Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Stufa a pellet: è possibile l'installazione in condominio?

Per installare un impianto di riscaldamento a risparmio energetico, come una stufa a pellet, ci si chiede se sia necessario il consenso dei condomini. Vediamolo
- NEWS Leggi e Normative Tecniche

Stufa a pellet installazione: in condominio è possibile?


Le stufe a pellet negli ultimi anni sono una soluzione per il sistema di riscaldamento che trova sempre più diffusione sul mercato. Oltre a rendere l'ambiente più green ed eco sostenibile, sono apprezzate per le capacità di arredo della propria casa. Al design gradevole si aggiungono l'efficacia e il risparmio sul fronte economico.

Sia che si viva in una casa singola, sia che si abiti in un appartamento condominiale, per poter installare una stufa a pellet, è necessario conoscere normative e procedure.
Essere informati sugli obblighi di legge relativi allo scarico dei fumi e sulle diverse modalità di installazione della canna fumaria è fondamentale prima di effettuare l'acquisto di una stufa a pellet per la propria casa.

Come vedremo, stufe e camini possono essere installati anche in edifici e ambienti molto diversi, persino all'interno di un condominio.
Proprio la collocazione di una stufa a pellet in ambito condominiale è una questione particolarmente sentita da coloro che intendono scegliere questa modalità di riscaldamento per gli ambienti in cui vivono. Ci sono dei limiti tecnici o legali? Approfondiamo di seguito l'argomento.

Stufa a pellet
Il primo aspetto da verificare per installare una stufa a pellet in condominio è se già esistono delle canne fumarie nell'edificio che possano essere utilizzate per il proprio apparecchio di riscaldamento. Qualora sia possibile, si procederà per l'espulsione dei gas di scarico, con l'allaccio alla canna fumaria centralizzata.

Se non fosse possibile allacciarsi alla canna fumaria centralizzata, il condomino dovrà personalmente e a proprie spese, installare una canna fumaria stufa a pellet indipendente fino al tetto. Per l'effettuazione dei lavori, si dovrà procedere con l'apertura di una Dia, dichiarazione di inizio attività, presso il Comune di residenza.


Canna fumaria stufa a pellet normativa


Per installare una canna fumaria è opportuno accertare se vi siano dei divieti all'interno del regolamento condominiale, in merito alla possibilità di fare dei fori nelle parti comuni del fabbricato (pareti o solaio) al fine di raggiungere il colmo del tetto.

A livello normativo da tener presente è, in particolar modo, quanto previsto dal D.L .179/2012 (Decreto sviluppo bis) che, in materia di installazione della canna fumaria in condominio, ha previsto alcune novità. L'articolo 34 comma 53 dispone quanto segue:

Gli impianti termici siti negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente Art. 34 D.L. 179/2012

Primo aspetto da evidenziare, di estrema importanza è che l'installazione della canna fumaria per gli impianti di riscaldamento non può più essere a parete. Unica eccezione sono gli impianti di riscaldamento ad alta efficienza energetica come le caldaie a condensazione, per le quali si applica sia in caso di edifici privati che in ambito condominiale, la normativa precedente (DPR 412/1993).

Lo stesso DL 179/2012 afferma che:

Qualora si installino generatori di calore a gas a condensazione che, per valori di prestazione energetica e di emissioni nei prodotti della combustione, appartengano alla classe ad alta efficienza energetica, più efficiente e meno inquinante, prevista dalla pertinente norma tecnica di prodotto UNI EN 297 e/o UNI EN 483 e/o UNI EN 15502, il posizionamento dei terminali di tiraggio avviene in conformità alla vigente norma tecnica UNI 7129 e successive integrazioni D.L.179/2012

Dunque, per installare una propria canna fumaria non basta solo fare un foro alla parete.
Limitarsi a questo sarebbe contrario alle norme di legge in quanto dannoso alla salute e tale da compromettere la sicurezza delle persone. I fumi della legna o di altri combustibili devono sempre essere scaricati oltre il colmo del tetto, viste le sostanze nocive generate dalla combustione. Con un semplice buco nel muro i resti della combustione verrebbero rilasciati ad altezza uomo e oltre ad annerire il vetro della stufa ci sarebbe il rischio di pericolosi ritorni di fumo e monossido di carbonio nel locale nel quale è collocata la stufa.

