Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Quali sono le caratteristiche e i vantaggi del tetto rovescio?

Tra le coperture piane vediamo in dettaglio vantaggi e svantaggi, la stratigrafia e le caratteristiche dei materiali del tetto rovescio rispetto al tetto caldo.
26 Ottobre 2017 ore 14:20 - NEWS Affittare casa

Tetto rovescio: comfort climatico e ottimo isolamento


Funzione principale del tetto è quella di proteggere l'edificio e chi vi abita dal freddo e dal caldo, dalle precipitazioni atmosferiche, come pioggia, neve e grandine, dall'umidità e dal vento.
Un buon tetto è inoltre in grado di limitare la dispersione energetica consentendo comfort climatico e risparmio nello stesso tempo.

Le case con tetto piano, si sono progressivamente diffuse nel nostro paese, in particolare nella costruzione di ville e abitazioni ecocompatibili, tipiche dei climi caldi e temperati, poiché riducono la captazione della radiazione solare estiva. Caratteristica di questa tipologia di tetto è la pendenza minima, spesso inferiore al 5%, che consente lo scorrimento dell''acqua piovana.

Tetto piano - Styrodur
Esistono vari tipi di tetto piano, come il tetto caldo e il tetto rovescio, ed entrambi fanno parte della più ampia categoria di tetti piani semplici e non ventilati.

Le coperture piane tradizionali, definite tetti caldi, rispettano una stratigrafia dei materiali ben precisa, in quanto la guaina viene posizionata nello strato più esterno rispetto all'isolante che è posto prima. Quando questa disposizione viene invertita, ovvero la guaina è interna rispetto all'isolante che è posto come strato esterno della copertura, il tetto si definisce tetto rovescio.


Pannelli isolanti e impermeabilizzanti


Il sistema del tetto rovescio è in grado di offrire ottime prestazioni in termini di impermeabilizzazione, mentre le prestazioni in termini di isolamento termico sono direttamente collegate ai materiali impiegati per lo strato più esterno, cioè quello isolante e alla modalità con cui questo strato sia protetto, visto che è a diretto contatto con gli agenti atmosferici.

Un prodotto molto affidabile è il pannello termoisolante Bripan X-TILE, dell'azienda Brianza Plastica Spa costituito da una lastra in polistirene espanso estruso XPS, formato da un polimero termoplastico espanso a celle chiuse molto leggero.

Pannello Bripan X Tile - Brianza Plastica
Apposite fresature disposte orizzontalmente consentono anche la posa del manto di copertura in tegole dove per specifiche esigenze legate alla tipologia del tetto, è preferibile adottare soluzioni per l'isolamento semplici, veloci e affidabili.
La lastra, simmetrica, dotata di battentature sui quattro lati, garantisce uno stabile posizionamento e l'eliminazione di ponti termici.


Tetto rovescio praticabile


Un'altra caratteristica del tetto rovescio, ma anche del tetto caldo, è quella di poter essere praticabile, ad esempio i tetti a terrazza o i tetti a parcheggio; in questi casi si verificano pressioni piuttosto gravose che richiedono quindi materiali robusti, con una elevata resistenza alla compressione.
La disposizione degli strati, tipica del tetto rovescio, necessita quindi di un isolamento particolarmente solido e resistente, proprio perché lo strato più esterno è sottoposto a sollecitazioni particolarmente intense dovute all'acqua piovana, al terreno di rinverdimento o ai carichi mobili su tetti a terrazza, o a tetti carrabili adibiti a parcheggio.

Un'ottima soluzione è il sistema di copertura per tetti piani Alugraf, della ditta Alubel

Copertura metallica pedonabile - Alubel
Questa tipologia prevede un montaggio a incastro senza fissaggi sulla lastra e garantisce una perfetta tenuta anche in caso di completo invaso del tetto.

Il pannello è anticondensa e antirumore.


Stratigrafia del tetto caldo e rovescio


Analizziamo in maniera più dettagliata come sono disposti gli strati costituenti il solaio di copertura, confrontando la soluzione del tetto caldo con quella del tetto rovescio.

Nell'esempio riportato in foto, troviamo una soluzione proposta dalla ditta Styrodur.
In particolare, per il tetto rovescio gli strati necessari affinché garantisca la funzione isolante e impermeabilizzante, partendo dallo strato superiore a contatto con l'aria, allo strato inferiore a contatto con il solaio sono:

• uno strato protettivo, tipo la ghiaia;
• un telo in poliestere o polipoprilene;
• uno strato isolante di stirodur;
• un'impermeabilizzazione del tetto, che abbia anche funzione di barriera vapore;
• strato di compensazione;
• solaio di cemento armato.

Stratigrafia tetto rovescio e tetto caldo-Styrodur
Chi intende realizzare un tetto praticabile dovrà inoltre scegliere un isolante compatibile a ospitare la pavimentazione.


I vantaggi del tetto rovescio rispetto al tetto piano



Tra i vantaggi del tetto rovescio possiamo citare sicuramente una maggiore tutela della guaina.

Non a caso la realizzazione di un tetto piano secondo il principio del tetto rovescio deriva proprio dall'esigenza di proteggere l'impermeabilizzazione del tetto da azioni statiche, dinamiche e termiche così come prescritto dalla normativa DIN 18195-10.

Nelle soluzioni che prevedono la guaina come strato più esterno, è necessario effettuare annualmente una manutenzione della stessa per proteggerla dagli shock termici, applicando delle resine acriliche che ne impediscano le fratture. Con il tetto rovescio la guaina ha invece una vita decisamente più lunga e non richiede manutenzione.

