Servitù di passaggio e problematiche connesse a riconoscimento ed esercizio del diritto

NEWS DI Proprietà20 Gennaio 2016 ore 09:03
La servitù di passaggio, il diritto di attraversare un fondo di proprietà altrui, può essere esercitata se contrattata dalle parti o riconosciuta in altri modi.

Nozione di servitù e servitù di passaggio


Servitù di passaggioL'art. 1027 c.c. descrive la servitù come il peso imposto sopra un fondo per l'utilità di un altro fondo appartenente a diverso proprietario.

Si è soliti dire, perché così è, che la servitù è di un diritto reale di godimento su cosa altrui in quanto il proprietario del fondo dominante la esercita sul fondo di una persona diversa, per l'appunto il fondo servente.

Dottrina e giurisprudenza hanno chiarito che l'altruità del fondo è requisito indispensabile per il corretto esercizio della servitù visto e considerato che tra due fondi appartenenti al medesimo proprietario l'assoggettamento di uno all'altro resta un atto indifferente ai fini della configurabilità della servitù.

Il codice civile disciplina alcuni tipi di servitù.

Tra tutti, probabilmente la più nota, è la servitù di passaggio.

Essa può costituirsi:

a) per volontà delle parti;

b) coattivamente;

c) per usucapione (es. utilizzando indisturbatamente un passaggio per almeno 20 anni, in senso ostativo all’ usucapione in fine parleremo dei così detti atti di tolleranza);

d) per destinazione del padre di famiglia.

Oltre alle ipotesi tipizzate è possibile costituire una servitù tutte quelle volte in cui vi siano due fondi, non necessariamente confinanti tra loro, ed uno di questi (quello dominante) possa trarre una qualche utilità dall'altro detto servente).

Tale requisito, l'utilitas come viene chiamata in gergo, deve essere proprio del fondo.

Ciò vuol dire che il vantaggio che si deve trarre dall'esercizio della servitù deve essere strettamente connesso con il fondo dominante e non essere una mera comodità che il proprietario dello stesso vuole ottenere.

Per fare un esempio nel caso della servitù di passaggio l'utilità pur essendo, naturalmente, esercitata dal proprietario è inerente al fondo poiché è su questo che si riflette tale utilità, ossia la possibilità di raggiungerlo per utilizzarlo.

In altri casi, quando cioè l'utilità è direttamente connessa alla persona e non al fondo, si parlerà di servitù così detta irregolare.

L'esempio classico è quello del parcheggio la cui utilità non è connessa al fondo ma si sostanzia in una mera comodità per il proprietario.

Vista la varietà di servitù costituibili a ricorrenza dei requisiti summenzionati in dottrina si è detto che la servitù è un diritto reale tipico dal contenuto atipico (cfr. Minussi, Proprietà Possesso Diritti reali, ed. Simone 2009).


Servitù coattiva di passaggio


La coattività, come ci dice il vocabolario della lingua italiana, indica il carattere obbligatorio di un determinato comportamento.

Nell'ambito giuridico la coattività sta ad indicare la possibilità d'imporre ad una determinata persona l'obbligo di fare (o non fare) qualcosa.

Tra le varie applicazioni di questa nozione spicca la possibilità di costituire servitù che, per l'appunto, vengono poi definite coattive.

Siccome l'imposizione di una servitù si sostanzia nella limitazione della proprietà immobiliare (fondiaria come si dice in maniera più tecnica) a vantaggio di altre persone, la costituzione di una servitù coattiva deve soggiacere a ben precisi limiti e condizioni.

Nello specifico, guardando a una tipologia di servitù particolarmente nota, ossia la servitù coattiva di passaggio, per l'ottenimento della costituzione del diritto non si può guardare solamente alla situazione materiale del fondo ma è necessario altresì considerare di chi sia la proprietà dei fondi circostanti.

Servitù coattiva di passaggioCome ha specificato la Suprema Corte di Cassazione, ai sensi dell'art. 1051 c.c. l'interclusione assoluta o relativa che legittima la costituzione della servitù coattiva di passaggio ricorre quando il fondo, privo di accesso alla via pubblica, è circondato da fondi altrui, situazione, questa, che giustifica l'imposizione del peso in re aliena.

