Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Successione testamentarie e legittima: quali differenze

Successione ereditaria con e senza testamento. Cosa fare, quali sono le principali fasi e vari adempimenti riservati ai chiamati? Tutto quello che c'è da sapere
- NEWS Proprietà

Apertura della successione ereditaria


Come noto, la morte di una persona fisica comporta la c.d. apertura della successione, regolata dal codice civile nel Libro II, Titolo III.

Successione con testamento olografo
Al momento della morte del de cuius (persona defunta) una serie di diritti e obbligazioni si estinguono (diritti d’autore o obbligo alla corresponsione degli alimenti), in quanto personali e, pertanto, non trasmissibili. Talune altre categorie di diritti (diritti di credito) e obblighi (alcuni debiti) si trasmettono, invece, agli eredi.


Successione testamentaria


Ai sensi dell’art. 457 c.c., l’eredità si evolve per legge o per testamento.

La successione testamentaria si caratterizza per la sussistenza di un testamento, atto giuridico unilaterale, con il quale il testatore dispone dei propri beni e, in generale, dei propri diritti, designando l’erede testamentario.

Il testamento, in quanto atto formale, deve essere redatto in forma scritta, con le seguenti formalità:

  • successione con testamento olografo: è un testamento redatto, datato e sottoscritto dal testatore;

  • successione notaio con testamento pubblico: in tal caso il testamento è scritto dal notaio, dopo aver accolto le volontà del testatore, innanzi a due testimoni. Il notaio rilegge il contenuto del testamento apponendo luogo, data e sottoscrizione, unitamente al testatore e ai testimoni;

  • successione con testamento segreto: il testamento può essere redatto in qualunque forma, anche non direttamente dal testatore, il quale, in presenza di due testimoni, consegna il testamento sigillato o chiuso in una busta sigillata, al notaio, che nella parte esterna appone la data, riporta le formalità compiute in sua presenza e procede alla sottoscrizione, unitamente al testatore e ai testimoni.

Testamento e legittima


Come rilevato, mediante testamento il testore ha la facoltà di decidere in ordine alle proprie sostanze, individuando anche il c.d. erede testamentario, eredi e anche legati.

È bene chiarire che l’ordinamento giuridico, pur riservando ampio favore alla successione testamentaria, prevede altresì anche importanti limiti alla facoltà del tastatore.

Testamento e successione
Tale limite è rappresentato dalla quota legittima riservata ad appartenenti al nucleo familiare, in quanto ritenuti destinatari, per legge, di una quota indisponibile dell’asse ereditario.

Tali familiari, chiamati anche eredi legittimari, ai sensi dell’art. 536 c.c., sono il coniuge e i figli (o eventuali discendenti nel caso di premorte dei figli) e i genitori (in caso di assenza di figli).

A quanto ammonta la legittima in un testamento?

Nel caso di successione con testamento la legittima è ripartita fra gli eredi secondo criteri stabiliti dal codice civile.

Successione testamentaria fratelli


La ripartizione della quota di legittima in un testamento è regolamentata dall’art. 537 c.c.

Tale norma prevede espressamente che, nel caso di presenza di un solo figlio, a questi è riservata la metà del patrimonio.

In presenza di più figli è loro riservata la quota dei due terzi, da dividersi in parti uguali tra tutti i figli.

In assenza di figli, agli ascendenti (genitori) spetta un terzo del patrimonio.

Se vi sono più eredi ascendenti, l’art. 569 c.c. stabilisce che succedono per una metà gli ascendenti della linea paterna e per l'altra metà gli ascendenti della linea materna.

All’eventuale coniuge è riservata la metà del patrimonio del de cuius.

Al coniuge sono sempre riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso dei mobili che la corredano, se la casa era di proprietà della persona della cui eredità si tratta, o comune.

Concorso fra eredi legittimari nella successione testamentaria


Qualora il de cuis abbia lasciato coniugi e figli, la ripartizione delle quote ereditarie con testamento segue i seguenti criteri.

Se con il coniuge concorre un solo figlio, la quota di riserva per il figlio è di un terzo.
Al coniuge spetta un altro terzo del patrimonio oltre al diritto di abitazione.

Se vi sono più figli a essi è complessivamente riservata la metà del patrimonio e al coniuge spetta un quarto del patrimonio del defunto. La divisione tra tutti i figli è effettuata in parti uguali.


Differenza tra successione legittima e necessaria


Nel caso in cui il de cuius non abbia provveduto in vita alla redazione di un testamento, si apre la successione legittima o detta anche intestata, in quanto senza testamento.

In tale senso si comprende la differenza tra successione legittima e necessaria.

Differenza tra successione legittima e necessaria
La prima si apre in assenza di una dichiarazione di successione con testamento, la seconda è la successione che la legge riserva ai soggetti legati al defunto da stretti rapporti di parentela o da un rapporto di coniugio, anche nel caso in cui sia stato redatto dal de cuis un testamento.

