Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sismabonus: cosa accade per gli edifici costruiti prima del 1967?

Si può procedere con il Sismabonus per interventi su edifici costruiti prima del 1967 anche se dall’accesso agli atti in Comune non risultano titoli edilizi?
- Detrazioni e agevolazioni fiscali

Sismabonus ed edifici ante 1967


Sono molti gli edifici costruiti prima del 1967 che vogliono usufruire del Sismabonus per effettuare interventi locali come il rifacimento del tetto. Ma cosa si deve fare se dall’accesso agli atti in Comune non dovessero risultare titoli edilizi.
Si può comunque procedere oppure è necessario fare ulteriori verifiche di legittimità?

Nel caso di interventi locali su immobili la cui costruzione è antecedente al 1967, se a seguito dell’accesso agli atti in Comune, non risultano titoli edilizi, è opportuno accertare la regolarità della preesistenza mediante ulteriori verifiche, nel rispetto delle recenti prescrizioni dettate dal comma 1-bis dell’art. 9-bis, D.P.R. 380/2001 che così recita:

lo stato legittimo è quello desumibile dalle informazioni catastali di primo impianto, o da altri documenti probanti, quali le riprese fotografiche, gli estratti cartografici, i documenti d'archivio, o altro atto, pubblico o privato.




Pertanto, risulta opportuno fare accesso agli atti in Catasto per ricercare le planimetrie catastali di primo impianto in modo da metterle a confronto con lo stato attuale dell’immobile. In genere, tali planimetrie non sono accessibili per via telematica poiché non digitalizzate, e quindi occorre andare di persona nell'Ufficio apposito e richiedere l’apertura della busta dove sono custoditi i disegni cartacei del fabbricato.

Questa verifica è fondamentale. Infatti, se le informazioni di primo impianto esistono, risalgono a un periodo successivo al 1967 ed evidenziano difformità, in assenza di titoli edilizi a supporto, vuol dire che la costruzione non è stata completata prima del 1° settembre 1967, e quindi ha subito modifiche in un secondo momento.

Questo potrebbe andare in contrasto con l’attestazione rilasciata nella CILAS e, di conseguenza, si potrebbe incorrere nella decadenza del beneficio fiscale per violazione del punto d) del comma 13-ter non corrispondenza al vero delle attestazioni.

Circa la valenza delle risultanze catastali per la dimostrazione dello stato legittimo degli immobili, si ricorda la sentenza del TAR Campania-Napoli (n. 1901 del 22 marzo 2021) in cui vengono ribaditi 2 concetti giurisprudenziali molto importanti:

  • in assenza di titoli a supporto, devono essere considerate prevalenti le informazioni catastali di primo impianto

  • il proprietario dell’immobile è sempre tenuto a dimostrare lo stato preesistente dell’immobile


Infine, si ricorda che, se l’immobile è stato costruito prima del 1967 ma dopo il 1942, e se, a quell’epoca, risultava ubicato in un centro abitato, la legittimità sarebbe comunque subordinata all’esistenza di un titolo edilizio valido.

riproduzione riservata
Articolo: Sismabonus e problemi edifici ante 67
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Sismabonus e problemi edifici ante 67: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Sismabonus e problemi edifici ante 67 che potrebbero interessarti

Superbonus 110%: chiarimenti sulla data del titolo edilizio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Forniti nuovi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate in merito alla data del titolo edilizio abilitativo per gli interventi di contenimento del rischio sismico.

Sismabonus e asseverazione lavori: interviene l’Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L’Agenzia delle Entrate, precisa quale sia il termine di presentazione dell’attestazione di conformità del progetto dal direttore dei lavori per il Sismabonus.

Il Sismabonus spetta anche a chi demolisce e ricostruisce casa

Affittare casa - Potranno fruire del Sismabonus anche i contribuenti che demoliscono e ricostruiscono l'abitazione. Ecco i chiarimenti forniti in merito dall'Agenzia delle Entrate


Ecobonus e Sismabonus al 110%: le novità del decreto di maggio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con il decreto maggio 2020 sale al 110% l'incentivo fiscale legato agli interventi di risparmio energetico e alle misure antisismiche. Ecco quali sono le novità

Il Sismabonus 110%: è possibile per l'ampliamento senza demolizione?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile il Sismabonus 110 per interventi edilizi di ampliamento senza alcuna opera di demolizione, come di recente è stato specificato dall’Agenzia dell’Entrate?

Abuso edilizio e ordine di demolizione

Leggi e Normative Tecniche - In tema di abuso edilizio, al fine di emettere un ordine di demolizione di un immobile, occorre una visione complessiva del pregiudizio arrecato dall'intervento

Si al Sismabonus acquisti 110% con riclassificazione sismica

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Riconosciuta l'agevolazione del Sismabonus acquisti 110% dall’Agenzia delle Entrate se varia la classificazione sismica della zona in cui è ubicato un immobile.

Come calcolare il 60% dei lavori per il Sismabonus 110%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L’Agenzia delle Entrate indica quali sono criteri per calcolare la percentuale del 60% relativa ai lavori da completare per poter beneficiare del Sismabonus 110%

Bonus mobili anche in caso di Sismabonus 110

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus mobili, la detrazione per mobili ed elettrodomestici, è ammessa anche in caso di Sismabonus 110%, a seguito di interventi di miglioramento antisismico
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img holden.dino
Buongiorno,espongo il mio quesito:devo ricostruire un muro pericolante del giardino di casa. Il muro affaccia sulla strada sottostante. La zona sismica è la 3, la categoria...
holden.dino 30 Settembre 2021 ore 20:55 2
Img marybi81
Salve a tutti,ho una domanda in merito al sismabonus 85% in scadenza il 31/12.Cosa succede se i lavori non si riescono a completare per quella data?Quali sono le penali...
marybi81 10 Agosto 2021 ore 17:30 1
Img claudio twok
Buongiorno a tutti,sto acquistando una casa antisismica con il sismabonus 110%, il costruttore mi farà lo sconto in fattura per un totale di € 96000. La domanda...
claudio twok 27 Luglio 2021 ore 22:51 2
Img cusi92
Salve,mi sto informando per l'acquisto di un appartamento in un condominio frutto di demolizione e ricostruzione in zona sismica 3.Dopo alcune verifiche (da me suggerite),...
cusi92 27 Luglio 2021 ore 18:28 1
Img maxfi
Buongiorno a tutti,sto acquistando una casa antisismica con il sismabonus 110%, il costruttore non vuole fare lo sconto in fattura e per questo motivo dovrò cedere il...
maxfi 25 Giugno 2021 ore 16:25 1