Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Vendita immobile prima dei 5 anni e Superbonus, si può?

Cosa accade se si eseguono interventi rientranti nel Superbonus 110 prima che siano trascorsi cinque anni? Si perde il diritto di portare in detrazione le spese?
- NEWS Comprare casa

Superbonus 110% e vendita immobile


Da quasi due anni, il Superbonus, introdotto dall'art. 119, decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. Decreto Rilancio) ha catalizzato l'attenzione, imponendosi come la detrazione, che se sapientemente utilizzata, consente di ottenere notevoli vantaggi in termini di risparmio di imposta, ancorché più articolata per la rigida e complessa procedura da seguire al fine di non vedersi disconoscere il beneficio fiscale anche a distanza di anni.

Superbonus e vendita infraquinquennale immobile
Seppur il periodo di detrazione sia stato dimezzato in anni cinque, anziché dieci anni, come previsto per la totalità delle detrazioni fiscali vigenti, relative al comparto casa, nel corso di tale quinquennio, si possono verificare situazioni in origine non previste, come, a esempio, la vendita dell'immobile infraquinquennale, prima di aver effettivamente usufruito del vantaggio fiscale.

In altri termini, cosa accade se si decide di vendere l'immobile oggetto di ristrutturazione con Superbonus 110%, prima della conclusione del quinquennio, previsto per portare in detrazione le spese sostenute?

Cosa succede in tali casi?
Si perde il beneficio fiscale?
Come si possono considerare fiscalmente le spese sostenute?


Vendita infraquinquennale e diritto di detrazione


In caso di vendita dell'immobile, sul quale si è eseguito un intervento agevolabile al 110%, prima che sia decorso il c.d. periodo di detrazione, ovverosia il periodo di cinque anni previsto per portare in detrazione le spese sostenute, cosa succede?

Il cedente perde tale diritto?

A tale interrogativo ha risposto il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con il Decreto Requisiti prot. 159844 del 6 agosto 2020, con il quale, all'art. 9, è stato chiarito chein caso di trasferimento per atto tra vivi dell'unità immobiliare residenziale sulla quale sono stati realizzati gli interventi che beneficiano del bonus 110%, le relative detrazioni non utilizzate in tutto o in parte dal cedente si trasferiscono, salvo diverso accordo tra le parti, per i rimanenti periodi d'imposta, all'acquirente persona fisica dell'unità immobiliare.

Trasferimento diritto di detrazione


La locuzione, salvo patto contrario deve essere interpretata nel senso che il cedente non è obbligato a cedere anche il diritto di detrazione, relativo alle rate residue, all'acquirente.

Trasferimento diritto detrazione
In tale caso è opportuno specificare nel contratto di compravendita che, con riferimento alle quote residue non utilizzate, il diritto di portare in detrazione dalle imposte sui redditi permane in capo al cedente, che ha sostenuto le spese.

In caso di decesso dell'avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all'erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene.


Plusvalenza generata da vendita infraquinquennale dell'immobile


In linea generale in diritto tributario, la cessionea titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti genera la c.d. plusvalenza.

La plusvalenza è essenzialmente la differenza fra il prezzo di acquisto si un immobile e il (superiore) prezzo di vendita.

Nel nostro ordinamento, la sola plusvalenza assoggettata a tassazione è la plusvalenza a scopo c.d. speculativo che si realizza allorquando l'immobile è ceduto entro cinque anni dall'acquisto.

Trattamento fiscale e calcolo della plusvalenza


Il soggetto che realizza tale plusvalenza è tenuto al pagamento di una imposta sostitutiva in sede di atto notarile di compravendita.

Le plusvalenze da cessione a titolo oneroso di beni immobili sono considerate redditi diversi, come previsto dall'art. 67, comma 1, lettera b), D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (anche TUIR) e, in quanto tali, imponibili, se si tratta di beni acquistati da non più di cinque anni da persona fisica.

Calcolo plusvalenza
Ai sensi dell'art. 68, TUIR statuisce che tali plusvalenze sono costituite dalla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del bene ceduto, aumentato di ogni altro costo inerente al bene medesimo.

Ciò precisato, è bene chiarire che ai sensi dell'art. 67, TUIR, così come modificato dall'art. 1, Legge 30 dicembre 2020 n. 178, non genera plusvalenza la vendita di immobile infraquinquennale che per la maggior parte del periodo intercorso tra l'acquisto o la costruzione e la cessione è stato adibito ad abitazione principale del cedente.


Spese incrementative del valore dell'immobile


Con una recente risposta a un interpello, formulato da un condomino istante, proprietario di una unità immobiliare in vendita, prima che sia trascorso il quinquennio ex lege previsto e sulla quale sono stati deliberati lavori rientranti nel bonus 110%,l'Agenzia delle Entrate, con la risposta 24 marzo 2021, n. 204, ha chiarito un importante aspetto, afferente alla rilevanza da un punto di vista fiscale di tali spese e alla loro imputabilità ai fini del calcolo della plusvalenza tassabile.

L'Amministrazione finanziaria, dopo un lungo excursus della normativa vigente in tema di Superbonus, ha richiamato un ormai consolidato orientamento giurisprudenziale in base al quale, le spese incrementative sono da ritenersi quelle che determinano un aumento della consistenza economica del bene o che incidono sul suo valore, nel momento in cui si verifica il presupposto impositivo (Cass., 22 giugno 2018, n. 16538).