Stabilire a priori se è meglio il tetto caldo o il tetto rovescio non è facile se non si conoscono i materiali con i quali verrà realizzato, che incidono fortemente sulla qualità delle sue prestazioni.

Il tetto rovescio offre certamente una maggiore protezione dello strato di impermeabilizzazione con minore rischio di infiltrazione, ma il comfort termico è strettamente dipendente dal tipo di materiale scelto per la messa in opera dello strato isolante del tetto rovescio.
Un pannello coibentato di ultima generazione è il TEK28 piano della ditta Alubel, in grado di offrire una tenuta perfetta anche con basse pendenze.
Grazie alla particolare corrugazione delle sue greche, la superficie di poliuretano del pannello risulta maggiore di quella dei normali pannelli sandwich.

Pannello sandwich isolante - Alubel
Nel tetto rovescio la guaina impermeabilizzante, posta su un fondo resistente, robusto e uniforme, difficilmente presenta giunti tra le singole lastre isolanti, come potrebbe invece accadere a una membrana posta sopra l'isolante. Nei punti di giunzione tra una lastra e l'altra, infatti, l''impermeabilizzante potrebbe incurvarsi in prossimità di questi punti, con possibile formazione di crepe.

La totale adesione dell''impermeabilizzante al solaio in calcestruzzo, permette di localizzare facilmente le perdite, al contrario di un tetto caldo in cui molto spesso l'entità del danno si manifesta anche a una notevole distanza dal punto effettivamente danneggiato.

Relativamente alle escursioni termiche si registra una notevole riduzione relativamente al tetto rovescio rispetto ai valori riportati dal tetto caldo.

Il tetto caldo convenzionale presenta un'escursione termica annuale sulla copertura che può raggiungere i 70-80 C°; invece, nel tetto rovescio l'escursione termica annuale registra una temperatura interna sotto al tetto di circa 15-20 C°.

Nella fase di realizzazione di un tetto rovescio, è possibile operare anche in presenza di nebbia e pioggia, mentre nel tetto caldo l'umidità causerebbe la creazione di bolle di vapore tra la guaina e le lastre isolanti. Altra caratteristica del tetto rovescio è quella di essere più facilmente realizzabile rispetto a un tetto caldo e in tempi più brevi, in quanto provvisto di un minor numero di strati da posare e incollare.

riproduzione riservata
Articolo: Tetto rovescio
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 5 voti.

Tetto rovescio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.006 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Tetto rovescio che potrebbero interessarti


Sistema tetto unico

Tetti e coperture - Realizzare un tetto ventilato, impermeabilizzato e isolato con un pannello portante isolante in polistirene espanso sinterizzato di cui è composto il sistema.

Materiali per tetti

Ristrutturazione - I materiali utilizzati per i tetti devono garantire efficace isolamento termico, protezione dagli agenti atmosferici e, al contempo, presentare una finitura in linea con l'aspetto esteriore dell'edificio.

La finestra sul tetto

Sottotetto - Consigli su come inserire al meglio una finestra per mansarda, su un tetto piano o a falde inclinate, per migliorarne l'illuminazione e l'areazione degli spazi.

Rinnovare la terrazza

Ristrutturazione - E' possibile rinnovare la terrazza ponendo una nuova guaina al di sopra del pavimento esistente e completandola con piastrelle adatte per ambienti esterni.

Progettare una copertura per tetto piano performante

Spazio esterno - Nell'ottica di un'edilizia sana e performante, è necessario che la protezione per la copertura sia adeguatamente pensata. Vediamo insieme come realizzarla.

Tetti sicuri

Normative - Ripubblicazione della Norma UNI che disciplina le caratteristiche a cui devono rispondere i tetti di copertura.

Abbaino

Sottotetto - L'abbaino è un particolare tipo di finestra visibile sulle coperture caratterizzato da uno sviluppo verticale e contenuto in una struttura sporgente dalla falda

Le spese per la manutenzione del tetto

Ripartizione spese - Quali sono le norme cui fare riferimento ai fini della ripartizione delle spese in condominio nel caso d'interventi al tetto? La risposta nell'articolo 1123 C.C.

Come realizzare un'impermeabilizzazione ecologica del tetto

Tetti e coperture - Tra tutti gli interventi di impermeabilizzazione quello del tetto è il più frequente, essendo il lastrico solare la parte più esposta. Come agire ecologicamente?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img paolo_coppi
Salve, ho acquistato una lamiera coibentata coppo per migliorare l'isolamento del mio tetto. Leggendo online, ho notato che esistono due possibilità, tetto caldo (ovvero...
paolo_coppi 08 Gennaio 2021 ore 19:07 4
Img maxscaramella
Buongiorno. Sono proprietario di una baita di montagna di 40 metri quadri al piano (seconda casa) posta a quota 1400m slm. La casa è composta da un primo piano con vecchia...
maxscaramella 03 Gennaio 2021 ore 19:08 4
Img sergino91
Salve a tutti, ho un problema con il tetto che non ha l'impermeabilizzazione quindi quando piove l'acqua si infiltra e mi arriva in casa.Volevo chiedere a tutti voi se sapete...
sergino91 20 Marzo 2020 ore 20:05 3
Img nicolatenente2
Salve, in una sola camera i dipintori hanno voluto consigliarmi San Marco per cucine (dicevano mille certificazioni). Da allora mi provoca dispnea ed irritazione.Ho provato a...
nicolatenente2 16 Dicembre 2019 ore 09:55 1
Img twin1981
Buongiorno, una ditta edile della zona Parma, ha fatto un preventivo di spesa per la copertura del tetto del mio condominio con guaina impermeabile 4 mm ( il tetto non ha guaina,...
twin1981 21 Novembre 2019 ore 17:19 2