Il Dl 179/2012 non è l'unica norma da rispettare. Per poter installare una stufa a pellet si devono osserevare anche importanti regole sullo scaricofumi stufe a pellet.

Stufa a pellet senza canna fumaria
Lo scarico dei fumi a tetto e con condotto fumario deve avere le caratteristiche previste dalla UNI 10683. Tale normativa disciplina l'installazione delle stufe a pellet con particolare riguardo all'esistenza di una canna fumaria indipendente. Lo scarico dei fumi deve avvenire a livello del tetto dell'edificio. Inoltre, dovranno essere rispettate le distanze minime di sicurezza da pareti e mobili infiammabili.
L'impianto di riscaldamento deve essere distanziato da materiali combustibili o infiammabili, mediante la costruzione di un'intercapedine d'aria o con interventi di isolamento termico.

Affinché tutto possa essere realizzato a regola d'arte è necessario avvalersi della consulenza e del supporto di un tecnico competente che controlli il corretto funzionamento delle prese d'aria nonché le caratteristiche della stanza dove si deve collocare la stufa a pellet.

Riepilogando, per l'installazione stufa a pellet in condominio, si potrà allacciare lo scarico dei fumi del proprio impianto alla canna fumaria centralizzata.
Per poter installare una canna fumaria privata, la stufa a pellet dovrà essere collocata all'ultimo piano del condominio per poter disporre di un tetto praticabile che consenta lo scarico dei fumi.


Stufe a pellet senza canna fumaria: il falso mito


È possibile collocare nel proprio appartamento una stufa a pellet priva di canna fumaria?
Per dare una risposta iniziamo col dire che la stufa a pellet senza canna fumaria non è, come potrebbe sembrare, una stufa priva di tubo o un condotto fumario, in quanto i fumi di scarico derivanti dalla combustione non possono certo rimanere nell'ambiente domestico.

Abbiamo visto che il requisito principale da rispettare, nel momento in cui si intende installare una stufa a pellet, è l'espulsione dei prodotti della combustione, in modo tale da non danneggiare l'ambiente e la salute dei suoi abitanti.

Stufa a pellet e condominio
L'acquisto di una stufa a pellet senza canna fumaria è senz'altro una soluzione da prendere in considerazione, in quanto più pratica e semplice. Questo non vuol dire che non ci sia lo scarico fumi stufe a pellet; questi non possono di certo rimanere dentro in casa!
Si fa riferimento ad un sistema di riscaldamento per il quale è prevista la sola installazione di un tubo dal diametro pari a circa 8 cm, con fungo terminale, collocato all'esterno per poter scaricare fuori dall'abitazione i fumi di scarico.

Siamo in presenza di un meccanismo caratterizzato da un ventilatore elettrico che, in maniera forzata, spinge i fumi nel condotto di scarico. Dunque, questa tipologia di stufa a pellet può essere installata nell'appartamento anche se non si possiede una canna fumaria indipendente o condominiale. In fase di acquisto si dovrà verificare che la stufa oggetto di acquisto abbia le caratteristica di scarico forzato a parete per la fuoriuscita dei fumi come da UNI 10683.


Scarico stufa a pellet e autorizzazioni condominiali


Per installare una canna fumaria privata o per inserire il tubo di scarico da aprire in caso di stufa a pellet senza canna fumaria, è necessario chiedere delle autorizzazioni, qualora l'appartamento si trovi all'interno di uno stabile condominiale?

La bella notizia è che non è necessario il consenso degli altri condomini.
Il questito proposto è sempre più frequente e la questione desta particolari dubbi per chi è interessato a questo sistema di riscaldamento.

Quindi, primo punto da sottolineare per coloro che vogliano comprare una stufa a pellet è che l'installazione e la costruzione di una canna fumaria privata non devono essere soggette all'approvazione dell'assembleacondominiale. In assenza di norme specifiche contenute nel regolamento condominiale non è necessaria l'accettazione da parte dei condomini.

Unica procedura necessaria è la presentazione della DIA al Comune di residenza.

In forza di quanto stabilito all'articolo 1102 del codice civile:

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso Art. 1102 cod.civ.


