Servitù di luce

NEWS DI Proprietà09 Luglio 2014 ore 00:46
Aprire una luce sul fondo del vicino non vuol dire poter acquisire una servitù di luce se l'apertura è irregolare, ossia non rispetta i requisiti richiesti dalla legge.
luci , vedute , aperture di finestre , servitù

Luci e vedute


C'è un articolo del codice civile, esattamente l'art. 900 che definisce le specie di finestre:

LuceLe finestre o altre aperture sul fondo del vicino sono di due specie: luci, quando danno passaggio alla luce e all'aria, ma non permettono di affacciarsi sul fondo del vicino; vedute o prospetti quando permettono di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente.

La luce, solitamente, è quell'apertura pratica sulle cantine, in alto, oppure in stabili con le volte molte alte la cui precipua funzione, per l'appunto, è quella descritta dalla norma.

Il successivo art. 901 c.c. specifica quali caratteristiche debbano avere le luci. Per dirne una tra le altre, esse, afferma la norma, devono essere munite di un'inferriata idonea a garantire la sicurezza del vicino e di una grata fissa in metallo le cui maglie non siano maggiori di tre centimetri quadrati.

Anche le vedute sono normate dal codice civile (cfr. artt. 905-907 c.c.)

Che cosa succede se un'apertura non rispetta quanto richiesto dall'articolo testé citato?
In tali casi siamo di fronte ad una così detta luce irregolare, disciplinata dall'art. 902 c.c. che recita:

L'apertura che non ha i caratteri di veduta o di prospetto è considerata come luce, anche se non sono state osservate le prescrizioni indicate dall'art. 901.

Il vicino ha sempre il diritto di esigere che essa sia resa conforme alle prescrizioni dell'articolo predetto.

Chi è proprietario di un muro può aprire una luce sul fondo altrui, ma se il muro è comune per l'apertura serve il consenso del vicino.


Luci e servitù


Luce irregolareUna luce aperta ed incontestata per moltissimo tempo può configurare l'acquisto per usucapione di una servitù di luce?

La risposta è la seguente: non sempre. Scopriamo perché.

La servitù, lo dice l'art. 1027 c.c., consiste nel peso imposto sopra un fondo per l'utilità di un altro fondo appartenente a diverso proprietario.

L'utilità, che dev'essere strettamente legata al fondo, può essere la più varia: la legge non ne predetermina i requisiti, se non quello della predialità.

La servitù, tra i vari modi, può essere acquisita per usucapione; tuttavia, ai sensi dell'art. 1061 c.c. solamente le servitù apparenti possono essere acquisite in tal modo.

A mente del secondo comma dell'art. 1062 c.c. non apparenti sono le servitù quando non si hanno opere visibili e permanenti destinate al loro esercizio.

Per capire quali siano quelle apparenti basta leggere questa norma al contrario.

Di conseguenza la luce, che per essere realizzata necessita di un'opera apparente (l'apertura sul muro) può configurare una servitù usucapibile; l'importante, questo si trae leggendo l'ordinanza n. 14384 resa dalla Corte di Cassazione il 25 giugno 2014, è che si tratti di luce regolare.

Si legge nella decisione dei giudici di piazza Cavour che va ribadito l'insegnamento per cui le aperture lucifere di un immobile, contiguo al fondo del vicino, quando non abbiano carattere di vedute o di prospetti, sono considerate luci, secondo la previsione normativa dell'art. 902 c.c., anche se non sono state osservate le prescrizioni paradigmatiche dell'art. 901 c.c.; e, mentre da un lato chi le pone in essere esercita poteri e facoltà derivantigli iure proprietatis, dall'altro il vicino può sempre esigere la loro regolarizzazione ovvero occluderle, quando vi concorrano le condizioni che l'ordinamento prevede e disciplina (cfr. Cass. 4.7.1975, n. 2597).

In questo quadro, proseguono gli ermellini, ovvero al cospetto delle enunciate indubitabili prerogative del vicino, non può che ribadirsi il rilievo (limitatamente al quale cfr. Cass. 17.6.2004, n. 11343) per cui non è, a rigore, possibile stabilire se il vicino semplicemente tolleri, recte abbia semplicemente tollerato le luci irregolari, condotta che, evidentemente, in alcun modo ex art. 1144 c.c. è idonea a consentire l'acquisto di una situazione di possesso, ovvero le subisca, recte le abbia subite come peso del fondo, quale manifestazione dell'alieno possesso di una servitù di luce irregolare (Cass. 25 giugno 2014, n. 14384).

Atti di tolleranza sono quei comportamenti dai quali è possibile desumere che il comportamento non è subito, ma per l'appunto è sopportato per via di rapporti di buon vicinato.

riproduzione riservata
Articolo: Servitù di luce
Valutazione: 2.50 / 6 basato su 4 voti.

Servitù di luce: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Servitù di luce che potrebbero interessarti
Luci e vedute in condominio

Luci e vedute in condominio

Condominio - Ogni condomino ha il diritto di aprire delle finestre, siano esse luci o vedute, sul cortile condominiale o di trasformare le luci in vedute
Apertura di finestre sulla facciata condominiale

Apertura di finestre sulla facciata condominiale

Manutenzione condominiale - In tema uso di parti comuni, è legittima l'apertura di finestre sulla facciata condominiale, se non vietata dal regolamento e non lesiva di sicurezza, stabilità e decoro.
Luci e vedute

Luci e vedute

Leggi e Normative Tecniche - La disciplina codicistica in materia di luci e vedute definisce questi concetti e delinea come e quando il proprietario di un fondo possa aprirle su quello del vicino.

Pianerottoli e diritto di veduta

Normative - La costruzione di un pianerottolo, con annessa scala a chiocciola, può portare alla violazione delle norme dettate in materia di distanze nelle aperture di vedute.

Diritto di veduta e panorama: cosa dice la legge

Affittare casa - Quali sono le differenze tra diritto di veduta e panorama; in cosa consiste la servitù di panorama e come si costituisce. Vediamo cosa dice la legge in materia.

Distanza delle canna fumaria dalle finestre

Parti comuni - Quali sono le norme che i condòmini devono rispettare qualora decidano d'installare una canna fumaria sul muro perimetrale dell'edifico? Il ruolo dei regolamenti locali.

Aprire o meno finestre e balconi

Progettazione - Decidere di aprire o di collocare una finestra o un balcone durante la fase di progettazione è una decisione molto difficile, ecco alcune indicazioni in merito.

Costruzioni e rispetto delle distanze dalle vedute

Normative - Il diritto di affacciarsi sul fondo del vicino, se legalmente esistente, impone al proprietario del fondo gravato l'obbligo di rispettare le distanze dalle vedute.

Finestre scorrevoli di grandi dimensioni

Vetrate - Godere della bellezza della vista del panorama grazie a nuovi sistemi scorrevoli che esaltano la luce ed il contesto riducendo l'impatto visivo dei profili.
REGISTRATI COME UTENTE
295.741 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ideal standard specchio a filo dea con
    Ideal standard specchio a filo dea...
    516.00
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Tegole di vetro
    Tegole di vetro...
    16.00
  • Tenda filtrante plissettata VELUX
    Tenda filtrante plissettata velux...
    103.70
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.