Relativizzata la nozione di fondo all'uso produttivo o civile cui esso è adibito dal proprietario, l'interclusione sussiste se ed in quanto l'unità immobiliare che si assume come fondo dominante sia circondata da terreno di proprietà aliena, di guisa che il passaggio non possa essere attuato se non col sacrificio del diritto altrui.

Diversamente, se tra il fondo del cui vantaggio si tratta e la via pubblica s'interpongono altri fondi appartenenti al medesimo titolare e dotati o dotabili di accesso proprio alla via pubblica senza eccessivo dispendio o disagio, nessun ostacolo giuridico o materiale impedisce il passaggio attraverso i fondi del medesimo proprietario.

In tal caso, pertanto, l'art. 1051 c.c. non può trovare applicazione alcuna, neppure con riguardo all'ampliamento della servitù di passaggio preesistente, che del pari presuppone la residua interclusione del fondo dominante (Cass. 23 maggio 2013, n. 12819).

Insomma se il fondo Alfa di Tizio è circondato da altri predi alcuni dei quali di sua stessa proprietà, Tizio non potrà chiedere il passaggio coattivo sul fondo di Caio.


Servitù coattiva di passaggio e fondo non intercluso


L'art. 1051 c.c. sembrerebbe limitare il diritto di costituzione della servitù coattiva di passaggio ai così detti fondi interclusi.

L'art. 1052 c.c. contiene un'eccezione.

Recita la norma, rubricata Passaggio coattivo a favore di fondo non intercluso:

Le disposizioni dell'articolo precedente si possono applicare anche se il proprietario del fondo ha un accesso alla via pubblica, ma questo è inadatto o insufficiente ai bisogni del fondo e non può essere ampliato.

Il passaggio può essere concesso dall'autorità giudiziaria solo quando questa riconosce che la domanda risponde alle esigenze dell'agricoltura o della industria.

La giurisprudenza di merito e di legittimità ha re-interpretato la norma allargandone il confine applicativo al di là delle così dette esigenze dell'agricoltura e dell'industria.

In una delle più recenti sentenze sull'argomento (una pronuncia del Tribunale di Teramo dell'aprile 2013) si legge:

Invero per quanto concerne la servitù coattiva, l'imposizione del passaggio a favore di un fondo, ancorché non intercluso del tutto, non postula, ai sensi dell'art. 1052 c.c., necessariamente la rispondenza della relativa domanda alle esigenze della agricoltura o dell'industria.

Se è vero infatti che tale requisito trascende generalmente gli interessi individuali, giustificando l'imposizione coattiva solo se sia rispondente all'interesse generale della produzione, da valutare con riguardo allo stato attuale dei fondi e alla loro concreta possibilità di un più ampio sfruttamento o di una migliore utilizzazione, tuttavia non poteva prescindere dall'esigenza abitativa prevalente, cui il fondo dei ricorrenti era adibito nel contesto sociale e tecnico attuale, nel quale non può farsi a meno dell'uso del mezzo meccanico, anche ai fini di esigenze di carattere sanitario, specie alla luce della innovazione introdotta alla disciplina di cui all'art. 1052 c.c., comma 2, dalla sentenza della Corte costituzionale n. 167 del 1999 (Cfr. anche Cass. Sentenze n. 7000 del 2001, n. 6590 del 11/11/1986).

Precisamente la Consulta ha affermato che l'art. 1052 c.c., comma 2, è costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede che il passaggio coattivo di cui al primo comma possa essere concesso dall'autorità giudiziaria quando questa riconosca che la domanda risponde alle esigenze di accessibilità - con particolare riguardo alla legislazione relativa ai portatori di handicap - degli edifici destinati comunque ad uso abitativo, per violazione dell'art. 2 Cost., art. 3 Cost., comma 2, art. 32 Cost., e art. 42 Cost., comma 2.

Infatti, premesso che la concessione del passaggio coattivo è subordinata dalla norma denunciata non solo alla inadeguatezza dell'accesso alla via pubblica ed alla sua non ampliabilità, ma anche alla sussistenza di una ulteriore condizione, rappresentata dalla circostanza che la domanda risponda alle esigenze della agricoltura e dell'industria; e considerato che, con tale disposizione, il legislatore, per il caso di fondo non intercluso, ha inteso altresì ricollegare la costituzione della servitù coattiva di passaggio alla sussistenza in concreto di una interesse generale, all'epoca identificato nelle esigenze dell'agricoltura o dell'industria, al quale rimane estraneo ogni rilievo relativo alle esigenze abitative, pure se riferibili a quegli interessi fondamentali della persona la cui tutela è indefettibile, tuttavia l'omessa previsione della esigenza di accessibilità della casa di abitazione ledeva il principio personalista che ispira la Carta costituzionale e che pone come fine ultimo dell'organizzazione sociale lo sviluppo di ogni singola persona umana.

