Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Stufa ad accumulo di calore

La stufa ad accumulo di calore, o stube, è una forma di riscaldamento molto diffusa nei paesi di lingua tedesca, come Trentino Alto Adige, Austria e Germania.
27 Ottobre 2013 ore 16:30 - NEWS Impianti di riscaldamento
stufa , stube , stufa ad accumulo , riscaldamento

Come funziona la stufa ad accumulo


La stufa ad accumulo di calore è una forma di riscaldamento molto diffusa nei paesi di montagna, in particolare in quelli di lingua tedesca, come Trentino Alto Adige, Austria e Germania.

TirolerstubeÈ detta erroneamente anche stube, anche se più correttamente questa parola andrebbe ad identificare il locale in cui essa era collocata, vocabolo da cui è poi derivato il termine stufa.

Insomma, le splendide stufe in maiolica tipiche delle baite di montagna, sembravano essere una forma di riscaldamento ormai tramontata dopo l'avvento dei combustibili fossili.
Invece, in un momento in cui nasce la necessità di riscaldare in maniera più ecologica e confortevole se ne riscopre l'utilità.

Questo tipo di stufa è in grado di riscaldare, con uno o due piccoli carichi di legna al giorno, uno o più locali della casa per irraggiamento, una modalità che risulta molto gradevole e diffonde il calore in maniera uniforme.
Il calore irradiato, tra l'altro, consente di riscaldare anche gli oggetti presenti in una stanza, che poi lo restituiscono all'ambiente.


Ma come funziona una stufa ad accumulo?


In effetti, se ci è capitato di sostare presso un tradizionale camino a legna, ci saremmo accorti di come il calore continui a sprigionarsi, anche a fuoco spento, attraverso la brace e la pietra dello stesso, che sono in grado di trattenerlo e rilasciarlo gradualmente.

TirolerstubeIl principio di funzionamento della stufa ad accumulo sfrutta proprio il materiale con cui è realizzata la camera di combustione, materiale refrattario in grado di conservare e rilasciare il calore nel tempo.
Tra i materiali più impiegati troviamo infatti la pietra ollare, la maiolica, l'intonaco refrattario ma anche la ghisa, mentre l'alimentazione è solitamente a legna.

Ma il vero segreto della stube è un particolare giro di fumi, anch'esso in materiali refrattari, proporzionato alla camera di combustione, al volume della stufa e alla lunghezza della canna fumaria.

Il blocco in materiale refrattario viene riscaldato dalla legna grazie al fatto che i fumi caldi scorrono attraverso i condotti fumari ed il calore gli viene ceduto; quindi il calore accumulato viene trasmesso alla maiolica esterna che lo irradia nell'ambiente circostante.
Si crea pertanto un meccanismo che favorisce una buona aspirazione, un'ottima combustione e una pulizia generale della stufa.

Esteriormente le stufe ad accumulo possono essere caratterizzate dai materiali più vari. La stube classica è di solito rivestita da splendide maioliche smaltate con decori tradizionali, ma non mancano oggi anche esemplari dal design più contemporaneo.

La realizzazione di una stube deve essere affidata ad un maestro fumista competente che calcolerà, tra l'altro, il fabbisogno termico e, di conseguenze, le sue dimensioni.
Tra le aziende che si avvalgono della competenza di esperti maestri fumisti, citiamo D.F. Stufe.


Vantaggi e svantaggi della stufa ad accumulo


La stube, collocata al centro della casa, diventa quasi un'opera d'arte ed è in grado di conferire una forte personalità a qualunque tipo di ambiente, classico, moderno o d'avanguardia che sia.

D.F. stufeUna stufa ad accumulo ha il vantaggio che, con pochi carichi di legna, mantiene il calore costantemente per tutto l'arco della giornata, anche una volta spenta, grazie al principio del calore accumulato, che viene rilasciato lentamente nell'arco delle ore.

La combustione produce pochissima cenere, che può essere raccolta anche una volti ogni uno – due mesi, a seconda anche del tipo di legna impiegata.

Il sistema può essere impiegato per riscaldare, attraverso canalizzazioni, tutta la casa, tuttavia questo tipo di stufa presenta lo svantaggio di dover essere necessariamente piuttosto pesante, altrimenti si perderebbero le doti di buona conducibilità termica dei materiali con cui è realizzata.

Per questo motivo le stufe ad accumulo devono essere installate e realizzate in loco e non possono più essere spostate, perché possono arrivare a pesare anche 1600 kg.
Le dimensioni, però, non sono necessariamente voluminose. Nel caso della pietra ollare, ad esempio, il peso così consistente è frutto in realtà di un elevato peso specifico del materiale.

Solitamente una stufa di questo tipo è parte integrante dell'edificio stesso in cui viene installata per cui è un elemento da tenere in considerazione in fase di progettazione ma, in ogni caso, è fondamentale fare attenzione alla capacità strutturale del pavimento di sopportate un tale carico.

Un altro aspetto positivo di questo tipo di stufa è invece la capacità di incidere positivamente dal punto di vista del risparmio energetico e della riduzione di emissioni inquinanti in ambiente.

