Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Occorre il permesso di costruire per una tamponatura portico?

Quale titolo abilitativo occorre per la tamponatura di un portico per il Consiglio di Stato con la sentenza numero 686/2021 in caso di ingiunzione di demolizione?
- Leggi e Normative Tecniche

In caso di tamponatura portico occorre il permesso di costruire?


Per la tamponatura di un portico, al fine di chiuderlo a veranda, occorre titolo abilitativo come il permesso di costruire?

Il Consiglio di Stato, con la sentenza numero 686/2021, si è occupato di un ricorso presentato contro l'ingiunzione a demolire, da parte di un'Amministrazione comunale, di alcune opere abusive, realizzate in quelli che si configuravano in origine come spazi condominiali e prive di permesso di costruire.

Il ricorrente, sosteneva che, l'ingiunzione di demolizione non era lecita perché la struttura sarebbe stata legittimata nell'anno 1989, con un certificato di agibilità rilasciato a seguito di variante e, che nel procedimento sanzionatorio era stato coinvolto solo l'amministratore del condominio.

Tamponatura del portico
Il Consiglio di Stato, rigettava il ricorso in questione, in quanto la disciplina sanzionatoria per gli abusi edilizi è prevista nelle ipotesi di interventi in assenza di permesso o in totale difformità, di variazioni essenziali dal titolo edilizio e di parziale difformità da esso.

Nel caso di specie, l'intervento consisteva nella Tamponatura di un portico trasformato in un vano chiuso, che ha comportato un aumento di superficie e di volumetria, con la chiusura su tutti i lati o con la copertura, anche se con superfici vetrate o con elementi trasparenti e impermeabili, parzialmente o totalmente apribili.

Secondo il Consiglio di Stato, l'installazione di pannelli in vetro atti a chiudere integralmente un porticato che si presenti aperto su tre lati, determina la realizzazione di un nuovo locale autonomamente utilizzabile, con conseguente incremento della preesistente volumetria.

Ancora, la realizzazione di un vano aggiuntivo mediante Tamponatura di un portico non può essere considerato come pertinenza, perché si tratterebbe di un nuovo locale autonomamente utilizzabile, che si aggiunge a un organismo edilizio preesistente, trasformandolo in termini di sagoma, volume e superficie.

Pertanto, il Consiglio di Stato riteneva legittima l'ordinanza di demolizione dell'opera, costruita in assenza di permesso di costruire. Inoltre, ha chiarito che il portico consiste in un elemento edilizio coperto al piano terreno degli edifici, intervallato da colonne o pilastri aperto su uno o più lati verso i fronti esterni dell'edificio.

Nel momento in cui se ne effettua la chiusura, il portico si trasforma in vano, ovvero in un locale o spazio coperto avente le caratteristiche di loggiato, veranda, terrazza o balcone, chiuso sui lati da superfici vetrate o con elementi trasparenti e impermeabili, parzialmente o totalmente apribili.

In questo caso, attraverso la realizzazione della Tamponatura, quest'area, originariamente condominiale, è stata sottratta all'uso comune per essere destinata a quello esclusivo dei proprietari dell'unità immobiliare cui accede.

Infine, la mancata notifica del provvedimento di demolizione al proprietario non influisce sulla sua legittimità. L'unica conseguenza sarà l'impossibilità di pretendere l'esecuzione da parte del proprietario e di procedere in suo danno all'acquisizione gratuita in caso di mancata spontanea ottemperanza, da parte dell'autore dell'abuso, all'ordine impartito.

riproduzione riservata
Articolo: Tamponatura portico, serve il permesso di costruire?
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Tamponatura portico, serve il permesso di costruire?: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Tamponatura portico, serve il permesso di costruire? che potrebbero interessarti

Qual è il titolo abilitativo corretto per abusi edilizi o pertinenze?

Leggi e Normative Tecniche - Presentato ricorso per richiedere se un’opera edilizia è da ritenersi come una nuova costruzione oppure una pertinenza e che titolo abilitativo bisogna scegliere

Soppalco: quando è necessario il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Per realizzare un soppalco è necessario il permesso di costruire? Vediamo in quali casi, per i giudici, può considerarsi un'opera di ristrutturazione edilizia.

Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Quando è necessaria l'autorizzazione da parte del Comune per costruire gazebo e porticati. Ecco i chiarimenti sul punto del Tar della Toscana e della Calabria.


Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Quando decade il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Permesso di costruire e inizio dei lavori: quali sono i termini per evitare la decadenza del titolo abilitativo. Ecco i chiarimenti del Tar della Valle d'Aosta.

Delucidazioni per la Super Scia e permesso di costruire

Leggi e Normative Tecniche - Il TAR di Bari, con una sentenza emessa di recente ha reso noti dei specifici chiarimenti in merito alla Super Scia e permesso di costruire per interventi edilizi

Agibilità anche con difformità dal progetto approvato

Leggi e Normative Tecniche - Per il Consiglio di Stato il certifcato di agibilità è un provvedimento scollegato dal titolo abilitativo e può essere concesso anche in difformità da quest'ultimo.

Superbonus 110%: chiarimenti sulla data del titolo edilizio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Forniti nuovi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate in merito alla data del titolo edilizio abilitativo per gli interventi di contenimento del rischio sismico.

Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Affittare casa - In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img vincenzosanseviero
Buongiorno, volevo chiedervi informazioni riguardo il progetto preliminare che bisogna allegare alla scia/dia, per chiedere il titolo abilitativo al comune. Gli oneri di tale...
vincenzosanseviero 04 Febbraio 2021 ore 09:18 3
Img giuseppe.gianna
In un immobile condonato A/3 con regolare concessione nel comune di Roma, privo di agibilità, vengono eseguite opere edilizie con una SCIA alternata al PDC (Permesso di...
giuseppe.gianna 08 Giugno 2019 ore 16:26 2
Img drice
Salve, sono in procinto di acquistare una nuova casa (prima casa). L'abitazione è accatastata come F3 in corso di costruzione, in quanto le opere murarie sono eseguite e...
drice 14 Giugno 2018 ore 19:27 4
Img calvin76
Buongiorno, sono Calvin, abito in provincia di Ravenna e spero di essere nel posto giusto. Ho un problema, vorrei ampliare casa. Ho un grande giardino e vorrei utilizzarne una...
calvin76 05 Marzo 2018 ore 20:16 3
Img xmao
Buongiorno, il geometra che mi sta seguendo mi ha chiesto circa 6000 (seimila) euro più IVA, solo per il permesso di costruire per ristrutturare una villa nel comune di San...
xmao 16 Ottobre 2017 ore 23:12 4