Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Come funziona il trasferimento del bonus mobili?

Bonus mobili e detrazione per lavori di ristrutturazione edilizia sono connessi tra loro ma c'è un'importante differenza tra le due riguardante il trasferimento
29 Novembre 2017 ore 17:11 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Trasferimento bonus mobili


Il disegno di legge di bilancio 2018 (attualmente all'esame del Parlamento, dunque ancora nella sua versione provvisoria fino all'approvazione e pubblicazione in G.U.) proroga al 31 dicembre 2018 il bonus mobili, la detrazione IRPEF al 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici vincolata alla realizzazione di lavori di ristrutturazione dell'immobile per cui il contribuente può fruire della detrazione 50% (salvo le particolari disposizioni previste per il sismabonus).

Anche se sono due detrazioni connesse fra di loro, l'Agenzia delle Entrate ha stabilito che il bonus mobili è una detrazione propria che ha regole autonome e la principale differenza fra le due agevolazioni fiscali riguarda il caso del trasferimento delle quote di detrazione non goduta all'erede, in caso di decesso del contribuente.


Bonus mobili 2018


Bonus mobiliIl bonus mobili è una detrazione dall'IRPEF nella misura del 50% prevista in caso di acquisto di mobili nuovi e di grandi elettrodomestici, di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all'arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Introdotto dal Decreto legge n. 63 del 2013 è stato poi prorogato e modificato.

Dal 2017, e con ogni probabilità anche nel 2018, il bonus è fruibile con riferimento alle spese sostenute nel solo anno di riferimento: per la legge di bilancio 2017, alle spese sostenute nel 2017, per la legge di bilancio 2018, con ogni probabilità, alle spese del 2018.

La principale condizione per poter godere dell'agevolazione fiscale è effettuare interventi di ristrutturazione dell'immobile per cui si può fruire della detrazione IRPEF al 50%, anch'essa, come già detto,  prorogata dalla Legge di Bilancio2018, fino al 31 dicembre 2018.

In particolare, i lavori che danno diritto al bonus mobili anche per il 2018 sono:

- manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, effettuati sia sulle parti comuni di edificio residenziale sia sulle singole unità immobiliari residenziali

- manutenzione ordinaria, effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale

- ricostruzione o ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, anche se non rientranti nelle categorie precedenti e a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza

- restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro diciotto mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l'immobile.


Per il 2017 doveva trattarsi di interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 1º gennaio 2016; per il 2018 si tratterà (quasi sicuramente) di interventi iniziati a decorrere dal 1 gennaio 2017.

La detrazione spettante, che deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, deve essere calcolata sull'importo massimo di 10.000 euro riferito alla singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze. Ciò significa che se si eseguono lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari, il contribuente avrà diritto più volte al beneficio.

Il bonus mobili è previsto per l'acquisto di mobili nuovi (tra questi, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione) e grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), come frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.


Chi può fruire del bonus mobili 2018


Il bonus mobili è fruibile da tutti i soggetti che effettuano un intervento di ristrutturazione del proprio immobile (e gli altri interventi suindicati).

Quando si effettua un intervento sulle parti condominiali, anche i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, ma solo per i beni acquistati e destinati ad arredare le stesse parti comuni, quindi non può essere concesso qualora i condòmini acquistano mobili nuovi e grandi elettrodomestici per arredare il proprio immobile.


Trasferimento bonus mobili agli eredi


Trasferimento bonus mobiliAbbiamo visto che il bonus mobili è strettamente vincolato ai lavori di ristrutturazione, tuttavia vi è tra la detrazione IRPEF per i lavori di recupero dell'immobile e la detrazione per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, una differenza importante che riguarda la possibilità di trasferire l'agevolazione a terzi qualora non si gode della detrazione fiscale nell'arco di 10 anni.

L'art. 16-bis del TUIR dispone che in caso di trasferimento per causa morte della titolarità dell'immobile sul quale sono stati realizzati interventi di recupero edilizio, la detrazione IRPEF non fruita in tutto in parte dal de cuius è trasferita, per i rimanenti periodi d'imposta, esclusivamente all' erede o agli eredi che conservano la detenzione materiale e diretta dell'immobile.

Stessa regola non vale però nel caso di trasferimento del bonus mobili.
A precisarlo l'Agenzia delle Entrate secondo cui il bonus, seppure presupponga la fruizione della detrazione per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, è comunque una detrazione da questa autonoma, con proprie norme sul limite di spesa e sulla ripartizione in dieci rate della detrazione stessa, che non prevedono il trasferimento della detrazione.

Così le spese per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici sostenute da un contribuente deceduto non possono essere portate in detrazione, per le quote non ancora fruite, dall'erede, anche quando quest'ultimo conserva la detenzione materiale e diretta dell'immobile.

In sostanza, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte dal contribuente deceduto non si trasferisce agli eredi per i rimanenti periodi d'imposta (circolare n. 17/E del 24 aprile 2015).

riproduzione riservata
Articolo: Trasferimento bonus mobili
Valutazione: 4.38 / 6 basato su 8 voti.

