Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Vendita e servitù di passaggio: quali connessioni?

NEWS Proprietà11 Ottobre 2019 ore 09:54
Vendere un fondo gravato o avvantaggiato da servitù di passaggio comporta l'automatico trasferimento del diritto. Esistono, tuttavia, eccezioni a questa regola?

Servitù di passaggio


La servitù, recita l’art. 1027 del codice civile, è un peso imposto su un fondo per l'utilità di un altro fondo appartenente a diverso proprietario, ovvero a più comproprietari tra i quali può esservi anche il proprietario del primo predio.

Il fondo sul quale è stabilita la servitù è detto servente, quello che se ne avvantaggia dominante.
La servitù può essere costituita (art. 1031 c.c.):

  • coattivamente;

  • volontariamente;

  • per usucapione;

  • per destinazione del padre di famiglia.

Vialetto in giardino e servitù di passaggio
Tra le servitù più noto v’è certamente quella di passaggio. La costituzione di una servitù necessita della forma scritta, ovvero di un accertamento giudiziale.

Esiste poi un aspetto, quello inerente alla trascrizione, che è molto utile per garantire la prosecuzione dell’esistenza del diritto del fondo dominante nei vari passaggi di proprietà.

Affrontiamo questa questione, che è poi quella posta nel titolo dell’articolo, grazie al quesito di un nostro lettore ci scrive e domanda:
Sto passando, da oltre trent'anni sul fondo di un vicino per recarmi nel mio fondo intercluso su accordi presi con i proprietari dell'epoca. Ora essendo deceduti detti proprietari il terreno è stato venduto. Il nuovo proprietario pretende il pagamento del passaggio asserendo che l' usucapione cessa con il cambio di proprietà. Ha ragione o ha torto?

Leggendo l’articolo vedremo che alcune informazioni che sono state date al nostro lettore sono imprecise e capiremo perché.


Servitù di passaggio chi può passare?


Quando è costituita la servitù di passaggio, il proprietario del fondo dominante la può utilizzare per gli usi convenuti.

Chiaramente questa considerazione vale quando la servitù è stata costituita volontariamente: già se è stata costituita per sentenza sarà il provvedimento del giudice a stabilire come possa/debba essere esercitata.

Servuitù di passaggio:; chi ne usufruisce
Quando, poi, la servitù si costituisce per usucapione ovvero per destinazione del padre di famiglia, la sentenza servirà per cristallizzare l’esistenza del diritto e le sue modalità di esercizio.

In breve e per sintetizzare una conclusione valida per tutti i tipi di servitù di passaggio: la servitù di passaggio può essere esercitata dal proprietario del fondo e dalle persone che assieme a lui lo usano (ospiti, conduttori, famigliari ecc.) per l’accesso a quella proprietà e nella misura in cui è stato concordato/stabilito. Se il passaggio è solo pedonale, allora non potrà essere carrabile, ecc.


Servitù di passaggio e compravendita


Tizio è proprietario del fondo dominante e Caio di quello servente. Esiste da anni una servitù di passaggio. Tizio vende a Sempronio, oppure Caio vende a Mevio, oppure entrambi vendono: la servitù resta?

Servitù di passaggio
Ricordiamo che la servitù di passaggio è una servitù prediale, cioè legata al fondo non alla specifica persona che esercita il passaggio.

Ergo: il passaggio di proprietà non fa venire meno l’esercizio del diritto di passaggio. Il nuovo proprietario del fondo dominante potrà continuare a passare e quello del predio servente a consentire il transito.

Sempre?

Non proprio: vediamo perché.

La servitù, per dirsi esistente, o deve essere stata costituita per usucapione (uso pacifico e continuo per 20 anni) o essere prevista da un contratto scritto o ancora essere stata sentenziata o essere esistente per destinazione del padre di famiglia.

Se ciò non avviene, ad esempio se si esercita il passaggio per mera tolleranza, ovvero sulla base di un accordo orale, allora non potrà dirsi esistente un diritto di servitù.


Servitù di passaggio l’importanza della trascrizione


Ma non basta: affinché il nuovo proprietario possa esercitare il diritto senza necessità di specifica pattuizione è bene che una volta costituita la servitù, il relativo atto costitutivo (contratto, sentenza, ecc.) venga trascritto, così da essere opponibile, ossia conoscibile da chiunque mediante semplice ispezione ipotecaria.