Inoltre va osservato che la norma denunciata impedendo od ostacolando la socializzazione anche degli eventuali handicappati, comportava anche una lesione del fondamentale diritto di costoro alla salute psichica, la cui tutela deve essere di grado pari a quello della salute fisica.

Né, d'altronde, la previsione della servitù in parola poteva trovare ostacolo nella garanzia accordata al diritto di proprietà dall'art. 42 Cost., poiché il peso che in tal modo si veniva ad imporre sul fondo altrui poteva senz'altro annoverarsi tra quei limiti della proprietà privata determinati dalla legge, ai sensi della citata norma costituzionale, allo scopo di assicurarne la funzione sociale (V. pure Corte Cost. Sent. n. 167 del 10.5.1999).

In altre parole il diritto vivente si è oggi assestato sul principio per cui non ha senso limitare la costituzione di servitù ai sensi dell'art. 1052 c.c. al solo soddisfacimento delle esigenze dell'industria e dell'agricoltura atteso che anche le esigenze di sviluppo della personalità umana, tra cui quella che una casa di abitazione sia raggiungibile non solo a piedi ma anche con mezzi meccanici, devono essere poste come esigenze superindividuali, essendo ricollegate allo sviluppo sociale e tecnologico della collettività, come tale suscettibili di essere vagliate ai fini dell'art. 1052 c.c. (Trib. Teramo 3 aprile 2013 n. 293).

In buona sostanza: la costituzione di un servitù di passaggio coattivo a favore di un fondo non intercluso ma comunque non agevolmente raggiungibile – dove per non agevolezza si può intendere anche il semplice accesso pedonale – può essere concessa molti più facilmente rispetto al passato; parola di giurisprudenza.


Servitù di passaggio e chiusura del fondo


Chiusura del fondoChi è proprietario di un fondo può decidere di recintarlo senza alcun patema anche se su di esso grava una servitù di passaggio?

Il caso è molto frequente come dimostrano anche le pronunce di Cassazione che lo riguardano.

Entriamo nel merito.

Il proprietario può chiudere in qualunque tempo il fondo. Questo lo stringato contenuto dell'art. 841 c.c.

Un potere illimitato nel tempo ma non nella sostanza; insomma il proprietario anche dopo venti o trent'anni dall'acquisto può recintare il suo fondo purché non compia atti emulativi.

La norma di riferimento è l'art. 833 c.c. a mente del quale: il proprietario non può fare atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri.

Che cos'è un atto emulativo?

Secondo la Cassazione, chiamata ad interpretare il significato di questa disposizione, la sussistenza di un atto emulativo presuppone il concorso di due elementi, ovvero che sia privo di utilità per chi lo compie e che abbia il solo scopo di nuocere o di recare molestia ad altri (vedi tra le più recenti Cass. 3.12.1997 n. 12258; Cass. 9.10.1998 n. 9998; Cass. 3.4.1999 n. 3275) (Cass. 11 aprile 2001, n. 5421).

In buona sostanza difficilmente recintare una proprietà può essere considerato atto emulativo.

La recinzione, però, non può ostacolare l'esercizio di altri diritti, quali ad esempio quelli stabiliti per contratto o costituiti per sentenza, per il passare del tempo o per lo stato dei luoghi.

In questo contesto, scorrendo le sentenze di Cassazione in materia, si legge che secondo il costante indirizzo di questa Corte in materia di servitù di passaggio, nel caso in cui il proprietario del fondo servente intenda esercitare la facoltà, prevista dall'art. 841 c.c., di chiudere il fondo per preservarlo dall'ingerenza di terzi, spetta al giudice di merito stabilire in concreto quali misure risultino più idonee a contemperare i due diritti, avendo riguardo al contenuto specifico della servitù, alle precedenti modalità d'esercizio e alla configurazione dei luoghi (v. Cass. nn. 15971/01, 9631/99, 1212/99, 5808/98, 2267/97 e 8536/95) (Cass. 23 settembre 2013 n. 21744).

