Come scegliere la tinteggiatura delle facciate esterne

NEWS DI Facciate e pareti13 Giugno 2018 ore 16:20
Sul mercato sono ormai disponibili numerose tipologie di tinteggiature da esterni che differiscono per materiali, caratteristiche tecniche e texture superficiale

La tinteggiatura esterna degli edifici


Nella tradizione costruttiva italiana quasi tutti gli edifici venivano intonacati e poi tinteggiati, molto spesso con apparati decorativi più o meno complessi in base alle caratteristiche della costruzione, alle tradizioni locali e ovviamente all'agiatezza del proprietario.


Tinteggiatura a calce Calcelatte de La Banca della Calce

Tinteggiatura a calce Calcelatte de La Banca della Calce

Tinteggiatura a calce Calcelatte de La Banca della Calce
Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per la tinteggiatura a calce

Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per la tinteggiatura a calce

Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per la tinteggiatura a calce
Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per tinteggiare a calce

Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per tinteggiare a calce

Kit Calcelatte Easy de La Banca della Calce per tinteggiare a calce
Palette di colori della tinteggiatura Calcelatte de La Banca della Calce

Palette di colori della tinteggiatura Calcelatte de La Banca della Calce

Palette di colori della tinteggiatura Calcelatte de La Banca della Calce
Facciata tinteggiata a calce con Calcelatte de La Banca della Calce

Facciata tinteggiata a calce con Calcelatte de La Banca della Calce

Facciata tinteggiata a calce con Calcelatte de La Banca della Calce
Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte de La Banca della Calce

Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte de La Banca della Calce

Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte de La Banca della Calce
Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte by La Banca della Calce

Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte by La Banca della Calce

Edificio tradizionale tinteggiato a calce con Calcelatte by La Banca della Calce

Gli edifici di pregio come chiese, conventi o palazzi gentilizi ostentavano dunque ricche decorazioni affrescate spesso commissionate ad artisti famosi, mentre le case del popolo minuto si caratterizzavano per le loro modeste facciate in tinta unita o con semplici riquadrature di porte e finestre di un colore contrastante.

L'intonaco e la tinteggiatura erano però considerate soprattutto superfici di sacrificio, cioè destinate a proteggere la muratura dagli agenti atmosferici e ad essere rinnovate o sostituite quando non più efficienti o semplicemente passate di moda.

Decorazioni esterne con la tinteggiatura a calce, by La Banca della Calce

La manutenzione delle facciate era quindi costante e gli edifici venivano tinteggiati spesso.

La tinteggiatura degli edifici è molto importante ancor oggi sia dal punto di vista estetico, sia come strato protettivo. Una palazzina dalla tinteggiatura scrostata o fatiscente trasmette infatti un senso di grande squallore e degrado e può perfino diminuire sensibilmente il valore di mercato degli appartamenti.

Le pareti perimetrali e soprattutto le strutture di cemento armato come travi o pilastri, specialmente se aggettanti richiedono invece la stesura di una vernice protettiva per evitare la corrosione dell'armatura metallica e la cadura di calcinacci, con rischio di gravi danni a cose o persone.
Villette tinteggiate con le pitture dell'azienda Settef
Per curare la manutenzione del vostro palazzo è quindi fondamentale conoscere i vari materiali a disposizione e rinnovare periodicamente l'intonaco o la tinteggiatura.


Tinteggiature da esterni: caratteristiche e tipologie


Alttualmente sul mercato sono disponibili varie tipologie di colori murali da esterni, diversi per materiali, nuance, caratteristiche tecniche e texture superficiali.
Le più diffuse sono:

  • pitture a calce;

  • pitture ai silicati;

  • pitture silossaniche e/o a base di resine organiche.


Pitture a calce


Le pitture a calce, identiche per ingredienti e preparazione ai colori per affresco, sono utilizzate da svariati millenni e perciò costituiscono una tecnologia ben collaudata da secoli di sperimentazioni e migliorie.

La tinteggiatura a calce, by La Banca della Calce
Sono formate da latte di calce, un grassello di calce aerea diluito fino ad assumere la consistenza di un liquido vischioso, pigmenti inorganici a base di terre colorate, ossidi e varie sostanze. Spesso nelle tinteggiature moderne si aggiungono anche piccole quantità di resine o altri additivi per favorire l'adesione al supporto o la lavorabilità del composto.

Calcelatte Easy di La Banca della Calce è la riedizione moderna delle tinteggiature tradizionali. Il kit, sufficiente per una superficie di 50 metri quadrati, comprende11 kg di ottimo grassello stagionato per ben 48 mesi, 1 kg di fissativo all'acqua e le istruzioni per preparare la tinteggiatura bianca, a cui va aggiunto l'evetuale pigmento, venduto a parte.

Calcelatte Pro è invece venduta già pronta per l'uso.

Alcuni campioni di tinteggiatura Calcelatte de La Banca della Calce

La pittura a calce è un ottimo materiale, assolutamente naturale, ecosostenibile e traspirante; inoltre, quando si degrada a causa del graduale dilavamento della pellicola pittorica superficiale assume un aspetto antico e pittoresco non sgradevole alla vista.