L'installazione di una canna fumaria in aderenza, appoggio o con incastro nel muro perimetrale di un edificio da parte di un condomino è un'attività consentita in quanto rientra nel normale uso che venga fatto del bene comune e come tale non si richiede il permesso dei condomini.
Non costituisce una innovazione ma una modifica della cosa comune conforme alla destinazione d'uso della stessa.

Ciò che conta è che nonostante l'installazione del tubo di scarico gli altri condomini possano fare parimenti uso del muro perimetrale.

Più in generale, gli unici limiti all'intervento in questione, come abbiamo già detto, sono il rispetto dei diritti esclusivi altrui.
Bisognerà pertanto garantire e mantenere la sicurezza e la stabilità dell'intero edificio; sarà inoltre necessario rispettare le distanze legali e le norme che disciplinano i rapporti tra proprietà vicine.
In ultimo, sarà indispensabile rispettare il decoro architettonico dell'edificio.
L'eventuale compromissione dell'estetica del fabbricato è rimessa all'apprezzamento del giudice.
Sarà comunque opportuno informare l'amministratore del condominio dei lavori che dovranno essere effettuati, il quale a sua volta dovrà darne comunicazione agli altri condomini.

riproduzione riservata
Articolo: Stufa a pellet senza canna fumaria
Valutazione: 3.60 / 6 basato su 282 voti.

