Strada condominiale stretta? Allora scatta il divieto di sosta

NEWS DI Condominio31 Agosto 2012 ore 11:52
Se la strada condominiale non è abbastanza larga per il transito e per la sosta, i condomini non possono parcheggiare in quella parte comune
amministratore , assemblea , e-mail , apporvazione rendiconto
StradinaEnnesima sentenza sull'infinita saga dei parcheggi condominiali. La materia resta sempre di grande attualità non foss'altro perchà i parcheggi – nonostante le varie leggi tese a semplificarne la realizzazione (vedi legge n. 122/89) – scarseggiano. In questo contesto i condomini, per non lasciare la propria auto nella pubblica via, s'ingegnano trovando soluzioni più o meno ortodosse. Spesso all'ingegno di qualcuno corrisponde il disappunto dei suoi vicini: è questo il caso che ha portato la Cassazione, lo scorso 24 agosto, a pronunciare la sentenza n. 14633. Il fatto è di quelli ricorrentissimi e per questo la pronuncia degli ermellini merita di essere citata. In breve: in un condomino esiste una stradina che conduce all'autorimessa. Alcuni condomino decidono di utilizzarla per delle brevi soste: dei loro vicini, irritati da tale comportamento, iniziano un'azione giudiziaria volta ad ottenere una dichiarazione d'illegittimità di quella condotta. A loro dire, infatti, l'uso dello stradello (così è chiamato in sentenza) come zona di osta rende estremamente difficoltoso il transito per l'accesso all'autorimessa. Il tutto come sempre in questi casi attorno alla liceità dell'uso di una parte comune ai sensi del primo comma dell'art. 1102 c.c., che recita: Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purchà non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa. La norma è stata più volta interpretata dalla Corte di Cassazione, la quale, ormai costantemente, afferma che il partecipante alla comunione può usare della cosa comune per un suo fine particolare, con la conseguente possibilità di ritrarre dal bene una utilità specifica aggiuntiva rispetto a quelle che vengono ricavate dagli altri, con il limite di non alterare la consistenza e la destinazione di esso, o di non impedire l'altrui pari uso. La nozione di pari uso della, cosa comune cui fa riferimento l'art. 1102 c.c. non va intesa nel senso di uso identico e contemporaneo, dovendo ritenersi conferita dalla legge a ciascun partecipante alla comunione la facoltà di trarre dalla cosa comune la più intensa utilizzazione, a condizione che questa sia compatibile con i diritti degli altri, essendo i rapporti condominiali informati al principio di solidarietà, il quale richiede un costante equilibrio fra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione (Cass. 5 ottobre 2009, n. 21256). Stradina2Anche in ragione di queste considerazioni l'assemblea, con una deliberazione qualunque o con il regolamento condominiale, può disciplinare l'uso delle parti comuni (art. 1138 c.c.). Stesso potere, salvo ratifica o cassazione da parte dell'assemblea, spetta all'amministratore condominiale (art. 1130, primo comma, c.c.). Nel caso oggetto della pronuncia n. 14633 resa dalla Corte di legittimità l'uso della stradina condominiale come parcheggio è stato dichiarato illegittimo. Secondo gli ermellini, i giudici di secondo grado avevano ben interpretato ed applicato l'art. 1102 c.c.: la strada era troppo stretta per garantire la pacifica utilizzazione primaria (vale a dire l'accesso all'autorimessa) e la sosta di veicoli. Altrimenti detto: in casi simili sarebbe lecita la deliberazione assembleare del divieto di sosta. È bene ricordare che questo genere di accertamenti dev'essere svolto caso per caso, sicchà più che in altri casi le sentente della Cassazione sono solamente indicative per risolvere fattispecie analoghe.
avv. Alessandro Gallucci
riproduzione riservata
Articolo: Strada condominiale stretta? Allora scatta il divieto di sosta
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Strada condominiale stretta? Allora scatta il divieto di sosta: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Strada condominiale stretta? Allora scatta il divieto di sosta che potrebbero interessarti
L'e-mail certificata in condominio

L'e-mail certificata in condominio

Condominio - Tra le sue varie utilizzazioni, la posta elettronica certificata, nota anche come PEC, può essere adoperata anche per ciò che concerne la gestione di un edificio in condominio.
Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?
Revoca dell'amministratore giudiziario

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale

Condominio - L'amministratore del condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza, rappresenta i condomini per ciò che concerne i rapporti interni e con i terzi.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.
REGISTRATI COME UTENTE
295.695 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cordivari blow
    Cordivari blow...
    1482.00
  • Cordivari frame plus h2032 l586
    Cordivari frame plus h2032 l586...
    1450.00
  • Cordivari frame h1832 l586
    Cordivari frame h1832 l586...
    1095.00
  • Cordivari frame h1832 l474
    Cordivari frame h1832 l474...
    1102.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.