Tuttavia, la stesura a regola d'arte, tale cioè da non lasciar intravvedere le pennelate ad asciugatura completa è piuttosto laboriosa e richiede manodopera esperta.

Generalmente si usa la tecnica della velatura, che prevede la stesura di almeno tre mani di pittura: un primo strato preparatorio costituito da una semplice scialbatura di latte di calce e almeno due mani di pittura colorata, procedendo dai colori chiari ai più scuri.


Pitture ai silicati


Una tinteggiatura si può invece definire ai silicati quando la percentuale di sostanze organiche in essa contenute è inferiore al 5%. Il legante è ovviamente costituito da silicato di potassio, che si comporta in modo simile alla calce: il silicato penetra infatti in profondità nel supporto e genera una forte reazione chimica di tipo alcalino grazie alla quale si sviluppa un'ottima amalgama tra pittura e supporto.
Edifici moderni con tinteggiatura di Settef
I vantaggi sono numerosi:

  • buona permeabilità al vapore acqueo;

  • compatibilità con i supporti minerali;

  • buona adesione al supporto;

  • piacevole aspetto estetico;

  • buona resistenza agli agenti atmosferici e in particolare ai raggi ultravioletti e alla pioggia battente;

  • resistenza alle escursioni termiche e ai cicli di gelo e disgelo.

Silisettef Paint HP di Settef possiede tutte queste caratteristiche.


Pitture silossaniche


Le pitture silossaniche sono infine a base di resine inorganiche, ricavate dalla silice (SiO2) con un processo di polimerizzazione, cioè una reazione chimica che comporta la formazione di molecole complesse formate da una serie di parti uguali ripetute in sequenza.

La formula comprende anche i pigmenti, necessari ad attribuire alla pittura il colore desiderato, e le resine siliconiche o altri prodotti di origine organica per migliorarne la lavorabilità e le prestazioni tecniche.

Palette cromatica delle tinteggiature ai silossani di Settef

Sul mercato ne esistono varie formulazioni, comprendenti pitture silossaniche pure, acril-silossaniche o addizionate con varie cariche minerali.
L'azienda Settef ne propone tre tipologie: Ancorall Lotus con effetto autopulente per mantenere inalterate a lungo le proprie caratteristiche, Ancoral Dew e Ancorall Paint, idrorepellente e con buona permeabilità al vapore acqueo.

Le pitture silossaniche si riconoscono facilmente per la loro superficie morbida al tatto, i colori spesso molto accesi, difficilmente ottenibili con le pitture a calce tradizionali e infine per il loro degrado caratteristico. La tinteggiatura ammalorata tende infatti dapprima a staccarsi dal supporto formando antiestestiche bolle e successivamente a cadere in piccole scaglie: il risultato è una lacuna dai margini irregolari, simili a fogli di carta strappati.

Faro trattato con le tinteggiature dell'azienda Settef
I vantaggi principali di questi prodotti consistono soprattutto nella facilità e velocità di applicazione anche per superfici estese, che rendono quindi superfluo l'uso di manodopera specializzata, buona resistenza all'usura e agli agenti atmosferici (in particolare ai raggi ultravioletti).

Tuttavia, queste pitture risultano permeabili al vapore acqueo solo a determinate condizioni e perciò il loro uso risulta sconsigliato in presenza di pluviali incassati o in zone particolarmente esposte all'umidità come l'attacco a terra degli edifici.
In questi casi tendono infatti a formarsi efflorescenze e subefflorecenze saline che possono causare il distacco e la caduta della tinteggiatura.


Tinteggiare le pareti degli esterni: la migliore scelta


Ma come scegliere il colore delle pareti e soprattutto la tinteggiatura più adatta?

Il metodo migliore consiste ovviamente nel valutare le caratteristiche dell'edificio e il suo contesto ambientale.

Si dovrebbe ad esempio tinteggiare un edificio tradizionale con intonaco a calce e murature in pietra o mattoni unicamente con una pittura a calce, soprattutto se inserito nella quinta urbana di una strada del centro storico. Soprattutto per due motivi: estetici e di compatibilità con i materiali tradizionali.

I mattoni, le pietre e la malta di calce di cui sono formate le murature tradizionali sono infatti porose e perciò permeabili al vapore acqueo. Qualsiasi muratura storica contiene anzi una certa percentuale di acqua, che nelle giornate soleggiate tende a evaporare; se però la pittura non è traspirante si formano efflorescenze e subefflorescenze saline, che favoriscono sia il distacco della tinteggiatura dal substrato, sia la disgregazione dei giunti di malta e perfino la caduta di scaglie di pietra o mattoni.

La tinteggiatura a calce è una tecnica complessa, by La Banca della Calce
Inoltre, il degrado di una pittura a calce avviene generalmente per dilavamento della pellicola pittorica superficiale, che crea un effetto sfumato abbastanza gradevole alla vista.
Una pitturazione moderna artificiale forma invece lacune particolarmente nette ed evidenti che comportano un aspetto a macchia di leopardo decisamente antiestetico.

