Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Strada condominiale stretta? Allora scatta il divieto di sosta

Se la strada condominiale non è abbastanza larga per il transito e per la sosta, i condomini non possono parcheggiare in quella parte comune.
31 Agosto 2012 ore 11:52 - NEWS Parti comuni

Ennesima sentenza sull'infinita saga dei parcheggi condominiali.

La materia resta sempre di grande attualità non foss'altro perché i parcheggi "nonostante le varie leggi tese a semplificarne la realizzazione (vedi legge n. 122/89)" scarseggiano.

Stradina condominiale stretta, scatta divieto di sosta
In questo contesto i condomini , per non lasciare la propria auto nella pubblica via, s'ingegnano trovando soluzioni più o meno ortodosse.

Spesso all'ingegno di qualcuno corrisponde il disappunto dei suoi vicini: è questo il caso che ha portato la Cassazione, lo scorso 24 agosto, a pronunciare la sentenza n. 14633.


Il fatto è di quelli ricorrentissimi e per questo la pronuncia degli ermellini merita di essere citata. In breve: in un condomino esiste una stradina che conduce all'autorimessa.

Alcuni condomino decidono di utilizzarla per delle brevi soste: dei loro vicini, irritati da tale comportamento, iniziano un'azione giudiziaria volta ad ottenere una dichiarazione d'illegittimità di quella condotta.

A loro dire, infatti, l'uso dello stradello (così è chiamato in sentenza) come zona di osta rende estremamente difficoltoso il transito per l'accesso all'autorimessa.

Il tutto come sempre in questi casi attorno alla liceità dell'uso di una parte comune ai sensi del primo comma dell'art. 1102 c.c., che recita:
Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa
.

La norma è stata più volta interpretata dalla Corte di Cassazione, la quale, ormai costantemente, afferma che il partecipante alla comunione può usare della cosa comune per un suo fine particolare, con la conseguente possibilità di ritrarre dal bene una utilità specifica aggiuntiva rispetto a quelle che vengono ricavate dagli altri, con il limite di non alterare la consistenza e la destinazione di esso, o di non impedire l'altrui pari uso.


La nozione di pari uso della, cosa comune cui fa riferimento l'art. 1102 c.c. non va intesa nel senso di uso identico e contemporaneo, dovendo ritenersi conferita dalla legge a ciascun partecipante alla comunione la facoltà di trarre dalla cosa comune la più intensa utilizzazione, a condizione che questa sia compatibile con i diritti degli altri, essendo i rapporti condominiali informati al principio di solidarietà, il quale richiede un costante equilibrio fra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione
(Cass. 5 ottobre 2009, n. 21256).


Stradina condominiale, divieto di sostaAnche in ragione di queste considerazioni l'assemblea, con una deliberazione qualunque o con il regolamento condominiale, può disciplinare l'uso delle parti comuni (art. 1138 c.c.).

Stesso potere, salvo ratifica o cassazione da parte dell'assemblea, spetta all'amministratore condominiale (art. 1130, primo comma, c.c.).

Nel caso oggetto della pronuncia n. 14633 resa dalla Corte di legittimità l'uso della stradina condominiale come parcheggio è stato dichiarato illegittimo.

Secondo gli ermellini, i giudici di secondo grado avevano ben interpretato ed applicato l'art. 1102 c.c.: la strada era troppo stretta per garantire la pacifica utilizzazione primaria (vale a dire l'accesso all'autorimessa) e la sosta di veicoli.

Altrimenti detto: in casi simili sarebbe lecita la deliberazione assembleare del divieto di sosta.

È bene ricordare che questo genere di accertamenti dev'essere svolto caso per caso, sicché più che in altri casi le sentenze della Cassazione sono solamente indicative per risolvere fattispecie analoghe.

riproduzione riservata
Articolo: Strada condominiale stretta? Scatta il divieto di sosta
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Strada condominiale stretta? Scatta il divieto di sosta: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.516 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Strada condominiale stretta? Scatta il divieto di sosta che potrebbero interessarti


Divieto di sosta in area condominiale

Parti comuni - Non è raro che i condomini lamentino la scorrettezza dei propri vicini che parcheggiano l'autovettura in modo tale da rendere difficoltoso il passaggio

È vietato parcheggiare nella zona di manovra dell'autorimessa condominiale?

Parti comuni - Lo spazio di manovra nell'autorimessa condominiale è destinato a consentire l'accesso e l'uscita dai posti auto. È possibile utilizzarlo anche per la sosta?

Passo carrabile: come richiederlo e quali sono i costi

Leggi e Normative Tecniche - Quali i requisiti per poter richiedere un passo carrabile, quanto costa avere la concessione e quali sono le modalità per esporlo correttamente. Ecco le risposte

Zanella

Restauro edile - La zanella è un elemento caratterizzante la sezione di una strada con una precisa funzione. Scopriamo quale.

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.

Cosa si rischia se si sosta davanti a un parcheggio privato impedendo il passaggio

Proprietà - Parcheggiare l'auto davanti a un parcheggio privato impedendo l'uscita e l'ingresso dell'auto altrui può costituire un illecito amministrativo, penale e civile.

Strada condominiale e ripartizione delle spese

Condominio - Quando s?affronta il tema della ripartizione delle spese condominiali bisogna sempre tenere presenti due elementi fondamentali:a) in primo luogo, l?accordo

Uso della cosa comune e divieto di parcheggio

Parti comuni - In un cortile condominiale ogni comproprietario, in assenza di norme e modalità d'uso, potrà trarre da quel parte il beneficio che ritiene migliore.

Stalking condominiale, esagerare può far scattare il divieto di dimora

Condominio - Stalking condominiale,ovvero atti persecutori reiterati contro i propri vicini. Se i fatti sono inequivocabili lo stalker può essere allontanato dal palazzo.