Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sostituzione infissi in condòmini: come evitare contestazioni?

Quando si sostituiscono gli infissi esterni di un'abitazione in condominio il rischio è sempre quello di una contestazione da parte dei vicini: come affrontarle?
24 Ottobre 2018 ore 09:52 - NEWS Liti tra condomini

Cambiare infissi in condominio


Una delle materia oggetto di maggiore discussione e dubbi è quella della sostituzione degli infissi negli appartamenti in condominio .

Infissi e problemi di sostituzione
Il dubbio più frequente è lo stesso: per la sostituzione delle finestre e delle porte finestre esistono delle regole condominiali in base alle quali devo chiedere il consenso all'assemblea?
Se non serve il parere degli altri condòmini è comunque utile comunicare il fatto all'amministratore?

È bene rammentare che qui si approfondirà il tema degli infissi esterni, ossia di quelli che consentono l'affaccio dell'unità immobiliare verso l'esterno, tanto che si tratti della facciata principale, quanto di quella posteriore ovvero di una laterale.

La problematica maggiore, se non unica, che si può riscontrare sostituendo infissi in condominio è quella riguardante il decoro architettonico dell'edificio.


Infissi e decoro architettonico


Per decoro architettonico s'intende l'insieme delle linee, sia pur molto semplici, presenti su un edificio che ne caratterizzano la fisionomia e dunque ne determinano l'estetica (si veda ad esempio, Cass. 4 aprile 2008, n. 8830).

Alterare il decoro vuol dire ledere l'estetica dell'edificio, ossia modificarla in senso peggiorativo.

L'alterazione del decoro architettonico, quindi, non si sostanzia in ogni modificazione, ma solamente in quelle che peggiorano la fisionomia dello stabile. Il peggioramento così avvenuto si deve tradurre in termini pratici in un pregiudizio di carattere economico (Cass. 22 agosto 2003, n. 12343).

La mia casa valeva 10, ma in conseguenza dell'alterazione del decoro da parte del vicino, adesso vale 9,8.

Decoro architettonico e sostituzione infissi
La sostituzione degli infissi, dunque, non è di per sé attività lesiva dell'estetica dello stabile.
È vero, sostituire una finestra con altra non propriamente simile può portare a una variazione, ma che questa sia peggiorativa è cosa diversa. Non solo: essere i primi a sostituire gli infissi è cosa diversa dal farlo dopo altri condòmini, posto che l'intervento inserito in un contesto già alterato è valutato diversamente (ossia con meno severità) rispetto al primo (Cass. 17 ottobre 2007 n. 21835).

Non è facile rispondere a priori: certo è che se sostituisco un infisso marrone con un bianco, qualche rischio lo corro, così come se sostituisco una porta-finestra a due ante con una ad anta unica ovvero scorrevole. In questi casi, salvo particolari disposizioni del regolamento condominiale, sarebbe utile avere il consenso scritto da parte di tutti i condòmini, magari siglato su un foglio che rappresenti lo stato dei luoghi post modifica.

Quanto alle norme che impongono al condòmino di non alterare il decoro mediante interventi su parti dell'edificio di sua proprietà, il riferimento è all'art. 1122 c.c. che, per l'appunto, vieta interventi in grado di alterare il decoro dell'edificio.


Regolamento condominiale assembleare e infissi


Nei condomini con almeno undici partecipanti la legge impone l'adozione di un regolamento.
In questo documento, una sorta di statuto, devono essere contenute, tra le altre, le norme per la tutela del decoro dell'edificio.

Si badi: il regolamento condominiale assembleare, cioè quello votato a maggioranza dai condòmini, può sempre e solamente dire come si debbano fare determinate cose, mai se queste siano o meno vietate. Esempio: il regolamento condominiale assembleare può dire che sulla facciata possono essere affisse determinate insegne e targhe, ma non vietare questa apposizione.

Data questa ipotesi, possiamo senza ombra di dubbio affermare che il medesimo regolamento assembleare nel tutelare il decoro dell'edificio – elemento sul quale senza ombra di dubbio incidono anche beni in proprietà esclusiva – possa prescrivere precetti da seguire in relazione alla manutenzione/sostituzione di infissi.


Regolamento condominiale contrattuale e infissi


Il regolamento contrattuale è quel documento accettato da tutti i condòmini.
È indifferente se tale regolamento sia stato predisposto dall'originario unico proprietario dello stabile (es. il costruttore), ovvero successivamente da altra persona.

Ciò che caratterizza il regolamento contrattuale e la sua accettazione da parte di tutti i condòmini; tale consenso può incidere sul contenuto.

In materia di decoro architettonico, ad esempio, è stato definito pienamente legittimo il fatto che nel regolamento contrattuale si possa dare della nozione di decoro architettonico dell'edificio una esplicitazione più rigorosa di quella accolta dall'art. 1120 c.c., estendendo il divieto di modificazione imponendo la conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all'estetica ovvero all'aspetto generale dell'edificio rispetto a quelli risultanti al momento della sua costruzione oppure esistenti quando fu concluso quell'accordo (Cass. 6 ottobre 2009 n. 11121).

Palazzo
Dato questo contesto, non ci sarebbe da meravigliarsi se un regolamento contrattuale vietasse la sostituzione di infissi con altri diversi, ovvero per mantenerne la buona conservazione, addirittura ne imponesse la pitturazione.

