Spese di manutenzione del cortile condominiale

NEWS DI Ripartizione spese25 Maggio 2010 ore 14:19
Salvo diversa disposizione contenuta negli atti d'acquisto, alle spese necessarie per la manutenzione e conservazione del cortile, concorrono tutti i condomini.

Spese di manutenzione del cortileIl cortile condominiale tecnicamente, è l'area scoperta compresa tra i corpi di fabbrica di un edificio o di più edifici, che serve a dare aria e luce agli ambienti circostanti.
Ma avuto riguardo all'ampia portata della parola e, soprattutto, alla funzione di dare aria e luce agli ambienti, che vi prospettano, nel termine cortile possono ritenersi compresi anche i vari spazi liberi disposti esternamente alle facciate dell'edificio - quali gli spazi verdi, le zone di rispetto, i distacchi, le intercapedini, i parcheggi - che, sebbene non menzionati espressamente nell'art. 1117 cod. civ., vanno ritenute comuni a norma della suddetta disposizione
(Cass. 9 giugno 2000, n. 7889).



Salvo diversa disposizione contenuta negli atti d'acquisto, alle spese necessarie per la manutenzione e conservazione di questa parte comune concorrono tutti i condomini ai sensi dell'art. 1123, primo comma, c.c.
Tali spese, quindi, dovranno essere ripartite sulla base dei millesimi di proprietà.
Che cosa accade se il piano di calpestio del cortile funge, altresì, da copertura per delle sottostanti unità immobiliari di proprietà esclusiva (box o cantine)?

La questione è stata affrontata dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 10858 del 5 maggio 2010 che è significativa in quanto s'inserisce in una situazione di contrasto tra due orientamenti.Innanzitutto vale la pena dire che nella sentenza succitata il Supremo Collegio afferma che nel caso di cortile condominiale il cui piano di calpestio funge da copertura per sottostanti locali, la spesa relativa alla manutenzione di questa parte del cortile dovrà essere ripartita tra i condomini ai sensi dell'art. 1125 c.c. e quindi le spese per la parte superiore (pavimentazione, ecc.) tra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà, mentre le spese per la parte inferiore (intonaco, ecc.) tra i proprietari delle rispettive unità immobiliari.

Nel prendere questa posizione la Cassazione si è rifatta integralmente ad un proprio precedente datato settembre 2005.

Spese di manutenzione del cortileIn quell'occasione i giudici di legittimità ebbero modo di affermare che sussistono [...] le condizioni per una applicazione analogica dell'art. 1125 cod. civ., il quale stabilisce che le spese per la manutenzione e la ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto.
Tale disposizione, infatti, accolla per intero le spese relative alla manutenzione di una parte di una struttura complessa (il pavimento del piano superiore) a chi con l'uso esclusivo della stessa determina la necessità di tale manutenzione, per cui si può dire che costituisce una applicazione particolare del principio dettato dall'art. 1123, secondo comma, cod. civ.
Una situazione sostanzialmente analoga si verifica nel caso in esame, in quanto l'usura della pavimentazione del cortile è determinata dall'utilizzazione esclusiva che della stessa viene fatta dalla collettività dei condomini, per cui deve trovare applicazione il principio ubi eadem ratio ibi eadem legis dispositio...
(Cass. 14 settembre 2005 n. 18194).

In precedenza, contrariamente, sempre il Supremo Collegio ebbe modo di dire che - il cortile va assimilato, per la sua funzione di copertura, ad un lastrico solare , con conseguente applicazione del criterio di ripartizione delle spese indicato nell'art. 1126 cod. civ. (Cass. 10 novembre 1998 n. 11283).

Sebbene si tratti di semplici sentenze e non di disposizioni di legge non può affermarsi con certezza che la Corte di Cassazione non possa, in futuro, variamente nuovamente il proprio orientamento.

Allo stato attuale, però, usando una metafora calcistica non è sbagliato affermare che in relazione alla ripartizione delle spese del piano di calpestio del cortile che funge da copertura di sottostanti locali di proprietà esclusiva, l'art. 1125 c.c. batte l'art. 1126 c.c. due a uno.

riproduzione riservata
Articolo: Spese di manutenzione del cortile
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Spese di manutenzione del cortile: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Spese di manutenzione del cortile che potrebbero interessarti
Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche...
Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Le barriere architettoniche in condominio rappresentano il più pernicioso ostacolo per la fruizione dell'immobile ma possono essere eliminate velocemente...
Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche...
Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.
L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico...
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.513 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Miniascensore Wessex
    Miniascensore wessex...
    1.00
  • Soglia Schüco per porte senza barriere
    Soglia schüco per porte senza...
    1.00
  • Porta alzante scorrevole in PVC alluminio KS430
    Porta alzante scorrevole in pvc...
    1.00
  • Sollevatori per disabili
    Sollevatori per disabili...
    1.00
  • Sera raffy i ml 3800
    Sera raffy i ml 3800...
    31.90
  • Bird gel + bird lac reppellente ad
    Bird gel + bird lac reppellente ad...
    43.43
  • Finestra pvc isol 70c
    Finestra pvc isol 70c...
    200.00
  • Tenda luxuria
    Tenda luxuria...
    667.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.