Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Approvazione delle spese condominiali e importanza del piano di riparto

Le spese condominiali, dovute dai titolari dei diritti reali su un'unità immobiliare, devono essere suddivise tra i condòmini. E se manca il piano di riparto?
- NEWS Ripartizione spese

Spese condominiali


Pagare le spese condominiali è un obbligo che discende direttamente alla titolarità del diritto reale sull'unità immobiliare ubicata in condominio.

Quelle condominiali sono dette obbligazioni propter rem: esse, cioè, sono legate al diritto sul bene e col diritto circolano. La trasferimento della proprietà consegue il trasferimento dell'obbligo di pagamento.

Si badi: ciò che si trasferisce non è l'obbligazione già sorta, il titolare di essa è il proprietario dell'appartamento al momento della spesa (o della sua deliberazione in caso di lavori straordinari).

Spese condominialiCiò che si trasferisce è l'obbligo: dalla cessione dell'unità immobiliare in poi il nuovo titolare è anche, automaticamente titolare dell'obbligo.

Due eccezioni:

- la solidarietà in capo a chi subentra nei diritti del condòmino per i debiti inerenti all'anno precedente e a quello nel corso del quale è avvenuta la cessione (art. 63, terzo comma, disp. att. c.c., a riprova del fatto che il debito già sorto non si trasferisce);

- la solidarietà in capo a chi cede l'unità immobiliare, per tutti i debiti successivi alla cessione fintanto che non sia comunicata all'amministratore copia autentica del rogito notarile o la dichiarazione equivalente, come specificato dal consiglio notarile (art. 63, quinto comma, disp. att. c.c.).

La misura delle partecipazione alle spese, cioè qual è la parte di spesa che il condòmino deve pagare, è determinata grazie alle tabelle millesimali, strumento essenziale nella gestione del condominio.

Ciò detto è utile comprendere due aspetti fondamentali:

- chi può disporre le spese condominiali

- qual è l'utilità del piano di riparto


Spese condominiali disposte dall'amministratore


L'amministratore ha il potere, ai sensi di quanto disposto dagli artt. 1130 e 1133 c.c., di disporre spese condominiali ordinarie.

Secondo parte della giurisprudenza (si veda Cass. n. 454/2017) tale potere è soggetto alla successiva verifica e ratifica da parte dell'assemblea: chi scrive è d'accordo solo in parte. Determinati poteri dell'amministratore sono suoi in quanto riconosciutigli dalla legge.

Se c'è da pagare il corrispettivo per un intervento ordinario non preventivato, al termine dell'anno l'assemblea dovrà prenderne atto, non avrà potere di contestarlo.

Si pensi al caso in cui, per mera svista, sia stato approvato un preventivo senza l'indicazione della spesa per il consumo di energia elettrica: davvero si può pensare che l'assenza dal documento infici la possibilità di pagare gli importi richiesti dal fornitore?

Ripartizione spese condominialiNessun dubbio nemmeno sull'autonoma legittimazione dell'amministratore ad erogare spese straordinarie urgenti, così come specificamente disposto dall'art. 1135, secondo comma, c.c.

La disposizione delle spese da parte dell'amministratore, salvo il caso di presenza di fondo cassa all'uopo destinato, è accompagnata dalla richiesta ai condòmini; richiesta effettuata sulla scorta della ripartizione della spesa medesime in ragione dei criteri di riparto applicabili. In buona sostanza è prassi che l'amministratore che ordina la spesa predisponga altresì il piano di riparto.


Approvazione spese condominiali


Senza dubbio l'organismo che ha il principale potere di disporre le spese condominiali è l'assemblea: spetta ad essa approvare il preventivo annuale di gestione, il rendiconto condominiale predisposto dall'amministratore, le spese straordinarie ed in generale ogni altro intervento sulle cose comuni.

L'approvazione delle spese da parte dell'assemblea solitamente avviene unitamente all'approvazione del così detto piano di riparto.


Piano di ripartizione spese condominiali, predisposizione e funzione


Il piano di riparto, cui sé accennato in precedenza, altro non è che un documento contenente la suddivisione della spesa (o delle spese) sulla base della tabella millesimale applicabile.