Ai sensi dell’art. 457 c.c., secondo comma, non si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria.

In mancanza di una espressa dichiarazione di volontà, al fine di individuare gli eredi, rileva il rapporto di parentela.


Come aprire una successione ereditaria


Alla morte di una persona fisica segue un precisa procedura per la successione.

Si tratta di uno specifico iter per successione ereditaria che si suddivide sostanzialmente in tre fasi:

  • apertura del testamento o, se non è stato redatto testamento, della successione legittima;

  • delazione dell’eredità, ovverosia la verifica dei requisiti per l’assunzione della qualifica di erede;

  • accettazione dell’eredità semplice o con beneficio di inventario. Nell’accettazione semplice si verifica una totale confusione del patrimonio del de cuius e dell’erede. Questi, dunque, subentra in toto alla posizione del testatore (attivo e passivo) e, pertanto, risponderà anche di tutti i debiti. Nell’accettazione con beneficio di inventario i patrimoni rimangono distinti. Ciò significa che l’erede non succede con riferimento alle passività del de cuius.

Iter successione testamentaria


Se è stato redatto un testamento da parte del de cuius, si pone spesso un problema pratico, ovverosia la convocazione eredi per testamento.

Le tempistiche e le modalità per l’apertura della successione dipendono strettamente dalla tipologia di testamento. Analogamente, nel caso di testamento segreto, questo, appena rinvenuto, deve essere consegnato senza indugio al notaio.

Se è stato redatto un testamento pubblico, l’atto di successione si trova già nella disponibilità del notaio, al quale compete il compito di convocare i chiamati all’eredità.

Dopo quanto tempo il notaio chiama gli eredi?

Dichiarazione di successione notaio
In primis, è importante chiarire che non esiste una tempistica precisa che impone al notaio di convocare gli eredi.

Ciò nondimeno, la legge tutela il soggetto che ritiene di essere stato leso dalla mancata o ritardata pubblicazione del testamento, il quale può agire contro il notaio.


Come fare successione: la dichiarazione di successione


La morte di una persona comporta una serie di adempimenti a carico degli eredi anche nei confronti del Fisco.

Fra tali adempimenti figura la dichiarazione di successione, ovverosia una comunicazione che deve essere presentata dagli eredi, dai chiamati all’eredità e dai legatari all’Amministrazione finanziaria e riguarda tutti i beni in successione.



La dichiarazione di successione deve essere presentata dagli eredi entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che coincide, generalmente, con la data del decesso.

riproduzione riservata
Articolo: Successione testamentaria e legittima
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Successione testamentaria e legittima: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.002 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Successione testamentaria e legittima che potrebbero interessarti


Denuncia di Successione

Proprietà - Quando nell'asse ereditario vi sono beni immobili, va sempre presentata la denuncia di successione, sia che si tratti di successione legittima che testamentaria.

Il Testamento e la successione testamentaria

Proprietà - Nel testamento la volontà del defunto viene espressa per iscritto, di proprio pugno o a macchina, per il tempo in cui avrà cessato di vivere la sua esistenza terrena.

Invio telematico della dichiarazione successione, quali novità?

Fisco casa - A partire dal 23 gennaio 2017 la dichiarazione di successione potrà essere presentata per via telematica. Dal 1° gennaio 2018 sarà l'unico modo di presentazione.

Il testamento olografo: che cos'è e quali sono i suoi requisiti

Proprietà - Che cos'è un testamento olografo, come scriverlo, quali i requisiti previsti dalla legge, pena la sua impugnazione. In quali casi può essere soggetto a riduzione

Il diritto di abitazione del convivente non rientra nella successione

Proprietà - In caso di convivenza more uxorio che succede se uno dei conviventi muore? Il diritto di abitazione previsto dalla legge con scadenza non rientra in successione

Dichiarazione di successione 2020: proroga del termine di presentazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di decesso di un familiare gli eredi potranno presentare la dichiarazione di successione al Fisco entro il 30 giugno, come stabilito dal DL Cura Italia.

La Revoca del testamento

Proprietà - Il testamento è un atto revocabile. In qualsiasi momento della sua esistenza, il testatore ha la facoltà di annullare, modificare o integrare le disposizioni contenute.

Casa acquistata prima del matrimonio: che succede in caso di morte del coniuge

Comprare casa - Qual è la sorte dei beni acquistati prima delle nozze qualora il coniuge venga a mancare. Vediamo cosa dice la legge e quali le tutele per il coniuge superstite

Dal 2019 la dichiarazione di successione sarà soltanto online

Proprietà - Con un recente provvedimento l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il nuovo modello per la trasmissione della dichiarazione di successione in modalità telematica