Insomma stabilire se un cancello impedisca o meno il pacifico esercizio del passaggio spetta al giudice chiamato a decidere sulla controversia.


Servitù di passaggio e atti di tolleranza


Il passaggio prolungato nel tempo sul fondo di un vicino può dare luogo all’acquisto di una servitù di passaggio per usucapione?

Se il passaggio non è stato clandestino ed era pacifico, si, dopo vent’anni di esercizio, è possibile ottenere l’accertamento della costituzione di una servitù di passaggio per usucapione.

Possibile, ma non automatico. Motivo? Il proprietario del fondo detto servente (quello su cui si passa) potrebbe eccepire di aver tollerato quel passaggio. I così detti atti di tolleranza impediscono l’usucapione.

Che cosa sono esattamente gli atti di tolleranza?

Gli atti di tolleranza, che secondo l'art. 1144 c.c., non possono servire di fondamento all'acquisto del possesso, sono quelli che implicando un elemento di transitorietà e saltuarietà comportano un godimento di modesta portata, incidente molto debolmente sull'esercizio del diritto da parte dell'effettivo titolare o possessore, e soprattutto traggono la loro origine da rapporti di amicizia o familiarità - come nella specie - (o da rapporti di buon vicinato sanzionati dalla consuetudine), i quali mentre a priori ingenerano e giustificano la permissio, conducono per converso ad escludere nella valutazione a posteriori la presenza di una pretesa possessoria sottostante al godimento derivatone.

Pertanto nell'indagine diretta a stabilire, alla stregua di ogni circostanza del caso concreto, se un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o altro diritto reale sia stata compiuta con l'altrui tolleranza, e quindi sia inidonea all'acquisto del possesso, la lunga durata dell'attività medesima può integrare un elemento presuntivo, nel senso dell'esclusione di detta situazione di tolleranza, qualora si verta in tema di rapporti non di parentela, ma di mera amicizia o buon vicinato, tenuto conto che nei secondi, di per sè labili e mutevoli, è più difficile il mantenimento di quella tolleranza per un lungo arco di tempo (Cfr. anche Cass. Sentenze n. 04631 del 1990, 08194 del 18/06/2001) (Cass. 20 febbraio 2008 n. 4327).

riproduzione riservata
Articolo: Servitù di passaggio e relative problematiche
Valutazione: 3.94 / 6 basato su 34 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Servitù di passaggio e relative problematiche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Noemi3
    Noemi3
    Giovedì 1 Febbraio 2018, alle ore 20:56
    Sono interessata all' acquisto di una casa attualmente divisa in tre unità (piano terra destro ~quello che vorrei comprare~ , primo piano destro e appartamento cielo terra sinistro) ma appartenente ad un'unica proprietaria che intende mantenere la completa autonomia della sua parte ma per poter far questo dato che l' intera struttura è circondata su quattro lati da un giardino con un' UNICO CANCELLO D'ACCESSO sia pedonale che carraio, la proprietaria pretende che quest'ultimo accesso non debba essere per me servitù di passaggio ma che debba io e a mie spese costruire un mio cancello (e un passaggio diretto dalla strada che tralaltro deve essere approvato dal comune in quanto non esistente).
    In pratica mi troverei a comprare una casa senza possibilità di accesso nella mia parte di giardino né in casa!
    Detto ciò se pure fossi disposta a crearmi l'accesso (che dovrebbe essere, chiedo conferma, a sue spese dato che una sua volontà) temo che arrivare al rogito con una situazione del genere (appunto un NON ACCESSO ALLA PROPRIETÀ) possa essere motivo per il NOTAIO di ANNULLAMENTO del ROGITO.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Noemi3
      Giovedì 8 Febbraio 2018, alle ore 11:02
      In questi casi trattandosi di un trattativa privata tutto è lecito, ossia anche che lei ti dica "vendo se ti crei nel giardino a tue spese il passaggio". La situazione andrebbe valutata sul posto, così da capire cosa è meglio per te, cosa intende effettivamente lei e da lì valutare attentamente anche l'offerta d'acquisto.
      rispondi al commento
  • Max581
    Max581
    Giovedì 1 Febbraio 2018, alle ore 12:53
    Nel 1991 è stata fatta una divisione e successione dividendo un’area totale con costruito 1 capannone e davanti una palazzina di 4 appartamenti (unico proprietario).
    A seguito della divisione venivano creati 2 mappali distinti ( 1 per il capannone e 1 per la palazzina ) e nell’atto di divisione redatto dal notaio nei patti speciali veniva inserita una servitù di passaggio pedonale, carraio e servizi di una larghezza di mt. 4 imposto sul mappale di proprietà della palazzina a favore del capannone.
    Nel 1992 ho comprato uno dei 4 appartamenti e da 3 anni è stato costituito 1 condominio gestito da amministratore.
    Il proprietario del capannone è anche proprietario di 2 appartamenti della palazzina, e da sempre ha utilizzato il passaggio in questione non nei 4 mt. come da servitù, ma per 6 mt. che è la larghezza della stradina oltre a carico e scarico dei mezzi pesanti in area condominiale e non nella proprietà del capannone.
    Tre anni fa ho scoperto della servitù iniziale di 4 mt. che vorrei far rispettare in considerazione dei cattivi rapporti che si sono venuti a creare (pretende che non si parcheggino le macchine in area condominiale, come abbiamo sempre fatto tutti lui compreso,per lasciare libero lo spazio per carico e scarico che fa comodo a lui.
    Le mie domande sono:
    1) può aver usucapito dopo 20 anni il diritto di continuare a fare quello che ha sempre fatto?
    2) posso recintare l’area condominiale e lasciare 4 mt. di servitù a favore del capannone (farebbe molta fatica a passare con i camion )?
    3) l’amministratore è tenuto a far rispettare i patti speciali ( non si parla di carico e scarico dei mezzi ma solo di servitù di passaggio pedonale, carraio e servizi a favore del fondo dominante)?
    4) quali articoli di legge o sentenze posso portare come riferimento a sostegno della mia tesi?