Nel caso di singola spesa, sarà lo specifico costo (es. riparazione straordinaria portone d'ingresso) ad essere oggetto di suddivisione tra i condòmini.

Nel caso di spesa inserita nel preventivo o nel rendiconto, essa confluirà nel gruppo di spese omogenee per piano di riparto.

Che vuol dire?


Si supponga che nel condominio Alfa ci siano da ripartire con la tabella di proprietà le spese per il compenso dell'amministratore, quelle per l'assicurazione, quelle per la manutenzione della facciata, ecc.

L'amministratore esporrà singolarmente questi costi nel preventivo (o rendiconto) e poi li raggrupperà complessivamente in ragione del medesimo criterio di riparto applicabile, per poi provvedere alla suddivisione tra i condòmini. Così, ad esempio, nel piano di riparto del condominio Alfa, sotto la voce tabella A (generale di proprietà) il condòmino Tizio troverà la somma delle voci di spesa suddivisibili con quella tabella.

Che cosa succede se manca il piano di riparto?



Nulla di irreparabile: l'assenza del piano di riparto, questa la conclusione che possiamo trarre dalla lettura dell'art. 63 disp. att. c.c., impedisce all'amministratore di domandare all'Autorità Giudiziaria l'emissione di un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo.

Meglio: l'assenza del piano di riparto non preclude la domanda, la esclude che il decreto richiesto possa avere tale provvisoria esecutività.

Se poi questa viene concessa, tanto ci dice la giurisprudenza (App. Campobasso n. 223/2018), l'eventuale opposizione non potrà avere come risultato la revoca del suddetto decreto.

Motivo? La ripartizione della spesa e quindi il suo piano di riparto è mera operazione matematica da farsi su specifici criteri dettati dalla legge. Come dire: ciò che manca è facilmente calcolabile e quindi la sua assenza non è poi così grave.

riproduzione riservata
Articolo: Spese condominiali approvate senza piano di ripartizione
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Spese condominiali approvate senza piano di ripartizione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.092 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Spese condominiali approvate senza piano di ripartizione che potrebbero interessarti


Tabelle millesimali

Condominio - Le tabelle millesimali servono a ripartire le spese condominiali in modo proporzionale alla superficie e alle caratteristiche delle singole unità immobiliari.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Il condominio misto che si accolla le spese può beneficiare del Superbonus 110?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate riconosce il Superbonus 110 a un condominio misto che decide di accollarsi le spese per interventi edilizi su parti comuni dello stabile?

L'assemblea e le spese extra condominiali

Condominio - L?assemblea di condominio, tanto nella sede ordinaria, tanto in quella straordinaria, ha una competenza generale sulla gestione conservazione delle parti

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img laupal64
Buongiorno, abito in un condominio di 4 piani (21 appartamenti) dove al piano terra e presente un appartamento con ingresso indipendente, si accede dal cortile.Il proprietario...
laupal64 28 Novembre 2021 ore 16:33 1
Img abba888
Siamo 5 fratelli e sorelle e siamo proprietari di una piccola palazzina (familiare) con 10 appartamenti (termoautonomi e senza ascensore) dislocati su 3 piani e un'autorimessa con...
abba888 13 Settembre 2021 ore 08:47 1
Img alberto985
Buongiorno, scrivo per chiedere un info sulla ripartizione di una spesa ,abito in una quadrifamiliare, divisa a croce in 4 parti simili, con ingressi indipendenti, tutte con piano...
alberto985 13 Luglio 2021 ore 19:16 1
Img paolino76
Buongiorno,vorrei sapere se la riparazione/sostituzione di un lucernario (per infiltrazione d'acqua) sul tetto condominiale è a carico del proprietario della soffitta...
paolino76 25 Maggio 2021 ore 11:10 1
Img alt197
Salve,sono un affittuario che il 31/08/2020 ha lasciato un immobile con delle spese condominiali da saldare e con la caparra trattenuta dal proprietario che mi verrà...
alt197 31 Marzo 2021 ore 16:45 2