Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sfratto all'inquilino per comportamenti molesti con i vicini

Fai rumore e disturbi i vicini? Per la Corte di Cassazione se l’immobile è locato può essere inadempimento e il proprietario può chiedere l’ordine di rilascio.
- NEWS Affittare casa

Sfratto inquilino rumoroso: è possibile?


Secondo la Corte di Cassazione - i provvedimenti non sono numerosi per la verità - l'emissione di rumori tali da disturbare il vicinato è una forma di inadempimento che può portare alla risoluzione del contratto di locazione per inadempimento e al rilascio dell'immobile.

Locazione e rumori molesti per i vicini
Il principio è stato ribadito di recente dalla Corte con l'ordinanza n. 22860 depositata il 20 ottobre 2020.

Vediamo dunque la questione un po' più nel dettaglio.

Prima però premettiamo alcuni cenni alle norme coinvolte nel discorso; quindi, a quelle sulle obbligazioni del conduttore dell'immobile (secondo le norme contenute nel codice civile agli artt. 1571 e ss.) e sulla risoluzione del contratto per inadempimento (secondo le norme di cui agli artt. 1453 e ss. c.c.).

Poi vedremo in sintesi come si è espressa sul punto la Corte di Cassazione nel provvedimento del 2020 ed in quello, precedente, del 1987.


Il conduttore deve servirsi con la diligenza del buon padre di famiglia


Nel codice civile la locazione è definita come il contratto con cui:

una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo (art. 1571 c.c.).


L'obbligo di fondo del locatore è quindi di consentire al conduttore di servirsi del bene.
Infatti secondo l'art. 1575 c.c., dedicato alle obbligazioni principali del locatore, questi deve:

1) consegnare al conduttore la cosa locata in buono stato di manutenzione; 2) mantenerla in istato da servire all'uso convenuto;
3) garantirne il pacifico godimento durante la locazione (art. 1575 c.c.).


Quali invece le obbligazioni principali del conduttore?

1) prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l'uso determinato nel contratto o per l'uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze; 2) dare il corrispettivo nei termini convenuti (art. 1587 c.c.).


Risoluzione del contratto di affitto per inadempimento


Se le parti non adempiono alle proprie obbligazioni, lo dice la parola stessa, siamo davanti a un inadempimento.

A tal proposito, per quel che qui interessa, l'art. 1453 c.c. al comma 1 prevede che nei contratti con prestazioni corrispettive, quando uno dei contraenti non adempie le proprie obbligazioni, l'altro può a sua scelta chiedere l'adempimento oppure la risoluzione del contratto, restando salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno.

I contratti con prestazioni corrispettive sono quelli dove in parole povere la prestazione di una parte è in funzione di quella dell'altra.

Inoltre, l'art. 1455 prevede che il contratto non può essere risolto qualora l'inadempimento di una delle parti abbia:

scarsa importanza, avuto riguardo all'interesse dell'altra (v. art. 1455 c.c.).


Infine menzioniamo anche l'art. 1456 comma 1, secondo cui:

I contraenti possono convenire espressamente che il contratto si risolva nel caso che una determinata obbligazione non sia adempiuta secondo le modalità stabilite (v. art. 1456 co.1 c.c.).


Rumori molesti come inadempimento del contratto di locazione


Nell'ordinanza n. 22860 del 2020 i giudici hanno confermato la sentenza di appello, che a sua volta aveva confermato la sentenza di primo grado; tali sentenze avevano giudicato, per quel che qui interessa, i rumori causati nell'immobile locato come una forma di inadempimento grave, come tale atta a giustificare la dichiarazione di risoluzione del contratto e l'ordine di rilascio dell'immobile.

Rumori molesti e rischio di perdere l'immobile

In particolare, si afferma che l'inadempimento riguarda non solo l'obbligazione prevista dall'art. 1587 c.c. consistente nell'utilizzo dell'immobile secondo la diligenza del buon padre di famiglia, ma anche la clausola del contratto stipulato, che vieta al conduttore di:

compiere atti e tenere comportamenti che possano recare molestia agli altri abitanti dello stabile (Cass. n. 22860/2020).


Mentre, già in primo grado il tribunale non ritiene valida la clausola risolutiva espressa del contratto, che prevede:

in modo generico la risoluzione di diritto per ogni violazione contrattuale (Cass. n. 22860/2020).


Rumori molesti come inadempimento del contratto di locazione: la sentenza


I giudici di Legittimità poi, sempre per quanto riguarda il nostro discorso, affermano che:

secondo la giurisprudenza di legittimità, le molestie ai vicini costituiscono abuso di bene locato in violazione quindi dell'art. 1587 c.c., e ciò è indiscutibile (Cass. n. 22860/2020).


