Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Tassa sugli ascensori

A lanciare l'allarme è stata Confedilizia ma il Ministero dello sviluppo economico tenta di placare gli animi accesi: parliamo della nuova tassa sugli ascensori
02 Marzo 2016 ore 14:14 - NEWS Fisco casa

Tassa sugli ascensori


Ci sarà o no? E quanto costerà? E chi la pagherà? Tanti sono gli interrogativi sorti all'indomani della notizia dell'introduzione della tassa sugli ascensori anche se il governo cerca di frenare gli animi. Ecco la cronaca degli ultimi giorni in attesa di avere notizie più certe con il provvedimento di cui tanto si parla.


Tassa sugli ascensori: l'allarme lanciato da Confedilizia


Tassa ascensoriConfedilizia, l'associazione nazionale dei proprietari di immobili, ha lanciato l'allarme.

Il Ministero dello sviluppo economico, secondo quanto riporta l'associazione, avrebbe licenziato uno schema di d.p.r. attuativo della direttiva comunitaria 2014/33/Ue sulla sicurezza degli ascensori che dopo essere passato sul tavolo del Ministero dello Sviluppo economico, entro il 19 aprile arriverà su quello del Consiglio dei ministri.

Nello schema di dpr si prevede l'obbligo di effettuare una verifica straordinaria degli ascensori esistenti, attribuendo ai soggetti verificatori, cioè coloro che sono abilitati a verificare e certificare la conformità degli ascensori, la facoltà di prescrivere una serie di costosi interventi a carico dei proprietari di casa.

L'obbligo in questione, secondo quanto prevede Confedilizia, in realtà non è in alcun modo previsto dalla direttiva europea di cui il d.p.r. costituisce attuazione. Oggi le verifiche sugli ascensori seguono queste cadenze prestabilite:

- ogni sei mesi, per legge, gli ascensori sono sottoposti a manutenzione da tecnico abilitato o ditta specializzata, con verifica di paracadute, limitatore di velocità, dispositivi di sicurezza, funi, catene e attacchi, isolamento impianto elettrico e collegamenti con la terra

- ogni due anni, per legge, gli ascensori sono sottoposti a verifica dall'Asl o dall'Arpa o da un organismo di certificazione autorizzato dal Ministero dello sviluppo economico e notificato alla Commissione europea.

Inoltre, sempre per legge, qualora il manutentore rilevi un pericolo, deve fermare l'impianto, fino a quando non sia stato riparato, informandone il proprietario, l'incaricato delle verifiche periodiche e il Comune per l'adozione di eventuali provvedimenti di competenza.


L'articolo 2 del provvedimento stabilisce che per gli ascensori già in servizio e conformi alle norme vigenti alla data di adozione del decreto attuativa della direttiva Ue, i soggetti verificatori, ovvero i professionisti abilitati alla verifica e alla certificazione di conformità degli ascensori, dovranno fare in occasione della prima verifica periodica (già prevista per legge) una verifica di ulteriori requisiti minimi di sicurezza.

Tali requisiti sono:

- la precisione di fermata e livellamento tra cabina e piano
- presenza di illuminazione del locale macchine
- presenza ed efficacia dei dispositivi di richiusura delle porte di piano con cabina fuori dalla zona di sbloccaggio
- presenza di porte di cabina
- rischio di schiacciamento per porte motorizzate
- presenza di dispositivo di comunicazione bidirezionale in caso di intrappolamento in cabina
- illuminazione della cabina.

Viene disposto quindi che se, a seguito della verifica, si dovesse rilevare la non rispondenza degli ascensori ai requisiti di sicurezza ulteriormente previsti si dovranno subito avviare lavori di ristrutturazione che ovviamente hanno dei costi.

Tassa sugli ascensoriLa nuova verifica straordinaria così come prevista nello schema di dpr al vaglio del Ministero dello sviluppo economico si configura di fatto come una tassa a carico di milioni di proprietari di casa e a beneficio di pochi operatori che ne hanno chiesto l'imposizione che risulta pari al doppio della TASI, abolita da quest'anno, secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) sull'abitazione principale come già accade per l'IMU.

A conti fatti, prendendo come media della Tasi prima casa circa 170 euro annue a famiglia, le nuove norme che il governo si appresta a varare porterebbero un esborso che potrebbe arrivare fino a più di 350 euro annui a nucleo familiare.

Come ha sottolineato anche il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, la sicurezza è un mero pretesto, perché cela interessi di alcune categorie che intendono lucrare a spese di condòmini e proprietari di casa.