Certo, se un regolamento imponesse il divieto di sostituire gli infissi, si potrebbe obiettare: e se la finestra, per avventura, dovesse rompersi in maniera irreparabile e non fosse possibile installarne una identica? Caso non proprio isolato, anzi, magari ricorrente se il tempo trascorso fosse parecchio.

Il regolamento contrattuale, inoltre, può subordinare determinati interventi, come la sostituzione d'infissi, alla preventiva autorizzazione assembleare, secondo norme condominiali.


Sostituzione infissi, amministratore e assemblea



La sostituzione d'infissi, in quanto opera regolata dall'art. 1122 c.c., deve essere comunicata all'amministratore, il quale ha obbligo di riferirne all'assemblea.

Non è precisato il termine entro il quale il mandatario deve comunicare all'assemblea quanto a sua volta recepito dal condòmino. Si valuta di volta in volta, anche in relazione alla tipologia d'intervento. È chiaro che il cambio d'un infisso con altro identico è cosa diversa dalla sostituzione con altro diverso nel colore e nella composizione.

Ad ogni buon conto, salvo specifica disposizione di un regolamento contrattuale, il parere dell'assemblea non può mai avere funzione autorizzativa, ma al massimo prescrittiva o di censura volta all'inizio d'una azione giudiziaria.

Insomma è consigliabile attendere la convocazione, ma non necessario. Anche questo è aspetto che va deciso caso per caso in considerazione della natura dell'intervento.

riproduzione riservata
Articolo: Sostituzione infissi e problemi in condominio
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.

Sostituzione infissi e problemi in condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Salvatore
    Salvatore
    Lunedì 8 Marzo 2021, alle ore 17:07
    Ho cambiato gli infissi interni del mio appartamento da 2 ante ad 1, lasciando gli esterni originali a 2 ante.
    Ora stiamo rifacendo la facciata condominiale e mi stanno facendo pressione affinché li rimetta"quelli interni" a 2 ante come erano prima .
    Salvatore.
    rispondi al commento
  • Flavio5
    Flavio5
    Venerdì 26 Luglio 2019, alle ore 20:21
    Scusate ma alla fine posso cambiare i serramenti in un condominio di 5 abitazioni senza chiedere il permesso?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
327.933 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sostituzione infissi e problemi in condominio che potrebbero interessarti


Sostituzione degli infissi e decoro dell'edificio

Parti comuni - Gli infissi delle unità immobiliari di proprietà esclusiva in un edificio in condominio, la loro sostituzione e le questioni relative al decoro dello stabile.

Ristrutturazione appartamento e decoro architettonico dell'edificio

Manutenzione condominiale - In occasione della ristrutturazione di un appartamento spesso vengono apportare delle modifiche alle strutture murarie o agli infissi della stessa deturpando il decoro del condominio.

Regole per la sostituzione e riparazione delle tapparelle in condomino

Parti comuni - Le tapparelle sono un bene di proprietà dei condòmini o del condominio? Quali regole seguire per la sostituzione tapparelle in un edificio in condominio?

Alterazione del decoro architettonico e poteri dell'amministratore

Amministratore di condominio - Sie definisce il decoro architettonico come bene comune, a tutti i condomini, costituito dall'insieme degli elementi, linee architettoniche, ecc. l'estetica di un edificio.

Pensilina condominiale, distanze e decoro

Condominio - La pensilina condominiale deve rispettare l'aspetto estetico dell'edificio in cui viene installata per non sollevare obiezioni relative al decoro architettonico.

Decoro architettonico, nozione e regolamentazione

Parti comuni - Il decoro architettonico del condominio, ovvero l'estetica dell'edificio, è tutelata dalla legge e può essere più severamente tutelata dai condòmini. In che modo?

Bonus ristrutturazione per sostituzione infissi: chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Novità dall'Agenzia delle Entrate: al contribuente viene riconosciuto il bonus ristrutturazione per la sostituzione di infissi rientrante nell'edilizia libera

Sanatoria amministrativa e decoro architettonico

Manutenzione condominiale - Secondo la Cassazione la presenza di una sanatoria riguardante l'installazione di condizionatori, non salva dalla contestazione di alterazione del decoro architettonico.

Quando si può realizzare un foro su facciata condominiale per scarico fumi cucina?

Parti comuni - Forare la facciata condominiale per lo scarico della cucina è operazione che ciascun condòmino può porre in essere, ma entro quali limiti e a quali condizioni?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luisolp
Salve, il condominio in cui abito dovrebbe effettuare dei lavori di coibentazione sfruttando il superbonus 110 e cedendo il credito ad una Esco. Contemporaneamente io vorrei...
luisolp 28 Febbraio 2021 ore 11:12 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img marco8993
Salve,vorrei sostituire gli infissi e gli scuri di casa mia, ho visto che grandi catene come Bricoman hanno iniziato la campagna sconto in fattura 50%, andandomi ad informare da...
marco8993 06 Febbraio 2021 ore 20:10 1
Img lutex
Salve, sto eseguendo dei lavori di ristrutturazione del mio appartamento. Ieri l'amministratore del condominio mi segnala che l'inquilino dell'appartaento di fianco al mio gli ha...
lutex 02 Febbraio 2021 ore 10:57 7
Img atievoli65
Salve a tutti. Abito in un complesso di 5 unità abitative e sono il proprietario del semi interrato.Ogni unità ha il suo pozzo nero e purtroppo da uno di questi, ci...
atievoli65 27 Gennaio 2021 ore 19:16 1