Con tale affermazione la Corte respinge la critica sollevata dal ricorrente al richiamo nella sentenza impugnata al precedente del 1987 (su tale precedente e sulle critiche del ricorrente al richiamo v. il paragrafo successivo).

Locazione, rumori e inadempimento, la giurisprudenza

I giudici ricordano, inoltre, che la valutazione circa l'idoneità dei fatti concreti a integrare l'inadempimento è rimessa al giudice di merito, e che in tale senso può bastare anche un solo episodio, se grave.

Nella specie, il comportamento del conduttore censurato è consistito nella molestia ai vicini di casa, mediante insulti, imbrattamenti con vernice bianca della porta di una vicina, nonché dell'affissione di cartelli con ingiurie ai vicini.


Rumori come inadempimento della locazione, la giurisprudenza


Come detto, non si tratta della prima decisione che si è espressa in tal senso.

Più volte richiamata nel corso del giudizio è la sentenza n. 6741 dell'ormai lontano 1987, menzionata anche nel provvedimento del 2020.



In quella sentenza si affermò che il comportamento del conduttore che, personalmente oppure tramite le persone con lui conviventi, provoca molestie di fatto ai coinquilini, con rumori eccessivi, fastidi da parte dei figli, ecc., rappresenta un inadempimento contrattuale, per abuso della casa locata – si rimanda alla prescrizione di cui al su citato art. 1587 c.c. - verso il locatore, se tollerasse dette molestie, ne dovrebbe rispondere verso gli altri inquilini come di fatto proprio.

Nel provvedimento in esame, per il ricorrente, quel precedente è criticabile in quanto dà per sufficiente, ai fini della risoluzione del contratto, un criterio diverso rispetto a quello, già riconosciuto, della misurazione della perdita del valore dell'immobile.


La critica del ricorrente all'inadempimento per rumori


Il nuovo criterio è cioè quello del caso in cui ipoteticamente il locatore potrebbe diventare responsabile nei confronti dei vicini per le molestie del conduttore.
La critica del ricorrente è nel fatto che detto criterio:

dovrebbe condurre a ritenere che non è necessaria la prova del danno ma è sufficiente che si possa ipotizzare che il locatore sia chiamato a risponderne (Cass. n. 22860/2020).


Questa tesi sarebbe in constrasto rispetto a quella già estensivamente interpretativa della giurisprudenza secondo cui il danno deve essere accertato e non potenziale, e deve riguardare l'immobile dato in locazione, e non il locatore.

Quindi per il ricorrente:

la sentenza d'appello si fonderebbe su una sentenza di legittimità "di cui si contesta l'applicabilità in quanto interpretativa della norma in misura tale da comportare una riformulazione non ammessa (Cass. n. 22860/2020).

riproduzione riservata
Articolo: Sfratto inquilino rumoroso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.

Sfratto inquilino rumoroso: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.059 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sfratto inquilino rumoroso che potrebbero interessarti


Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Registrare un contratto d'affitto

Affittare casa - I contratti di locazione, fatta eccezione per quelli di durata inferiore ai 30 giorni vanno tutti registrati e depositati presso l'ufficio dei registri immobiliari entro e non oltre i venti giorni che seguono la stipula del contratto.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Niente detrazione interessi del mutuo se l'affitto è in corso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto per l'acquisto di un immobile non adibito ad abitazione principale? Vediamo cosa dice la legge.

Affitto e obbligo di APE

Affittare casa - In occasione di un contratto di affitto in quali casi bisogna dotarsi di Attestato di Prestazione Energetica, allegarlo al contratto o consegnarlo al conduttore?

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.

Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.

Locazione: contratto nullo in caso di mancata registrazione

Affittare casa - In caso di mancata registrazione di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo, si prevede la nullità dello stesso contratto come ha precisato la Cassazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img minguccio68
Cari lettori, come da titolo della mia discussione, scrivo per avere lumi sull'argomento.In pratica, avendo cambiato casa, ho deciso di lorale la mia vecchia abitazione e non ho...
minguccio68 17 Settembre 2021 ore 09:01 2
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img maurizio35
Caso: Posso stipulare entro il 20 giugno un contratto di locazione "canone concordato" con decorrenza 1 agosto p.v.? Evidentemente procederò alla registrazione entro 30...
maurizio35 08 Giugno 2018 ore 16:12 1
Img maurizio35
Buongiorno a tutti. Nello scorso mese di settembre ho stipulato, in quanto locatore, contratto a canone concordato(3+2), con tre conduttori. Nello scorso mese di gennaio ricevo...
maurizio35 29 Aprile 2018 ore 10:49 3
Img maurizio35
Nel caso di contratto di locazione a canone concordato, relativo ad immobile ubicato in comune nel quale, a seguito della pubblicazione del DM 2017, NON è stato rinnovato...
maurizio35 29 Aprile 2018 ore 10:42 1