Un appunto merita l’usucapione: se il diritto di passaggio è già maturato prima della passaggio di proprietà, allora il proprietario del fondo dominante potrà agire in giudizio per farla accertare e continuare ad usufruire del passaggio. Se il cambio di proprietà avviene prima dei vent’anni e il proprietario del fondo servente cambia idea, allora non si potrà far nulla: si dovrà smettere di passare.

Nel caso del nostro lettore, dato il passaggio trentennale, egli dovrebbe avere diritto a far accertare la servitù per via giudiziale, senza quindi necessità di corrispondere alcun compenso. Usiamo il condizionale, perché maggiore sicurezza la si può avere solamente conoscendo la situazione concreta e la certezza assoluta solo al termine del giudizio.

riproduzione riservata
Articolo: Servitù di passaggio, la vendita la fa cessare?
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Servitù di passaggio, la vendita la fa cessare?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
307.895 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Faidatebook
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Guanciale gransonno permaflex
    Guanciale gransonno permaflex...
    36.00
  • Materasso baby antisoffoco
    Materasso baby antisoffoco...
    145.00
  • Vendita porte interne
    Vendita porte interne...
    90.00
  • Montascale curvilinei Handicare 2000 Style
    Montascale curvilinei handicare...
    7000.00
  • Termostato per radiatore digitale
    Termostato per radiatore digitale...
    74.95
  • Tagliasiepi elettrico
    Tagliasiepi elettrico...
    139.00
Notizie che trattano Servitù di passaggio, la vendita la fa cessare? che potrebbero interessarti


Diritto di servitù: la modificazione è un contratto

Proprietà - Per modificare una servitù è necessario un contratto che incida sul diritto come inizialmente previsto: quali sono i requisiti formali e sostanziali dell'accordo?

Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Condominio - Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.

Servitù volontarie e coattive, alcune differenze

Normative - La differenza tra servitù volontarie e coattive non si ferma solamente alle possibili differenti modalità di costituzione ma si spinge fino ai motivi di estinzione.

Servitù e impianto idrico comune

Normative - La servitù di passaggio può essere concessa anche se si usufurirà della stessa per un impianto idrico in condominio con il proprietario del fondo servente.

Servitù prediali

Normative - Le servitù, le loro caratteristiche e la loro configurabilità nell'ordinamento giuridico italiano.

Riconoscere l'esistenza di una servitù di passaggio, modalità e costi

Affittare casa - Riconoscere una servitù di passaggio vuol dire dare atto che il proprietario di un altro terreno o fondo urbano ha diritto di passare sul proprio. Conviene? Quanto costa?

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.

Rinuncia alla servitù

Normative - In questo articolo, dopo una panoramica sulle caratteristiche principali della servitù, ci occuperemo dell'aspetto riguardante la forma e gli effetti della rinuncia.

Servitù apparenti e non apparenti

Normative - La differenza tra servitù apparenti e non apparenti non si ferma al mero requisito visivo o meglio questa differenza incide sui modi di acquisto del diritto.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francescoscarpati
A seguito della nuova legge e della riforma dell'artiolo 1117 cc, quali sono le procedure da eseguire per la compravendita delle parti comuni di un condominio? Qual è la...
francescoscarpati 07 Agosto 2017 ore 10:58 9
Img roykatia
Qualcuno mi aiuti!!!Devo vendere casa tramite mediatore, dai controlli fatti il garage non è accatastato.Ora il mediatore mi chiede per l'accatastamento 1500 euro e...
roykatia 23 Aprile 2015 ore 22:03 4
Img alepav
Ciao a tutti!apro un nuovo 3d, anche se continuo a parlare di una cosa già discussa nell'altro 3d, perché voglio spostare la domanda su un altro oggetto:...
alepav 27 Settembre 2006 ore 22:55 20
Img chris2464
Buonasera Spero che qualcuno mi possa aiutare.Ho firmato un contratto per vendere un immobile con un agenzie immobiliare.Si tratta di una mansarda ed è quindi accatastata...
chris2464 10 Gennaio 2015 ore 18:47 1
Img dantino
Ho la piena proprietà di una palazzina costituita da 5 piccoli appartamenti di cui uno da me abitato; circonda lo stabile una piccola striscia di terreno adibita a giardino...
dantino 07 Febbraio 2015 ore 17:38 1