    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Max581
      Giovedì 8 Febbraio 2018, alle ore 10:59
      Potrebbe avere usucapito, la situazione va valutata carte alla mano e con un sopralluogo, con l'ausilio di un legale per valutare al meglio il da farsi.
      rispondi al commento
  • Antonioarvonio
    Antonioarvonio
    Venerdì 26 Gennaio 2018, alle ore 00:01
    Salve una servitú per '' padre di famiglia'' larga 160cm ha i presupposti per essere pure carrabile? Tale servitù sull atto non è citata anzi si parla di proprietà esclusiva
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Antonioarvonio
      Giovedì 8 Febbraio 2018, alle ore 10:58
      160 cm potrebbero essere sufficienti, ma il tutto va valutato in sede e carte alla mano, dal web è difficile dare una risposta
      rispondi al commento
  • Tobyianca
    Tobyianca
    Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 16:53
    Sono proprietario di un fondo dominante con servitù di passaggio costituita per volontà delle parti.
    Il proprietario del fondo servente ha installato cartelli dove vieta il passaggio ai "non autorizzati".
    Vorrei sapere esattamente chi ha il diritto di passaggio.
    Cioe: tutti quelli che si recano sul mio fondo dominante, solo io proprietario o per raggiungere il mio fondo c'è bisogno che i terzi interessati debbano chiedere il permesso al proprietario del fondo servente?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Tobyianca
      Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 17:53
      Dipende da cosa c'è scritto sull'atto. La servitù solitamente è costuita per le esigenze del proprietario del fondo. Se serve per fare entrare degli ospiti che altrimenti non possono passare, non li si può ritenere non autorizzati.Se vuoi una consulenza dettagliata sull'argomento ti consiglio di rivolgerti agli esperti del sito (servizio di consulenza a pagamento) qui: Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
      rispondi al commento
  • Amerigotonioli
    Amerigotonioli
    Giovedì 18 Gennaio 2018, alle ore 21:35
    Chiedo scusa, ma se da contratto ho avuto in locazione l'appartamento con giardino in uso esclusivo e non vi è scritto che esiste una servitù di passaggio a causa dei contatori, è possibile che io non possa fare nulla? io ho preso questa casa proprio perchè mi avevano detto che nel giardino non sarebbe entrato nessuno avendo io 4 cani che porto a sgambare e avendo oggetti personali da mettere (tra cui la piscina). E' normale che la gente possa venire quando vuole per leggere i contatori o perchè essi scattano (luce) e io non posso essere tutelato nella mia privacy o nelle mie proprietà di oggetti?
    Chi si assume la responsabilità? L'avvocato dice che posso solo recedere dal contratto, non posso fare  causa per truffa, non posso chiedere risarcimento.. è normale?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Amerigotonioli
      Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 17:50
      Se la servitù è trascritta presso i pubblici registri immobiliari credo proprio che il tuo avvocato abbia ragione.
      rispondi al commento
  • Douglas
    Douglas
    Giovedì 11 Gennaio 2018, alle ore 09:57
    La concessione di un diritto di passaggio può essere ceduta a terzi?
    Mi spiego meglio: io sono proprietario di un magazzino con annessa autorimessa per due auto. Un poso è mio ed uno del mio vicino di casa.
    Quando lui ha acquistato il box dalla precedente proprietaria (proprietaria anche del mio box e del magazzino) "ha concesso alla parte acquirente il diritto di passaggio pedonale attraverso il magazzino, onde permettere all'acquirente il raggiungimento della scala interna posto sul lato ovest di detto magazzino" (questo è il testo esatto del loro atto notarile).
    Quando noi abbiamo acquisito il magazzino ed il posto auto, abbiamo mantenuto (perchè scritto nel nostro atto notarile) questo diritto di passaggio.
    Ora il mio vicino ha venduto appartamento e box a terzi, cedendogli anche il diritto di passaggio attraverso la mia proprietà.
    Essendoci un altro accesso all'autorimessa (tramite la rampa di ingresso/uscita) mi chiedevo se il diritto di passaggio concesso dal precedente proprietario all'acquirente (miei ex vicini) decade con la vendita a terzi o meno.
    In teoria la vecchia proprietaria ha "concesso" il diritto "alla parte aquirente" quindi dovrebbe essere personale e non cedibile.
    Cosa ne pensa?
    Douglas
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Douglas
      Mercoledì 17 Gennaio 2018, alle ore 17:13
      No, se la servitù è trascritta presso i pubblici registri immobiliari, no, questa continua fintanto che non ci sarà un atto - che anch'esso dovrà essere trascritto - che la estinguerà.
