Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Caratteristiche e utilizzi dello stucco epossidico

Lo stucco epossidico utilizzato come collante e riempitivo tra le piastrelle di rivestimento, vanta ottime caratteristiche tra cui elevata igienicità e resistenza.
01 Maggio 2015 ore 00:19 - NEWS Pavimenti e rivestimenti

Lo stucco in edilizia


Lo stucco è un impasto finissimo a base di gesso, calce o cemento usato in edilizia per il rivestimento e la decorazione di muri e soffitti. In genere viene impiegato per dare un aspetto più gradevole a superfici grezze come calcestruzzo, legno e metallo, oppure come riempitivo per buchi e fughe tra piastrelle e per nascondere i difetti di una superficie.

lo stucco in ediliziaLo stucco, proprio per la sua consistenza piuttosto pastosa è soggetto a rapida essiccazione.

La sua composizione può essere molto variabile; talvolta si aggiungono additivi acrilici o fibre di vetro per aumentarne le caratteristiche di resistenza e lavorabilità.

Storicamente lo stucco consisteva in un impasto a base di calce spenta, idrossido di calcio e polvere di marmo. Questo composto dall'aspetto piuttosto lavorabile, poteva anche essere modellato per realizzare figure tridimensionali e statue.

Infatti l'architettura barocca e rococò ha fatto largo uso di stucchi in palazzi e chiese, per realizzare sovrapporte, cornici tra pareti e soffitti. Questo materiale permette inoltre di creare una estensione tridimensionale alle pitture bassorilievi e ai trompe l'oeil.

applicazione dello stucco Alcune miscele, costituite prevalentemente a base di gesso, non tollerando l'umidità sono adatte per uso interno, mentre altre sono impiegate per decorazioni esposte alle intemperie.

Lo stucco mescolato con resine e colle viene utilizzato in edilizia anche per raccordare i giunti tra due o più elementi architettonici o come composto pastoso, da utilizzare per la rasatura di pareti in cartongesso o gesso rivestito.

Tra le varie tipologie ritroviamo anche lo stucco epossidico.


Lo stucco epossidico: cos'è e dove si usa


Lo stucco epossidico è un prodotto utilizzato soprattutto per sanare i giunti di ambienti molto umidi rivestiti in piastrelle, come bagni e cucine.


Ha una consistenza molto più dura dello stucco normale e per questo motivo è più difficile da stendere, ma ha numerosi vantaggi, ad esempio:
- non si sporca, quindi mantiene il colore della fuga scelto
- evita la formazione di funghi e muffe nelle fughe.
Anche se il suo costo è leggermente superiore rispetto ai comuni collanti e riempitivi, lo stucco epossidico costituisce una soluzione ottimale, per posare in opera sia rivestimenti che pavimenti .

Un'azienda che propone stucco epossidico in tutte le sue varianti, quindi come collante e come riempitivo con annessi prodotti per la pulitura dopo la posa, è la Technokolla S.p.A., la quale mette a disposizione del proprio cliente prodotti per tutte le esigenze e mostra attraverso degli schemi molto semplici allegati ai prodotti, la modalità di posa degli stessi.

stucco epossidico: posa in opera di Technokolla S.p.A.
In genere, quando si realizzano le fughe in un pavimento o in un rivestimento, dopo aver posato in opera le piastrelle con gli opportuni distanziatori, si dovrà stendere lo stucco epossidico con un frattazzo di gomma. La superficie stuccata, ancora fresca, dovrà essere bagnata con acqua pulita; questo perché lo stucco epossidico ha una consistenza piuttosto pastosa.

Per fare in modo che il prodotto si distribuisca in maniera uniforme nelle fughe sarà necessario frattazzare la superficie con un feltro morbido bagnato, avendo cura di pulirlo frequentemente con abbondante acqua.

stucco epossidico: posa in opera di Technokolla S.p.A.
Di seguito sarà necessario pulire la superficie ancora fresca con uno spandiboiacca, per eliminare il prodotto in eccesso e infine, la fase di pulitura del pavimento o del rivestimento dovrà essere completata utilizzando una spugna morbida molto umida.

Un'altra azienda che produce prodotti epossidici è la Mapei che con il prodotto Kerapoxy, una malta bi-componente antiacido di tipo epossidico a presa rapida, risolve il problema di stuccatura e incollaggio di piastrelle ceramiche, elementi lapidei, fibro-cemento, calcestruzzo e altri materiali da costruzione.

