Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Androne in condominio, modalità e limiti nell'uso da parte dei condòmini

NEWS Parti comuni04 Marzo 2020 ore 13:38
In che modo è possibile utilizzare l'androne condominiale rispettando la sua destinazione e comunque il diritto degli altri condòmini? Le norme e i casi pratici

Androne condominiale


Androne condominiale: quasi tutti gli edifici, anzi tutti gli edifici ne hanno uno.

La sua conformazione consente le più svariate utilizzazioni, a parte quella sua propria e quindi sovente necessita di interventi che ne disciplinino i modi d’uso.

Qui di seguito ci occuperemo dell’uso dell’androne condominiale, da parte dei singoli, di propria iniziativa, ovvero ad opera dell’assemblea, in ragione del suo potere di disciplina delle cose comuni.
Per farlo è utile porsi una serie di quesiti utili a introdurre l’argomento e quindi poterlo meglio affrontare.

L'uso dell'androne condominiale
Che cos’è l’androne condominiale ?

Di chi è l’androne condominiale?

In che modo può essere utilizzato ed entro quali limiti?

Partiamo dalla definizione di androne che è quel luogo di passaggio che si trova tra il portone che dà accesso dell’edificio e le scale condominiali.

La funzione dell’androne è quella di consentire il passaggio dalla pubblica via alle scale condominiali, ai locali della portineria ed in generale alle altre parti dell’edificio e viceversa, chiaramente.

L’androne non è espressamente menzionato tra le parti comuni dell’edificio, ma datane la funzione appena sommariamente descritta, non sorgono dubbi in merito alla sua condominialità (Cass. 5 ottobre 2017 n. 23300).

Solamente il primo atto di cessione di un’unità immobiliare nell’edificio, quello che ha dato vita al condominio può disporre diversamente, in via diretta ovvero tramite il regolamento ad essa allegato.


Uso androne condominiale da parte dei singoli condòmini


Esiste una norma, l’art.1102 c.c. – dedicata alla comunione, ma applicabile al condominio in ragione del rimando contenuto dell’art. 1139 c.c. – a mente del cui primo comma tutti i condòmini hanno diritto di far uso della cosa comune nel modo che ritengono per loro migliore, purché ciò non ne alteri la destinazione, non diminuisca la possibilità dell’altrui pari diritto (il riferimento e agli altri condòmini) e, come chiarito dalla giurisprudenza, non sia lesivo di sicurezza, stabilità e decoro dell’edificio.

In tal senso, ad esempio, è stato affermato che “la destinazione dell'androne a sosta veicolare temporanea e occasionale, nei limiti idonei a salvaguardare la funzione di passaggio anche veicolare per l'accesso alle proprietà individuali può essere considerata accessoria all'utilizzazione dello stesso per il transito” (Cass. 7 maggio 2008 n. 11204).

In buona sostanza se gli spazi lo consentono, il modo d’uso indicato nella sentenza citata può essere considerato esplicitazione concreta del diritto d’uso sancito dall’art. 1102 c.c.


Uso androne condominiale deciso dall’assemblea


La destinazione sopra indicata può essere certamente impressa dall’assemblea che ai sensi dell’art. 1138 c.c. ha il potere di disciplinare l’uso delle cose comuni.

Potere che si estrinseca nell’inserimento delle modalità d’uso in clausole del regolamento condominiale, ovvero che può essere esercitato mediante apposita delibera. In entrambi i casi la decisione assembleare deve essere assunta col voto favorevole della maggioranza dei partecipanti all’assemblea che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell’edificio.

Uso androne condominiale
Qui si è fatto riferimento all’esempio del transito auto, ma per gli androni chiusi, evidentemente, il riferimento agli usi ex art. 1102 c.c., ovvero a quello deciso dall’assemblea sarà consono a quelli possibili. Si pensi, per dire i più ricorrenti, al deposito del passeggino, allo stazionamento di biciclette, ecc. Anche l’ amministratore , che ai sensi dell’art. 1130 n. 2 c.c. ha il potere di disciplinare l’uso dei beni comuni può impartire degli ordini volti al miglior godimento dell’androne.