      rispondi al commento
  • Stefano831
    Stefano831
    Venerdì 22 Dicembre 2017, alle ore 00:12
    Sono proprietario di un fondo (dominante) sul quale il proprietario di quello limitrofo (servente) dice di possedere un diritto di passaggio di acque irrigue secondo i minuti e giornate spettanti.
    Va detto che lui ha già un altro accesso dal corso d'acqua principale per l'irrigazione dello stesso fondo.
    Quando 3 anni fa ho acquistato il terreno la precedente proprietaria l'aveva a sua volta ereditato dal marito, e ha dichiarato di non sapere nulla perché non era lei a gestire queste cose, ma bensì il marito(defunto).
    Detto ciò: la natura del diritto che il vicino dichiara di possedere mi sembra dubbia, perché quando da me interrogato non ha mai dichiarato di avere una qualche scrittura attestante tale diritto.
    Se il precedente proprietario concedeva per tolleranza il passaggio è ad ora sono passati più di 20 anni, vi può essere diritto di usucapione sul diritto di passaggio? 
    Stefano 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Stefano831
      Mercoledì 27 Dicembre 2017, alle ore 11:03
      Mi pare una situazione abbastanza articolata che, con tutte le carte alla mano (atti d'acquisto ed eventuali altri da reperire presso il conservatore dei registri immobiliari), va valutata con un legale di tua fiducia.
      rispondi al commento
  • Andrea13
    Andrea13
    Domenica 10 Dicembre 2017, alle ore 11:11
    Ci sono 3 garage con sopra un terrazzo unico.
    Io ho l'ultimo terrazzo e la mia casa ha l'uscita sul primo terrazzo.
    Vorrei sapere se ho il diritto di passaggio nel mio terrazzo da casa mia, premettendo che sotto il mio garage ho una strada comunale ed il mio vicino proprietario del terrazzo in mezzo, mi ha chiuso l'accesso.
    Ora sto per acquistare il primo garage con annesso il primo terrazzo e vorrei limitare a norma il passaggio pedonale da una scala non a norma il passaggio di quest'ultimo, poichè è esposto e pericoloso, senza ringhiere, cancelli o altro e il salto nel vuoto è di quasi 3 metri.
    Vorrei sapere se ho il diritto di passaggio nel mio terrazzo e nel primo che misure a norma di legge per un cancelletto.
    Per maggiori informazioni posso fare delle foto e mandarvele.
    Se non avete risposte, vorrei sapere a chi posso chiedere permaggiori delucidazioni.
    Andrea 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Andrea13
      Martedì 12 Dicembre 2017, alle ore 10:30
      Non è chiaro lo stato dei luoghi. In questi casi molto dipende da che cosa dicono gli atti d'acquisto (es. se sono state fin dall'inizio previste delle servitù), ovvero se esiste una interclusione che non cosenta altro passaggio se non quello da te indicato. Se vuoi una consulenza dettagliata sull'argomento ti consiglio di rivolgerti agli esperti del sito (servizio di consulenza a pagamento) qui: Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
      rispondi al commento
  • Lucadal forno
    Lucadal forno
    Martedì 21 Novembre 2017, alle ore 16:32
    Buondì, da pochi mesi siamo proprietari di un appartamento bilivelli sito all'ultimo piano di un condominio; nel piano superiore è presente un locale bagno intestato ad altra proprietà. Detto bagno è finestrato a tetto ed ha una porta d'accesso sul disimpegno notte del nostro appartamento. Non trattandosi di un fondo "aperto" quale un prato od un campo, ma bensì di un appartamento, il proprietario del bagno ha diritto di poter chiedere l'accesso tramite il nostro appartamento o lo si può "dirottare" attraverso la botola d'accesso al sottotetto (presente nel vano scale condominiale) e da qui alla suddetta finestra a tetto per un eventuale accesso?
    Mi rendo conto della stranezza ma questa è, purtroppo, l'attuale situazione. Fiducioso in una pronta risposta colgo l'occasione per porgere i miei cordiali saluti.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Lucadal forno
      Mercoledì 22 Novembre 2017, alle ore 16:33
      Se esiste un'altro passaggio sicuramente si può provare a "dirottare" il passaggio, poiché ai sensi dell'art. 1051, quarto comma, c.c. "Sono esenti da questa servitù le case, i cortili, i giardini e le aie ad esse attinenti". Provare in quanto carte alla mano andrebbe valutata l'eventuale maturazione di usucapione.
      rispondi al commento
      • Lucadal forno
        Lucadal forno Lucag1979
        Mercoledì 22 Novembre 2017, alle ore 16:44
        Mi solleva da un peso. La ringrazio per la chiarezza e per l'accenno al quarto comma (non lo conoscevo).CordialmenteLuca
        rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Servitù di passaggio e relative problematiche che potrebbero interessarti
Usucapione di una servitù