Stufa a pellet senza canna fumaria: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Andrea
    Andrea
    Sabato 20 Novembre 2021, alle ore 14:57
    Appartamento al primo e ultimo piano di condominio con 4 unità oltre a mansarda senza abitabilità di proprietà di un condomino.
    Abbiamo stufa a pellet con scarico fumi direttamente all'esterno con foro a parete.
    Siamo a norma o dobbiamo installare canna fumaria che porti gli scarichi al tetto?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Andrea
      Lunedì 22 Novembre 2021, alle ore 22:11
      No, lo scarico non è a norma. I fumi provenienti dalla combustione va incanalati e portati al tetto della costruzione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Alida Roccatagliata
    Alida Roccatagliata
    Sabato 6 Febbraio 2021, alle ore 14:15
    In cantina piano terra ho posizionato caldaia pellet nel 2012 con scarico fumi esterno attraverso tubo uscente da finestrina e tale tubo corre per circa un metro sotto muro a sbalzo camera di mia proprietà si apre a facciata.
    Vorrei regolarizzare onde evitare controversie come posso?
    Informo che il condominio ha tre piani io occupo il primo quindi l'altezza e circa 12/13m per arrivare a bordo tetto.
    Poiché è in preventivo rifare la facciata vorrei sapere al più presto se portare il tubo a tetto o ci sono altre soluzioni.
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Alida Roccatagliata
      Lunedì 8 Febbraio 2021, alle ore 14:03
      Suggerisco di rivolgersi ad un tecnico competente per la verifica dello stato dei luoghi
      rispondi al commento
  • Alida Roccatagliata
    Alida Roccatagliata
    Sabato 6 Febbraio 2021, alle ore 14:10
    In cantina piano terra ho posizionato caldaia pellet nel 2012 con scarico fumi esterno attraverso tubo uscente da finestrina e tale tubo corre per circa un metro sotto muro a sbalzo camera di mia proprietà si apre a facciata.
    Vorrei regolarizzare onde evitare controversie come posso?
    Informo che il condominio ha tre piani io occupo il primo quindi l'altezza e circa 12/13m per arrivare a bordo tetto.
    Poiché è in preventivo rifare la facciata vorrei sapere al più presto se portare il tubo a tetto o ci sono altre soluzioni.
    rispondi al commento
  • Bruno4
    Bruno4
    Sabato 18 Gennaio 2020, alle ore 17:41
    Stufe senza canna fumaria?
    impossibile, ma si potrebbe anche fare col tubo di evacuazione che esce dalla parete e si allontana per un bel po in orizzontale senza camere sovrastanti, in una proprieta privata senza nessun vicino, tanto vale proseguite al tetto quando si è gia all'esterno
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Bruno4
      Mercoledì 22 Gennaio 2020, alle ore 10:04
      Non è possibile. La norma UNI 10683/2012, infatti, chiede di portare i fumi a tetto indipendentemente dal contesto in cui si trova l'abitazione/edificio. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Rosario69
    Rosario69
    Giovedì 16 Gennaio 2020, alle ore 16:30
    Buon giorno volevo sapere se posso mettere la stufa in pallet.
    Ho una stufa a metano,  vi lascio il mio numero 3934680800
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Rosario69
      Lunedì 20 Gennaio 2020, alle ore 10:50
      Le consiglio di contattare un rivenditore di zona che, previo sopralluogo, Le darà tutte le indicazioni del caso. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Bruno4
    Bruno4
    Giovedì 15 Agosto 2019, alle ore 15:41
    Comunque vuoi scaldarti devi pagare pellet o gas, installatori, manutenzioni obbligatorie, con il miserabile stipendio lavori un anno intero per mantenere la stufa, e poi cè l'affitto o il mutuo, e poi ce la macchina, e il meccanico e il dentista, e la scuola, e i vestiti, e il mangiare, ecc.ecc.ecc,,,. e tutto ha un costo, ci vorrebbe uno stipendio di 10.000 € al mese
    Quest'inverno fate come me, state col cappotto anche in casa
    rispondi al commento
    • Marco44
      Marco44 Bruno4
      Martedì 7 Gennaio 2020, alle ore 19:09
      Ciao Bruno, vedo allora che non sono il solo esasperato da questa vita che ci vede solo vacche da mungere.
      Vorrei cambiare vita, e viverla solo col necessario, senza per questo vivere male.
      Massima solidarietà, tiremm innans!
      rispondi al commento
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Lunedì 14 Gennaio 2019, alle ore 18:14
    Si può valutare in mancanza di allacciamento alla canna fumaria centralizzata, una stufa a pellet senza canna fumaria con sola installazione di un tubo dal diametro pari a circa 8 cm, con fungo terminale, collocato all’esterno per poter scaricare fuori dall'abitazione i fumi di scarico.Ritengo comunque indispensabile la consulenza di un tecnico competente che tenga conto dello stato dei luoghi e del negozio che fornisce l'apparecchio.Saluti
    rispondi al commento
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Giovedì 3 Gennaio 2019, alle ore 16:21
    Buongiorno, in riferimento alle sue osservazioni segnalo che, come indicato, lo scarico dei fumi deve avvenire a livello del tetto dell'edificio in base alla UNI 10683. Questa norma deve essere presa in considerazione in quanto regola lo scarico dei fumi anche quando si vuole installare una stufa a pellet in condominio, se non esiste una canna fumaria condominiale.
    La possibilità di procedere per condomini che non si trovano all'ultimo piano confermo che deve essere approvata dal regolamento condominiale e solo in questo caso.Qualora si tratti di stufa a pellet senza canna fumaria è necessario uno sbocco dei fumi che sia a norma, ovvero con tubo di 8 cm a fungo terminale per lo scarico oltre il colmo del tetto.
    rispondi al commento
    • Daniannact
      Daniannact Manuelamargilio
      Venerdì 11 Gennaio 2019, alle ore 08:30
      Ho sempre avuto il dubbio per la stufa a pellet, abito in condominio al primo piano, sopra di me ho altro due appartamenti, non posso installare una canna fumaria, come risolvere?
      Dove faccio lo scarico?
      rispondi al commento
  • Santagi
    Santagi
    Mercoledì 2 Gennaio 2019, alle ore 23:23
    Nell'articolo ci sono alcune inesattezze:
    1- Il primo aspetto da verificare per installare una stufa a pellet in condominio è se già esistono delle canne fumarie nell’edificio che possano essere utilizzate per il proprio apparecchio di riscaldamento. Qualora sia possibile, si procederà per l’espulsione dei gas di scarico, con l’allaccio alla canna fumaria centralizzata.La UNi 10683 vieta le canne fumarie condivise, per cui tale soluzine non è praticabile
    2 -  Riepilogando, per l'installazione stufa a pellet in condominio, si potrà allacciare lo scarico dei fumi del proprio impianto alla canna fumaria centralizzata.  Vedi sopra
    3 - Per poter installare una canna fumaria privata, la stufa a pellet dovrà essere collocata all’ultimo piano del condominio per poter disporre di un tetto praticabile che consenta lo scarico dei fumi.
    Non è vero. Anche l’inquilino di un piano diverso dall'attico può installare la stufa a patto che non sia vietato dal regolamento condominiale o da regolamenti comunali.
    Nel caso il condominio non può opporsi alla realizzazione della canna fumaria. Come specificato correttamente nel proseguio dell'articolo.
    4 - In fase di acquisto si dovrà verificare che la stufa oggetto di acquisto abbia le caratteristica di scarico forzato a parete per la fuoriuscita dei fumi come da UNI 10683. La UNI 10683 VIETA lo scarico a parete dei prodotti della combustione per le stufe a pellet. Non può quindi essere una caratteristica della stufa.  
    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.083 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Stufa a pellet senza canna fumaria che potrebbero interessarti