Uso androne condominiale illegittimo e iniziative giudiziarie a sua tutela


Che un bene comune possa essere utilizzato da tutti non vuol dire che tutti possano farne ciò che vogliono. È chiaro sul punto l’art. 1102 c.c.

Che l’assemblea possa decidere in che modo disciplinare l’uso di un bene comune, nella specie l’androne condominiale, non sta a significare che possa stabilire o vietare ciò che ritiene la maggioranza. Usi e divieti non possono mai comprimere i diritti dei singoli sui beni comuni.


Nella prima ipotesi, i singoli condòmini sempre ai sensi dell’art. 1102 c.c. ovvero ai sensi dell’art. 1117-quater c.c. possono promuovere tutta una serie di azioni stragiudiziali (diffide, tentativi di mediazione) o giudiziali (cause ordinarie, richiesta provvedimenti cautelari) per inibire ed accertare l’illegittimità di determinate utilizzazioni.

Nel caso di decisioni assembleari, o provvedimenti dell’amministratore i singoli condòmini avranno facoltà di far valere i propri diritti in sede giudiziale e nel caso di provvedimenti del mandatario anche in sede assembleare, cioè chiedendo la convocazione di un’assemblea per la discussione sulla decisione assunta dal mandatario.

riproduzione riservata
Articolo: Uso androne condominiale come disciplinarlo
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Uso androne condominiale come disciplinarlo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
314.360 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
  • Montascale curvilinei Freecurve Alliance
    Montascale curvilinei freecurve...
    7000.00
  • Montascale curvilineo Freecurve Elegance
    Montascale curvilineo freecurve...
    7000.00
  • Montascale curvilinei Handicare 2000 Smart
    Montascale curvilinei handicare...
    7000.00
  • Supporto per lavori di precisione con lente di ingrandimento
    Supporto per lavori di precisione...
    23.99
  • Tagliaerba elettrico black+decker
    Tagliaerba elettrico black+decker...
    127.99
Notizie che trattano Uso androne condominiale come disciplinarlo che potrebbero interessarti


Spazi condominiali comuni

Condominio - Biglietto da visita di ogni edificio residenziale, possono essere riqualificati a partire dal trattamento delle superfici e dallo studio dell'illuminazione.

Si può ricavare un nuovo ingresso nell'androne condominiale?

Parti comuni - Il proprietario dell'immobile posto al piano terra può aprire un nuovo ingresso con l'affaccio sull'androne condominiale e se si quali sono i limiti di tale potere?

Riutilizzo di un vecchio androne

Soluzioni progettuali - Il progetto di recupero ed arredamento nelle sue parti essenziali, consiste nell'inserimento nell'androne di un soppalco a ridosso del portone d'ingresso.

Danni alle parti comuni e risarcimento

Condominio - I danni derivanti da comportamenti illeciti dei condomini non gli possono essere addebitati se non dopo una regolare sentenza di condanna.

Scivoloni in condominio e risarcimento dei danni

Liti tra condomini - La responsabilità del condominio per le cose in custodia non copre i danni subiti dai condomini in ambienti che conoscono molto bene

Uso dei pianerottoli e dell'androne e responsabilità

Parti comuni - I pianerottoli e l'androne di un edificio in condominio sono parti comuni e quindi tutti i condòmini devono rispettare le regole d'uso previste per questi beni.

Pensilina condominiale, distanze e decoro

Condominio - La pensilina condominiale deve rispettare l'aspetto estetico dell'edificio in cui viene installata per non sollevare obiezioni relative al decoro architettonico.

Modalità d'uso delle cose comuni

Parti comuni - In tema di utilizzazione delle parti comuni, quali sono i poteri dell'assemblea, quali i diritti dei condòmini e quali le soluzioni in caso di abuso da parte di qualcuno?

Tutela delle destinazioni d'uso delle cose comuni dopo la riforma

Condominio - L'uso individuale delle cose comuni è sottoposto a dei limiti, che dopo l'entrata in vigore della riforma saranno più specifici, per garantire il diritto di tutti.