si fa confusione tra innovazioni ex art. 1120 e utilizzazione della cosa comune ai sensi dell'art. 1102 c.c. La differenza fondamentale sta nel soggetto dell'azione: l'assemblea nel primo caso, il singolo condomino nel secondo. Resta ferma il fatto che anche l'uso individuale delle parti comuni può essere a carattere innovativo delle medesime. Spesso, nei casi di uso individuale della cosa comune, si assiste ad una preventiva deliberazione assembleare di autorizzazione o diniego del comportamento del condomino. Alle volte è il regolamento a prescrivere l'autorizzazione; in altri casi l'amministratore o lo stesso condomino a sottoporre, volontariamente, la questione all'assise. Se la risposta di quest'ultima è negativa, al condomino spetta il diritto d'impugnare la delibera contestandone la legittimità in relazione alle modalità d'uso delle parti comuni. Una sentenza resa dalla Corte di Appello di Ancona fa il punto della situazione sulla differenza tra innovazioni ex art. 1120 c.c., uso della cosa comune ai sensi dell'art. 1102 c.c. e specifica un fatto: per l'affermazione del diritto all'uso individuale negato dall'assemblea non è necessaria l'impugnazione della delibera. Vale la pena leggere il tratto della pronuncia che si è soffermato su tali argomenti. […] la ratio della disposizione in esame è quella di assicurare una qualificata maggioranza per l'approvazione di quelle innovazioni che necessariamente - per la impossibilita' di utilizzazione separata, come previsto dall'art. 1121 c.c., - devono gravare sulla totalita' dei condomini, anche se dissenzienti mentre, nella diversa ipotesi in cui sia un singolo condomino a voler realizzare l'innovazione, non puo' che trovare applicazione l'art. 1102 c.c., in forza del quale ciascun partecipante puo' servirsi della cosa comune, e a tal fine - purchè non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri condomini di farne uguale uso secondo il loro diritto - puo' apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa stessa. È di tutta evidenza che le modificazioni apportabili alla cosa comune in forza dell'art. 1102 c.c., possono costituire anche una innovazione - nell'accezione tecnico - giuridica usata nella richiamata norma dell'art. 1120 c.c., - ed in tal caso sono consentite anche al singolo condomino, che se ne assuma l'onere, se non alterano la destinazione e non impediscono il pari uso della cosa comune agli altri partecipanti al condominio. Uso2La applicabilita' della disposizione dell'art. 1102 c.c., consente di escludere la necessita'di una delibera assembleare di autorizzazione, giacchè la realizzazione della innovazione costituisce esplicazione di un diritto del singolo condomino, il quale ben puo' richiedere direttamente al giudice di accertare che l'opera non travalichi i limiti normativi predetti. Corollario di tali principi ( per i quali cfr Cass. 27 dicembre 2004 n. 24006), è quello per cui il diritto del singolo condomino ad eseguire gli interventi previsti dall'art. 1102 c.c., puo' essere fatto valere in contraddittorio con gli altri condomini, senza necessita' di impugnare autonomamente la deliberazione che abbia negato l'autorizzazione […] (App. Ancona 2 marzo 2012 n. 170). In sostanza secondo la Corte marchigiana la deliberazione di diniego, valida ed obbligatoria per tutti i condomini fino ad un provvedimento d'invalidazione del giudice (art. 1137 c.c.), potrebbe essere de facto considerata inefficace se all'esito di un giudizio sull'uso individuale di una parte comune se ne afferma la legittimità pur senza averla impugnata; ciò perchà© il diritto all'uso delle parti comuni contemplato dall'art. 1102 c.c. è diritto soggettivo del condomino. Una presa di posizione che non passa esente da critiche, posto che se è vero che il diritto del condomino sulle parti comuni è riconosciuto dal più volte citato art. 1102 c.c. è altrettanto vero che l'assemblea ha diritto di disciplinare l'uso delle cose comune (art. 1138 c.c.) in modo che ogni comproprietario ne tragga il maggior beneficio.
avv. Alessandro Gallucci
riproduzione riservata
Articolo: Uso della cosa comune, innovazioni e delibere
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Uso della cosa comune, innovazioni e delibere: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Uso della cosa comune, innovazioni e delibere che potrebbero interessarti
L'e-mail certificata in condominio

L'e-mail certificata in condominio

Tra le sue varie utilizzazioni, la posta elettronica certificata, nota anche come PEC, può essere adoperata anche per ciò che concerne la gestione di un edificio in condominio.
Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione...
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri...
Fare causa al condominio

Fare causa al condominio

Può accadere, e non è raro, che non sia il condominio a dover iniziare una causa bensì che la compagine condominiale sia citata in giudizio da chi ritiene leso un proprio diritto...
Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe).In mancanza di accordo è decido dal giudice.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.513 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Zanzariera VELUX
    Zanzariera velux...
    131.00
  • Bicottura SHADES Bologna e dintorni
    Bicottura shades bologna e dintorni...
    37.00
  • Ceramiche COTTOFAENZA Bologna e provincia
    Ceramiche cottofaenza bologna e...
    42.00
  • Gres porcellanato effetto legno KUNI
    Gres porcellanato effetto legno...
    39.00
  • Filo first double strong diametro 3 mm
    Filo first double strong diametro...
    5.25
  • Opzione poltroncina Pearch Seat per i montascale
    Opzione poltroncina pearch seat...
    200.00
  • Colombo porta salviette lulu' lavabo 53 cm
    Colombo porta salviette lulu'...
    77.00
  • Porte tagliafuoco Roma
    Porte tagliafuoco roma...
    300.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicitĂ  in linea con le tue preferenze. Per saperne di piĂą o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.