Usucapione di una servitù

L'acquisto di una servitù per usucapione, cioè dopo averla utilizzata per un lungo periodo di tempo, è possibile se essa ha carattere apparente. Che cosa vuol dire?...
Servitù di luce

Servitù di luce

Aprire una luce sul fondo del vicino non vuol dire poter acquisire una servitù di luce se l'apertura è irregolare, ossia non rispetta i requisiti richiesti dalla legge.
Come acquistare un bene per usucapione

Come acquistare un bene per usucapione

L'usucapione, ossia la modalità di acquisto della proprietà o di un diritto reale su un bene, ha effetto per il semplice passare del tempo o serve una sentenza?...
Usucapione e atti di tolleranza

Usucapione e atti di tolleranza

L'usucapione della proprietà, o di un altro diritto reale di godimento, non opera se le attività sul bene sono svolte con la tolleranza del suo proprietario.
Usucapione di beni da parte del condominio

Usucapione di beni da parte del condominio

In tema di usucapione, ossia di acquisto della proprietà di un bene in ragione del suo possesso nel tempo, anche l'amministratore di condominio può agire in giudizio.
accedi al social
Visibilità AziendeRegistrati
21.354 Aziende Registrate
img azienda img preventivi aziende img redazionale
img impresa img marketing img banner
barra aziende
SERVIZI UTENTIRegistrati
287.018 Utenti Registrati
img mypage img ristrutturazione img preventivi utente
img progettazione img consulenza img mercatino
img cadcasa img forum img computo
img riscaladamento img clima img imu
barra utenti
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Sony console playstation 4 ps4 1 tb slim black + star wars battlefront 2 limited bundle
      Sony console playstation 4 ps4 1...
      309.00
    • CucÙ moderno gattini
      Cucù moderno gattini...
      170.91
    • Amazon nuovo e-reader kindle oasis, resistente all'acqua, schermo da 7" ad alta risoluzione (300 ppi), 32 gb, connettività wi-fi
      Amazon nuovo e-reader kindle oasis...
      279.99
    • Sony console playstation 4 ps4 1 tb slim + 2° controller dualshock 4 v2 black
      Sony console playstation 4 ps4 1...
      335.00
    • CucÙ di design stortolo
      Cucù di design stortolo...
      170.72
    • Oral-b genius 9000n spazzolino elettrico ricaricabile, bianco
      Oral-b genius 9000n spazzolino...
      126.89
    • Guanciale gransonno permaflex
      Guanciale gransonno permaflex...
      36.00
    • Materasso baby antisoffoco
      Materasso baby antisoffoco...
      145.00
    • Sistema di posa impianto radiante a pavimento REHAU
      Sistema di posa impianto radiante...
      33.00
    • Raccordo automatico Ergogrip® Universal per tubi irrigazione
      Raccordo automatico ergogrip®...
      5.35
    • Tenda oscurante a rullo VELUX
      Tenda oscurante a rullo velux...
      85.00
    • Modulo attraversamento tetto e parete ETERINOX
      Modulo attraversamento tetto e...
      119.50
