Torna la solidarietà condominiale? Sembra di si!

NEWS DI Ripartizione spese19 Maggio 2011 ore 15:58
Torna la solidarietà tra condomini per le spese comuni? A leggere la sentenza n. 1133 resa dal Tribunale di Bari lo scorso 30 marzo parrebbe proprio di si.
parti comuni , solidarietà condominiale , assemblea , quorum

Solidarietà condominialeTorna la solidarietà tra condomini per le spese comuni?

A leggere la sentenza n. 1133 resa dal Tribunale di Bari lo scorso 30 marzo parrebbe proprio di si.

Calma e gesso, verrebbe da dire: si tratta di una pronuncia che, per quanto ad una prima lettura possa dare quest'impressione, non pare essere in aperto contrato con il principio espresso dalla Cassazione.
Prima d'entrare nello specifico esame di quanto detto dal giudice barese è bene svolgere alcune premesse di carattere generale.


Capita spesso che in un condominio uno dei comproprietari sia moroso, vale a dire non adempia all'obbligazione di pagamento delle quote condominiali.

Molto frequentemente tale inadempimento genera dei contenziosi giudiziari in ragione del fatto che non si riesce a far fronte a tutte le spese per la gestione delle cose comuni.

Sebbene la legge riconosca all'amministratore gli strumenti utili a recuperare il credito della compagine, può accadere che le lungaggini processuali si scontrino con le ben più impellenti esigenze di far fronte alle spese per evitare azioni giudiziarie.

Accade così che in molte compagini si proponga di ripartire il debito del moroso tra gli altri condomini, salvo restituzione del maggior esborso una volta recuperato il giusto dovuto.


È lecita una decisione del genere?

Il Tribunale di Bari ci dice di no, in quanto, sul punto la giurisprudenza, ormai consolidata, ha statuito che, in mancanza di diversa convenzione adottata all'unanimità, espressione dell'autonomia contrattuale, la ripartizione delle spese condominiali deve necessariamente avvenire secondo i criteri di proporzionalità, fissati nell'art.1123 c.c. e, pertanto, non è consentito all' assemblea condominiale , deliberando a maggioranza, di ripartire tra i condomini non morosi il debito delle quote condominiali dei condomini morosi. (Trib. Bar. 30 marzo 2011 n. 1133).

Fin qui nulla di nuovo.Solidarietà condominiale

Tuttavia, prosegue il giudice estensore nell'ipotesi di effettiva improrogabile urgenza di trarre aliunde somme - come nel caso di aggressione in executivis da parte del creditore del condominio, in danno di parti comuni dell'edificio - può ritenersi consentita una deliberazione assembleare, la quale tenda a sopperire all'inadempimento del condomino moroso con la costituzione di un fondo cassa ad hoc, tendente ad evitare danni ben più gravi nei confronti dei condomini tutti, esposti dal vincolo di solidarietà passiva.
(Cass. sez 2 sent. n.13631 del 5 novembre 2001)
(Trib. ult. cit.)

A ben vedere se l'intento è quello di salvaguardare le parti comuni dalla vendita forzata, l'assemblea, giustamente, potrebbe deliberare il pagamento per la cessazione della procedura esecutiva.

Ad ogni modo non pare ipotizzabile, in virtù di quanto chiaramente detto dalle Sezioni Unite con la pronuncia n. 9148/08, che il creditore del condominio, oltre ai beni comuni, possa attaccare anche il patrimonio degli altri comproprietari adempienti.

Solidarietà passiva, dunque, solo per ciò che concerne i beni comuni e non anche per le cose di proprietà dei singoli.

riproduzione riservata
Articolo: Torna la solidarietà condominiale?
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Torna la solidarietà condominiale?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • FABIANO
    FABIANO
    Venerdì 23 Settembre 2011, alle ore 07:03
    Egr. avvocato,ultimamente, a causa di morosità nel condominio in cui abito, la sto seguendo con interesse in quanto mi sono rifiutato di pagare la quota di solidarietà.Sono diversi i morosi e non ritengo giusto che altri se ne assumano il debito.Mi può anche confermare che un eventuale creditore non può rivalersi sul singolo condomino?(oltre all'ART 70 della proposta di legge n.4041 approvata dal senato ed in discussione alla camera(a proposito, a che punto è?) bisogna far sempre riferimento anche alla sentenza della cassazione 9148/08 dep 8.4.2008)Grato per un suo commento, la ringrazio anticipatamente e le invio cordiali saluti.F. FABIANO
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Torna la solidarietà condominiale? che potrebbero interessarti
Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Condominio - L?assemblea, per quella che è la definizione comunemente accolta da dottrina e giurisprudenza, è il luogo in cui i condomini assumono le decisioni
Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Condominio - L?assemblea è l?organo del condominio avente la funzione di gestione e conservazione delle cose comuni.In sostanza spetta all?assemblea, anche per
Comunicazioni all'assemblea

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla

Assemblea di condominio e proprietà esclusiva

Assemblea di condominio - L'assemblea di condominio non può decidere su questioni attinenti le proprietà esclusive o sul diritto di proprietà dei condomini sulle cose comuni.

Assemblea e autorità giudiziaria

Condominio - L'assemblea è sovrana! Quante volte, di fronte ad una decisione assunta in sede di riunione, alcune sentenze specificano che le decisioni dell?assise sono obbligatorie per tutti i condomini, assenti e dissenzienti inclusi.

Delibera condominiale e uso delle cose comuni

Condominio - E' regolare la deliberazione che, a maggioranza,decide di delimitare gli spazi pedonali e quelli carrabili in un'area di proprietà comune

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Che cosa succede se l'assemblea sostituisce una delibera valida?

Condominio - L'assemblea condominiale, vale a dire l'organo che decide sulla gestione e conservazione delle parti comuni, prende le proprie decisioni con uno strumento chiamato deliberazione.
REGISTRATI COME UTENTE
295.659 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rinforzo strutturale
    Rinforzo strutturale...
    400.00
  • Solaio laterocemento con AcquaSTOP Milano
    Solaio laterocemento con acquastop...
    250.00
  • Resine idroespansive su solaio in calcestruzzo Milano
    Resine idroespansive su solaio in...
    250.00
  • Lastre di acciaio SOLAIO FACILE Reggio Emilia
    Lastre di acciaio solaio facile...
    31.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.