Stufe a pellet come installarle

Impianti di riscaldamento - Come installare correttamente una stufa a pellet rispettando le norme in materia di evacuazione fumi, ottimizzandone la resa in termini economici ed energetici.

Stufe a pellet ridisegnate

Impianti - Come inserire una stufa a pellet in un arredamento riducendone visivamente l'ingombro attraverso un intervento di allestimento semplice e rispettoso della sicurezza.

Stufe, termostufe e caldaie a pellet: la tecnologia del calore per risparmiare

Impianti di riscaldamento - Scopri come funzionano le stufe a pellet Ariel Energia: a prezzi bassi e convenienti, regalano calore alla tua casa facendoti risparmiare in bolletta

Perché scegliere di installare una stufa a pellet

Fai da te Muratura - La stufa a pellet è utile a riscaldare qualsiasi ambiente. È un prodotto ecologico poiché per il suo utilizzo vengono adoperati scarti di lavorazione del legno

L'istallazione di una canna fumaria è un abuso edilizio oppure no?

Leggi e Normative Tecniche - Secondo il parere del giudice amministrativo l’installazione di una canna fumaria può essere ricompresa nell’ambito dell’attività di edilizia libera oppure no?

Manutenzione canne fumarie in eternit

Impianti di riscaldamento - Il problema dello smaltimento dell'amianto rappresenta un onere economico notevole per chiunque voglia ottemperare alle vigenti disposizioni di legge in materia.

Manutenzione della canna fumaria condominiale per cattivo funzionamento

Manutenzione condominiale - La manutenzione della canna fumaria condominiale, il ruolo dell'assemblea e quello del singolo condomino che ha notizia certa di un cattivo funzionamento

Come si suddividono i costi di una canna fumaria tra i condòmini?

Affittare casa - La canna fumaria per lo scarico dei prodotti della combustione può essere un manufatto in proprietà condominiale. In questo caso, come si ripartiscono le spese?

Stufe a pellet: prezzi e offerte Ariel Energia

Impianti di riscaldamento - Scopri le offerte stufe a pellet Ariel Energia. Moderne, performante e 100% Made in Italy a prezzi bassi e convenienti. Oltre 40 anni di esperienza.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img rosa borgia
Buongiorno a tutti,sul tetto del mio condominio soggiornano spesso dei piccioni, creando numerosi problemi sul tetto per via del guano e delle tegole che vengono spostate.Durante...
rosa borgia 05 Dicembre 2021 ore 13:43 1
Img alexs49
Nel mio condominio, in città, da parecchi anni non viene effettuato alcun lavoro, per evitare le infiltrazioni di acqua negli appartamenti.Tempo fà si usava passare...
alexs49 17 Novembre 2021 ore 14:02 1
Img pascal bianzina
Buongiorno a tutti, sono francese di origine italiana e possiedo un appartamento per vacanze in famiglia in Italia.Questo appartamento è in un condominio.Non percepisco...
pascal bianzina 11 Novembre 2021 ore 23:50 7
Img giodeco
Buongiorno, nel mio condominio il consumo dell'acqua viene diviso in base ai millesimi, essendoci un unico contatore.Nel mio caso sono penalizzato in quanto in appartamento siamo...
giodeco 06 Novembre 2021 ore 19:20 7
Img rosarial71
Sale a tutti,Ho un impianto centralizzato condominiale e vorrei mettere le valvole Termostatiche Wi-Fi ai radiatori per poterli utilizzare più comodamente e risparmiare...
rosarial71 05 Novembre 2021 ore 13:21 1