Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Successione nel contratto di locazione

NEWS Affittare casa18 Novembre 2013 ore 01:17
Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.
locazione , contratto di locazione , successione , conduttore

CasaLa locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo.

Questa la definizione di locazione fornita dall'art. 1571 c.c.

Due le parti: il locatore (chi concede il godimento) ed il conduttore (chi ne usufruisce).

Al di là del dato formale da una parte e dall'altra possono esserci più persone: si pensi all'appartamento in comunione dei beni tra marito e moglie (o magari tra fratelli, ecc.); per una sicura regolarità del contratto è bene che entrambi lo firmino.

Anche gli inquilini possono essere più d'uno: si pensi sempre al caso di marito e moglie oppure agli appartamenti affittati a studenti per i quali sia è preferito il contratto unico all'affitto del posto letto.
Il contratto, si dice, ha valore solamente tra le parti; nel caso della locazione, però, le cose non stanno propriamente così. Vediamo perché.


Locatore e successione nel contratto di locazione


Che cosa accade se, in costanza di locazione, il proprietario dell'unità immobiliare la vende o decede?
Quanto alla prima ipotesi, ai sensi dell'art. 1602 c.c.:

Il terzo acquirente tenuto a rispettare la locazione subentra, dal giorno del suo acquisto, nei diritti e nelle obbligazioni derivanti dal contratto di locazione.

Per il caso di decesso, la situazione non è differente: secondo la Suprema Corte di Cassazione, infatti, La morte del locatore comporta solo una modificazione soggettiva del rapporto di locazione con il subentro degli eredi nella posizione del locatore e nei suoi obblighi e con il corrispettivo dovere del conduttore di adempiere l'obbligazione relativa al pagamento del canone (cfr. Cass. n. 1811/89).
È evidente che la posizione dell'erede, in casi del genere, è sostanzialmente analoga a quella dell'acquirente.


Conduttore e successione nel contratto di locazione


LocazioneNon cambia molto per il caso in cui a variare sia il soggetto conduttore, ma in questo caso il subentro nella posizione contrattuale è possibile solamente a determinate condizioni.
Esse sono individuate dall'art. 6 della l. n. 392/78, rubricata Successione nel contratto, che recita:

In caso di morte del conduttore, gli succedono nel contratto il coniuge, gli eredi ed i parenti ed affini con lui abitualmente conviventi.

In caso di separazione giudiziale, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili dello stesso, nel contratto di locazione succede al conduttore l'altro coniuge, se il diritto di abitare nella casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest'ultimo.

In caso di separazione consensuale o di nullità matrimoniale al conduttore succede l'altro coniuge se tra i due si sia così convenuto.

La Corte Costituzionale, con una sentenza del 1988, è intervenuta sulla norma, per adeguarla ad alcune realtà di fatto non contemplate dal legislatore ma sostanzialmente analoghe.

Così con la sentenza 7 aprile 1988, n. 404, si è deciso di estendere l'applicazione della norma:

a) in caso di morte del conduttore, il convivente more uxorio succede nel contratto di locazione;

b) si è estesa l'applicazione del terzo comma anche al caso di separazione di fatto e all'ipotesi del conduttore che abbia cessato la convivenza, a favore del già convivente quando vi sia prole naturale.



Succedere nel contratto ha ben precise conseguenze:


a) il successore subentra nella medesima posizione del conduttore e quindi è tenuto a pagare il canone di affitto e le spese condominiali (salvo particolari accordi nel caso di separazione, accordi tra i coniugi separati);

b) il successore deve pagare la propria parte di tassa di registrazione come se si trattasse del conduttore;

Trattandosi di ipotesi di successione disciplinate dalla legge non è necessaria una riscrittura del contratto ma è consigliabile effettuarla comunque per regolarizzare totalmente ogni rapporto tra le nuove parti.
Nulla osta, infine, a che, per pura causalità, le parti del contratto, da entrambi i lati, possano mutare contemporaneamente.

riproduzione riservata
Articolo: Successione nel contratto di locazione
Valutazione: 3.72 / 6 basato su 18 voti.

Successione nel contratto di locazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
314.564 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Ristrutturazione negozi e pub Milano e provincia
    Ristrutturazione negozi e pub...
    299.00
  • Ristrutturazione capannoni Milano e dintorni
    Ristrutturazione capannoni milano...
    200.00
  • Ristrutturazioni uffici Milano e dintorni
    Ristrutturazioni uffici milano e...
    299.00
  • Ristrutturazione low cost Milano e provincia
    Ristrutturazione low cost milano e...
    200.00
Notizie che trattano Successione nel contratto di locazione che potrebbero interessarti


Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Locazione: il modello RLI nel caso di decesso del locatore

Affittare casa - Cosa succede al rapporto di locazione immobiliare in caso di decesso del locatore; cosa devono comunicare gli eredi all'Agenzia delle Entrate con il modello RLI

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Registrazione di contratti di locazione brevi

Affittare casa - Il contratto di locazione per periodi inferiori a trenta giorni, spesso usato per soddisfare esigenze di natura turistica, non è soggetto all'obbligo di regsitrazione.

Locazione: contratto nullo in caso di mancata registrazione

Affittare casa - In caso di mancata registrazione di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo, si prevede la nullità dello stesso contratto come ha precisato la Cassazione.

Sfratto per finita locazione

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bresy
Buongiorno,dopo il decesso di mio nonno, mio padre e mia nonna hanno ereditato a metà le proprietà di mio nonno, ovvero un palazzo.Mio padre quindi possedeva 1/4 del...
bresy 08 Settembre 2014 ore 10:00 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img maryquant
Buonasera.Vorrei chiedere come si fa a stipulare un contratto di affitto per l'appartamento di proprietá del condominio.Grazie...
maryquant 27 Agosto 2015 ore 23:09 7
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1