Tali spese incrementative, secondo la Corte di Cassazione, rientrano nel concetto dicosto inerente, rilevante ai fini del calcolo della plusvalenza tassabile.


Spese Superbonus come spese incrementative


Fra tali spese incrementative vi rientrano certamente i costi sostenuti per interventi previsti dalla norma agevolativa del Superbonus, trattandosi di spese che non attengono alla normale gestione del bene e che ne hanno determinato un aumento di valore, perdurante al momento in cui viene realizzata l'operazione imponibile.



Alla luce dell'inquadramento degli oneri sopportati per le opere agevolabili al 110% nel novero delle spese incrementative rilevanti ai fini del calcolo della plusvalenza tassabile, l'Agenzia ha concluso stabilendo che tali spese, pertanto, possono essere considerate, ai fini del calcolo della plusvalenza della cessione infraquinquennale dell'immobile, ai sensi del citato art. 68, TUIR, tra i costi inerenti all'immobile medesimo.

riproduzione riservata
Articolo: Superbonus e vendita immobile prima dei 5 anni
Valutazione: 5.40 / 6 basato su 5 voti.

Superbonus e vendita immobile prima dei 5 anni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Pps22
    Pps22
    Martedì 14 Giugno 2022, alle ore 14:32
    Quindi se capisco bene...compro un immobile a 50mila, faccio il superbonus 110% con 100 mila di spesa e rivendo a 120 mila, non pagherò nulla di imposta sostitutiva perchè 120 è minore di 150, corretto?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.031 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Superbonus e vendita immobile prima dei 5 anni che potrebbero interessarti


Superbonus 110%: spetta anche ai cittadini non residenti in Italia?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Superbonus 110 riconosciuto anche per i cittadini non residenti in Italia secondo l'Agenzia dell'Entrate, quando sussistono tutti i requisiti normativi previsti

Il comodatario può fruire del Superbonus 110%?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per l'Agenzia delle Entrate è possibile beneficiare della detrazione fiscale del Superbonus 110% quando l'immobile è oggetto di un contratto di comodato d'uso?

Superbonus: come recuperare sconto in fattura parziale in caso di pro-rata IVA

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di IVA indetraibile, l'Agenzia delle Entrate spiega come beneficiare della detrazione del 110% dell'imposta non detratta rimasta a carico del contribuente

Forniti i dati aggiornati dall'Enea sul Superbonus 110%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicazioni e riepiloghi per ogni mese, disposti da parte dell'Enea, dei dati ufficiali sia nazionali che regionali relativamente all'utilizzo del Superbonus 110

Superbonus 110, prevalenza residenziale è obbligatoria

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per accedere all'agevolazione del Superbonus 110, nel caso di un edificio con un unico proprietario, è importante la prevalenza residenziale.

Proroga Superbonus 110% per villette ma con vincolo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Prevista proroga del Superbonus 110% anche per le villette e per le case unifamiliari con delle limitazioni per quanto riguarda il reddito e le detrazioni fiscali

Superbonus: il compenso dell'amministratore è agevolabile?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In una Circolare, l'Agenzia delle Entrate spiega i casi in cui le spese per i compensi da versare all'amministratore di condominio possono rientrare nel Superbonus

Superbonus 110%: nessuna detrazione in caso di unico proprietario di edificio

Affittare casa - Non potrà beneficiare del Superbonus 110, introdotto con il Decreto Rilancio, il proprietario di un edificio costituito da più unità immobiliari. Vediamo perché

Superbonus 110: le novità contenute nella Legge di Bilancio 2021

Fisco casa - Varata la Legge di Bilancio 2021 con le modifiche apportate al Superbonus 110: la proroga, nuovi interventi agevolabili e tipologie di immobili: ecco cosa cambia
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img stefano b.
Buongiornosarei interessato al possibile acquisto di un appartamento in condominio dove sono in corso, già in fase avanzata, i lavori per il superbonus 110 %.Premesso che,...
stefano b. 14 Settembre 2022 ore 00:22 1
Img realista
Salve,scrivo questo dubbio che è sorto adesso che siamo alla fase finale per l'acquisto della nostra prima casa.Il venditore ha dato mandato di fare dei lavori con il 110%...
realista 10 Settembre 2022 ore 20:05 2
Img giuse05
Buonasera a tutti,dopo aver fatto una riunione condominiale nel mese di Gennaio per i lavori trainante (Cappotto) al 110%, alla presenza di un Tecnico Ingegnere Eedile,...
giuse05 09 Settembre 2022 ore 19:54 14
Img giuse05
Buonasera,ho dei dubbi: stiamo in procinto di far il superbonus e a parte i documenti della caldaia e infissi, ora dopo un po di mesi mi hanno chiesto il rogito notarile con...
giuse05 26 Agosto 2022 ore 17:36 3
Img maniel
Salve,ho un dubbio sul credito che si chiederà per il super bonus.In una realtà condominiale, il condominio come persona giuridica aprirà tutte le pratiche...
maniel 26 Agosto 2022 ore 17:34 2