I suoi utilizzi sono molteplici, tra cui:

stucco epossidico di Mapei- stuccatura di pavimenti e rivestimenti industriali e non, che richiedono una elevata igienicità, resistenza meccanica e all'attacco di acidi
- stuccatura di piscine, in particolare vasche contenenti acqua termale o salmastra
- stuccatura in vasche contenenti acque molto aggressive, come le vasche di depurazione
- incollaggio di soglie e davanzali in marmo
- incollaggio di piastrelle in piscine in vetroresina
- incollaggio di pezzi speciali di piastrelle.

Kerapoxy è costituito da resine epossidiche, sabbie silicee più alcuni componenti speciali, che garantiscono una buona resistenza agli acidi e un'ottima pulibilità.

Questo prodotto è molto versatile e lo si può adoperare per eseguire stuccature di mosaici vetrosi, anche se presentano fughe di larghezza inferiore ai 3 mm.

stucco epossidico di MapeiDopo l'applicazione, il prodotto garantisce una superficie finale liscia, compatta, non assorbente; infatti, è facilmente pulibile e resistente alle fessurazioni.

Lo stucco epossidico in genere, avendo una composizione piuttosto pastosa è esente da ritiri e di conseguenza è meno soggetto a fenomeni di fessurazione e formazione di crepe.

riproduzione riservata
Articolo: Stucco epossidico
Valutazione: 4.18 / 6 basato su 34 voti.

Stucco epossidico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Fabri
    Fabri
    Domenica 20 Settembre 2020, alle ore 15:37
    Una volta che è stato posato poi se si bagna cambia colore?
    Lo chiedo perché lo stucco che hanno usato per le piastrelle del bagno, color grigio, quando ci cade l'acqua diventa nero.
    rispondi al commento
    • Ing.montesano
      Ing.montesano Fabri
      Martedì 22 Settembre 2020, alle ore 22:54
      Lo stucco epossidico non assorbe acqua, quindi non cambia colore, probabilmente quello che hanno utilizzato per le piastrelle del suo bagno è di tipo cementizio quindi tende ad assorbire l'acqua e quindi a cambiare colore scurendosi.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.965 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Stucco epossidico che potrebbero interessarti


FillGood EVO, il nuovo stucco pronto per fughe tra piastrelle

Fai da te Muratura - Lo stucco in pasta pronto all'uso non richiede di essere miscelato come quello in polvere e la sua applicazione è molto semplice, anche per chi non è esperto.

Riempitivi per fughe nella posa dei pavimenti

Pavimenti e rivestimenti - Le fughe sono importanti per l'aspetto funzionale ed estetico. Vanno sigillate per garantire la continuità meccanica dei rivestimenti preservandone la bellezza.

Rivestimenti uniformi

Arredamento - Come rivestire e pavimentare senza la presenza di fughe indesiderate.

Come colorare le fughe dei pavimenti: i dettagli che fanno la differenza

Pavimenti e rivestimenti - La fuga è un elemento necessario per l'assestamento dei pavimenti, non tutti amano il contrasto cromatico, dunque oggi è possibile scegliere il colore più adatto

Come pulire un pavimento in gres porcellanato

Pulizia casa - Un pavimento in gres porcellanato necessita di una pulizia accurata dopo la posa in opera per assicurargli una tenuta duratura, con qualità estetiche inalterate

Posa delle piastrelle di grande formato

Pavimenti e rivestimenti - Le aziende produttrici di pavimenti offrono sempre più spesso pavimentazioni di grandi formati: vediamo alcuni consigli da seguire per posarle correttamente.

Pulizia delle superfici pavimento dopo la posa

Pulizia e manutenzione - Le aziende chimiche del settore edilizio propongono intere linee di prodotti pensati per la pulizia delle superfici dopo la posa in opera.

Pulire le fughe tra le piastrelle

Pulizia casa - Pulire le giunzioni tra le piastrelle è un lavoro faticoso che va svolto con una certa frequenza per evitare eccessivi depositi di sporco o muffa tra mattonelle

Evitare le fughe di calore

Idee fai da te - Un buon isolamento termico dipende in larga misura dai serramenti: in caso di elementi datati o poco efficienti, alcuni accorgimenti possono aiutare a migliorare.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giumar84
Salve a tutti!!Dovrei stuccare un appartamento di circa 120m2  fuga di 1mm, l'indecisione sta nella scelta dello stucco, stucco cementizio o stucco epossidico??Qualcuno mi sa...
giumar84 01 Aprile 2015 ore 19:47 3