TARI, tassa sui rifiuti urbani

NEWS DI Fisco casa13 Luglio 2014 ore 01:14
La Tari è l'imposta che sostituisce dal primo gennaio di quest'anno la vecchia Tares ed è destinata a finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
tari , tares , tassa sui rifiuti

Che cos'è la TARI?


La Tari , tassa sui rifiuti urbani, è l'imposta che sostituisce dal primo gennaio di quest'anno la vecchia Tares ed è una delle voci che compongono la Iuc, imposta unica comunale.
Essa è destinata a finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

La scadenza della prossima rata è prevista per il prossimo 31 luglio, per cui molti cittadini stanno ricevendo dai propri comuni i bollettini precompilati per il pagamento.

tassa sui rifiutiLa riscossione del tributo compete ai Comuni, per cui questi devono emanare delle delibere che ne disciplinano tutti gli aspetti, come coefficienti da applicare, modalità di calcolo, scadenze, eventuali sconti ed esenzioni che tengano conto della potenzialità economica della famiglia, anche sulla base dell'ISEE.
Tra le possibili esclusioni ci possono essere, ad esempio, le abitazioni utilizzate per periodi limitati o i fabbricati rurali adibiti ad abitazione.

Il comune classifica anche le varie categorie di immobili, in base alla destinazione d'uso, determinando quelli che possono avere un'omogenea potenzialità di produzione di rifiuti.
Per quelle attività, invece, suscettibili di produrre rifiuti speciali, i comuni possono individuare la parte di superficie in cui effettivamente tali rifiuti vengono prodotti, in modo da non incidere eccessivamente su tutta l'ampiezza dell'immobile.

In molti comuni dove si è già deliberato, però, la sorpresa è stata negativa, perché gli importi della Tari sono risultati superiori fino al 15 – 20% rispetto alla vecchia Tares.

Al di là delle delibere comunali, che possono delineare un quadro differente da comune a comune, il riferimento normativo generale è però la legge di stabilità per il 2014 (legge n. 147 del 2013).


A chi spetta pagare la TARI?


Come per la vecchia tassa sulla spazzatura, anche la Tari deve essere pagata da chi occupa a qualsiasi titolo l'immobile, e quindi produce i rifiuti, secondo i principi del chi inquina paga.
Quindi non solo il proprietario che risiede nell'immobile di proprietà, ma anche l'inquilino, il comodatario o l' usufruttuario .

tassa sui rifiutiSe ci sono più possessori o detentori contemporaneamente, la Tari è dovuta, in solido, quindi in parti uguali, da tutti.
L'unica esclusione è prevista per chi detenga l'immobile per meno di sei mesi nel corso di un anno solare. In tal caso la Tari è dovuta dal proprietario.

La tassa si paga per tutti quegli immobili suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani, comprese le aree scoperte.
Ne risultano invece escluse quelle aree all'aperto di pertinenza o accessorie di locali tassabili, nonché le aree scoperte condominiali che non siano occupate in via esclusiva, come giardini condominiali, cortili, tetti e lastrici solari, parcheggi, ecc..

In ogni caso non ci sarà nessun nuovo obbligo di dichiarazione per i contribuenti, restando valida quella presentata per la Tares.


Come si calcola la TARI?


In assenza di disposizioni specifiche si può dire che per il calcolo della Tari si considera come base imponibile la superficie calpestabile dell'immobile. Per gli immobili iscrittiti in catasto si considera come base del calcolo l'80% della superficie catastale.
Oltre a questo parametro, la Tari viene computata anche in base al numero di persone che occupano l'immobile.

I criteri posti a base per il calcolo dell'imposta, potranno essere maggiorati o diminuiti dagli enti locali, per gli anni 2014 e 2015 fino a un massimo del 50%.

Il numero di rate e le scadenze sono fissate, come detto, dai Comuni, ma in numero non inferiore a due rate semestrali, in maniera differenziata da quelle della Tasi .
È ammesso comunque anche il pagamento in un'unica soluzione entro il 16 giugno di ogni anno.

La maggior parte dei comuni hanno fissato quattro rate, delle quali la prima aveva come scadenza il 16 giugno, la seconda il 31 luglio, la terza il 30 settembre e la quarta il 30 novembre. Quest'ultima è anche la data in cui avviene il conguaglio dopo il versamento degli acconti.
Infatti le rate di acconto saranno calcolate in base alle tariffe fissate per la Tares 2013, mentre il conguaglio avverrà calcolando l'imposta con le nuove tariffe deliberate e scomputando quanto già versato.

Per i comuni che hanno optato per le due rate, invece, la prima è scattata il 16 giugno, mentre la seconda ci sarà a dicembre.

Il versamento potrà essere effettuato con i bollettini precompilati inviati direttamente dai comuni ma, in mancanza dell'arrivo di questi, si potrà sempre optare per il modello F24.

riproduzione riservata
Articolo: TARI, tassa sui rifiuti urbani
Valutazione: 5.30 / 6 basato su 10 voti.

TARI, tassa sui rifiuti urbani: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano TARI, tassa sui rifiuti urbani che potrebbero interessarti
Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Fisco casa - Se siamo proprietari di una seconda casa ma questa non è abitata nemmeno da terzi, è ugualmente necessario il pagamento della TARI, la tassa sui rifiuti urbani?
Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile
Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Fisco casa - La Tari, la nuova tassa rifiuti nata con la IUC, che ha sostituito la Tarsu e la Tares non deve essere pagata sempre. Ecco i casi di riduzione ed esenzione.

Tari maggiorata: ecco i chiarimenti da parte del Mef

Fisco casa - Con la circolare del Mef, pubblicata il 20 novembre scorso sono, stati definiti i nuovi criteri di calcolo della Tari le modalità di rimborso per i contribuenti

Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Fisco casa - Secondo la Cassazione è onere del contribuente informare il comune per ottenere l'esclusione di alcune aree dalla superficie tassabile e fruire dell'esenzione Tarsu.

TARI: riduzione per chi fa il compost

Fisco casa - Ogni comune può prevedere nel suo regolamento uno sconto sulla TARI, tassa sui rifiuti, per chi effettua il compostaggio domestico riciclando materiale organico

Come si calcola la TARI

Fisco casa - Ecco le istruzioni e le regole per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti, introdotta con la IUC, insieme a IMU e Tasi, per sostituire la Tares e la Tarsu.

TARI: le scadenze per il pagamento della tassa rifiuti

Fisco casa - Cambiano da comune a comune le scadenze di pagamento per la TARI del 2015, la tassa sui rifiuti che dal 1 gennaio 2014 ha sostituito TARSU, TARES, TIA1 E TIA2.

Trise, tassa rifiuti e servizi

Normative - Si chiamerà Trise il nuovo tributo che andrà a sostituire la tassa sui rifiuti e quella sui servizi indivisibili dei Comuni e che si articolerà in due parti.
REGISTRATI COME UTENTE
295.556 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Biopond cyclone 6000 aspirarifiuti per laghetto
    Biopond cyclone 6000 aspirarifiuti...
    235.46
  • Carrello Carry Cart Eco Claber
    Carrello carry cart eco claber...
    32.00
  • Sacco verde claber 28x25x19 pz 10
    Sacco verde claber 28x25x19 pz 10...
    8.54
  • Schüco AutomotiveFinish
    Schüco automotivefinish...
    1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.