    • Apple iphone 8 plus 64gb argento (garanzia europa) silver cod: mq8m2
      Apple iphone 8 plus 64gb argento...
      757.00
    • Amazon nuovo e-reader kindle oasis, resistente all'acqua, schermo da 7" ad alta risoluzione (300 ppi), 32 gb, connettività wi-fi + 3g grat
      Amazon nuovo e-reader kindle oasis...
      339.99
    • H.koenig aspirapolvere verticale easyclean 2 in 1 con sistema ciclonico
      H.koenig aspirapolvere verticale...
      89.99
    • Vetrocristallo bobeche lampadari vetro veneziano d. 10 cm, foro d. 12 mm, con 4 fori laterali.
      Vetrocristallo bobeche lampadari...
      4.76
    • Amazon nuovo e-reader kindle oasis, resistente all'acqua, schermo da 7" ad alta risoluzione (300 ppi), 8gb, connettività wi-fi
      Amazon nuovo e-reader kindle oasis...
      249.99
    • Spear & jackson 8290rs cesoia troncarami a incudine con manici telescopici e meccanismo a cricchetto, per utilizzo gravoso, gamma razorsharp
      Spear & jackson 8290rs cesoia...
      35.08
    • Tenda nano d
      Tenda nano d...
      119.00
    • Tenda nano b
      Tenda nano b...
      127.00
    • Tenda nano c
      Tenda nano c...
      147.00
    • Tenda nano a
      Tenda nano a...
      123.00
    • Guanciale soffio permaflex
      Guanciale soffio permaflex...
      56.00
    • Finestre in pvc - isol82 q
      Finestre in pvc - isol82 q...
      200.00
    • Diamantini & domeniconi orologio murale cucù mignon - con pendolo - a 34 cm di diamantini & domeniconi - bianco - metallo
      Diamantini & domeniconi...
      55.00
    • Willy copriseggiolino auto universale willy&co per 9-18 kg-gr 1 art.919 grigio
      Willy copriseggiolino auto...
      11.90
    • Einhell aspiratore-soffiatore a batteria ge-cl 36 li e solo power x-change (ioni di litio, 36 v, passaggio aria 210 km-h, tracolla, batteria e caricab
      Einhell aspiratore-soffiatore a...
      97.89
    • Macchina dello zucchero filato completa
      Macchina dello zucchero filato...
      640.00
    • Colgate spazzolino elettrico
      Colgate spazzolino elettrico...
      7.45
    • Braun multiquick 7 mq745 aperitive frullatore ad immersione con recipiente da 1.25 litri potenza 750 watt
      Braun multiquick 7 mq745 aperitive...
      77.98
    • Telecamera Sony 520 Linee 36 Mm 30 Led
      Telecamera sony 520 linee 36 mm 30...
      89.73
    • Scrittoio in legno di bambù
      Scrittoio in legno di bambù...
      460.00
    • Sensore Di Movimento Per Pg Singola Frequenza
      Sensore di movimento per pg...
      28.23
    • Profilo infissi SYNEGO REHAU
      Profilo infissi synego rehau...
      680.00
    • Ideal standard miscelatore lavabo ceramix blu
      Ideal standard miscelatore lavabo...
      147.00
    • Combinatore telefonico gsm
      Combinatore telefonico gsm...
      423.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Udine
Scade il 10 Maggio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok