Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Smaltimento rifiuti di cantiere edile

I detriti provenienti da cantieri edili sono considerati rifiuti speciali e il loro corretto smaltimento deve essere effettuato secondo la normativa vigente.
- NEWS Affittare casa

Smaltimento macerie edili


Le macerie provenienti da lavori di demolizione e costruzione sono considerate rifiuti speciali e il loro smaltimento deve essere effettuato secondo le norme vigenti.

La maggior parte dei rifiuti prodotti da lavori edili è costituita da materiali inerti, come calcinacci di intonaco, laterizi, cemento armato e non, derivanti da attività di cantiere.

Rifiuti di cantiere edile
Le terre e le rocce da scavo, invece, in base alla legge n. 2 del 2009 non sono considerate rifiuto e a meno che non siano contaminate, devono essere reimpiegate nel cantiere di produzione, ad esempio per riempimenti o rinterri.

Il loro riutilizzo in siti diversi da quello di produzione necessita invece dell'inoltro di una specifica domanda al Comune.

Lo smaltimento dei rifiuti edili deve avvenire seguendo le indicazioni delle normative vigenti: lo smaltimento scorretto è reato e può essere sanzionato e costare multe salate.


Quali sono i rifiuti di cantiere e come vengono classificati


I rifiuti prodotti in cantiere vengono classificati con i codici CER.
Il riferimento primario è la classe 17 dell'elenco dei codici CER, la cui descrizione recita:

rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente dai siti contaminati).


In questa classe sono elencati diversi codici CER, corrispondenti a diversi materiali di scarto: cemento, mattoni, mattonelle, legno, vetro, plastica, miscele bituminose, rame, bronzo, ferro e acciaio, terre e rocce, rifiuti da demolizione, etc.

Rifiuti da demolizione in cantiere
La procedura per definire in termini tecnici il rifiuto, attribuendogli il corretto codice CER, prevede tre passaggi:

  1. individuare se nell'elenco dei codici CER c'è una voce adeguata a descrivere il rifiuto che si sta producendo;

  2. se non si trova una descrizione adeguata scegliere la voce che meglio descrive il processo di produzione del rifiuto;

  3. individuato il codice CER, nel caso di rifiuto con caratteristiche di pericolosità, far effettuare l'analisi di caratterizzazione a un laboratorio accreditato.


La gestione dei rifiuti


La gestione dei rifiuti consiste nel deposito temporaneo, nel trasporto e nell'avvio a recupero o smaltimento.

Il deposito temporaneo può essere effettuato solo in cantiere, cioè il rifiuto non può essere trasportato presso la sede dell'impresa e stoccato presso di essa.

Deposito temporaneo rifiuti speciali
L'unica eccezione è quella dei rifiuti prodotti da attività di manutenzione e piccoli interventi edili: in questo caso il rifiuto può essere trasportato presso la sede dell'impresa, accompagnato da documento di trasporto.
Il deposito temporaneo avviene in sede seguendo le stesse regole previste per il deposito in cantiere e non sono necessarie autorizzazioni.

Il deposito temporaneo deve essere realizzato in un'area dedicata e opportunamente identificata, suddividendo i rifiuti in categorie omogenee, senza mischiarle, apponendo un cartello che riporti il codice CER identificativo del rifiuto.


Come smaltire correttamente i rifiuti di cantiere

I rifiuti di cantiere provenienti da lavori di demolizione e costruzione sono rifiuti speciali non riutilizzabili nell'ambito del cantiere di provenienza, è necessario quindi provvedere al loro conferimento in discarica o, se possibile, ad idoneo impianto di trasformazione, per poterli reimpiegare.

Se si tratta di piccole quantità di rifiuti provenienti da lavori compiuti in ambito domestico è possibile, per alcuni Comuni, conferirli presso le loro Isole Ecologiche, è necessario però che l'Ente preveda anche questo tipo di rifiuto nel proprio piano di raccolta differenziata.

In ogni caso la raccolta delle macerie dovrà essere effettuata da apposite ditte, iscritte all'Albo Nazionale dei Gestori Ambientali.

Rifiuti da cantiere
Solitamente è prevista una specifica modulistica con la quale si può effettuare la richiesta alla ditta ed affidare l'incarico.

Se i rifiuti trasportati, comunque classificati come non pericolosi, sono in quantità inferiore a 30 Kg o 30 litri al giorno, non è necessario alcun documento di accompagnamento.

Se invece le quantità sono maggiori è necessario allegare al trasporto uno specifico formulario in cui si riportano i dati di provenienza dei rifiuti, l'impianto di destinazione e il percorso da seguire.


Chi si occupa dello smaltimento detriti?


Secondo il D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006, relativo alle Norme in materia ambientale, la responsabilità e i costi dello smaltimento dei rifiuti edili di un cantiere ricade sul soggetto che li produce.

Se i lavori sono eseguiti da un'impresa, sarà quindi quest'ultima a doversene occupare, se invece i lavori sono eseguiti da un privato, sarà il proprietario dell'immobile a esserne responsabile.

Trasporto rifiuti edilizi
Occorrerà in cantiere redigere un piano di gestione dei rifiuti edilizi, si tratterà di individuare le tipologie di rifiuti di cui si prevede la produzione e di descriverne le relative modalità di gestione, individuando i soggetti che saranno coinvolti nelle attività di trasporto e smaltimento.


Smaltimento rifiuti edili: dove portarli?


Le macerie derivanti da un cantiere edile possono essere conferite in discarica o verso impianti di recupero o messa in riserva.

La tipologia effettiva della destinazione può essere stabilita dal capitolato speciale d'appalto o da un'altra documentazione di progetto, come la relazione geologica.

Generalmente viene determinata in base alla distribuzione geografica degli impianti autorizzati a ricevere il codice CER di interesse: la scelta tiene conto della prossimità al cantiere e del costo unitario (€/t).

Macerie cantiere edile
È opportuno verificare che l'impianto sia in possesso di specifica autorizzazione in corso di validità per tutto il periodo in cui si conferiscono i rifiuti, comprensiva dell'operazione di recupero o smaltimento del codice CER che si sta gestendo.

Il trasporto deve essere effettuato da impresa iscritta all'Albo Nazionale Gestori Ambientali, in categoria 2bis in caso di trasporto di rifiuti di cui è produttrice o in categoria 4 o 5 in caso di trasporto di rifiuti per conto di terzi.

Quindi se ci si affida a un trasportatore, bisogna verificare che:

  • sia iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali;

  • i mezzi utilizzati per il trasporto siano inseriti nell'autorizzazione e che siano autorizzati a trasportare il rifiuto di interesse (per ogni mezzo ci sono dei CER associati).


Il trasporto rifiuto deve essere accompagnato dal Formulario di Identificazione del Rifiuto o FIR, compilato dal produttore del rifiuto con le indicazioni delle caratteristiche del rifiuto, di chi effettuerà il trasporto e dell'impianto di destinazione.



Una copia del formulario resta al produttore in cantiere, le altre copie accompagnano il rifiuto sino all'impianto di destinazione, che compila la sezione relativa all'accettazione del rifiuto e lascia una copia al trasportatore che tiene una copia per sé e una la trasmette al produttore, anche a mezzo di posta certificata.

riproduzione riservata
Articolo: Smaltimento macerie edili
Valutazione: 3.86 / 6 basato su 79 voti.

Smaltimento macerie edili: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Kristin
    Kristin
    Sabato 9 Aprile 2022, alle ore 05:17
    Salve, di fianco a casa mia una casa è crollata e verrà demolita.
    È ammesso lasciare le macerie in loco senza portarle via?
    Premetto che si tratta di una casa disabitata da 30 anni, in piena campagna, in zona terremotata.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Kristin
      Lunedì 11 Aprile 2022, alle ore 13:47
      La legge prevede che le macerie edilizie, di qualsiasi provenienza, devono essere regolarmente smaltite o riciclate, previa autorizzazione comunale. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Kristin
        Kristin Pasquale
        Mercoledì 13 Aprile 2022, alle ore 15:24
        Grazie Pasquale
        rispondi al commento
  • Claudio V
    Claudio V
    Lunedì 5 Luglio 2021, alle ore 10:50
    Sto acquistando casa in costruzione, il proprietario ha demolito un muro in cemento armato e ha tutte le intenzioni di interrare le macerie nel terreno circostante.
    Io mi sono opposto perchè vorrei mettere delle piante da frutto e anche se interrate non avrebbero molto spazio per radificare.
    Lui può per legge lasciarle sottola terra?
    Il problema che casa per ora non è ancora intestata a me.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Claudio V
      Martedì 6 Luglio 2021, alle ore 13:07
      È un reato interrare macerie edilizie perseguibile penalmente. Un domani, per qualsiasi motivo venisse fuori, anche Lei ne sarebbe coinvolto.  Ne parli con questo signore per farlo ragionare. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Enrico87
    Enrico87
    Mercoledì 17 Marzo 2021, alle ore 14:50
    Posso smaltire le macerie autonomamente?
    Devo fare dei lavori in casa e non so come smaltire le varie macerie che accumulerò.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Enrico87
      Giovedì 18 Marzo 2021, alle ore 16:46
      Se le macerie edili da Lei prodotte non superano i 30kg. al giorno e non sono considerati pericolose, li può smaltire autonomamente senza costi all'Isola ecologica del Suo comune o quella più vicina. Diversamente di deve avvalere di ditte specializzate del settore rifiuti. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Robertopicone
    Robertopicone
    Giovedì 11 Marzo 2021, alle ore 14:52
    Salve, mi é crollato il tetto di un garage, basta chiamare una ditta autorizzata o devo prima fare qualche comunicazione al Comune? Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Robertopicone
      Venerdì 12 Marzo 2021, alle ore 18:27
      Va fatta una preventiva comunicazione che, a seconda del comune, potrebbe richiedere una diversa procedura. Pertanto prima di incaricare la ditta specializzata per lo smaltimento delle macerie edili, Le consiglio una visita presso l'ufficio tecnico o lo sportello unico per l'edilizia. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Robertopicone
        Robertopicone Pasquale
        Venerdì 12 Marzo 2021, alle ore 19:54
        Grazie ancora per la risposa.
        rispondi al commento
  • Eusebiu01
    Eusebiu01
    Mercoledì 24 Febbraio 2021, alle ore 09:59
    Cinque mesi fa ho acquistato immobile con due grandi giardini nei quali ho subito notato esserci una enorme quantità di sassi ma l'erba alta (oltre mezzo metro) impediva di vedere bene il suolo.
    Dopo le grandi piogge invernali e aver diserbato ciò che è apparto è quantomeno preoccupante ci sono detriti di ogni genere: mattoni, ceramiche, mattonelle, cemento e anche dei pezzi sparsi in ogni dove di blocchi di asfalto triturato che ho letto, dovrebbe essere rifiuto speciale.
    Devo fare denuncia? A chi?
    E chi ne risponde eventualmente, io che sono il proprietario o chi me l'ha venduta?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Eusebiu01
      Lunedì 4 Ottobre 2021, alle ore 11:49
      Vista l'entità e la natura dei rifiuti, Le consiglio di scrivere una lettera raccomandata, con avviso di ricevimento, indirizzata al venditore denunciando la scoperta e quindi la conseguente messa in mora per il relativo smaltimento da provvedere a sue spese. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Mario
    Mario
    Mercoledì 16 Dicembre 2020, alle ore 10:41
    Sto effettuando dei lavori di manutenzione straordinaria nel mio appartamento in economia.
    È permesso mettere dei sacchi per la raccolta dei detriti sulla strada adiacente all'appartamento per poi conferirli a fine demolizioni tramite mezzo autorizzato in discarica?
    Cioè senza alcuna pratica redatta da un geometra, si può occupare il suolo pubblico per il tempo necessario alle demolizioni?
    Se no, esistono delle autorizzazioni che può chiedere un privato per procedere in autonomia senza ausilio di geometra e/o impresa?
    Il comune di riferimento è Alghero in provincia di Sassari.
    Mario
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Mario
      Mercoledì 16 Dicembre 2020, alle ore 14:41
      Lo stoccaggio dei materiali di risulta su suolo comunale va autorizzato. Lei deve inoltrare al competente ufficio occupazione una regolare domanda indicando le misure su apposita planimetria della zona e la durata. In questo modo potrà eseguire i lavori senza incorrere in sanzioni. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Mario
        Mario Pasquale
        Giovedì 17 Dicembre 2020, alle ore 11:27
        Grazie, saluti.
        rispondi al commento
  • Giulio Binetti
    Giulio Binetti
    Sabato 29 Agosto 2020, alle ore 09:09
    Costo smaltimento rifiuti edilizia ( 4 bagni , infissi , porte interne).
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giulio Binetti
      Domenica 30 Agosto 2020, alle ore 17:58
      Il costo per lo smaltimento di opere edili varia da operatore ad operatore e da un luogo ad un altro. Il prezzo medio è di 15,00 €/mc. per le macerie (pavimenti, rivestimenti, massetti, murature, ecc. Per quanto riguarda i Melli (infissi esterni) si va intorno ai 20,00 €/mc. Le porte interne di legno vanno portate all'isola ecologica più vicino alla Sua abitazione (gratis). Per quanto riguarda il carico e scarico col prezzoedio è di 120,00 €/mc/ora su appositi mezzi di trasporto. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Nadia95
    Nadia95
    Giovedì 7 Maggio 2020, alle ore 16:51
    Sono di Ischia, in provincia di napoli, abbiamo fatto lavori di sostituzione di pavimentazione, vorrei sapere le vecchi piastrelle dove devonp essere smaltite.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Nadia95
      Lunedì 11 Maggio 2020, alle ore 16:43
      Essendo Ischia sottoposta a vincoli paesaggistico ambientali, Le consiglio di contattare il Centro di Raccolta sull'isola, sito in via Arenella (tel. 081/903090) ed esporre la problematica.  In questo modo troverà un riscontro positivo al Suo quesito. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Gigi881
    Gigi881
    Martedì 26 Febbraio 2019, alle ore 18:07
    Se in un pannello di cartongesso vi è incollato del rivestimento in ceramica con colla cementizia o tipo mastice (il che li rende indivisibili con procedure manuali o meccaniche in loco), come andrebbe smaltito in tal caso il cartonesso?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Gigi881
      Sabato 2 Marzo 2019, alle ore 10:06
      Il cartongesso è classificato come rifiuto speciale non pericoloso. Il suo smaltimento non è semplice e va fatto da aziende specializzate che, a più fasi di lavorazione, si ottiene la materia prima che è il gesso. Nel caso da Lei esposto il pannello viene prima frantumato, separato dalla carta/cartone ed infine  dalla maiolica. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
338.262 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Smaltimento macerie edili che potrebbero interessarti


Aspirazione a risucchio calcinacci e macerie in edilizia

Restauro edile - Come limitare i danni impiegando la tecnica del'aspirazione a risucchio in edilizia.

Smaltimento vecchi elettrodomestici

Normative - Dal prossimo 18 giugno sara' possibile consegnare i vecchi elettrodomestici al negoziante dove si effettua il nuovo acquisto.

Modulo Rifiuti da C. e D.

Leggi e Normative Tecniche - In alcune regioni italiane è obbligatoria la redazione del modulo dei rifiuti da costruzione e demolizione, per ottenere il rilascio di un titolo abilitativo.

L'alternativa allo smaltimento dei rifiuti di cantiere

Restauro edile - Il problema dello smaltimento rifiuti in cantiere edile. Siamo davvero sicuri che si tratti di rifiuti? Come gestirli e come ottimizzare gli scarti da cantiere.

RES: nuova tassa sui rifiuti

Leggi e Normative Tecniche - Manca poco più di un anno all'entrata in vigore della nuova tassa sui rifiuti, che andrà a sostituire le attuali TARSU e TIA.

Cassoni scarrabili e convogliatori di macerie

Ristrutturazione - Negli interventi di ristrutturazione edilizia, all'interno dei centri residenziali, sono molte le variabili che incidono sulla economia e svolgimento dei lavori.

Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Fisco casa - L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.

Rifiuti ingombranti e smaltimento

Normative - Forse non tutti sanno che il 31 ottobre 2008 il Consiglio dei Ministri del governo Berlusconi ha varato un decreto legge per sancire la tolleranza zero in materia di rifiuti.

Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Fisco casa - Secondo la Cassazione è onere del contribuente informare il comune per ottenere l'esclusione di alcune aree dalla superficie tassabile e fruire dell'esenzione Tarsu.