Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Stop alle maxibollette della luce; dal 1° marzo riconosciuta la prescrizione breve di 2 anni a tutela dei consumatori. Lo dice l'Arara con una recente delibera.
- Burocrazia e utenze

Addio alle maxi bollette per l'energia elettrica


Dal 1° marzo la prescrizione per i pagamenti delle maxi-bollette della luce passerà da 5 a 2 anni.
Ecco una buona notizia per tutti consumatori di energia elettrica. La Arara, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha così deliberato il 23 febbraio scorso, dando attuazione alle previsioni contenute nella Legge di bilancio 2018.
Vediamo quali sono le ultime novità sull'argomento. Cosa cambierà per i cittadini in caso di fatturazioni tardive?

Maxi bollette energia elettrica
I gestori di energia elettrica non potranno più inviare agli utenti bollette di conguaglio con somme esorbitanti, relative a periodi di tempo superiori a due anni. Spiega la Arara che in caso di ritardi nella fatturazione o di maxi-conguagli dovuti alla mancata disponibilità dei dati effettivi, il cliente, nel caso sia trascorso un rilevante lasso di tempo, potrà eccepire la prescrizione breve e sarà legittimato a sanare unicamente gli ultimi due anni.
In sostanza, trascorso un biennio, i pagamenti non saranno più dovuti. Si ricorda che nel nuovo sistema rientrano tutte le bollette con scadenza successiva al 1° marzo.

Si vuole così porre fine a una prassi, quella delle maxi bollette della luce, che grava sulle famiglie senza che queste ne abbiano alcuna colpa.
L'utente non sarà più tenuto a pagare per un disservizio del fornitore. Vi è di più: a decorrere dal 1° marzo il fornitore di energia che emette la fattura è obbligato a dare informazione al consumatore in merito ai suoi diritti, almeno 10 giorni prima della scadenza del termine di pagamento.

Si ricorda, infine, che sulla base di quanto previsto dall'ultima Legge di Bilancio si potrà dire addio anche alle maxi-bollette di acqua e gas, in quanto il diritto alla riscossione di questi pagamenti si prescriverà in due anni. Le nuove misure troveranno attuazione, per quanto concerne il settore gas, in riferimento alle fatture aventi scadenza a partire dal 1 gennaio 2019. Per quanto concerne il settore idrico, si dovrà attendere il 1 gennaio 2020.

riproduzione riservata
Articolo: Stop maxi-conguagli: bollette luce in prescrizione a due anni
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Stop maxi-conguagli: bollette luce in prescrizione a due anni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News