Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Cosa dice la Cassazione in caso di mancato rispetto dei vincoli paesaggistici

Flash News Affittare casa27 Aprile 2018 ore 11:12
Quali sono le i criteri per determinare le sanzioni applicabili in caso di intervento edilizio in zona soggetta a vincolo paesaggistico. Cosa dice la Cassazione

Quali sono le sanzioni se si costruisce senza autorizzazione paesaggistica in area vincolata?


Quali sono gli obblighi da rispettare per le nuove costruzioni o gli ampliamenti di quelle esistenti che siano eseguiti in zone soggette a vincolo paesaggistico?

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 16697 del 16 aprile scorso, ha fissato i criteri necessari per valutare se un determinato intervento sia configurabile come nuova costruzione o un ampliamento, interpretando la materia relativa ai reati paesaggistici di cui all’articolo 81 del d.lgs 42/2004.

Nuove costruzioni e vincoli paesaggistici
Vediamo cosa dice il codice dei beni culturali e del paesaggio in materia di reati paesaggistici. Sulla base della normativa, chiunque, senza la prescritta autorizzazione o in difformità di essa, esegue lavori di qualsiasi genere su beni paesaggistici, è punito con pene di cui all’articolo 44 lettera c) del Testo Unico dell’edilizia (DPR 380/2001).
Le predette pene si applicano sia in caso di abuso a scopo edilizio che in caso di intervento in zona sottoposta a vincolo artistico, archeologico, storico, ambientale, paesistico in totale difformità o in assenza del permesso. Si tratta della pena dell’arresto fino a due anni e dell’ammenda da 15.493 a 51.645.

Le pene diventano più severe, applicandosi la reclusione da uno a quattro anni, se gli interventi edilizi eccedono i limiti di 1.000 m3 per le nuove costruzioni e superano il 30% della volumetria per gli ampliamenti.
È fondamentale pertanto definire la tipologia di intervento posto in essere, ai fini dell’applicazione della sanzione. Come procedere?
Occorre stabilire se l’area sulla quale è stato eretto il fabbricato era in precedenza libera o se invece era occupata da altro edificio, anche se successivamente demolito.

Si ha la nuova costruzione soltanto se l’area era libera e dunque è realizzata a partire da zero. Si avrà ampliamento anche in caso di demolizione con totale ricostruzione, pur se avvenuta con sagoma e materiali diversi. In quest'ultimo caso si dovrà calcolare la variazione di volume determinata a lavori finiti. Non trattandosi di nuovo immobile sotto il profilo paesaggistico, la costruzione risultante al termine dei lavori potrà superare i 1.000 m3 a condizione di rispettare i criteri di volumetria in base ai quali non deve essere maggiore del 30% di quella originaria.

riproduzione riservata
Articolo: Stabiliti i criteri per sanzioni contro il mancato rispetto di vincoli paesaggistici
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Stabiliti i criteri per sanzioni contro il mancato rispetto di vincoli paesaggistici: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Stabiliti i criteri per sanzioni contro il mancato rispetto di vincoli paesaggistici che potrebbero interessarti

Pannelli fotovoltaici e vincolo paesaggistico: i chiarimenti del Tar

Leggi e Normative Tecniche - I pannelli fotovoltaici, fonti di energia rinnovabile, non sono soggetti a vincoli paesaggistici. Lo ha dichiarato il Tar della Lombardia con una recente sentenza

Autorizzazione paesaggistica semplificata 2017: cosa cambia?

Leggi e Normative Tecniche - Il DPR 31 del 2017 apporta importanti modifiche alla disciplina dell'autorizzazione paesaggistica semplificata e non solo. Vediamo cosa cambia e che cosa resta.

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori

Impianti di climatizzazione - È necessario un titolo abilitativo per installare condizionatori e climatizzatori e, nel caso, un'autorizzazione paesaggistica? La giurisprudenza non è uniforme.


Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.

Accertamento di conformità urbanistica

Normative - Anche se si riscontrano delle difformità, rispetto al progetto autorizzato, vi possono essere le condizioni per un eventuale condono.

Si può installare un impianto fotovoltaico nei centri storici?

Impianti rinnovabili - Il Consiglio di Stato ha dato via libera ai pannelli fotovoltaici nei centri storici a patto che siano integrati architettonicamente e l'impatto visivo sia nullo

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Tutela degli immobili storici

Normative - Procedura per la dichiarazione di interesse culturale da parte del Ministero e iter per l'ottenimento del nullaosta da allegare al titolo edilizio in caso di opere edili.