Tassa sugli ascensori: il Ministero smentisce


Verifica ascensoreEbbene il Ministero dello Sviluppo economico ha però affermato che, al contrario di quanto affermato da Confedilizia, la bozza di decreto al vaglio non prevede verifiche straordinarie, bensì controlli di sicurezza da svolgersi nell'ambito della prima verifica ordinaria utile.

Maggiore attenzione è prevista solo per gli ascensori che sono stati installati prima del 1999, cioè prima dell'applicazione delle relative direttive europee in materia che hanno aumentato i requisiti di sicurezza per gli impianti.
Se il decreto dovesse essere approvato, tali ascensori saranno soggetti a verifica non solo con riferimento ai requisiti vigenti all'epoca, ma anche con riferimento ai più importanti requisiti di sicurezza introdotti successivamente, come per la precisione della fermata e il livellamento fra cabina dell'ascensore e piano, ovvero per la protezione dai rischi di schiacciamento delle porte motorizzate.

Il Ministero dello sviluppo economico precisa inoltre che i requisiti da verificare sono stati individuati in modo proporzionato e selettivo, quindi, non possono determinare spese eccessive. Inoltre, gli interventi in questione possono essere graduati su un massimo di quattro anni e beneficiano delle detrazioni fiscali previste per gli interventi di manutenzione straordinaria degli edifici, per cui l'onere che resta a carico dei proprietari sicuramente non vanifica il vantaggio derivante dalle riduzioni delle imposte sulla casa.

Non resta a questo punto che attendere il provvedimento per scoprire quanto c'è di vero in quello affermato da Confedilizia e in quello sostenuto invece dal Ministero.

riproduzione riservata
Articolo: Tassa sugli ascensori
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Tassa sugli ascensori: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.121 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Tassa sugli ascensori che potrebbero interessarti


Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Tassa sull'ombra dei balconi tra smentite e preoccupazioni

Fisco casa - Per il nuovo anno dovremo aspettarci una nuova tassa sull'ombra di balconi, verande e simili? Così parrebbe in base alla Legge di Bilancio, ma arrivano le smentite

Rumori intollerabili e limiti normativi

Condominio - Comprar casa in condominio e solamente dopo accorgersi che l?appartamento è inondato da rumori d?ogni genere; chissà quante volte è capitato. Nel

Manutenzione dell'ascensore: come e quando effettuarla

Ascensori e montacarichi - La manutenzione dell'ascensore va fatta in maniera periodica e solo da personale specializzato. Ecco cosa sapere per assicurarsi che venga eseguita correttamente

Responsabilità per danni a terzi da malfunzionamento dell'ascensore

Leggi e Normative Tecniche - Chi è tenuto al pagamento dei danni subiti da terzi in caso di cattivo funzionamento dell'ascensore in un edificio condominiale? Cosa dice la Corte di cassazione

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Condominio e spese ascensore: spettano anche a chi abita al piano terra?

Ripartizione spese - Le spese condominiali per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore sono dovute anche da chi non utilizza l'impianto. Vediamo cosa dice la legge sull'argomento
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img tarpone
Buongiorno,da circa un mese mi sono trasferito in un condominio di nuova costruzione per ora abitato da 4 famiglie su un totale di 15 appartamenti.L'amministratore per evitare che...
tarpone 01 Febbraio 2021 ore 19:23 2
Img micky1977
Ciao a tutti,abito in un condominio di 4 piani senza ascensore. Ho più volte provato a convincere gli altri condomini ad installare un ascensore esterno ma nessuno vuole...
micky1977 01 Febbraio 2021 ore 19:19 4
Img orefassam
Ho scoperto da poco di non avere diritto all'utilizzo dell'ascensore condominiale dell'alloggio acquistato per mia figlia universitaria (pur essendo privo di chiavi) in quanto il...
orefassam 29 Gennaio 2019 ore 15:04 3
Img anglo
In questo condominio non esiste regolamento. Le spese relative alle parti comuni dell’edificio vengono divise in base alla tabella dei millesimi generali, redatta all'epoca...
anglo 10 Marzo 2017 ore 18:04 4
Img massimo.d.caccamo
Salve,sono un condomino di uno stabile storico composto da 8 proprietari ognuno in quota proprietari di un piccolo vano, utilizzato come ripostiglio, situato sul fondo della...
massimo.d.caccamo 21 Ottobre 2016 ore 12:10 3