Stufa ad accumulo a funzionamento misto



La stufa ad accumulo richiede lunghi tempi per riscaldarsi ed andare a regime, per questo motivo può essere opportuno valutare l'installazione di un modello a funzionamento misto (irraggiamento e convezione), nel caso in cui debba essere accesa per brevi periodi.

In questo caso la camera di combustione in materiale refrattario viene avvolta con un manto di ghisa.
La ghisa risulterà arroventata nell'arco di 20 minuti, per cui trasferirà più velocemente il calore all'ambiente circostante.

Tirolerstube realizza, oltre alle tradizionali stufe ad accumulo, anche quelle con funzionamento misto.

riproduzione riservata
Articolo: Stufa ad accumulo
Valutazione: 4.10 / 6 basato su 42 voti.

Stufa ad accumulo: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Claudio
    Claudio
    Mercoledì 1 Giugno 2016, alle ore 16:22
    Ho acquistato una stufa ad accumulo, in maiolica, completa per metà;

    La stufa è di fatto un parallelepipedo verticale che si scompone per cosi dire in "fette/sezioni" impilate una sull'altra, le prime due superiori hanno uno spessore perimetrale di circa 6/8 cm, ed all'interno hanno le pareti girofumi in pietre refrattarie di circa ulteriori 3 cm.

    La parte del focolare ha un rivestimento di pietre referattarie spesse circa 3 cm poi solamente le maioliche.

    Io dovrei costruire uno spessore refrattario per unire le maioliche alle pietre.

    Posso usare solo malta refrattaria, o è più opportuno, come penso, utilizzare calcestruzzo refrattario?

    In quest'ultimo caso dove posso acquistarlo, poichè ho chiesto ad alcuni rivenditori di materiali edili, ma nella mia zona, Ferrara, nessuno mi ha saputo consigliare.

    Grazie e buona giornata. Claudio; skiu99@libero.it.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.266 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Stufa ad accumulo che potrebbero interessarti


Installare stufa a circolo esterno

Fai da te Muratura - Le stufe a circolo esterno alimentate a gas consentono di risparmiare sul riscaldamento, ma l'installazione deve avvenire con la massima attenzione per la sicurezza.

Stufa ad ipocausto

Impianti di riscaldamento - Riscaldare con un'antica tecnologia mista ai materiali moderni ora è possible, ecco la nuova stufa in maiolica con sistema di riscaldamento ad ipocausto.

Come riparare una stufa elettrica

Idee fai da te - La stufa elettrica è un pratico mezzo per riscaldare piccoli ambienti presente quasi in ogni casa: ecco come intervenire per riparare i guasti più comuni.

Stufe a metano

Impianti di riscaldamento - Le stufe a metano funzionano mediante un procedimento catalitico, grazie al quale non necessitano di sfiato esterno e, quindi, della presenza di canna fumaria.

Caminetti e stufe ibride

Impianti di riscaldamento - Da anni ormai si è già visto l'ingresso sul mercato di numerosi nuovi modelli di stufe e caminetti ibridi: a legna, a pellet, bioetanolo o anche soluzioni ibride.

Scelta alimentazione di una stufa: a legna o a pellet?

Impianti di riscaldamento - Acquistare ora una stufa o un termocamino, necessita attenzione su molti aspetti, tra i quali uno dei primi è la scelta dell'alimentazione: a legna o a pellet?

Differenze fra stufe, caldaie e termostufe a pellet

Impianti di riscaldamento - Gli impianti a pellet possono essere dotati di vari tipi di generatori, come le stufe, le caldaie e le termostufe, che hanno diverse modalità di funzionamento.

Stufe e camini

Impianti - Per superare momenti di clima molto rigido, si può disporre di soluzioni integrative all?impianto di riscaldamento, come stufe e camini.

Stufe, termostufe e caldaie a pellet: la tecnologia del calore per risparmiare sui costi di riscaldamento

Impianti di riscaldamento - Stufe, termostufe e caldaie a pellet Ariel Energia: delle soluzioni in grado di garantire calore e benessere in casa, per avere ambienti sani e confortevoli.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img enrico pasotti
Salve a tutti, faccio una domanda probabilmente sciocca:Sto pensando di acquistare un rustico che necessita di importanti ristrutturazioni.Dato che ho un budget limitato e che...
enrico pasotti 07 Giugno 2021 ore 18:24 2
Img cera
Buongiorno,Il precedente proprietario della mia casa aveva fatto pratica di recupero sottotetto e progetto nuziale (legge 10/91) prevedeva installazione pompa calore per acqua...
cera 27 Aprile 2021 ore 16:12 5
Img miller
Buongiorno,sulla base delle ultime normative emanate sembrerebbe che sia possibile installare una stufa a pellet beneficiando della detrazione del 50%, e poiché tale...
miller 30 Marzo 2021 ore 18:57 1
Img chris0811
Ciao a tutti, sono nuovo nel forum. vi scrivo questo messaggio per chiedervi un parere per la mia situazione. sto ristrutturando un appartamento posto su 2 piani di circa 180 mq.
chris0811 30 Dicembre 2020 ore 09:51 4
Img nancy39
Buongiorno, ho letto questo articolo blog interessante sulla stufe a pellet (ve lo condivido se siete interessati all'argomento www.lovebrico...
nancy39 28 Novembre 2020 ore 08:47 1