Trasferimento bonus mobili: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gio1111
    Gio1111
    Venerdì 4 Marzo 2016, alle ore 22:48
    Salve,Vorrei dei consigli, sto per comprare casa chiavi in mano dove le ristrutturazioni le ha fatte il costruttore e come pattuito prenderà le detrazioni, il dubbio è come posso beneficiare del bonus mobili se acquisto dopo la ristrutturazione?
    rispondi al commento
  • Cristianadeiconti
    Cristianadeiconti
    Martedì 2 Febbraio 2016, alle ore 18:40
    Possono fruirne entrambi i comproprietari. L?Agenzia delle Entrate ha precisato che nel caso in cui la fattura e il bonifico siano intestati a un solo comproprietario ma le spese di ristrutturazione siano state sostenute da entrambi, la detrazione spetta anche al soggetto che non risulti indicato nei predetti documenti, a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa da quest?ultimo sostenuta.
    rispondi al commento
  • Rustichelli2
    Rustichelli2
    Domenica 31 Gennaio 2016, alle ore 12:03
    Buon giorno. Le detrazioni fiscali a seguito di ristrutturazioni e acquisto mobili possono essere richiesta da uno solo dei due proprietari dell'immobile? Al 100%? Grazie
    rispondi al commento
  • Proctor81
    Proctor81
    Giovedì 28 Gennaio 2016, alle ore 08:00
    Buongiorno,vorrei porvi un quesito:ho demolito e ricostruito uno casa nel luglio 2013 a dicembre ho fatto la chiusura lavori.mancano adesso gli infissi e i mobili, devo riaprire una nuova dichiarazione di attività in corso per poter usufruire degli incentivi?grazie buona giornata
    rispondi al commento
  • Werz80
    Werz80
    Giovedì 28 Gennaio 2016, alle ore 07:39
    Nel 2015 ho messo i condizionatori inverter in casa utilizzando il bonus fiscale del 50% x le ristrutturazioni.Non ho ben chiaro se quindi vale effettivamente come ristrutturazione e perciò, nel caso decidessi di acquistare dei mobili, avrei diritto anche al bonus mobili nel 2016?
    rispondi al commento
    • Cristianadeiconti
      Cristianadeiconti Werz80
      Giovedì 28 Gennaio 2016, alle ore 18:03
      La legge parla di installazione di pompe di calore come intervento di manutenzione straordinaria che, se mirata al risparmio energetico, può beneficiare della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie (50%) ed essere presupposto al bonus mobili.
      rispondi al commento
  • Samuelbolis
    Samuelbolis
    Martedì 26 Gennaio 2016, alle ore 21:21
    Ciao. Quindi se ho ristrutturato nel 2015 posso usufruire del bonus mobili per arredamento acquistato nel 2016? Grazie.
    rispondi al commento
    • Cristianadeiconti
      Cristianadeiconti Samuelbolis
      Mercoledì 27 Gennaio 2016, alle ore 11:09
      Si certo
      rispondi al commento
      • Samuelbolis
        Samuelbolis Cristianadeiconti
        Mercoledì 27 Gennaio 2016, alle ore 14:24
        Perfetto grazie. Buona giornata
        rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.571 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Trasferimento bonus mobili che potrebbero interessarti


Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti

Bonus casa: proroga con la Manovra 2021

Fisco casa - In attesa del testo definitivo della Legge di Bilancio, arriva la notizia della conferma, nel Documento programmatico di bilancio, dei bonus casa per il 2021.

Detrazioni fiscali in caso di cambio di proprietà

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di variazione di proprietà di un immobile, le detrazioni fiscali per ristrutturazione o risparmio energetico restano, ma può cambiare il beneficiario.

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus: non spetta a chi acquista casa da impresa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se l'impresa che esegue lavori di recupero del patrimonio edilizio e risparmio energetico vende l'immobile? I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Bonus casa: possibile la proroga con la Legge di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus casa ci sarà: è quanto affermato dal Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Palombelli. Ecco le novità in merito agli incentivi per i lavori in casa

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img claudio011235
Buongiorno, ho appena concluso i lavori di ristrutturazione di una villetta inizialmente a rustico, in cui ho sforato i 96.000 € detraibili (rimane qualcosa per il risparmio...
claudio011235 28 Novembre 2020 ore 17:00 1
Img robi77
Nel mio terreno di proprietà (guaio) si è verificata una frana, a 5-40 mt dalla casa di residenza. - Sapete se posso fruire di detrazioni o sconto in fattura per...
robi77 25 Novembre 2020 ore 11:10 1
Img massimogiannini
Leggendo il Decreto Rilancio deduco che un intervento di rifacimento e isolamento termico delle superfici orizzontali come un tetto e dei balconi sono fattibili con detrazione...
massimogiannini 22 Novembre 2020 ore 22:36 39
Img flavio.
Buongiorno a tutti sono nuovo del forum. Chiedo una piccola consulenza a voi del settore poiché nell'ambito di un rifacimento ex novo di in bagno, per la quale non...
flavio. 09 Novembre 2020 ore 11:18 1
Img paolotardini
Buonasera a tutti, Vi scrivo per sottoporvi la seguente questione: Chi non percepisce reddito, può comunque beneficiare delle detrazioni per ristrutturazione (in...
paolotardini 01 Novembre 2020 ore 14:41 4