Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera

NEWS DI Ripartizione spese03 Aprile 2012 ore 16:31
Il compenso del portiere di un condominio deve essere ripartito in base ai millesimi di proprietà. Una soluzione diversa è invalida ma non sempre nulla, perché?
portiere condominiale , portiere , ripartizione spese
Avv. Alessandro Gallucci

Compenso del portiereCome devono essere ripartite le spese per il servizio di portierato?

La domanda se la pongono in tanti e spesso la soluzione porta a contenziosi tra i condomini: mantenere il portiere, come si suole dire, è cosa onerosa.

Andiamo per gradi; innanzitutto è bene rispolverare la nozione di portiere.


Era la metà degli anni ottanta quando un illustre condominialista scriveva che nella complessa vita moderna e specialmente negli edifici in condominio , che sono delle piccole cellule della società moderna, la funzione del portiere è diventata sempre più ampia e complessa: egli sovraintende a tutta la vita del fabbricato e non semplicemente chi entra e chi esce, mentre se ne sta appostato nella guardiola, ma per far rispettare i regolamenti interni e le disposizioni date dall'amministratore circa l'uso delle cose comuni, come il turno per l'uso del lavatoio e della terrazza di copertura e le ordinanze delle locali autorità che gli vengono comunicate (Terzago, Il condominio, Giuffrè, 1985).

A riprova di queste affermazioni, basta ricercare in internet un contratto tipo per il rapporto di portierato per comprendere quanto possono essere vari i compiti e le responsabilità di questa figura. Ciò detto torniamo alla domanda iniziale.

Ad essa, nuovamente e conformemente ai precedenti di merito e di legittimità, ha dato risposta agli inizi del mese di febbraio il Tribunale di Modena.
Nella sentenza del giudice emiliano si legge che non vi è dubbio che il portiere svolga una funzione di custodia delle cose comuni, che riguarda l'immobile nel suo complesso, per cui le relative spese vanno divise tra tutti i condomini del fabbricato secondo i millesimi di proprietà, fatta salva la diversa disposizione contenuta nel regolamento di condominio approvato all'unanimità (Trib. Modena 6 febbraio 2012 n. 258).

Compenso del portiereAl regolamento approvato all'unanimità dev'essere equiparata una deliberazione assembleare adottata con il consenso di tutti in condomini (art. 1123 c.c.).

Che cosa accade se una differente modalità viene deliberata a maggioranza dall'assemblea?
La deliberazione è da ritenersi nulla?

La risposta è questa: non sempre.
Il perché è stato spiegato dalla Cassazione e ripreso proprio dal Tribunale di Modena. Nella sentenza succitata si legge che secondo Cass. 6714/2010 sono affette da nullità, che può essere fatta valere anche da parte del condomino chele abbia votate, le delibere condominiali attraverso le quali, a maggioranza, siano stabiliti o modificati i criteri di riparazione delle spese comuni in difformità da quanto previsto dall'art. 1123 c.c. o dal regolamento condominiale contrattuale, essendo necessario per esse il consenso unanime dei condomini, mentre sono annullabili e, come tali, impugnabili nel termine di cui all'art. 1137, ultimo comma, c.c., le delibere con cui l'assemblea, nell'esercizio delle attribuzioni previste dall'art. 1135, n.2 e n. 3, c.c., determina in concreto la ripartizione delle spese medesime in difformità dai criteri di cui all'art. 1123 c.c.
Infatti l'adozione di criteri diversi da quelli previsti dalla legge o dal regolamento contrattuale, incidendo sui diritti individuali dei singoli condomini, può essere assunta soltanto con una convenzione alla quale aderiscano tutti i condomini, non rientrando nelle attribuzioni dell'assemblea che concernono la gestione delle cose comuni (Trib. Modena 6 febbraio 2012 n. 258).

Non sempre è facile comprendere questa distinzione; un esempio può essere utile.
Si pensi all'assemblea che, senza il voto favorevole di tutti i condomini, decida di ripartire la spesa per il costo del servizio di portierato in parti uguali.

Condominio con portiereIn tal caso la decisione dev'essere considerata alla stregua di una deroga che come tale necessita del consenso di ogni comproprietario: diversamente la delibera dev'essere considerata nulla.

Si pensi a quei casi in cui per la poca chiarezza del regolamento o per semplice errore, l'assemblea decida di ripartire una spesa sulla base di una tabella (es. quella per la manutenzione delle scale) piuttosto che con un'altra (es. quella di proprietà). In simili ipotesi la deliberazione dev'essere considerata annullabile poiché non v'è alcuna deroga ma solo un'erronea ripartizione.

Per la cronaca: nel caso risolto dal Tribunale di Modena, la deliberazione è stata ritenuta nulla.

riproduzione riservata
Articolo: Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera che potrebbero interessarti
Portierato e ripartizione delle spese

Portierato e ripartizione delle spese

Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.
Servizio di portineria, nozione e ripartizione spese

Servizio di portineria, nozione e ripartizione spese

Tra i servizi condominiali, quello di portierato rappresenta una fattispecie particolare trattandosi di un dipendente dei condomini. Che cosa fa e chi lo paga?...
Contratto nazionale dei portieri di edifici

Contratto nazionale dei portieri di edifici

Il dipendente del proprietario di fabbricati ed il contratto collettivo nazionale di lavoro. La disciplina contrattuale e l'applicabilità ai portieri dei condomini.
Di chi è l'alloggio del portiere del condominio?

Di chi è l'alloggio del portiere del condominio?

In tema di individuazione delle parti comuni di un condominio, l'alloggio del portiere può essere considerato di proprietà privata solo se così è espressamente previsto.
Portiere condominiale

Portiere condominiale

Il servizio di portierato può essere istituito e soppresso dall'assemblea condominiale e il rapporto di lavoro con il portiere dev'essere curato dall'amministratore.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.207 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Interior design, rendering
    Interior design, rendering...
    5000.00
  • Avvolgitore ml6
    Avvolgitore ml6...
    6.00
  • Supporto per riduttore
    Supporto per riduttore...
    3.00
  • Zapi repel top busta 50 gr
    Zapi repel top busta 50 gr...
    9.94
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.