La pittura a calce possiede inoltre una grana e una vibrazione alla luce molto particolare, che ha caratterizzato per secoli l'architettura tradizionale delle nostre città; mentre i colori, sebbene talvolta molto vivaci, non hanno la stesse sfumature squillanti e artificiali dei colori da parete artificiali.

La tipica grana della tinteggiatura a calce, by La Banca della Calce

Si può invece imbiancare una palazzina di costruzione moderna ubicata in centro storico con una tinteggiatura ai silicati perché, pur essendo più semplice da applicare, manifesta un degrado per dilavamento molto simile a quello della pittura a calce.

Negli edifici contemporanei in periferia o nelle zone rurali, risultano infine più indicate le pitture ai silossani.

riproduzione riservata
Articolo: Tinteggiare le pareti esterne
Valutazione: 4.52 / 6 basato su 25 voti.

Tinteggiare le pareti esterne: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Terenzio Mauri
    Terenzio Mauri
    Martedì 26 Luglio 2016, alle ore 12:52
    Devo far tinteggiare le pareti esterne della casa il 5 settembre. Ci sarà troppo freddo? Se piove si formeranno macchie? Il colore alla ripresa dei lavori sarà ancora uguale?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Terenzio Mauri
      Mercoledì 27 Luglio 2016, alle ore 07:58
      Troverà la temperatura ideale. In caso di previsione di pioggia a vento, si consiglia di posticipare o anticipare la data. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Terenzio Mauri
        Terenzio Mauri Pasquale
        Mercoledì 27 Luglio 2016, alle ore 19:37
        Grazie molte.
        rispondi al commento
  • Giovanni
    Giovanni
    Domenica 16 Settembre 2012, alle ore 09:02
    Salve a tutti, mi trovo difronte ad un problema. Sto pitturando la facciata della mia casa e dopo tre passate di idropittura bianca non riesco a ottenere una colorazione uniforme. tengo a precisare che il primo passaggio è stato quello di passare l'isolante. Potreste consigliarmi il da farsi , ringrazio pe rla vostra collaborazione.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Giovanni
      Lunedì 17 Settembre 2012, alle ore 10:46
      Per Giovanni: tinteggiare una facciata è un'operazione complessa, viste le dimensioni delle superfici. Il problema non penso dipenda dalla qualità dell'idropittura, ma magari dalla tecnica, che deve essere fatta di pennellate lunghe e rapide. Inoltre è necessario che la superficie su cui si va a tinteggiare sia perfettamente asciutta.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Tinteggiare le pareti esterne che potrebbero interessarti
Pittura per esterni ai silossani

Pittura per esterni ai silossani

Materiali edili - Dati i loro numerosi vantaggi, le pitture silossaniche costituiscono una soluzione semplice e affidabile per la tinteggiatura delle facciate di edifici contemporanei.
Tinteggiatura e detrazioni fiscali

Tinteggiatura e detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La tinteggiatura di pareti interne od esterne di un'abitazione esistente può beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico?
Come scegliere il colore esterno della casa

Come scegliere il colore esterno della casa

Pittura e decorazioni - L'uso del colore in facciata deve essere attentamente controllato ed indirizzato, in relazione alla storia, allo stile e all'uso dei materiali dell'edificio.

Calce e calce idraulica

Materiali edili - La calce idraulica è uno dei materiali da costruzione più antichi ed al contempo moderni, disponibili per la realizzazione di opere e lavorazioni in edilizia.

Vernici e pitture

Pittura e decorazioni - Pittura a calce, acrilica o a base di caseina? E qual'è la differenza tra pittura e vernice? Vediamone le differenze ed i diversi prodotti presenti sul mercato.

La pittura a calce per tinteggiare e decorare le facciate

Pittura e decorazioni - La pittura a calce, insieme all'affresco, è una delle tecniche più utilizzate ormai da secoli per la tinteggiatura e la decorazione delle facciate degli edifici

Pitture durevoli

Progettazione - La sintesi del colore attraverso il silicio. La pittura ai silicati è una pittura per esterno ed interno ad alta resistenza che per aspetto e praticità, ha rimpiazzato la calce.

Studiare, rilevare e riprodurre i colori delle facciate

Facciate e pareti - I colori delle facciate sono un elemento fondamentale del paesaggio e dipendono strettamente dai materiali, dalle tecniche costruttive e dalle tradizioni locali

Pitturare casa

Decorazioni - Tinteggiare le pareti rappresenta un'occasione di rinnovo dei locali della vostra casa: vediamo ora come procedere dopo aver scelto ed acquistato il colore giusto.
REGISTRATI COME UTENTE
295.653 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tinteggiatura esterna al mq
    Tinteggiatura esterna al mq...
    8.00
  • Tinteggiatura esterna al quarzo classico
    Tinteggiatura esterna al quarzo...
    7.00
  • Tinteggiature Milano e provincia
    Tinteggiature milano e provincia...
    3.50
  • Tinteggiatura
    Tinteggiatura...
    15.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.