Strade condominiali, danni e spese di manutenzione

NEWS DI Manutenzione condominiale21 Gennaio 2010 ore 15:13
Le aree accessorie, come parcheggi e strade, dovranno essere considerate di proprietà comune, le spese di manutenzione andranno ripartite con i millesimi.

Strade condominialiUna recente sentenza della Cassazione, la n. 26751 del 18 dicembre 2009, si occupa di strade condominiali e danni causati dalle stesse.

In effetti è usuale, soprattutto nei complessi di notevoli dimensioni, o in quei casi in cui i posti auto sono separati dallo stabile condominiale, che all'interno dell'area privata vi siano delle strade.

Queste permettono il transito dei veicoli e dei pedoni al fine raggiungere gli appartamenti o i box.
Trattandosi di aree accessorie e funzionali al godimento delle parti di proprietà esclusiva dovranno essere considerate di proprietà comune, salvo particolari disposizioni contenute negli atti d'acquisto o nel regolamento di condominio .

Che cosa significa tutto ciò?Vuol dire che come per gli altri beni (scale, riscaldamento, ascensore) le spese di manutenzione andranno ad essere ripartite secondo i millesimi di proprietà od in base ai diversi accordi intercorsi tra tutti i condomini.

Oltre agli aspetti economici, però, la condominialità di questa parte comune comporta l'assunzione di responsabilità del condominio (cioè di tutti i condomini) per i danni che la stessa può provocare a cose e persone.

Non è rilevante che la persona danneggiata sia estranea, o meno, al condominio .
Tutti coloro che subiscono un danno avranno diritto a vederselo risarcito.

L'essere condomino può influire in misura maggiore rispetto ad un estraneo sulla quantificazione del danno (come negare che il condomino residente nello stabile conosca meglio di altri le condizioni del fabbricato?) ma non può a priori escluderlo.Gomma danneggiata

Si pensi, per rimanere sull'argomento strade, alla caduta causata da buche o pietrisco che rendono insidiosa la strada comune.
In questi casi, una volta occorso il danno a che titolo ne risponde il condominio?
La sentenza, citata in apertura, affronta la questione, in modo chiaro e preciso, affermando che il condominio deve essere considerato custode dei beni comuni e che come tale risponderà dei danni sulla base dell'art. 2051 c.c., che recita:
Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.

Si tratta di una responsabilità c.d. oggettiva, ossia non è necessario che il custode (nel nostro caso il condominio) abbia agito con negligenza o peggio ancora con l'intenzione di causare un danno (dolo).
In pratica si risponde dei danni provocati dalle cose sempre e comunque salvo che si riesca a dimostrare il caso fortuito.
Per intendersi si pensi all'acquazzone improvviso che abbia aperto una buca nell'asfalto e che proprio per la sua imprevedibilità non abbia lasciato al condominio (e quindi all' amministratore ) il tempo d'intervenire immediatamente per riparare la strada.
Chiarito ciò bisogna chiedersi che cosa debba dimostrare il danneggiato che vuole vedersi risarcito il danno.

Sul punto la Cassazione è stata chiarissima affermando che chi proponga domanda di risarcimento dei danni da cose in custodia, ai sensi dell'art. 2051 cod. civ., in relazione alle condizioni di una strada (nella specie, danni conseguenti alla caduta da una motocicletta), ha l'onere di dimostrare le anomale condizioni della sede stradale e la loro oggettiva idoneità a provocare incidenti del genere di quello che si è verificato (nella specie, presenza di pietrisco sul fondo stradale).È onere del custode convenuto in risarcimento, invece, dimostrare in ipotesi l'inidoneità in concreto della situazione a provocare l'incidente, o la colpa del danneggiato, od altri fatti idonei ad interrompere il nesso causale fra le condizioni del bene ed il danno (Cass. 18 dicembre 2009 n. 26751).

Detto in termini più pratici: il danneggiato dovrà dimostrare il danno subito, ed il fatto che lo stesso sia stato causato dalle condizioni della strada condominiale (c.d. nesso di causalità).

Il condominio, per andare esente da colpa, dovrà dare prova che le condizioni della strada che hanno permesso il verificarsi del danno sono state generate da un caso fortuito, ossia che non era il alcun modo prevedibile.

riproduzione riservata
Articolo: Strade condominiali e danni
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Strade condominiali e danni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Strade condominiali e danni che potrebbero interessarti
Delimitazione del parcheggio condominiale

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla
Divieto di sosta in condominio

Divieto di sosta in condominio

Condominio - Non è raro che i condomini lamentino la scorrettezza dei propri vicini che parcheggiano l?autovettura in modo tale da rendere difficoltoso il passaggio
È legittima la trasformazione di parte del giardino in parcheggio condominiale?

È legittima la trasformazione di parte del giardino in parcheggio condominiale?

Parti comuni - L'assemblea, con la maggioranza semplice, può deliberare la trasformazione di una piccola parte del giardino condominiale in parcheggio

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.

Uso della cosa comune e divieto di parcheggio

Parti comuni - In un cortile condominiale ogni comproprietario, in assenza di norme e modalità d'uso, potrà trarre da quel parte il beneficio che ritiene migliore.

Strada condominiale e ripartizione delle spese

Condominio - Quando s?affronta il tema della ripartizione delle spese condominiali bisogna sempre tenere presenti due elementi fondamentali:a) in primo luogo, l?accordo

Uso del parcheggio condominiale, i turni sono legittimi

Condominio - L'uso del parcheggio condominiale insufficiente ad accogliere le auto dei condomini può essere disciplinato dall'assemblea con i turni

Parcheggio, servitù e condominio

Condominio - Il parcheggio rende più comodo l'uso della proprietà ma non rappresenta mai un'utilità nel senso richiesto dalla legge per la costituzione di una servitù.

Parti comuni condominiali piccole rispetto al numero dei condomini

Condominio - Le parti comuni condominiali possono essere utilizzate da tutti i condomini e nessun può impedire ad altri di farlo: che cosa succede se sono troppo piccole?
REGISTRATI COME UTENTE
295.529 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ideal standard vasca rettangolare strada 170x70 per
    Ideal standard vasca rettangolare...
    431.00
  • Ideal standard vasca rettangolare strada 170x75 per
    Ideal standard vasca rettangolare...
    431.00
  • Ideal standard piatti doccia in ceramica serie
    Ideal standard piatti doccia in...
    398.00
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.